Poeti Del Parco

Poesia dalle Periferie del Mondo

Via Ozanam (addormentandomi)

Dissigillale da ciò che pensi, rendile vere, 365 volte umane le tue preghiere  dall’agenda lasciandole uscire.   Dalla notte riportale al giorno, cammina con loro, presentati agli altri; come confetti di una festa perenne senza sacchetto offrine ancora.    VIA OZANAM (aprendo le imposte)   Sono come te, merlo che non vuoi o non riesci […]

Leggi di più…

Via Pietro Campora

Ora ogni età è nel suo cielo le ombre disperdendo le voci richiamate come mare al suo cerchio.   Ancora chiamano, ancora si disperdono gli uccelli, acclamandosi per nome.   Stasera non ha termine il volo, è ancora bianca la notte, un cane solo tentando di romperla. […]

Leggi di più…

Villa Pamphili

angelo del pianto   Io non so perché ci cerchi angelo del pianto, in braccio alzata a guardar scorrere fiumi.   Ma sei il nostro fiore azzurro sempre acceso, che grida nell’esplosione oscura dei suoi occhi la pallida infinità delle sue attese. […]

Leggi di più…

La mi poetica

Ntra le rogaie de stó scatrafosso a pel del macco de na tròscia sporca, dorme l cignale da matina a sera, sopra n cuvil de scopi e lalleroni. Pu a notte sorte for de l’infrauschio e mmezz’ a n macchitello de cerquatti nfròcia l grugno a asaggià la terra molla che j à da fa […]

Leggi di più…

Orgójo

N fosso cinino ncó vol èsse fiume. E gni tantin ce prova ma gnarièsce anche si fa spaurà quan che s’atizza. Ta gnènte servirà ma ntanto spurga e pò fa l fanfarone pé n momento che l miron con temènza i contadine.   ORGOGLIO – Anche un ruscelletto/ vuole essere fiume./ E ogni tanto ci […]

Leggi di più…

U m’armànza ad te

U m’armânza ad te di rez trapesa dal rôs, un fil d’vósa alzira coma ’na pioma ad piopa, la camisa strufignêda. Un udór sambêdgh da la marena int la séra, ch’la n’è piò la nöstra.   (da Al voi)   MI RIMANE DI TE – Mi rimangono di te riccioli nascosti tra le rose, un […]

Leggi di più…

Libartè

U m’piés cun la févra a cavalon la séra ciamê tra di spen e dal foi d’urtiga agli érbidi mi fos a là vilon e pisê longh, longh a la séva.   (da Al voi)   LIBERTÀ – Mi piace con la febbre alta la sera chiamare tra spini e foglie di ortica le erbe […]

Leggi di più…

I zchéurs dla zènta

Dal vólti a m mètt ma la finèstra e a stagh da sintói i zchéurs dla zènta: da spèss i è acsè strach che la s putrébb sparagnè la fadóiga d’arvói la bòcca. Mo se la zcòrr in dialètt alòura i zchéurs i arciàpa vigòur, énca al patachèdi, e u m vén vòia d’andè ad […]

Leggi di più…

L’udòur de sàbdi

A n l’arcórd l’udòur de sàbdi scapènd da scóla arcórd snò ch’a séra lizìra e l’aria datòunda l’éra tótta da bòi.   (da La chèrta da zugh)   L’ODORE DEL SABATO – Non ricordo l’odore del sabato uscendo da scuola ricordo soltanto che ero leggera e l’aria intorno era tutta da bere. […]

Leggi di più…

E’ malàn dla nòta

E’ malàn dla nòta e’sta te fònd d’una cunchéa svóita là do ch’u s racói e’ mèr che ta ne vòid mo ta l sé ch’u i è e ta l sint quant e’ cambia e’ vént.   (da La chèrta da zugh)   IL RUMORE DELLA NOTTE – Il rumore della notte sta nel […]

Leggi di più…

Lèngua

Cun al raîši e tòtt   da la mèint a t’hò strapiantèe,   e cun al stàsi raîši   in dla lòma dal savér   a’t turnarò a piantêr   fiór ed paróla,   chersùda dèinter a la cûna dl’âlma.   Lè mè a’t farò gnîr sò…   fîn a fêret fiurîr,   fîn a […]

Leggi di più…

In dl’ora buinta

In dl’óra buînta al sé scunsùma al fièe di vêc… šgumbèi ed parôli dólsi, scudrègni, che i rùmen in dû al tèimp al s’è fermèe. In dl’óra buînta al sé scunsùma l’udór dal bašalìcch e i vân deschêlsa el ciâcri dla basóra, i vân a drée a n’ôra ch’l’arsôra… e in s’nadân brîša i vêc […]

Leggi di più…

La dota

I noster vêc… la sò vèta i l’han pasêda a raspêr in mêš a dî sâs, per rubêr apêina ûn pùgn ed têra, da destènder come ûn linsól insèma a la schîna dal mònd… e psér dîr: – L’è per quèi ch’à gnirà!       LA DOTE – I nostri vecchi… la loro vita […]

Leggi di più…

Al testimoni

U’éter a’n n’ìi mai cgnusùu al savór dal pân, a’n n’ìi mai sintùu la s-ciùma dal lambròsch šmaniêr, respirêr, dèinter al bicér… mèinter la mnêstra vèdva l’alvêva al bùj d’sóvra al fughlêr. Mè a gh’éra ad ascultêr, cal ciâcri spartîdi cume ciôpa ed pân girêr d’ìn bòca ìn bòca, fîn a šmursêr la fâm… la […]

Leggi di più…

I parivèn gossi d’aqua e asè

Da Sicuterat (Così era e sarà)     I parivèn gossi d’aqua e asê al paroli chi pasevèn da i òc a la bocca e is piantevèn a tanàia in di pinsèr: MOBILITA’: a cà!   E l’èra cme avèr ‘na brèsa in dal man cla-t bruseva  la vôia di tò an e d’èser n’òm […]

Leggi di più…