Strada di Damocle di Lucio Toma

  Sulla Strada di Damocle Ho conosciuto la poesia di Lucio Toma dai testi della raccolta, apparsa nel 2006 per le Edizioni del Giano, A gonfie vene. Poesia che non lascia alcuna concessione all’elemento decorativo, e che pure possiede una sua aspra musicalità. Ne sono prova, per esempio, passaggi di un testo-manifesto, L’arte mia improduttiva, dall’efficace ossimoro […]

Leggi di più…

Rendiconti di viaggi incompiuti di Mario Melis

  L’immagine di copertina, una riproduzione di La firma in bianco di Magritte, introduce in misura efficace ai “viaggi incompiuti”, il cui compte-rendu in molteplici versioni costella questa nuova raccolta di Mario Melis. Delle sue Notizie dall’isola serbo un ricordo chiaro e caro. Il quadro di Magritte anticipa ed evoca, a mio parere, un aspetto […]

Leggi di più…

Polveri nell’ombra di Antonio Spagnuolo

    Antonio Spagnuolo, Polveri nell’ombra, Oèdipus edizioni 2019   Polveri nell’ombra di Antonio Spagnuolo è una raccolta nella quale la trenodia assume – anche con un “nuovo registro”, come recita il titolo di una delle sezioni – la drammaticità del confronto tra il rinnovato dolore dell’assenza e il proseguire, l’infiammarsi perfino, delle riflessioni sul sé che […]

Leggi di più…

Nei giorni per versi di Anna Maria Curci

  Anna Maria Curci, Nei giorni per versi. Prefazione di Patrizia Sardisco, Arcipelago itaca 2019 […] Nei giorni per versi […] è certamente il diario di un quinquennio lungo il quale lo sguardo interrogante dell’autrice isola e ritaglia il dettaglio autobiografico, il frammento da cui si sente appellare; provenga tale richiamo dalla Storia, dall’infanzia, dalla contemporaneità o da […]

Leggi di più…

L’apocrifo nel baule di Michele Brancale

  Sembra un passaggio di consegne con se stesso, con la propria storia e le proprie origini quest’ultima, riuscitissima raccolta di Michele Brancale, autore fiorentino ma lucano di origine che ha fatto dell’intreccio fra eticità e sacralità del quotidiano la chiave di volta dei suoi racconti. Dietro il ritrovamento in un vecchio baule di poesie […]

Leggi di più…

Nel verso nulla ritorna di Felice Casucci

Nota e scelta di poesie di Anna Maria Curci   Felice Casucci, Nel verso nulla ritorna {Trentanove poesie meno una}. Poesie, RPlibri 2019 Nella raccolta Nel verso nulla ritorna di Felice Casucci la condensazione in pochi versi di complessi itinerari di ascolto, così come la concisione applicata programmaticamente, rivelano, in particolare nei testi qui proposti, un vero e […]

Leggi di più…

Incipit di Annalisa Rodeghiero 

  Annalisa Rodeghiero, Incipit. Prefazione di Giacomo Vit, Edizioni Stravagario 2019 Segni di un amore che trascende ogni singola vicenda umana: questi sono gli strumenti che nelle poesie di Incipit di Annalisa Rodeghiero danno vita a corali, suite, pastorali e notturni. L’ouverture con il dialogo a distanza con Rigoni Stern fa vibrare, voce per voce, i temi di […]

Leggi di più…

A quelli che non sanno che esiste il vortice di Antonella Rizzo

Incurante, se non addirittura – così a me pare – beffarda di artificiose distinzioni di generi e specie nelle composizioni poetiche, Antonella Rizzo attraversa, esperisce, esprime, fa ‘detonare’, diverse tra le funzioni del linguaggio, quelle, per intenderci, che Roman Jakobson ha individuato come afferenti all’atto comunicativo, nei testi che costituiscono la sua raccolta più recente, A […]

Leggi di più…

Cambio di stagione e altre mutazioni poetiche di Floriana Coppola

Sembra arduo, se non addirittura impossibile, unire la robustezza dell’espressione alla capacità di distinguere, anche nelle sfumature impercettibili a occhio nudo, agenti, attori, scenari e segni, perfino sentori, moti e motivazioni che vanno via via animando un universo poetico. Cambio di stagione e altre mutazioni poetiche (oèdipus edizioni 2017) di Floriana Coppola riesce in tale impresa […]

Leggi di più…

Da poeta a poeta

  È stata una serata splendida ed emozionante quella del 16 ottobre 2019 con i poeti Gian Piero Stefanoni e Maurizio Rossi e i loro Aperilibri (Edizioni Cofine, Roma) nell’accogliente sala dell’associazione Planet Onlus, a Roma Centocelle. In questa occasione Vincenzo Luciani ha stimolato ciascuno dei due poeti ad illustrare e ad introdurre criticamente l’Aperilibro […]

Leggi di più…

Due poesie inedite di Mario Melis

  Ecco due poesie di Mario Melis tratte dalla raccolta inedita “Versi postumi”. Melis ha recentemente pubblicato con Edizioni Cofine la silloge “Rendiconto di viaggi incompiuti”.   Soliloquio con donna In te non m’incarno ma nella tua immagine. Tu stai in un caseggiato bianco. Abiti il primo piano dove si muore e all’angolo un albero […]

Leggi di più…

Il paese che abbiamo abbandonato di Alessandro Santarelli

Alessandro Santarelli è nato nel 1944 a Macchia, una piccola frazione del comune di Accumoli (RI) e vive a Roma. Ha pubblicato nel 1995 la raccolta di poesie in lingua intitolata Senza tempo. Nel 2009 ha ottenuto il primo premio al concorso nazionale Mario dell’Arco – sezione pubblicazione – con il libro Un dramma umano […]

Leggi di più…

Su “Fortissimo” di Matteo Bianchi

  «Fortissimo intende essere un omaggio a Camillo Sbarbaro e al suo Pianissimo, a un approccio al magma poetico tanto controllato – per l’estremo rispetto nei confronti della lingua – quanto irrinunciabile e vacillante come una fiamma». Così esordisce il poeta Matteo Bianchi a una domanda circa la natura musicale della sua nuova raccolta in […]

Leggi di più…

Selected Poems di Fabio Dainotti

  Torno volentieri a scorrere le pagine di Selected Poems di Fabio Dainotti (Gradiva Publications, 2015), nell’originale in italiano e nella traduzione in inglese di Rosaria Zizzo. Composto di diciannove testi di diversa lunghezza, tratti da raccolte che partono addirittura dal Diario poetico del 1965 e si concludono con tre inediti, Selected Poems di Fabio Dainotti è un libro che ebbi […]

Leggi di più…

“In altre stanze” di Laura Rainieri

  Il titolo di questa nuova silloge di Laura Rainieri rimanda dichiaratamente ad una alterità, quali che siano queste altre stanze abitate, vissute o immaginate dall’Autrice. Infatti gli altri qui sono, presenti o non più, ricordati o evocati; ma l’altro da sé, ovviamente anche il proprio, specchio e riflesso, forse trasformato, rinnovato, è anche altro […]

Leggi di più…