perlamara di Sonia Lambertini

Recentemente uscito per i tipi di Marco Saya editore, perlamara di Sonia Lambertini è itinerario poetico nella ferita del tempo, nei giorni della spaccatura in tutte le sue gradazioni, dal graffio allo squarcio passando per la lacerazione. I giorni della spaccatura sono i giorni di un inverno tardivo e di una tarda primavera che si ostina a […]

Leggi di più…

Elena, Ecuba e le altre di Maria Lenti

  Fammi essere Antigone, ti prego,  se ancora a questo gioco vuoi giocare. Io raccolgo le spoglie abbandonate. A te lascio i trofei da conciatore. (Anna Maria Curci, 20 dicembre 2015)   Attraverso l’epica e il mito per una coscienza piena della storia, per una scelta alternativa alla sequela di violenze e sopraffazioni che pare […]

Leggi di più…

La veglia e il sogno di Maurizio Rossi

  La poesia di Maurizio Rossi va letta ed assorbita lentamente così come, tra la veglia ed il sonno, i sogni sognati durante la notte affinché, piuttosto che svaniscano, proseguano un loro corso interiore, mescolandosi alla realtà concreta dell’esistere. È un fluire di immagini, emozioni e sentimenti sapientemente elaborati in una forma stilistica ricercata e […]

Leggi di più…

Le catene del sole di Marco Onofrio

  Nella sua “opera mondo” Ulisse, nel capitolo Le mandrie del sole, James Joyce racconta del difficile parto della signora Purefoy, ovviamente il 16 giugno a Dublino, in ospedale, nel reparto di ostetricia. Lo fa, di volta di volta, ricorrendo alle grandi voci della letteratura inglese (per citarne alcuni: Chaucer, Defoe, Dickens) e ripercorrendone i tratti stilistici […]

Leggi di più…

Tormento fragile di Valentina Casadei

  È nata a Ravenna (1993). Laureata al DAMS di Bologna, in Arte e Storia  del cinema, ha svolto un Master in sceneggiatura e regia presso il EICAR (Scuola Internazionale del Film) di Parigi. Ha diretto due cortometraggi “Tutto su Emilia” e “Giorni benedetti”, selezionati in diversi festival internazionali del Cinema. Vive a Parigi, interessandosi, […]

Leggi di più…

Jurne e jurne di Giuseppe Rosato

  Non cesserà di esserci cara, mai, la scrittura di Giuseppe Rosato così densa, così partecipativa al fremere acceso dell’esistenza anche quando la stessa esistenza sembra chiudersi, celarsi a una parola che possa dire della vita la sua attiva attesa, la paga d’amore. Perché è ben vivo ancora l’autore di Lanciano che in quest’ultimo volume […]

Leggi di più…

Tra «Italiano» e «Veneziano»: il cuore biblico di Francesco Giusti

    Sull’impronta che il tuo candido seno ha lasciato al margine del lenzuolo chino si disveli l’Eterno per suggerne maggiore infinitezza allo stesso modo in cui lungo quelle lisce pendici l’ombra senza nulla calcolare continua a farlo.  (Perpetuarsi, da Quando le ombre si staccano dal muro, p. 53). Come de infinii oceti el temporal […]

Leggi di più…

LUNAMAJELLA di Gian Piero Stefanoni

  Apro con una immagine questa breve nota al testo di Stefanoni, la pietà Rondanini di Michelangelo. In questo lavoro poetico le parole sbalzano via da un paese impietrito, quell’amara e amata Lunamajella. Madreterra di un’anima che raspa sbocca abbocca in uno stremato rassetto che lascia comunque “lu passe stampate mbacce a la scalella”. Orma […]

Leggi di più…

Si fa per dire. Tutte le poesie 1964-2016 Leopoldo Attolico

  Addentrarsi nell’opera poetica di Leopoldo Attolico, raccolta nel volume Si fa per dire (Marco Saya Edizioni 2018) permette di comprendere come la sua scrittura sia piena di vita, di arguzia e del senso più pieno dell’ironia, che è quello di cercare sempre un’altra angolatura, altre prospettive, altri punti di vista rispetto a ciò che viene fatto […]

Leggi di più…

La fuga in avanti del divenire, ne L’impazienza, di Renato Pennisi

  Sempre più affinata e rigorosa la calibratissima parola di Renato Pennisi, che basta a se stessa tanto è chiara, essenziale come il dire quotidiano, scandita da un respiro lieve e da un nitore espositivo che richiama alla mente l’immagine della neve, l’invasione del bianco, della pagina nuda su cui scrivere, lasciare segni. Una chiarezza […]

Leggi di più…

Autism Spectrum di Patrizia Sardisco

#0 lo spettro non traccia nei normografi senza riga e compasso china a mano libera la testa disdegna di segnalare non insegna riconsegna un lato umano asintotico a ogni punto   #3 hai percorso volando l’enclave breve di un acceleratore del pensiero i piedi alati divine particelle in moto sghembo in ascesa poi la planata […]

Leggi di più…

Elleboro di Guglielmo Aprile

  Ho già avuto modo di conoscere la Poesia di questo Autore nella raccolta “Il talento dell’equilibrista” di appena un anno fa ed ora, con piacere commento la nuova silloge di tal fecondo scrittore che, nello stesso mese di quest’anno, ha pubblicato anche “La strage degli aquiloni”(Robin ed. Torino). L’Elleboro è una pianta molto velenosa, […]

Leggi di più…

La farfalla sul pube di Sonia Ciuffetelli

Sonia Ciuffetelli, La farfalla sul pube. Postfazione di Cinzia Marulli, Arcipelago itaca editore, 2018   Metamorfosi Ingollata l’aria del tuo bacio già era svenuto il cielo e il riflesso della stella nel tuo bicchiere pieno non tremava né si muoveva il vento tra le dita vestite di luce lo spazio d’un break diventò il tempo di […]

Leggi di più…

Claustrofonia di Doris Emilia Bragagnini

  In Claustrofonia, la raccolta più recente di Doris Emilia Bragagnini, colpisce, fin dal primo percorso di lettura e di ascolto, il situarsi dei testi e, nei testi, dei singoli versi, sulla terra smossa di confini e avamposti, di stazioni e di sentieri al bivio. È una terra smossa che accoglie e addensa, accostandole e facendone […]

Leggi di più…

Tutte le donne di Pietro Civitareale

  A proposito della sua scelta di farsi chiamare Poeta e non Poetessa, Maria Luisa Spaziani ricordava: «Quando io ero ragazza, i giornali facevano un consuntivo: “Quest’anno ci sono state tre opere di poeti importanti”, e parlavano di Tizio, Caio e Sempronio; e in conclusione: “Ci sono anche due gentili signore che hanno pubblicato una […]

Leggi di più…