Ultime corrispondenze dal villaggio di Antonio Alleva

   Il titolo Ultime corrispondenze dal villaggio si presta ad essere un buon filo conduttore per orientarsi in questa ampia raccolta poetica di Antonio Alleva, naturale continuazione della silloge Reportages dal villaggio (in 7 poeti del Premio Montale 2000, Crocetti 2001). La scrittura scaturisce da un ininterrotto dialogo, con il quale il soggetto riflette sulla […]

Leggi di più…

Er fricandò, favole a modo nostro. Una lieta sorpresa

Le favole in dialetto non sono certo una novità, poiché che di favole ci siamo nutriti tutti- almeno fino ad una età giusta- indipendentemente dalla regione, lingua o dal luogo di vita. Questo libretto, che certamente non ha pretese di originalità riguardo all’argomento, è una nuova produzione di un gruppo di allievi della Scuola di […]

Leggi di più…

“Rione munnu” di Maria Lanciotti

La malinconia del ricordo è la tentazione che spesso spinge a scrivere i poeti dialettali e non solo; la poeta Lanciotti, al contrario, è portata al ricordo che resta vivo nell’oggi, vivo e fecondo di speranza: il passato non torna, certo, ma il suo seme è la vita del presente e la speranza del futuro. […]

Leggi di più…

Ombrie di Lilia Slomp Ferrari

L’ombra, nell’immaginario collettivo, è assenza di luce, negatività, inquietudine, presenza indefinita e spesso incomunicabile. Nel mito o nelle religioni, l’ombra esprime una realtà al di fuori del mondo dei viventi- degli “illuminati” di coloro che usano la mente e la razionalità- e spesso comunica un vissuto ultrasensibile o il destino ultimo dell’uomo, dal quale mette […]

Leggi di più…

La vôs de’ vent, poesie in dialetto romagnolo di Marino Monti

L’ottavo libro di versi dell’autore forlivese Marino Monti (1946), fedele in tutta la sua opera in versi alla parlata natia della località di San Zeno di Galeata, marca inequivocabilmente un percorso di pazienza e di coerenza. Un percorso di fedeltà a motivi, temi e stilemi, e un percorso di affinamento costante della parola nel laboratorio […]

Leggi di più…

La vôs de’ vent di Marino Monti

I poeti “ri-cercano” la loro vita e quella di altri: quasi uno scandaglio per meglio riviverla o viverla in absentia. Un autore può tentare strade di volta in volta nuove, sperimentare ritmi e metri diversi e farsene travolgere entrando in dinamiche che diano al vissuto la sostanza del rivissuto, per cui ogni libro è altra […]

Leggi di più…

Croste e mujiche (Croste e molliche) di Alessandro Moreschini

Alessandro Moreschini è nato a Castel Madama nel 1938 e vive a Tivoli da molti anni. Ha svolto attività lavorativa a Roma. È stato assessore all’Istruzione del Comune di Tivoli. Ha ottenuto riconoscimenti e premi, tra cui il “Premio della Cultura”, della Presidenza del Consiglio; è stato nominato Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. […]

Leggi di più…

Nell’incendio e oltre di Daniel Cundari

Daniel Cundari (Rogliano, 1983) scrive in dialetto calabrese, italiano e spagnolo. Ha studiato Lettere Moderne e Relazioni Internazionali a Siena e in Spagna. È autore di Cacagliùsi / Balbuzienti (Roma, 2006); Il dolore dell’acqua (Roma, 2007) e Geografia feroz (Granada, 2011). Con i precedenti libri di poesia ha vinto numerosi premi, tra cui il G. […]

Leggi di più…

Cercanno leggerezza, poesie romanesche di Maurizio Rossi

E’ un piccolo libro prezioso di poesie romanesche Cercanno leggerezza di Maurizio Rossi. Conosco, per averle sentite in una lettura e lette in antologie, le poesie in italiano ma non sapevo della sua produzione in volgare. Dico “prezioso” intanto per la copertina bianco-lucido, elegante, dove nel riquadro a sfumature grigie spicca un cespo di fiori […]

Leggi di più…

Turchin, poesie zeneixi di Alessandro Guasoni

Nato a Voltri nel 1958, Alessandro Guasoni è sempre vissuto nel ponente genovese. Scrive dal 1973 in lingua genovese. Ha pubblicato diversi libri di poesia e prosa, tra cui: A poula e a luna, 1997; Antegoe, 2005; Grammatica genovese in tasca (con F. Toso), 2010. “L’azzurro è quel ritaglio di chiarore che vedi tra i […]

Leggi di più…

Dell’incanto e del dolore in Bestiario dell’istante di Maria Grazia Cabras

Restare abbagliati, sorpresi, è dir poco. Maria Grazia Cabras, autrice di un libro di versi dal singolarissimo titolo Bestiario dell’istante (Roma, Edizioni Cofine, 2017) scritto in duas limbas (sardo-nuorese e italiano) già dalla prima sezione, All’Aperto, presenta uno spazio animato, un esterno pullulante di voci, battiti, palpiti di vita e sogni letargici delle creature animali, […]

Leggi di più…

Le ultime novità di Edizioni Cofine

Ecco tutte le ultime novità di Edizioni Cofine. Qui di seguito, il link di una scheda, con sinossi dell’opera, notizie biobibliografiche degli autori, alcuni testi. Da ultimo le modalità per l’acquisto dei libri.   Là dove il periplo si chiude Poesie 1983-2016 di Roberto Pagan Poeti nei dialetti dell’Umbria fra Novecento e Duemila. Antologia di […]

Leggi di più…

Due appuntamenti con la poesia di Roberto Pagan e Vincenzo Luciani

Due interessanti appuntamenti con la poesia a Roma il 28 settembre 2017 in via Ruini/viaFranceschini a L’Arte nel Portico a Colli Aniene si terrà la presentazione dell’ultimo libro bilingue Straloche/Traslochi di Vincenzo Luciani. Il libro, anzi l’Aperilibro di Luciani raccoglie alcune poesie inedite in italiano e in dialetto garganico di Ischitella. Il volumetto sarà presentato […]

Leggi di più…

Giannangeli poeta del popolo

 Nato a Raiano (AQ) nel 1923, il Prof. Ottaviano Giannangeli ha assorbito sin dall’infanzia umori, fragranze e sonorità della Valle Peligna. Allievo a Firenze del critico Giuseppe De Robertis e del filologo Bruno Migliorini, egli ha dedicato alacremente la sua vita all’insegnamento, dapprima nelle scuole di tutto Abruzzo per poi approdare all’Università di Pescara. Stimato […]

Leggi di più…