Alchimie d’arte: leggere Assunta Finiguerra in un giorno di sole

Lettura e scelta poesie di Maurizio Rossi

 

Approfitto del giorno pieno di primavera e mi godo la luce di Villa Torlonia, in compagnia della raccolta poetica postuma di Assunta Finiguerra, “curata” con ogni attenzione dalla sua carissima amica e poetessa Rosangela Zoppi. Per quelle strane coincidenze del destino, nella villa faccio conoscenza di un’altra artista dell’immagine e della scrittura, che espone le sue opere nel “Casino dei Principi”: Giancarla Frare. Il titolo della mostra, “Abitare la distanza”, è il filo rosso che colgo anche nella silloge della Finiguerra: “A terre ngalore”. Stare dentro la distanza – non il limite che indica una difficoltà, se non impossibilità di incontro – tra l’io e il noi, dice la scelta libera di condivisione, di un dialogo intellettuale o fisico tra due persone che restano tali non solo sul piano esistenziale, ma anche in senso etimologico e in quello filosofico.

Ogni lirica della poetessa sanfelese, sia in lingua che in dialetto, è pertanto affermazione di sé, delle proprie pulsioni, dei sogni, delle delusioni: l’affermazione è un dire – un disvelarsi senza pudore – non un de-finirsi o mettersi in competizione con l’altro/a. Talvolta ella sembra soccombere, ma è l’inevitabile conseguenza di un rifiuto a indossare una corazza che difende, protegge, ma anche nasconde espressioni e intenzioni.

Le stesse composizioni “erotiche” sotto il titolo di “Ero…tic nervoso”, sembrano ancora l’affermazione dell‘io, dell’egoismo condiviso nell’esperienza del gioco amoroso che adombra una lotta; mentre nella sezione Kamassuntra, in dialetto sanfelese, le immagini ricche di erotismo raccontano l’identificazione della poetessa con la “terra in calore” la sua terra che segna sempre un ritorno, un ritorno a casa, denso di piacere, non sempre di pace. “Uocchie nun téne e canossce a vije/ de quiru poste nde se staje buone/ nde sendemende bballe e ssuone/ tròvene rimedje a re malatije.” Anche la scelta di Assunta Finiguerra “abita la distanza” quel chiaroscuro netto, calore e gelo insieme, che ho colto nelle suggestive immagini create da Giancarla Frare.

Nelle diverse sezioni e dentro le numerose liriche, si può percepire l’anima di questa poetessa, che già nel nome proprio e nel cognome contiene il suo destino; anima ardente, dolente e ferita proprio come la sua terra: È u delore! È u delore ca m’accide/ ca m’aredduce foglje de giurnale/ e u féchete cume nu pessciajuole/ frisce e mmange e de tutte se ne fréche”. Amore e morte, piacere e dolore, attesa e disperazione: l’intensità di questa poesia è vita che arde e si consuma; nel sogno o nella veglia, poco importa. L’urgenza di dire non è solo alimentata dal tempo che si fa breve, ma anche dal fuoco che arde e deve di necessità diffondersi: “Te vulesse dì tande e ttanda cose/ pure quere che se dìcene a Natale/ ma sotte a cénere a parole ca cchiù vale/ è u gride forte de na vócca mupe” ( ma sotto la cenere la parola che più vale/ è il grido forte di una bocca muta). Quando vengono a mancare le parole, nella solitudine e nel dubbio, brucia il grido, in tutta la sua forza.

Una terra in calore e di dolore è per la Finiguerra – come le creazioni della Frare – casa da abitare e di cui liberarsi; corpo amato e odiato; è metafora dei rapporti umani- in particolare il rapporto d’amore in ogni sua forma; è memoria, personale e sociale, che dal passato si fa presente. Ma c’è una profonda differenza tra l’artista e la poetessa: la rielaborazione del vissuto, attraverso il presente doloroso e misterioso, in Assunta Finiguerra, da una tristissima data in poi sfocia in un futuro a tempo, che pian piano spegne il fuoco. Per nostra fortuna, la sua poesia , però, arde e arde ancora.


Viene stanotte quanne u chiuare de lune

face amore cu re grègne e re stedde

e i chiuppe camuse cu re valvanedde

u zucchetezù sònene e pasture

Viene stanotte pecché ije nun dorme

mbrefume a vocche e ttu vasamìlle

voglje sende a lénghe sop’a re tunzille

e vvéve u fiate tuje c’addòre de fume

pò licche re mménne e ttùccheme a merle

òmmene straniere a mmi diàvele e perle

stattew cu mmiche pe tutt’a nuttuate

òmmene straniere a mmi roccia ngandate.

Vieni stanotte quando il chiaro di luna/ fa l’amore con i covoni e le stelle/ e i pioppi canuti con le betulle/ lo zucchetezù suonano ai pastori// Vieni stanotte perché io non dormo/ profumo la bocca e tu baciamenla/ voglio sentir la lingua sulle tonsille/ e bere il tuo fiato che odora di fumo// poi lecca il seno e toccami la merla/ uomo straniero a me diavolo e perla/ resta con me per tutta la nottata/ uomo straniero a me roccia incantata//

———————

Amore fuoco e fiamma che mi arde

il grillo più non canta questa sera

e il nespolo argentato dalla luna

scuote i rami per farmi compagnia

Amore vento e morte che mi bacia

distrutto e sempre pieno di vigore

non fu novembre il vero traditore

né ragione del cuore a vacillare

fu l’orrida genziana del destino

a crescere silenzio intorno a noi.

—————–

N’aggia fatte a tiembe a spustuà u munne

ca u munne se n’è siute a n’ata parte

e m’ha lassate sanghe curualline

nda na sperlónghe cu avéne e grane

e na seruledde pe l’uoglje sande

quanne don Lollò a morte me presende.

Non ho fatto in tempo a spostare il mondo/ ché il mondo è andato da un’altra parte/ e mi ha lasciato sangue corallino/ nella fiamminga con avena e grano/ e una piccola giara per l’olio santo/ quando don Lollò la morte mi presenta.

——————-

Quatt’uocchje verde tenije Ischitelle

quiru giugne afuse prime d’u cuangre

quiru giugne ind’a rezziglja nghiuse

tezziglje de cundanne pe mé sole.

È n’accunde c’aggia pagate a morte

u delore assapuruate nda sti jurne

e sette cammise d’u correde d’a trende

só strabbaccate ndó cuascione suje

Quatt’ uocchje verde tenije Ischitelle

quiru giugne afuse prime d’u cuangre

duje servienne pe chiange a ménna mije

e l’ati duje pe chiange u truaditore

Quattr’ occhi verdi aveva Ischitella/ quel giugno afosi prima del cancro/ quel giugno nel reticolo chiuso/ reticolo di condanna per me sola// È un acconto che ho pagato alla morte/ il dolore assaporato in questi giorni/ e sette camicie del corredo da trenta/ sono sparite nel suo cassettone// Quattr’occhi verdi aveva Ischitella/ quel giugno afoso prima del cancro/ due servivano per piangere il mio seno/ gli altri due per piangere il traditore.

—————-

Ije me só sendute sembe nu zere

nu zere spaccate a duje d’à lune

nu zere ca si tenije quacchedune

arrevendaje diece nda nu luambe.

Mi sono sentita sempre uno zero/ uno zero spaccato in due dalla luna/ uno zero che se aveva qualcheduno/ diventava dieci in un lampo.

————-

Assunta Finiguerra, A terre ngalore, (a cura di Rosangela Zoppi), Ed. Cofine, Roma, 2023.

Assunta Finiguerra (San Fele, 1946-2009) ha pubblicato in lingua la raccolta di versi Se avrò il coraggio del sole (1995) e, in dialetto, le raccolte: Puozze arrabbià (1999); Rescidde ( 2001); Solije (2003); Scurije (2005); Muparije (2008); Fanfarije (2010- postuma) e Tatemije (2010 -postuma). In prosa ha pubblicato Tunnicchje, a poddele d’a Malonghe (2007), trasposizione in dialetto sanfelese del Pinocchio di Collodi. Suoi testi poetici figurano in numerose riviste (pagine, Periferie, Poesia Lo Specchio, Kamen) e antologie, tra cui Nuovi Poeti Italiani 5 (a cura di Franco Loi, Einaudi, 2004).

Maurizio Rossi 10/4/2024