Poeti Del Parco

Poesia dalle Periferie del Mondo

Aurora Fratini. Aqquantu: all’improvviso, e per sempre

“Scrivere in dialetto non è cosa semplice, in particolar modo quando la “parlata locale” non assurge a dignità letteraria”, precisa Aurora Fratini in apertura al suo Aqquantu (All’improvviso), edito da Cofine (Roma 2018-Collana Aperilibri). Tale dichiarazione-premessa è pungolo di curiosità nei confronti della “parlata assai ibrida” di Sambuci, borgo a poca distanza dalla Capitale e […]

Leggi di più…

La forma detenuta di Cettina Caliò

Appena mi è arrivato in dicembre La forma detenuta (Le Farfalle ed., Valverde (CT), 2018) di Cettina Caliò non ho saputo resistere alla tentazione di leggerlo subito e avidamente dalle 4 alle 6,30 del mattino dopo. Ho fatto numerose orecchiette di compiacimento su molte pagine (per evidenziare le poesie che mi piacciono molto) e mi […]

Leggi di più…

Incontro e reading dei poeti nei dialetti d’Italia residenti a Roma

Presso la Biblioteca di San Marco Evangelista in Agro Laurentino in via Fratelli Reiss Romoli 27 a Roma (Quartiere Giuliano-Dalmata, Fermata Metro B Laurentina) sabato 26 gennaio 2019 dalle ore 16-19 si svolgerà l’iniziativa:  POETI IN DIALETTO A ROMA. Incontro e reading dei poeti nei dialetti d’Italia residenti nella Capitale L’evento, organizzato dall’associazione Periferie e Centro di […]

Leggi di più…

Poeti neodialettali marchigiani

Giovedì 31 gennaio 2019 alle ore 17,30 presso la Sala Conferenze della Biblioteca Comune Antonelliana, Via O. Manni, 1, a Senigallia sarà presentato il volume “Poeti neodialettali marchigiani (Quaderni del Consiglio Regionale delle Marche, anno XXIII, n. 263, ottobre 2018, pp. 372) a cura di Jacopo Curi e Fabio Maria Serpilli. Saranno presenti i curatori e i […]

Leggi di più…

Anamorfiche di Danilo Mandolini

Percepire dimensioni e condizioni dentro e fuori di noi, rendere queste percezioni è impresa costretta all’angolo, in un angolo limitato, se essa non abbraccia la pluralità di prospettive. A questa condanna alla limitazione deformante, a questa proposta di apertura di prospettive fa riferimento, già nel titolo, Anamorfiche di Danilo Mandolini (Arcipelago itaca 2018), raccolta della quale, nel […]

Leggi di più…

Chicchere e chiacchiere pe’ le strade de Roma di Angelo Zito

“Dicevo dunque, scrivo a mi’ nipote, a li fiji je devi indicà er percorso” Così l’Autore dichiara l’intento del libretto fatto di “chicchere e chiacchiere”, secondo lo stile di quella Roma, che, pur essendo un tempo Capitale di un Impero ed oggi di un Paese europeo, ha sempre conservato lo spirito popolano di città-paese e […]

Leggi di più…

Patrizia Sardisco. L’Europa e i ‘fuori luogo’

Nella Collana Aperilibri (Edizioni Cofine, Roma 2018) Patrizia Sardisco ha pubblicato un poemetto di rara intensità e di forte impatto suddiviso in 31 quadri, dal titolo eu-nuca con esplicito riferimento al ruolo di guardianìa di una figura presente nei ginecei, l’eunuco sorvegliante, precisamente il custode del letto, uomo castrato, dunque incapace di generare. Qui la […]

Leggi di più…

Ecco il n. 88 della rivista Periferie

E’ possibile scaricare in formato PDF il n. 88, Anno XXII, Ottobre/Dicembre 2018, della rivista PERIFERIE. Da questo link è possibile consultare tutti i numeri della rivista, a partire dall’anno 2005 Il sommario del n. 88 della rivista Periferie: EDITORIALE: La nostra Giornata nazionale del dialetto 2019 IL LIBRO: Per Achille Serrao, pescatore animoso di vita di […]

Leggi di più…

Le “pietre” di Giovanni Di Lena

  Le rocce, le pietre abbondano nel nostro Paese, anche in Lucania: e per quante ne possiamo scagliare, ne restano sempre tante che altri getteranno, se sapremo tramandare la voglia di lottare, la rabbia, magari anche nella Poesia.  Di Lena, appunto, chiama “pietre” i suoi versi, le sue poesie, “cavate” dalla nostra Lingua, ricca di […]

Leggi di più…

Per Felice Di Nubila

  in memoria   tutto sgomenta nel giorno del distacco da voci care una diceva “poesia salva la vita” e non capivi   il fondo doppio della frase amuleto e del sorriso   di nuovo sfugge balenata d’incanto significanza   (Anna Maria Curci)   Dallo sgomento alla ri-conoscenza: è questo l’itinerario che, nei giorni del […]

Leggi di più…

Seràie di Ivan Crico

Rivivono persone tratte dalla microstoria tutta recente in Seràie di Ivan Crico. Rivivono, e dunque vivono, nel suo sermo rusticus arcaico-veneto di Monfalcone vittime, in situazioni diverse, con il loro dolore e, prima ancora, la perdita della luce esistenziale, l’esilio dalla vita. Di vari luoghi e in vari spazi queste creature: dalla Siria o dentro […]

Leggi di più…

Achille Serrao: pescare nel mare della poesia

Quando Achille Serrao, ormai consapevole di essere vicino a concludere la sua esperienza terrena, seleziona i testi per l’antologia complessiva Percorsi, curata dallo scrivente per Puntoacapo editore, parte da Coordinata polare del 1968, escludendo quindi i testi di Una pesca animosa. Del resto, Coordinata polare è considerato il suo esordio ufficiale, anche dal punto di […]

Leggi di più…

La vòs de’ vent di Marino Monti

La lingua romagnola ha antiche origini neolatine, ma fu decisivo il periodo bizantino: la lingua, infatti,  acquisì i suoi caratteri distintivi fra il VI e l’VIII secolo, quando ciò che restava dell’Esarcato d’Italia si trovò isolato politicamente e culturalmente dal resto della Val Padana. Esso assunse la sua specificità rispetto ai volgari delle zone confinanti, […]

Leggi di più…

Se ti la vardi contro luse di Fabia Ghenzovich 

Venezia non è solo il nome di una città: è un’eco mai sopita di suggestioni, l’immagine di una realtà duplicata nei suoi riflessi, lo snodarsi di un presente proiettato su antichi fondali. Luce e movimento sono gli elementi che la caratterizzano anche nella poesia di Fabia Ghenzovich, che a Venezia vive, percorre vie e calli, […]

Leggi di più…

Aqquantu (All’improvviso) di Aurora Fratini

All’improvviso, ci colpisce un ricordo, un’immagine, un qualche moto dell’anima, che preme e vuole emergere; spesso viene alla luce con facilità, più spesso ancora va fatto uscire piano piano, per conservarne la densità e il colore. La costruzione d’una poesia, a partire dalla “necessità” che è all’origine, dovrebbe dosare il linguaggio e la forma, così […]

Leggi di più…