Revuçégne/Rovistamenti di Marcello Marciani

  Mi sono sempre chiesto l’origine, l’antro, da cui nasce la voce di Marcello Marciani, sempre stupito e vinto da un timbro a tratti non umano seppure umanissimo nella sua restituzione di uomini e dei, di fantasmi e terre come provenienti da un cosmo e da un inconscio rovesciato nella temperie di una lingua, che […]

Leggi di più…

La scala fono-semantica della poesia di Marco Scalabrino

  Leggere un testo poetico è sempre una sfida. Abitudini e automatismi consuetudinari non sono certo una bussola funzionale. E ciò vale sia che ci si trovi fra le mani una poesia scritta nella lingua nazionale (nel caso italiana), o nell’idioletto geografico siciliano, come nel caso del nuovo libro di poesie di Marco Scalabrino. La […]

Leggi di più…

Sulla scia degli inseparabili di Roberto Soldà

Ci sono cose nella vita inseparabili, e non appaiono tali, finché non li svela la Poesia: suono e senso, colori ed emozioni, Scienza e Filosofia e, nel caso di Soldà e del suo libro, Scienza e Arte, in particolare, Poesia. “E il fanciullino/ non è il Potassio quaranta/ che a nascondino/ con i suoi timidi […]

Leggi di più…

Lingue allo specchio. Poesia in dialetto e autotraduzione di Ombretta Ciurnelli

  Questa opera critica scardina la tendenza a considerare la traduzione italiana delle poesie in dialetto un semplice supporto per la comprensione dell’originale: il duplicarsi del testo condotto dallo/a stesso/a poeta implica invece una serie di interessanti questioni, esposte qui con valide argomentazioni e molti esempi. Nei capitoli della prima sezione vengono introdotti alcuni elementi […]

Leggi di più…

Tra «Italiano» e «Veneziano»: il cuore biblico di Francesco Giusti

    Sull’impronta che il tuo candido seno ha lasciato al margine del lenzuolo chino si disveli l’Eterno per suggerne maggiore infinitezza allo stesso modo in cui lungo quelle lisce pendici l’ombra senza nulla calcolare continua a farlo.  (Perpetuarsi, da Quando le ombre si staccano dal muro, p. 53). Come de infinii oceti el temporal […]

Leggi di più…

Tutte le donne di Pietro Civitareale

  A proposito della sua scelta di farsi chiamare Poeta e non Poetessa, Maria Luisa Spaziani ricordava: «Quando io ero ragazza, i giornali facevano un consuntivo: “Quest’anno ci sono state tre opere di poeti importanti”, e parlavano di Tizio, Caio e Sempronio; e in conclusione: “Ci sono anche due gentili signore che hanno pubblicato una […]

Leggi di più…

Per una selva di Pier Franco Uliana

  Un luogo geograficamente definito – il Bosco del Cansiglio del versante trevigiano – è lo spazio privilegiato dell’incessante riflessione poetica che si snoda in diverse opere di Pier Franco Uliana, da Sylva -ae del 1985, a Troi de Tafarèli del 2001, a Il Bosco e i Varchi del 2015, solo per citarne alcune. Nei […]

Leggi di più…

SUD… ario di Vincenzo Mastropirro e Giuseppe Fioriello

  Insudiciarsi di passione: è questa la sorte di chi nasce al Sud. Le parole poste in epigrafe a SUD… ario, la più recente raccolta di Vincenzo Mastropirro nel dialetto di Ruvo di Puglia e, nella traduzione dello stesso autore, in italiano, appena pubblicata per SECOP edizioni con disegni di Giuseppe Fioriello, introducono sia ai quindici […]

Leggi di più…

Poesia delle “altre lingue”

  Dedicato alla prima edizione della rassegna nazionale di poesia nei dialetti d’Italia, Altre lingue – Achille Serrao (Roma, Cofine 2019 – Collana Aperilibri) è un omaggio alla memoria del grande poeta campano Achille Serrao, che alla valorizzazione della poesia nelle lingue altre ha dedicato gran parte della vita, e anche progetto di ulteriore ricognizione […]

Leggi di più…

Ribbelle di Maddalena Capalbi

Maddalena Capalbi nata a Roma, vive a Milano dal 1973. La sua opera prima è stata Fluttuazioni (2005) e alcuni testi sono stati tradotti in lingua slovena da Jolka Milic. È seguita Olio (2007), nel 2008 Sapevo, con pastello di Nevia Gregorovich, e Il giardino di carta, stampato dal laboratorio grafico ‘Fil de Fer’ Freedom […]

Leggi di più…

Nissun di nun di Francesco Indrigo

Nessuno di noi sembra un titolo insolito per “una poetica – la definisce Gian Mario Villalta nella prefazione – che prende forza da una tenace passione per tutto ciò che affolla l’esistenza di tutti e lascia traccia di sé nella vita individuale”. Una possibile spiegazione («poiché nessuno di noi / si crede innocente») si trova […]

Leggi di più…

Vixita à Palaçio Inreâ di Alessandro Guasoni

Alessandro Guasoni, nato a Voltri nel 1958, poeta e prosatore in genovese, tra le sue pubblicazioni ricordiamo A pòula e a lunn-a (1997), Carte da zeugo (2003), Cantegoe (2005), Barcoin, Sette racconti in lengua lìgure (2006), Contravenin (Prova D’Autore, 2008), Grammatica genovese in tasca (con F. Toso), 2010; Turchin (2016). Nel 2006 ha ottenuto il Premio […]

Leggi di più…

Aurora Fratini. Aqquantu: all’improvviso, e per sempre

“Scrivere in dialetto non è cosa semplice, in particolar modo quando la “parlata locale” non assurge a dignità letteraria”, precisa Aurora Fratini in apertura al suo Aqquantu (All’improvviso), edito da Cofine (Roma 2018-Collana Aperilibri). Tale dichiarazione-premessa è pungolo di curiosità nei confronti della “parlata assai ibrida” di Sambuci, borgo a poca distanza dalla Capitale e […]

Leggi di più…

Chicchere e chiacchiere pe’ le strade de Roma di Angelo Zito

“Dicevo dunque, scrivo a mi’ nipote, a li fiji je devi indicà er percorso” Così l’Autore dichiara l’intento del libretto fatto di “chicchere e chiacchiere”, secondo lo stile di quella Roma, che, pur essendo un tempo Capitale di un Impero ed oggi di un Paese europeo, ha sempre conservato lo spirito popolano di città-paese e […]

Leggi di più…