Poeti Del Parco

Poesia dalle Periferie del Mondo

(Quando ho comprato l’auto nuova )

Quando ho comprato l’auto nuova hai scosso il capo: quanto mi dispiace non farti compagnia non posso nemmeno affaciarmi per mirarmela andrà a finire che non la ingegnerò mai.           Bando e lancio l’auto se t’avverto daccapo:           non posso nemmeno la cintura allentartela           farà patire ma non mollerò mai           tanto mi piace […]

Leggi di più…

(Ti sogno all’alba e dici)

Ti sogno all’alba e dici: ma che scrivi in che porti segreti te ne vai perché alludi e ti perdi in una calca di accordi risciacquati lungo il verso.           Ma capiscimi è tutto il tuo sommerso           che mi scianna nel sonno di una barca           è questo maremadre che non fai           ballare […]

Leggi di più…

Li tedesche. L’otte settembre

Mo che succede?… Suone de campane, la gente che s’abbracce a ogni puntone, nse cunosce e se basce. L’armistizie! E’ finite la guerre. Revé fijjeme alla case. Addavere? Chi l’ha ditte? E mo che s’ha da fa? Nghi li Tedesche o nghe li Merecane?… La matine appresse, va pe l’arie na squadrijje de bumbardiere. Embé, […]

Leggi di più…

da Arie de la vecchiaie

 «A ti che vu sapèje cheste frasette fine…» (Nonne sta ascise allóche accante allu camine.) «… p’ammentà le canzune pe’ fà sentì alla gente…» (Se sente pe la cappe n’azzunejà de viente.) «… ecche na bella cose che m’haje recurdate…» (La cose tra la vampe s’è belle che scriate.) «A te che vuoi sapere / […]

Leggi di più…

(E camine camine)

E camine camine ‘mmezz’a chesta restóppela puntute, e chiù nen te recuorde (tiempe luntane, dope nu mese appene), tra lu grane, sott’a chel’ora calle, i fiuritte turchine, tutte na seta gialle, lu papambre che adoppie piane piane. E cammini cammini / in mezzo a questa stoppia che ti graffia, / e più non ti ricordi […]

Leggi di più…

da La scàzzeca

La terra de lu grane fatte aspetta, schiarita da jurnata appena nata: ure de grane i rose de ju sole se mmìschiane a ji lèmpe de sarrècchie, a l’aria ancora fresca de mmatina che se strascina l’alma de la notte nzieme a na trina tìnnera de sunne, a la voce de cìtele affamate. Crìcchiane le […]

Leggi di più…

Ma quande jesce la lìune

 La notte è nu mìure arrete a èutre mìure. Chiù nen vanne a rabbéure i cavejje alle funtane i manche na véuce se sente sperze pe’ la campagne.   Ma quande jesce la lìune se scataste ju préime mìure i n’àutre i n’àutr’anchéure.   Alléure ju lebbre cale a pasce pe’ le pràtere i ogni […]

Leggi di più…

Sprefunnà tra le piume

Sopr’a i vetre la lìune ha stéise na stréisce de lìuce, ha recamate i mìure de suttéile féile d’argiente.   Sprefunnà tra le piume nàire de ju suonne, nn’avé paìure de l’ombre, de i jéile lunghe de ju mmierne. Sprofondare tra le piume – Sui vetri la luna / ha steso una striscia / di […]

Leggi di più…

Ju giardéine

Chenosce nu giardéine luntane da ogne remméure.   Du’ féile de piante, nu ragge ncantate de sole nu cierchie d’ore, tre farfalle che vòlene.   Come nu ciejje annascuoste dentr’all’ombra maje, uarde ju munne de fore, come dentr’a na vetréine.   Il giardino – Conosco un giardino / lontano da ogni rumore. // Due filari […]

Leggi di più…

Sógne trùvele d’amore

Sógne. Limòsene de sógne a notte colma. Sule, sénza cchiù la porta ’lle vulìje; ddó m’aspettive tu, lampe de ggioia, de fantascìje carnale; chempagna de piacére i sfoghe de passione; ventre de respire i spàsime d’amore. Sénza ti, sò pòlline sperdute, addó va i vénte… a i prate nnaridite, a lle maggese secche, a i […]

Leggi di più…

La vije pi’ ll’eterne

Surriente bbianche latte entr’a la notte, cristalle chiare chi la mente spanne pi’ luntananze duce e ‘mmaculate, cristalle come n’acque senza fonne.   È pròvile di stelle ‘m prucissione o alme scite da lu prihadòrie ch’arranghe ‘n ginucchiune ‘m paradise? È luce che ci-avvise e chi ci-ambare la vija ggiuste pi’ la vite eterne? Zi […]

Leggi di più…

Paese mé

 Senza forze lu vente, senza fiate la pisciarella d’acque a la cannelle, senza pace le puche stelle ‘n ciele. ‘N gire, pe’ le ruhelle, mura mure corre la lune appress’all’ombre scure, e hé lu fiate jilate de lu monne, di scarapinge tra lampiune armurte che, di bbotte, ti sinte dentr’all’usse, paese mé di fiure e […]

Leggi di più…

Amo la mia terra

Amo la mia terra che odora d’antico, del paese io dico, dove sono cresciuto e più sotto, in riva al mare dove sono nato amo la risacca gli aranci, i limoni e i mandarini. Evoco immagini di mille scorribande dalle bianche spiagge e azzurre acque ai clivi verdeggianti delle colline. E poi in piazza a […]

Leggi di più…

Profumi Antichi

Anche oggi compero il pane e chiedo il più caldo, quello infornato stamane. Che sia di farina bianca, mi raccomando, lavorato nei mulini dove non manca il grano d’oro puro e genuino che cresce nel mio paese sempre fertile come un giardino. Staccherò mille riccioli allegri da vigneti odorosi, silenziosi per farne vini sinceri e […]

Leggi di più…

Ricordi Lontani

Si alza soave il profumo del mare notturno incolore, a quest’ora mi bagno i pensieri, e di ieri ricordo l’aurora e un sorriso sincero, poi io lontano lontano, addirittura straniero. Un rogo s’accende, la vita divampa, serena l’aurora si schianta nel sole di un giorno disperso tra mille vicende. Son vecchio son stanco, di mente […]

Leggi di più…