Cartoulénax. Cartoline di Giancarla Pinaffo

  Tènti perqué [tanti perché], Amòu da lonh [amore da lungi], Finixènt bin ël fà.oulex [han lieto fine le favole] sono le tre sezioni, rispettivamente di 24, 22 e 26 testi, in cui si suddivide questa silloge della poetessa torinese in francoprovenzale, codice certo minoritario ma che può vantare una illustre tradizione, a cui allude […]

Leggi di più…

Poesia in Ligure tra Novecento e Duemila di Alessandro Guasoni

  La disamina dell’evoluzione del linguaggio poetico d’una regione, nell’antologia Poesia in Ligure tra Novecento e Duemila (Cofine, 2019), si fonda sulla scelta di autori con cui potere “documentare a sufficienza lo sviluppo della letteratura ligure nei diversi momenti storici”, scrive in premessa il curatore Alessandro Guasoni. In sintesi, si tratta di un percorso storico-letterario […]

Leggi di più…

Quando la poesia si fa impegno e denuncia: Ignazio Buttitta

  “Il poeta deve riuscire a capire il come e il perché della tragedia che stiamo vivendo” (Ignazio Buttitta) Il volume Ignazio Buttitta dalla piazza all’universo[1], curato dal noto critico e poeta dialettale trapanese Marco Scalabrino, pur configurabile come scrittura saggistica è molto di più. Per la ricchezza dei contenuti, delle citazioni, delle fonti reperite, […]

Leggi di più…

Préime che ve’ le schìure di Pietro Civitareale

  Nella breve premessa a questa quinta silloge di poesie nel dialetto abruzzese di Vittorito (AQ), paese che l’autore ha lasciato nel 1960, Civitareale scrive che “probabilmente sarà anche l’ultima” e che “l’uso del dialetto in poesia nasce dall’esigenza di mantenere, in qualche modo, un rapporto vivo e attivo con le mie origini abruzzesi”. L’atmosfera […]

Leggi di più…

La prima monografia sulle opere di Mario Grasso

  Pare che nell’anno del Topo, in questo 2020, tra le altre cose, ci sia da aspettarsi una maggior produzione di opere letterarie scritte bene. Questo pronostico con cui Ludi Rector apre il n.92 di Lunarionuovo (il primo del nuovo anno solare) lo accogliamo con rinnovata fiducia e come buon augurio. Intanto, tirando le somme, […]

Leggi di più…

Dedlà, poesie in dialetto di Urbino di Rosanna Gambarara

  Dedlà. Di là, nel significato inoltre di aldilà (e del sostantivo aldilà?); oltre un punto stabilito, una soglia, la porta, nell’altra stanza (nell’altra vita? in un’altra vita?).  Inquieta il titolo della seconda raccolta di Rosanna Gambarara, già in libreria nel 2016 con Hýsteron Próteron. E inquietano le poesie pervase dal conflitto tra tempo e […]

Leggi di più…

Quelli der fero, di Renzo Marcuz

  Recentemente ho vissuto in Italia un paio di disavventure sui treni ad alta velocità, con ritardi…biblici, anche se dipendenti da motivi climatici: un’ora in più sulla tratta Milano -Roma o quattro ore sulla Bologna- Roma, sono eventi eccezionali, ma non possono farci mettere sotto accusa tutto il sistema ferroviario. Però possiamo constatare che l’evoluzione […]

Leggi di più…

Préime che ve’ le schìure (Prima che venga il buio) di Pietro Civitareale

  Una gioiosa adesione alla Natura, a tutto ciò che vive, pulsa e si trasforma, a testimoniare l’eterno divenire dove niente si perde, tutto ri-torna aprendo prospettive inattese, talora vertiginose. Paesaggi di colori e fiori, splendide giornate di sole, voli e cieli azzurri nei luoghi della fanciullezza, il ricordo (umanissimo) dei propri cari, degli affetti […]

Leggi di più…

E’ ghéfal di Sante Pedrelli

  E’ ghéfal (Il gomitolo), Mobydick, Faenza (Ra), 1997, è nella bibliografia del poeta di Longiano il libro di accesa e piena conferma, il secondo dopo L’udoùr de vent del 1993 ma soprattutto dopo un’officina letteraria coltivata con pazienza e discrezione per decenni fino al suo esordio appunto alla soglia dei settant’anni. Ed è rispetto […]

Leggi di più…

L’udòur de vent [L’odore del vento] di Sante Pedrelli

  L’udòur de vent segna l’esordio in volume per Sante Pedrelli, autore tra i più apprezzati della poesia in dialetto romagnolo dalla seconda parte del secolo scorso. Un esordio quanto mai atteso diremmo (ed in qualche modo forse unico perché compiuto in prossimità dei settant’anni) avendo centellinato in precedenza le sue uscite su riviste ed […]

Leggi di più…

Quetzal di Luigi Bressan

  Ci accoglie con un dialogare pacato questa poesia, che si rivolge ad una presenza amica, un tu che a volte è una parte di sé, ma più spesso è una persona sentita vicina, e non importa se ormai è altrove. «Per la nostra amicizia hai creato le parole pronte / le frasi  oggetti dallo […]

Leggi di più…

Pezzecatìdde. Le “briciole” di Vincenzo Mastropirro

  Da uno guardo empatico puntato sulla storia di un microcosmo prossimo, circoscritto a un luogo intimo nasce e si leva la voce di Vincenzo Mastropirro, poeta riconosciuto tra i più originali della poesia dialettale contemporanea, che con la silloge Pezzecatìdde (Briciole, Cofine 2019) in dialetto di Ruvo di Puglia, ha vinto la XVI edizione […]

Leggi di più…

E’ mi’ Fiòur di Lorenzo Scarponi

  “A nò fàe gnént/ un i vò niséun curàg”  (a non far niente/ non ci vuole nessun coraggio); coraggio di parlare, di scrivere, di fare poesia, magari usare il dialetto: ci vuole coraggio a fare. Ma cos’è il coraggio? Direi, senza essere smentito, la capacità di mettersi di fronte a qualcuno, davanti a qualcosa, […]

Leggi di più…

Ferri vecchi di Pierino Pennesi

I ferri vecchi sono “robba speciale/ che n’ha lassato ‘n grammo de monnezza/ ma solo un’eco della giovinezza” sono cose,  “idee realizzate,/ le giocarelle della scimbia umana”, che oggi però, so’ cambiate/ e drento adànno ‘na sostanza strana/…guasi avesseno n’anema crischiana”. Nel tempo dei devices per tutte le età, parlare di utensili, e per di […]

Leggi di più…