Patrizia Sardisco. L’Europa e i ‘fuori luogo’

Nella Collana Aperilibri (Edizioni Cofine, Roma 2018) Patrizia Sardisco ha pubblicato un poemetto di rara intensità e di forte impatto suddiviso in 31 quadri, dal titolo eu-nuca con esplicito riferimento al ruolo di guardianìa di una figura presente nei ginecei, l’eunuco sorvegliante, precisamente il custode del letto, uomo castrato, dunque incapace di generare. Qui la […]

Leggi di più…

Le “pietre” di Giovanni Di Lena

  Le rocce, le pietre abbondano nel nostro Paese, anche in Lucania: e per quante ne possiamo scagliare, ne restano sempre tante che altri getteranno, se sapremo tramandare la voglia di lottare, la rabbia, magari anche nella Poesia.  Di Lena, appunto, chiama “pietre” i suoi versi, le sue poesie, “cavate” dalla nostra Lingua, ricca di […]

Leggi di più…

Per Felice Di Nubila

  in memoria   tutto sgomenta nel giorno del distacco da voci care una diceva “poesia salva la vita” e non capivi   il fondo doppio della frase amuleto e del sorriso   di nuovo sfugge balenata d’incanto significanza   (Anna Maria Curci)   Dallo sgomento alla ri-conoscenza: è questo l’itinerario che, nei giorni del […]

Leggi di più…

Achille Serrao: pescare nel mare della poesia

Quando Achille Serrao, ormai consapevole di essere vicino a concludere la sua esperienza terrena, seleziona i testi per l’antologia complessiva Percorsi, curata dallo scrivente per Puntoacapo editore, parte da Coordinata polare del 1968, escludendo quindi i testi di Una pesca animosa. Del resto, Coordinata polare è considerato il suo esordio ufficiale, anche dal punto di […]

Leggi di più…

Letizia Leone, poesie da “Viola norimberga”

Le ballate di Schiller divennero le mie poesie dell’appello […] Quando il tempo è dolore non si può far nulla di meglio che farlo passare, e ogni poesia diventa una formula magica. […] Le ballate di Schiller divennero le mie poesie dell’appello; grazie a loro riuscivo a stare in piedi per ore senza svenire, perché […]

Leggi di più…

Nicola Grato,  “Inventario per il macellaio”

Il “macellaio” per il quale Nicola Grato (Inventario per il macellaio, Interno poesia Ed., Latiano, BR, 2018) fa l’inventario, è il Tempo che tritura ogni cosa, la Morte che rende orfane le persone, la Superficialità, che non dà valore a nulla, anche foto, biscotti zuppi di latte, spighe e fichi secchi. All’uomo, al poeta, resta […]

Leggi di più…

Novembre di Gian Piero Stefanoni

20 novembre 2018 – Pubblichiamo qui di seguito una poesia inedita di Gian Piero Stefanoni   NOVEMBRE   Il demone si nutre di intelligenze. Nega dentro queste voci l’umanità servente. Non è questione di morte ma di giogo là dove con noi il mistero soffre il pericolo. Io mi fermo dinanzi a queste porte. Accetto […]

Leggi di più…

Crisi e Parola. Composizioni metroritmiche di Raffaello Utzeri

«Trasportare senso, liberarlo da una cattività babilonese che appare permanente, trasbordarlo oltre le cortine del fumo soporifero e mendace, spacciato, quest’ultimo, per “sentimento popolare”, è attività che pone chi la esercita in una condizione di passeur,  di chi organizza trasporti di clandestini oltre confine.»: ciò che ho affermato in riferimento al mio intendere l’esercizio della scrittura può, anzi […]

Leggi di più…

‘Ninnananna di poveri a loro’ di Francesco Giannoccaro

Una tela di ricordi e un percorso per incontrare e incontrarsi, un moto a luogo attraverso il tempo da cui emerge un sentimento di tenerezza e talvolta di rabbia (vorrei buttarlo a mare/questo paese tirandolo/ … / torcere il collo ai campanili) o smarrimento quando il ricordo/incontro più che ravvicinato è col proprio padre, all’inizio […]

Leggi di più…

Angoli interni di Roberto Maggiani

La raccolta più recente di Roberto Maggiani, Angoli interni, parte dalla constatazione, sedimentata nel tempo e gravida di conseguenze, che a essere messa nell’angolo è la diceria circa il mandato del poeta a farsi guida. Messa nell’angolo, la poesia non rinuncia cionondimeno a ricercare, a esplorare campi di forze e luoghi di congiungimento e intersezione di […]

Leggi di più…

Il lato basso del quadrato di Giuseppe Vetromile

Il lato basso del quadrato colpisce per la coerenza del dettato poetico con l’introduzione programmatica che l’autore, Giuseppe Vetromile, ha scritto come prefazione alla raccolta. Da tale continuità di intenti tra premesse teoriche e creazione poetica deriva una evidente organicità dell’insieme. Sia nello snodarsi dei testi, infatti, sia nella composizione di ogni singola poesia vengono […]

Leggi di più…

Roma in stampa. Le riviste di cultura romana oggi

Le case editrici EDILAZIO e PAGINE promuovono un Convegno sul tema: Roma in stampa. Le riviste di cultura romana oggi, riservato alle testate attualmente stampate e distribuite in cartaceo.Il Convegno si terrà giovedí 18 ottobre 2018, ore 10,30 – 18,30 presso la Sala Capitolare del Palazzo dei Domenicani Chiostro di Santa Maria sopra Minerva in […]

Leggi di più…

Tutti i suoni del mondo ne L’ora mora del giorno di Giuseppe Samperi

Se tutti i suoni del mondo entrano, si accalcano (talora brusìo, talaltra voci distinte e diverse) il poeta sa come disciplinarli, indirizzarli, dirigerli come un direttore d’orchestra gli strumenti. La parola è appiglio strenuo – utile/inutile fune di salvataggio da afferrare in punta, con saldezza, e allo stremo delle forze. In L’ora mora del giorno […]

Leggi di più…

In altre stanze di Laura Rainieri

Certamente poetessa del suo tempo, Laura Rainieri utilizza una tecnica espressiva di parole e immagini riconducibili ai “registri” simbolisti ed ermetici”, nonché  alle correnti letterarie moderne, ma con uno stile tutto personale, vibrante, spesso di classica chiarezza. Già ad una prima lettura ci sorprende con una versificazione densa di sensazioni, emozioni, memorie, spunti di riflessione, […]

Leggi di più…