Poeti Del Parco

Poesia dalle Periferie del Mondo

Fuqualite

a Giovanni Tesio   Vreccite, quatragnite, crustéme jarse o mbósse, bbianghite, tèrra rósse o néreje, fuqualite,   puzzuléme, irassite, tèrre, tèrre óue ce nfósse lu uèrme, tèrra iròsse o fine, óue me mettita   mettite – cerevíedde vòcche úecchie còreje còre veddiche ógne vedíedde –   tèrre – níende tavute – ije quanne’èje che me […]

Leggi di più…

Contòure

CONTORA – Uno scalpitare. Una nuvola. / Le mosche cavalline / che lo staffile della coda / scaccia… // Anima di fango / se ti lavi la faccia / sbruffi come un mulo. […]

Leggi di più…

Lentiggini e sorrisi

Ore per lei consumava allo specchio a curvare capelli setolosi. Geloso la spiava al capostrada, sfrenata al gioco con le sue compagne, contento se furtiva a lui rideva. Mai ne fece parola, neppure con gli amici, e il cuore gonfio era di lei partita all’improvviso per Milano. Tutta lentiggini e sorrisi Miliuccia era da bambina: […]

Leggi di più…

Si va come alla guerra

Partirono inquieti prima che fosse l’alba come per una mala azione. Il tempo appena per rapidi saluti e lacrime furtive; e la corriera, veloce giù pei neri campi, li affidò al destino e alla strepitante Garganica. Li sorprese a Cagnano il giorno, il lago, l’Isola ed il mare e, stretto in cuore, un pianto come […]

Leggi di più…

Raffaele ch’è stato alla Germania

Raffaele ch’è stato alla Germania serrando i denti al gelo e alla fatica per un pezzo di terra ed una casa, con il fiele nell’anima invidia l’operaio tornato da Torino: con la seicento usata mafiosamente gira per le strade. (Fosse rimasto al paese se la sarebbe sognata la macchina). Lui troppo presto tornò; la nostalgia […]

Leggi di più…

Se di te mi ricordo!

Non è bastato sbattere le scarpe, vestirsi a festa e partire lontano: acre nelle narici è quella terra. Se di te mi ricordo! I nostri colli siepe aspra al mare, fichidindia e torrenti disseccati, gli ulivi e le macere. Se di te mi ricordo! Ora che autunno fa ritorno nei canti di vendemmia, fichi pendono […]

Leggi di più…

Mal’aria

C’è rummasa ‘a scumma d’ ‘a culata mo’na chiorma ‘e muscille che s’aggarbapezzulle ‘e pane sereticcio quacche«silòca» ‘nfacc’ê pporte arruzzatae ‘o viento nu viento ahi na mal’aria‘a quanno se ne sófujute tutte quante secutanno ‘o ciuccio ‘nnante, ‘e nottec’ ‘a rrobba ‘a robba lloro (‘o ppoco pucurillo ca serve e tène)e ‘a pòvere s’aiza ‘int’a […]

Leggi di più…

‘O vide ‘e venì

‘O vide ‘a venì, ll’oraè sempe a stessa appésaâ primma tatanèlla d’ ‘e pputéche, ê jastemme‘e nu trainante che ‘nzorfa ‘o ciuccio Arriàp’ ‘a marina e struje ll’aria. Venepàtemo a st’ora ‘e luce stracqua ‘e sàglierena faccia ‘ngialluta e ‘a pecundrìad’ ‘e vive sott’a ll’uocchie quanne ‘e vivenun sanno pe’ campà comme se spàrteree Siénteme, oh […]

Leggi di più…

‘A luna

Cu ‘a capa aizatapecché hanno ‘a essere liéggie‘e penziére, aret’ê ccose che na votance secutavano… accussì accummencia ‘a jurnatajanca na petaccèlla ‘e bannèra‘o scennere e ‘o ssaglì n’addore d’acquavenuto ‘a chissaddò. Partèttemo pecchéstoaret’ê ccose cu nu traìno sbalestratocantanno a vocca ‘nchiusa comm’a ddintoê ccanzone ca schiattano ‘ncuorpopàtemo ‘nnante e ll’ate ‘e nuje arretosmiccianno ‘a strata e […]

Leggi di più…

Na jurnata ‘e chelle

Ma qua’ jurnata … è na jurnata chestaca ‘o lummo a vvota spuzzulèa?Anema ‘e sciore addeventaje palommanu ‘ntravenì ‘e vita pe’ sott’a pennatèlla …   e qua suspire ‘e scelleaddò a’ jurnata è na jurnata… Triémmelemo’? Nu piccio ‘ncopp’a murata? Commefa bello, Ddio, stu ‘nzerretà‘e fronne…               e i’ ca ll’anne m’e strascino c’cuollotale e quale ‘a cestunia […]

Leggi di più…

L’albero rosso

Albero spazzanubi raccoglivento le foglie, come dita, sono antenne che sfidano i giorni; forte è il suo grido muto ha sogni senza gambe, come quelli di chi non ha mai conosciuto misericordia; le sue radici abbracciano la terra unica madre, rossa è la corteccia nel tramonto, un mondo, una veste di sacco dove con devozione […]

Leggi di più…

Nel nome del padre

Dico parole che solo l’ora grigia accoglie, è un soffio d’aria il padre  e questa casa temuta ora con l’acqua si dissolve insieme alle sue cose, ai nomi                                    delle cose. Proverò, padre, a chiamarti di nuovo da un coro giallo di ginestre. […]

Leggi di più…