Poeti Del Parco

Poesia dalle Periferie del Mondo

Vincenzo Luciani. La gioia di scrivere, la passione del fare

  Nella poesia di Vincenzo Luciani spiccano due tendenze: la profonda e tenera affezione per il luogo natìo (universo antropologico (…) vivo nella memoria come sistema di valori) e il rigore etico che informa tanto i suoi versi quanto le scelte personali e professionali, l’impegno socio-culturale come sindacalista e, negli anni trascorsi a Torino, dove […]

Leggi di più…

POETI PER ISCHITELLA – 18 – Franco Fresi

FRANCO FRESI (Dialetto sardo)   ISCHITELLA. ILLU PASSU SIGURU DI LI FÈMINI   Chici è solu la fola a fa criscì in altu radici a l’alburu svultulatu da lu Foradinoi pa dispettu a Franciscu. D’assentu tòrrani li conti di la ’jenti tra cas’antichi e nalbatura d’ulìi: mimoria sveva risisti illu passu siguru di li fèmini […]

Leggi di più…

POETI PER ISCHITELLA – 17 – Franco Ferrara

FRANCO FERRARA (Dialetto di Apricena, FG)   SCJCHTÈLL   A la “Tèrr” jabb’tèv u s’gnòr d lu Castèll Pìnt d ch’gnòm Francésch d nòm còm u Sànt d’Assìs a lu “Pònt” a Scjchtèll ch lu bastòn ngjnucchjèt a prjà e nu Cjprèss a spuntà d Sàn Francésch a rr’curdà.   Scjchtèll ballcòn d lu Garghèn […]

Leggi di più…

POETI PER ISCHITELLA – 16 – Nelvia Di Monte

NELVIA DI MONTE (Dialetto friulano)   ISCHITELLA   Qui anime divise si rincorrono, labbra dischiuse in unico sorriso Scende aria di selva e ombra, brivido carezza su fianchi di mirto e ulivo, si àncora a pietre e stringe d’antico abbraccio piazze e poggioli – incenso disperde fuori il portone di chiese discorsi all’uncinetto nei crocicchi […]

Leggi di più…

POETI PER ISCHITELLA – 15 – Anna Elisa De Gregorio

ANNA ELISA DE GREGORIO (dialetto anconetano)   LE GRICE DE LE PIETRE   Aquì pelegrina senza nisciuno a fianco, puntato paese ’tel ruvido dî fighi: cuscì tanto m’ha gambiato la grazia ’di viguli sfiniti, che sbuga’ fori la piaza, drite le scale a le porte che me chiama.. ’Rivo de nòte sa ’n cèlo senza […]

Leggi di più…

La scatola delle fotografie: nella corolla del tempo

  Ma cume t’jè venute ncape / de ì a grapì dda sckàtele / d’i fotografie. A une a une / hé cumenzate a tramente / accume si’ cagnate / e ji appresse a tte / e quanta quante / so’ i murte / fronne ingiallanute / nt’a nu libbre / ch’ jè megghje / […]

Leggi di più…

POETI PER ISCHITELLA – 14 – Mario D’Arcangelo

MARIO D’ARCANGELO (Dialetto abruzzese)   M’ANNAMMURIVE   Ad Ischitella, alla sua gente, al suo calore fraterno M’annammurìve de té Schetelle de la Puje nu ricciulèlle ’mbronte de bummàsce ’nnante a lu sole a pasce traverze pe lu ciele matutine, nu vasce de brellocche ncastunate de lucia bianche e prete acquamarine. Appìte a sta sulagne, se […]

Leggi di più…

POETI PER ISCHITELLA – 13 – Lia Cucconi

LIA CUCCONI (dialetto emiliano di Carpi, MO)     Ischitela   S˘itê clumbeina in dal tò scheli fiùridi dal sôl dla tò gint, Ischitela: vôs˘ dla poesia, trameda da ûs a ûs e interseda agli ombri als˘êri dal pàn d’amor, chersû dal raïs˘i fondi ceri di pins˘êr chi fan eteren al pàs˘er dla vitta. Ischitela: […]

Leggi di più…

cordiali saluti fermi di Vincenzo Errico

  Un taccuino in versi che ripercorre a ritroso dieci anni, da aprile 2020 a luglio 2010. Sono annotazioni nelle quali coloro che hanno avuto modo di conoscere e apprezzare il blog di Vincenzo Errico, Taccuino blu, e le sue poesie nell’antologia Pugliamondo riconoscono incontri, richiami, intuizioni, accompagnati dallo sguardo, dal respiro e dal moto di chi sa […]

Leggi di più…

POETI PER ISCHITELLA – 12 – Ombretta Ciurnelli

OMBRETTA CIURNELLI (Dialetto perugino)   Porgi orecchio, benevolo e fonologico, alla lalìa …(Pier Paolo Pasolini)   VIGOLO   Vigolo   par guaso che nti giorne dla puisìa quan da la piazza i volgar’amischiate spàjon dentorno la lóre lalìa ’n canto nóvo ciarsòna drent’al vigolo mischianno offróre de monte e de mare e ’l bujo ta […]

Leggi di più…

POETI PER ISCHITELLA – 11 – Maurizio Casagrande

MAURIZIO CASAGRANDE (Dialetto Veneto)   SOL GARGANO   Varano ’aguna granda in ponta al Gargàn Lèsina coà Varano de ’à e in meso ’na strissa de tera tuta nera tirà a orti fenoci cataeogna e pomi indorà co ’na bora de ojvari bisati e ogni sorta de pesse pescà ghe so sta ae prime piove […]

Leggi di più…

Non potevo metterci anche l’orizzonte di Paola Setaro

  Non potevo metterci anche l’orizzonte di Paola Setaro mostra un lavoro apprezzabile nell’arte del sottrarre. Molto riusciti sono infatti i testi, come quelli qui proposti, nei quali la brevità e la densità si combinano in formulazioni senz’altro originali e convincenti, ma non certo prive di una consuetudine alla lettura e all’ascolto di altre voci poetiche. Se veritiero […]

Leggi di più…

Norma L’altra me di Marino Santalucia

  In Norma L’altra me l’io lirico è principio femminile che accoglie e attraversa, riflette e rilancia. Che sia incontro, avventura, conflitto, la voce plasma sostanza e contorni di un dissidio-connubio (principio femminile, principio maschile) che è fondamento dell’essere nel tempo e che la poesia, sulla scorta del mito, torna anche qui a illuminare con immagini che, […]

Leggi di più…