Due poesie inedite di Michela Zanarella

Ecco due poesie inedite di Michela Zanarella. Ricordiamo che Michela Zanarella è presente anche nell’Aperilibro Diramazioni urbane, a cura di Anna Maria Curci (Edizioni Cofine, 2016)   Sono stata un ramo spezzato dal vento mi è passata la notte nelle ossa ma l’amore ha rimesso in ordine il respiro e ora lo sguardo si ripara […]

Leggi di più…

Tre poesie di Valentina Ciurleo

Proponiamo qui di seguito tre poesie di Valentina Ciurleo. -Su di me- Sono di vetro sottile un concentrato di sommosse liquida, delirante. Ho l’anima alterata un massa di forme bagnate in fondo al cuore. Ricordi cuciti nella laringe. Crollano mondi e fantasie tu dimmi che mi tieni che tieni me per non infrangermi. -Parafrasi di […]

Leggi di più…

La forma detenuta di Cettina Caliò

Appena mi è arrivato in dicembre La forma detenuta (Le Farfalle ed., Valverde (CT), 2018) di Cettina Caliò non ho saputo resistere alla tentazione di leggerlo subito e avidamente dalle 4 alle 6,30 del mattino dopo. Ho fatto numerose orecchiette di compiacimento su molte pagine (per evidenziare le poesie che mi piacciono molto) e mi […]

Leggi di più…

Anamorfiche di Danilo Mandolini

Percepire dimensioni e condizioni dentro e fuori di noi, rendere queste percezioni è impresa costretta all’angolo, in un angolo limitato, se essa non abbraccia la pluralità di prospettive. A questa condanna alla limitazione deformante, a questa proposta di apertura di prospettive fa riferimento, già nel titolo, Anamorfiche di Danilo Mandolini (Arcipelago itaca 2018), raccolta della quale, nel […]

Leggi di più…

Patrizia Sardisco. L’Europa e i ‘fuori luogo’

Nella Collana Aperilibri (Edizioni Cofine, Roma 2018) Patrizia Sardisco ha pubblicato un poemetto di rara intensità e di forte impatto suddiviso in 31 quadri, dal titolo eu-nuca con esplicito riferimento al ruolo di guardianìa di una figura presente nei ginecei, l’eunuco sorvegliante, precisamente il custode del letto, uomo castrato, dunque incapace di generare. Qui la […]

Leggi di più…

Le “pietre” di Giovanni Di Lena

  Le rocce, le pietre abbondano nel nostro Paese, anche in Lucania: e per quante ne possiamo scagliare, ne restano sempre tante che altri getteranno, se sapremo tramandare la voglia di lottare, la rabbia, magari anche nella Poesia.  Di Lena, appunto, chiama “pietre” i suoi versi, le sue poesie, “cavate” dalla nostra Lingua, ricca di […]

Leggi di più…

Per Felice Di Nubila

  in memoria   tutto sgomenta nel giorno del distacco da voci care una diceva “poesia salva la vita” e non capivi   il fondo doppio della frase amuleto e del sorriso   di nuovo sfugge balenata d’incanto significanza   (Anna Maria Curci)   Dallo sgomento alla ri-conoscenza: è questo l’itinerario che, nei giorni del […]

Leggi di più…

Achille Serrao: pescare nel mare della poesia

Quando Achille Serrao, ormai consapevole di essere vicino a concludere la sua esperienza terrena, seleziona i testi per l’antologia complessiva Percorsi, curata dallo scrivente per Puntoacapo editore, parte da Coordinata polare del 1968, escludendo quindi i testi di Una pesca animosa. Del resto, Coordinata polare è considerato il suo esordio ufficiale, anche dal punto di […]

Leggi di più…

Letizia Leone, poesie da “Viola norimberga”

Le ballate di Schiller divennero le mie poesie dell’appello […] Quando il tempo è dolore non si può far nulla di meglio che farlo passare, e ogni poesia diventa una formula magica. […] Le ballate di Schiller divennero le mie poesie dell’appello; grazie a loro riuscivo a stare in piedi per ore senza svenire, perché […]

Leggi di più…

Nicola Grato,  “Inventario per il macellaio”

Il “macellaio” per il quale Nicola Grato (Inventario per il macellaio, Interno poesia Ed., Latiano, BR, 2018) fa l’inventario, è il Tempo che tritura ogni cosa, la Morte che rende orfane le persone, la Superficialità, che non dà valore a nulla, anche foto, biscotti zuppi di latte, spighe e fichi secchi. All’uomo, al poeta, resta […]

Leggi di più…

Novembre di Gian Piero Stefanoni

20 novembre 2018 – Pubblichiamo qui di seguito una poesia inedita di Gian Piero Stefanoni   NOVEMBRE   Il demone si nutre di intelligenze. Nega dentro queste voci l’umanità servente. Non è questione di morte ma di giogo là dove con noi il mistero soffre il pericolo. Io mi fermo dinanzi a queste porte. Accetto […]

Leggi di più…

Tutti i suoni del mondo ne L’ora mora del giorno di Giuseppe Samperi

Se tutti i suoni del mondo entrano, si accalcano (talora brusìo, talaltra voci distinte e diverse) il poeta sa come disciplinarli, indirizzarli, dirigerli come un direttore d’orchestra gli strumenti. La parola è appiglio strenuo – utile/inutile fune di salvataggio da afferrare in punta, con saldezza, e allo stremo delle forze. In L’ora mora del giorno […]

Leggi di più…

In altre stanze di Laura Rainieri

Certamente poetessa del suo tempo, Laura Rainieri utilizza una tecnica espressiva di parole e immagini riconducibili ai “registri” simbolisti ed ermetici”, nonché  alle correnti letterarie moderne, ma con uno stile tutto personale, vibrante, spesso di classica chiarezza. Già ad una prima lettura ci sorprende con una versificazione densa di sensazioni, emozioni, memorie, spunti di riflessione, […]

Leggi di più…

Il talento dell’equilibrista di Guglielmo Aprile

Il poeta equilibrista, funambolo sulla corda del disincanto, corda tesa consapevolmente oltre ogni immaginabile delimitazione, è sospeso, solo e a ‘ciglio asciutto’. Senza rete sulla pista del circo, sotto il tendone che chiamiamo mondo, rischia di schiantarsi nel vuoto delle etichette. Guglielmo Aprile corre questo rischio, rasenta la posa del nichilista, e – in questo […]

Leggi di più…

Le “pietre” di Giovanni Di Lena

Roma, 20 ottobre 2018 – “Restare diritti è difficile / il Potere ci piega / e / favorisce la mediocrità. // Increduli, / assistiamo al trionfo / della frivolezza”, dal significativo titolo “Incredulità”, questa poesia di Giovanni Di Lena, inserita in un segnalibro che accompagna la sua ultima silloge pietre (EditricHermes, Potenza 2018), mi ha […]

Leggi di più…