Poeti Del Parco

Poesia dalle Periferie del Mondo

Aqquantu (All’improvviso) di Aurora Fratini

All’improvviso, ci colpisce un ricordo, un’immagine, un qualche moto dell’anima, che preme e vuole emergere; spesso viene alla luce con facilità, più spesso ancora va fatto uscire piano piano, per conservarne la densità e il colore. La costruzione d’una poesia, a partire dalla “necessità” che è all’origine, dovrebbe dosare il linguaggio e la forma, così […]

Leggi di più…

“Zizziripenne” di Alessandro Moreschini

Sabato 15 dicembre 2018 alle ore 17 presso il Salone Baronale del Castello Orsini a Castel Madama sarà presentata l’opera di Alessandro Moreschini Zizziripenne (Lucciole). Interverranno: l’Assessore alla Cultura di Castel Madama Matteo Iori, la prof.ssa Michela Chicca, gli  Alunni delle scuole elementari. Presenta Sara Chicca. Il Maestro Giancarlo Iori eseguirà  musiche ispirate alle poesie […]

Leggi di più…

eu-nuca

  NOVEMBRE 2018 – eu-nuca, di Patrizia Sardisco, Collana “Aperilibri”, N. 14, Roma, Edizioni Cofine, 2018, pp. 32 autocopertinate, euro 5,00. *** Questo quattordicesimo “Aperilibro”, si articola come un vero e proprio poemetto in 31 quadri sulla Grande Vecchia, l’Europa, che ben poco ha in comune con la bellissima fanciulla del mito dal quale il […]

Leggi di più…

Aqquantu (all’improvviso)

NOVEMBRE 2018 –  Aqquantu (all’improvviso), di Aurora Fratini, Collana Aperilibri, n. 13, Roma, Edizioni Cofine, pp. 32 autocopertinate, euro 5,00. *** Questo tredicesimo “Aperilibro”, raccoglie alcune poesie scritte da Aurora Fratini nel dialetto di Sambuci (RM). Un dialetto che, scrive l’autrice, “è stato in grado, con i dovuti accorgimenti, di rivelare, all’improvviso (aqquantu), il suo […]

Leggi di più…

Letizia Leone, poesie da “Viola norimberga”

Le ballate di Schiller divennero le mie poesie dell’appello […] Quando il tempo è dolore non si può far nulla di meglio che farlo passare, e ogni poesia diventa una formula magica. […] Le ballate di Schiller divennero le mie poesie dell’appello; grazie a loro riuscivo a stare in piedi per ore senza svenire, perché […]

Leggi di più…

Nicola Grato,  “Inventario per il macellaio”

Il “macellaio” per il quale Nicola Grato (Inventario per il macellaio, Interno poesia Ed., Latiano, BR, 2018) fa l’inventario, è il Tempo che tritura ogni cosa, la Morte che rende orfane le persone, la Superficialità, che non dà valore a nulla, anche foto, biscotti zuppi di latte, spighe e fichi secchi. All’uomo, al poeta, resta […]

Leggi di più…

Bandita la nona edizione 2019 del premio di poesia e stornelli inediti nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino”

Roma, 26 novembre 2018 – L’Associazione L’INCONTRO Associazione Culturale di Tor Tre Teste (via Roberto Lepetit, 86, 00155 Roma) in collaborazione con l’Associazione Periferie ha reso pubblico il Bando della nona edizione 2019 del premio di poesia e stornelli inediti nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino”. Il termine ultimo di scadenza per l’invio dei testi […]

Leggi di più…

Novembre di Gian Piero Stefanoni

20 novembre 2018 – Pubblichiamo qui di seguito una poesia inedita di Gian Piero Stefanoni   NOVEMBRE   Il demone si nutre di intelligenze. Nega dentro queste voci l’umanità servente. Non è questione di morte ma di giogo là dove con noi il mistero soffre il pericolo. Io mi fermo dinanzi a queste porte. Accetto […]

Leggi di più…

Poeti nei dialetti dell’Umbria fra Novecento e Duemila di Francesco Piga

Venticinque autori dei quali viene presentata la poetica e una significativa scelta di poesie, dal più ‘antico’ Furio Miselli, nato esattamente centocinquanta anni fa, nel 1868, al giovane Luigi Maria Reale, nato nel 1972; una dotta e coinvolgente introduzione, quella di Francesco Piga, che disegna un itinerario di lettura composito e non avulso dalla letteratura […]

Leggi di più…

‘Diario de mi e de la me luna’ di Renzo Favaron

La lettura del Diario de mi e de la me luna di Renzo Favaron (LietoColle 2018) è giunta a me con l’invito a ripercorrere la sua opera poetica in dialetto e, in particolare, le precedenti raccolte Un de tri tri de un (ATI editore 2011) e Balada incivie, Tartufi e Arlechini (L’Arcolaio 2015). È un […]

Leggi di più…

Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti

Con un dettato che ha nella chiarezza, nella capacità di raggiungere e colpire chi legge senza perdersi in giri tortuosi, i testi di Breve inventario di un’assenza si muovono tra i poli dell’evocazione del passato, espressa al tempo imperfetto, e della prefigurazione dell’avvenire, che appare, come è naturale aspettarsi, al tempo futuro. Il convitato di pietra dei […]

Leggi di più…

Dalla parte del tempo di Sonia Giovannetti

Dalla parte del tempo di Sonia Giovannetti è un libro animato da “poesia e verità” nel senso goethiano dell’abbinamento, ché stare dalla parte del tempo è innanzitutto riconoscersi umani, precari e limitati per definizione. I perennemente assetati di bello e vero, tuttavia, sono i poeti – e il riferimento al celebre passaggio da L’idiota di Dostoevskij è armoniosamente […]

Leggi di più…

La saggezza degli ubriachi di Stefano Vitali

La saggezza degli ubriachi di Stefano Vitali è libro scritto avendo ben presente un crescendo di innegabile effetto, sia dal punto di vista della resa poetica, sia dal punto di vista del legame con l’arte spirituale per eccellenza, la musica. Se, infatti, nelle prime sezioni, l’assunto – limpidamente dichiarato nei versi finali della seconda poesia della […]

Leggi di più…

Guglielmo Aprile “Il talento dell’equilibrista”

Guglielmo Aprile è nato a Napoli nel 1978. Attualmente vive e lavora a Verona. È autore di alcune raccolte di poesia, tra le quali “Il dio che vaga col vento” (Puntoacapo Editrice), “Nessun mattino sarà mai l’ultimo” (Zone), “L’assedio di Famagosta” (Lietocolle), “Calypso” (Oedipus); per la saggistica, ha collaborato con alcune riviste con studi su […]

Leggi di più…

Lo sguardo inverso di Maria Benedetta Cerro

Nell’omonima raccolta di Maria Benedetta Cerro, lo sguardo inverso è allo stesso tempo modalità di accesso alla materia poetica e capovolgimento intenzionale della visione. Lo sguardo inverso è lo sguardo dei ciechi e dei folli, come spiega l’autrice nella sua nota conclusiva, ed è lo sguardo, ancora, di coloro che rovesciano il modo usuale di vedere le cose e […]

Leggi di più…