Ribbelle di Maddalena Capalbi

Maddalena Capalbi nata a Roma, vive a Milano dal 1973. La sua opera prima è stata Fluttuazioni (2005) e alcuni testi sono stati tradotti in lingua slovena da Jolka Milic. È seguita Olio (2007), nel 2008 Sapevo, con pastello di Nevia Gregorovich, e Il giardino di carta, stampato dal laboratorio grafico ‘Fil de Fer’ Freedom […]

Leggi di più…

Nissun di nun di Francesco Indrigo

Nessuno di noi sembra un titolo insolito per “una poetica – la definisce Gian Mario Villalta nella prefazione – che prende forza da una tenace passione per tutto ciò che affolla l’esistenza di tutti e lascia traccia di sé nella vita individuale”. Una possibile spiegazione («poiché nessuno di noi / si crede innocente») si trova […]

Leggi di più…

Vixita à Palaçio Inreâ di Alessandro Guasoni

Alessandro Guasoni, nato a Voltri nel 1958, poeta e prosatore in genovese, tra le sue pubblicazioni ricordiamo A pòula e a lunn-a (1997), Carte da zeugo (2003), Cantegoe (2005), Barcoin, Sette racconti in lengua lìgure (2006), Contravenin (Prova D’Autore, 2008), Grammatica genovese in tasca (con F. Toso), 2010; Turchin (2016). Nel 2006 ha ottenuto il Premio […]

Leggi di più…

Aurora Fratini. Aqquantu: all’improvviso, e per sempre

“Scrivere in dialetto non è cosa semplice, in particolar modo quando la “parlata locale” non assurge a dignità letteraria”, precisa Aurora Fratini in apertura al suo Aqquantu (All’improvviso), edito da Cofine (Roma 2018-Collana Aperilibri). Tale dichiarazione-premessa è pungolo di curiosità nei confronti della “parlata assai ibrida” di Sambuci, borgo a poca distanza dalla Capitale e […]

Leggi di più…

Chicchere e chiacchiere pe’ le strade de Roma di Angelo Zito

“Dicevo dunque, scrivo a mi’ nipote, a li fiji je devi indicà er percorso” Così l’Autore dichiara l’intento del libretto fatto di “chicchere e chiacchiere”, secondo lo stile di quella Roma, che, pur essendo un tempo Capitale di un Impero ed oggi di un Paese europeo, ha sempre conservato lo spirito popolano di città-paese e […]

Leggi di più…

Seràie di Ivan Crico

Rivivono persone tratte dalla microstoria tutta recente in Seràie di Ivan Crico. Rivivono, e dunque vivono, nel suo sermo rusticus arcaico-veneto di Monfalcone vittime, in situazioni diverse, con il loro dolore e, prima ancora, la perdita della luce esistenziale, l’esilio dalla vita. Di vari luoghi e in vari spazi queste creature: dalla Siria o dentro […]

Leggi di più…

La vòs de’ vent di Marino Monti

La lingua romagnola ha antiche origini neolatine, ma fu decisivo il periodo bizantino: la lingua, infatti,  acquisì i suoi caratteri distintivi fra il VI e l’VIII secolo, quando ciò che restava dell’Esarcato d’Italia si trovò isolato politicamente e culturalmente dal resto della Val Padana. Esso assunse la sua specificità rispetto ai volgari delle zone confinanti, […]

Leggi di più…

Se ti la vardi contro luse di Fabia Ghenzovich 

Venezia non è solo il nome di una città: è un’eco mai sopita di suggestioni, l’immagine di una realtà duplicata nei suoi riflessi, lo snodarsi di un presente proiettato su antichi fondali. Luce e movimento sono gli elementi che la caratterizzano anche nella poesia di Fabia Ghenzovich, che a Venezia vive, percorre vie e calli, […]

Leggi di più…

Aqquantu (All’improvviso) di Aurora Fratini

All’improvviso, ci colpisce un ricordo, un’immagine, un qualche moto dell’anima, che preme e vuole emergere; spesso viene alla luce con facilità, più spesso ancora va fatto uscire piano piano, per conservarne la densità e il colore. La costruzione d’una poesia, a partire dalla “necessità” che è all’origine, dovrebbe dosare il linguaggio e la forma, così […]

Leggi di più…

“Zizziripenne” di Alessandro Moreschini

Sabato 15 dicembre 2018 alle ore 17 presso il Salone Baronale del Castello Orsini a Castel Madama sarà presentata l’opera di Alessandro Moreschini Zizziripenne (Lucciole). Interverranno: l’Assessore alla Cultura di Castel Madama Matteo Iori, la prof.ssa Michela Chicca, gli  Alunni delle scuole elementari. Presenta Sara Chicca. Il Maestro Giancarlo Iori eseguirà  musiche ispirate alle poesie […]

Leggi di più…

Poeti nei dialetti dell’Umbria fra Novecento e Duemila di Francesco Piga

Venticinque autori dei quali viene presentata la poetica e una significativa scelta di poesie, dal più ‘antico’ Furio Miselli, nato esattamente centocinquanta anni fa, nel 1868, al giovane Luigi Maria Reale, nato nel 1972; una dotta e coinvolgente introduzione, quella di Francesco Piga, che disegna un itinerario di lettura composito e non avulso dalla letteratura […]

Leggi di più…

‘Diario de mi e de la me luna’ di Renzo Favaron

La lettura del Diario de mi e de la me luna di Renzo Favaron (LietoColle 2018) è giunta a me con l’invito a ripercorrere la sua opera poetica in dialetto e, in particolare, le precedenti raccolte Un de tri tri de un (ATI editore 2011) e Balada incivie, Tartufi e Arlechini (L’Arcolaio 2015). È un […]

Leggi di più…

Voci dal grembiule d’aria di Giacomo Vit

   In un percorso ormai quarantennale, due tratti ben riconoscibili caratterizzano la poesia di Giacomo Vit: innanzi tutto la tensione etica di una scrittura sempre attenta alla vita delle  persone, in particolare degli umili ed emarginati, di chi si trova in balia di avvenimenti epocali, difficili da contrastare mantenendo intatta la propria umanità. Un filo […]

Leggi di più…

Seràie di Ivan Crico una raccolta poetica coinvolgente

Un libro di poesie coinvolgente, originale e per lo stile che per il contenuto, versi-testamento degli ultimi e dei diseredati, di uomini e donne sopraffatti dalla violenza quotidiana, dal pregiudizio e dalle guerre, ciascuno con un nome e una storia da raccontare attraverso la sensibilità di un autore la cui indubbia magistralità espressiva mai cede […]

Leggi di più…