Aqquantu (All’improvviso) di Aurora Fratini

All’improvviso, ci colpisce un ricordo, un’immagine, un qualche moto dell’anima, che preme e vuole emergere; spesso viene alla luce con facilità, più spesso ancora va fatto uscire piano piano, per conservarne la densità e il colore. La costruzione d’una poesia, a partire dalla “necessità” che è all’origine, dovrebbe dosare il linguaggio e la forma, così […]

Leggi di più…

“Zizziripenne” di Alessandro Moreschini

Sabato 15 dicembre 2018 alle ore 17 presso il Salone Baronale del Castello Orsini a Castel Madama sarà presentata l’opera di Alessandro Moreschini Zizziripenne (Lucciole). Interverranno: l’Assessore alla Cultura di Castel Madama Matteo Iori, la prof.ssa Michela Chicca, gli  Alunni delle scuole elementari. Presenta Sara Chicca. Il Maestro Giancarlo Iori eseguirà  musiche ispirate alle poesie […]

Leggi di più…

Poeti nei dialetti dell’Umbria fra Novecento e Duemila di Francesco Piga

Venticinque autori dei quali viene presentata la poetica e una significativa scelta di poesie, dal più ‘antico’ Furio Miselli, nato esattamente centocinquanta anni fa, nel 1868, al giovane Luigi Maria Reale, nato nel 1972; una dotta e coinvolgente introduzione, quella di Francesco Piga, che disegna un itinerario di lettura composito e non avulso dalla letteratura […]

Leggi di più…

‘Diario de mi e de la me luna’ di Renzo Favaron

La lettura del Diario de mi e de la me luna di Renzo Favaron (LietoColle 2018) è giunta a me con l’invito a ripercorrere la sua opera poetica in dialetto e, in particolare, le precedenti raccolte Un de tri tri de un (ATI editore 2011) e Balada incivie, Tartufi e Arlechini (L’Arcolaio 2015). È un […]

Leggi di più…

Evandro Marcolongo ed Antonio Di Jorio, due padri della canzone abruzzese

Evandro Marcolongo era il poeta, il musicista Antonio Di Jorio, entrambi atessani, amicissimi per la pelle, nonostante che il primo, essendo nato nel 1874, fosse più anziano del secondo, classe 1890. Il loro era un rapporto improntato ad una schiettezza senza riserve, talora piuttosto rude da parte di Antonio, spesso bonariamente canzonatoria da parte di […]

Leggi di più…

Voci dal grembiule d’aria di Giacomo Vit

   In un percorso ormai quarantennale, due tratti ben riconoscibili caratterizzano la poesia di Giacomo Vit: innanzi tutto la tensione etica di una scrittura sempre attenta alla vita delle  persone, in particolare degli umili ed emarginati, di chi si trova in balia di avvenimenti epocali, difficili da contrastare mantenendo intatta la propria umanità. Un filo […]

Leggi di più…

Seràie di Ivan Crico una raccolta poetica coinvolgente

Un libro di poesie coinvolgente, originale e per lo stile che per il contenuto, versi-testamento degli ultimi e dei diseredati, di uomini e donne sopraffatti dalla violenza quotidiana, dal pregiudizio e dalle guerre, ciascuno con un nome e una storia da raccontare attraverso la sensibilità di un autore la cui indubbia magistralità espressiva mai cede […]

Leggi di più…

Le mie radici di Agnese Monaldi. La presentazione a Roma

Sabato 29 settembre è stato presentato da Vincenzo Luciani e Maurizio Rossi il libro di Agnese Monaldi Le mie radici che contiene la sua biografia, accompagnata dalla sua opera poetica. In allegato al volume c’è anche un cd audio. La Monaldi è una improvvisatrice in ottava rima e rappresenta la continuità di questa tradizione simbolo […]

Leggi di più…

Straloche, Traslochi di Vincenzo Luciani

L’ironia del titolo dell’ultima fatica poetica di Vincenzo Luciani. Straloche, Traslochi fa in qualche modo  da contrappeso alla  musicalità malinconica che accompagna il lettore in ogni pagina. Par di vedere Luciani sorridere di un sorriso simile a quello della Gioconda o a quello dell’etrusco Apollo di Veio.  Sorrisi entrambi enigmatici, errabondi di chi ha dimestichezza […]

Leggi di più…

Dentro l’In-canto di Rita Gusso

Roma,8 ottobre 2018 – Rita Gusso nata a Caorle nel 1956, vive a S. Vito al Tagliamento. È autrice di opere in italiano e dialetto caorlotto. Pubblica in questo dialetto Tata nana, Campanotto edizioni 2002, nel 2013 Gris de luna, Campanotto edizioni, vincitore del premio nazionale “Salva la tua lingua locale” 2015, In-canto, Il Convivio […]

Leggi di più…

Ra rà (Da dare) di Mario Mastrangelo

  Pubblichiamo qui di seguito la Prefazione all’ultima raccolta poetica Ra rà (Da dare) in dialetto campano di Mario Mastrangelo   Colpisce subito, in queste poesie di Mario Mastrangelo, un sentimento di solidarietà e fratellanza universale, assieme ad una visione della realtà cosmica, in cui la vicenda terrena dell’uomo trova il suo compimento e la […]

Leggi di più…

Notturni di Vincenzo Mastropirro

Musicista e poeta che si è distinto per le sue raccolte in dialetto, Vincenzo Mastropirro torna alla poesia in lingua italiana (ricordo Nudosceno, LietoColle 2007) in questa raccolta dal titolo programmatico, Notturni, che a sua volta si divide in quattro sezioni, Notturni, Notturni bisbigliati, Notturni urlati, Notturni masticati. Sono poesie che rimandano ad altrettante composizioni musicali, a “notturni”, appunto, di riflessione e meditazione sull’esistenza, sulle […]

Leggi di più…

Nauz di Roberta Dapunt

Inizia con un breve testo in prosa questa raccolta poetica, aspra per le immagini che l’accompagnano, ma “tlera y scëmpla”, chiara e semplice come vuole essere  una scrittura che indaga la vita in un maso dell’alta val Badia (BZ), dove il verde circonda la casa e la natura si insinua in ogni istante: “la notte […]

Leggi di più…

Fiore di stecco di Rosangela Zoppi

  Chi scrive in “due lingue” non può non possedere la capacità di immedesimarsi in modi di pensare diversi, in atmosfere dissimili e a volte ne risente o il pensiero, o la costruzione poetica: è difficile di conseguenza tenere alta la tensione lirica ed il lettore se ne accorge. Altre volte il poetare in lingua […]

Leggi di più…

Nevio Spadoni: imparare la vita e il suo contrario

  Ad apertura della raccolta Nèsar (2014) Nevio Spadoni scrive: «La vita è anche questo guardare avanti, sgranando il filo dei ricordi e ogni tanto voltarsi per custodire uno sguardo, una carezza, forse mendicati, ricordarsi dei veleni che si spera abbiano esaurito la loro aggressività. E nascere è imparare a morire pian piano ogni giorno, […]

Leggi di più…