Seràie di Ivan Crico una raccolta poetica coinvolgente

Un libro di poesie coinvolgente, originale e per lo stile che per il contenuto, versi-testamento degli ultimi e dei diseredati, di uomini e donne sopraffatti dalla violenza quotidiana, dal pregiudizio e dalle guerre, ciascuno con un nome e una storia da raccontare attraverso la sensibilità di un autore la cui indubbia magistralità espressiva mai cede […]

Leggi di più…

Le mie radici di Agnese Monaldi. La presentazione a Roma

Sabato 29 settembre è stato presentato da Vincenzo Luciani e Maurizio Rossi il libro di Agnese Monaldi Le mie radici che contiene la sua biografia, accompagnata dalla sua opera poetica. In allegato al volume c’è anche un cd audio. La Monaldi è una improvvisatrice in ottava rima e rappresenta la continuità di questa tradizione simbolo […]

Leggi di più…

Nauz di Roberta Dapunt

Inizia con un breve testo in prosa questa raccolta poetica, aspra per le immagini che l’accompagnano, ma “tlera y scëmpla”, chiara e semplice come vuole essere  una scrittura che indaga la vita in un maso dell’alta val Badia (BZ), dove il verde circonda la casa e la natura si insinua in ogni istante: “la notte […]

Leggi di più…

Fiore di stecco di Rosangela Zoppi

  Chi scrive in “due lingue” non può non possedere la capacità di immedesimarsi in modi di pensare diversi, in atmosfere dissimili e a volte ne risente o il pensiero, o la costruzione poetica: è difficile di conseguenza tenere alta la tensione lirica ed il lettore se ne accorge. Altre volte il poetare in lingua […]

Leggi di più…

Nevio Spadoni: imparare la vita e il suo contrario

  Ad apertura della raccolta Nèsar (2014) Nevio Spadoni scrive: «La vita è anche questo guardare avanti, sgranando il filo dei ricordi e ogni tanto voltarsi per custodire uno sguardo, una carezza, forse mendicati, ricordarsi dei veleni che si spera abbiano esaurito la loro aggressività. E nascere è imparare a morire pian piano ogni giorno, […]

Leggi di più…

Ra rà (Da dare) di Mario Mastrangelo

  Pubblichiamo qui di seguito la Prefazione all’ultima raccolta poetica Ra rà (Da dare) in dialetto campano di Mario Mastrangelo   Colpisce subito, in queste poesie di Mario Mastrangelo, un sentimento di solidarietà e fratellanza universale, assieme ad una visione della realtà cosmica, in cui la vicenda terrena dell’uomo trova il suo compimento e la […]

Leggi di più…

Notturni di Vincenzo Mastropirro

Musicista e poeta che si è distinto per le sue raccolte in dialetto, Vincenzo Mastropirro torna alla poesia in lingua italiana (ricordo Nudosceno, LietoColle 2007) in questa raccolta dal titolo programmatico, Notturni, che a sua volta si divide in quattro sezioni, Notturni, Notturni bisbigliati, Notturni urlati, Notturni masticati. Sono poesie che rimandano ad altrettante composizioni musicali, a “notturni”, appunto, di riflessione e meditazione sull’esistenza, sulle […]

Leggi di più…

Vittorio Clemente una vita per la poesia

“Scrivo in dialetto – ebbe a dichiarare Vittorio Clemente – per un mio naturale bisogno espressivo. Io mi sento intimamente inserito nella mia terra abruzzese e sento che il mio linguaggio si fa di più ed essenzialmente abruzzese”. Il dialetto – aggiunse – è un linguaggio e come tale può assurgere ad espressione d’arte. Fra […]

Leggi di più…

Ultime corrispondenze dal villaggio di Antonio Alleva

   Il titolo Ultime corrispondenze dal villaggio si presta ad essere un buon filo conduttore per orientarsi in questa ampia raccolta poetica di Antonio Alleva, naturale continuazione della silloge Reportages dal villaggio (in 7 poeti del Premio Montale 2000, Crocetti 2001). La scrittura scaturisce da un ininterrotto dialogo, con il quale il soggetto riflette sulla […]

Leggi di più…

Er fricandò, favole a modo nostro. Una lieta sorpresa

Le favole in dialetto non sono certo una novità, poiché che di favole ci siamo nutriti tutti- almeno fino ad una età giusta- indipendentemente dalla regione, lingua o dal luogo di vita. Questo libretto, che certamente non ha pretese di originalità riguardo all’argomento, è una nuova produzione di un gruppo di allievi della Scuola di […]

Leggi di più…

“Rione munnu” di Maria Lanciotti

La malinconia del ricordo è la tentazione che spesso spinge a scrivere i poeti dialettali e non solo; la poeta Lanciotti, al contrario, è portata al ricordo che resta vivo nell’oggi, vivo e fecondo di speranza: il passato non torna, certo, ma il suo seme è la vita del presente e la speranza del futuro. […]

Leggi di più…

Ombrie di Lilia Slomp Ferrari

L’ombra, nell’immaginario collettivo, è assenza di luce, negatività, inquietudine, presenza indefinita e spesso incomunicabile. Nel mito o nelle religioni, l’ombra esprime una realtà al di fuori del mondo dei viventi- degli “illuminati” di coloro che usano la mente e la razionalità- e spesso comunica un vissuto ultrasensibile o il destino ultimo dell’uomo, dal quale mette […]

Leggi di più…

La vôs de’ vent, poesie in dialetto romagnolo di Marino Monti

L’ottavo libro di versi dell’autore forlivese Marino Monti (1946), fedele in tutta la sua opera in versi alla parlata natia della località di San Zeno di Galeata, marca inequivocabilmente un percorso di pazienza e di coerenza. Un percorso di fedeltà a motivi, temi e stilemi, e un percorso di affinamento costante della parola nel laboratorio […]

Leggi di più…