Poeti Del Parco

Poesia dalle Periferie del Mondo

*

Ho mescolato troppe cose, maLa volontà era quella, giusta eDedicata. Ritorno all’italiano,Come e promesso. Non mi sonoFermato nella terra del mioDialetto, alla grandezza apertissimaDell’aria. Ho benedetto cieli, eQualche nuvola. Ritorno all’italiano,Aspetta, leggi. E’ la lingua delPensiero, quando non ho piùNulla a dirmi. La lingua, insomma,uguale alla lingua. […]

Leggi di più…

Impresc’ da l’anima

“Eco, chistu al è il falsèt ch’al pleava il siùnda l’arba, chista la nera mantilina ch’al si metevaintòr par confondi il crovat, chista la s’ciatulain duà ch’al poiava il gust dal tabac, chistu il amppar inciocà la truta, chista la pena, la pluma,la pìria, la piera…”I zovins intant a scrìvin tai compiuter chèsperaulis ulì, ch’a […]

Leggi di più…

L’oru di me pari

Me pari al va a sgarfàdi matina bunoratal ciamp da li’ vansadìssis,in duà che la zenta dismintiea pinsèirsdi fiar, plastica, lenc incarulìt.Ulì al sercia, cun deisdi sbissa ingrispada,‘na sclesa di vita:‘na roda di bicicleta,un vasùt di veri, un lustriinciamò bon.Cussì, cun chel pucdi oru ulìal crotdi tornà a fa sùil montche ator-ator di luial va […]

Leggi di più…

Zoucs di tiara (filastrociuta)

Ventu a zuià a scùndisi,a scùndisi tai bars,tai scurs fossài,tai rivài inglassàs,tai ciamps scurtissàs,tal paeis dai viars,ventu a s’ciampàghi al mont,al so malstà taront,al so colà a plomp,ventu a sgualà tal siel dal fen,a inclostrà tal ledàn il ben,a inventassi il seren,ventu cui pipins di tiara,ventu induà che il coural dàra?   GIOCHI DI TERRA […]

Leggi di più…

L’orloggio a porverino

Orloggio a porverino,che nonna ce contava li minuti, pe coce l’ova toste o er semmolino,quann’ero regazzina.Da tant’anni oramailei se n’è ita all’arberi pizzutie tu, de vetro e rena,stai ancora qua che intignia conservà er passato e lo costrignia restà impriggionato drento a quel’ampollina smemorata,che, appena svorticata,ricomincia la conta a la sordina.Tu er tempo lo misuri […]

Leggi di più…

La cùnnola

Er legno sarà quello de la cùnnola,indove ciò inzognatoer bello de la vita che sbocciava,co sopra spennicato er sonarelloche a bommercato me lo confermava.Appoggerò la testa su un cuscinode raso e de merlettoaspettanno, coll’anzia d’un pupetto,un bacio zuccherino a pizzichetto.Cantata da una voce antica e pura,risentirò l’istessa ninna-nannache scassava dar petto la paura.Ritroverò la luce […]

Leggi di più…

La canoffiena

Abbasta er venticello d’un ricordo,appena un filo d’aria der passatoe subbito aripija movimentola vecchia canoffiena de la vita,scontorta e aruzzonita,che co un lamento sordom’arinfaccia le cose che ho scordato. canoffiena, altalena. […]

Leggi di più…

Fi.ouquët d’àlbrax

Ou-sont pensé ëd malincounì traversà da li radji ‘d ‘ou soulëlli antant c’ou-vòlount, coume li pataràx ëd fiòca tëbia ëd Mèi. Vouz ëd la chiansoùn ‘d ‘ou cou-cou sperdùax lôonh que lou vënt ou-ròbat mån-a-mån për masqui.à rèix nòvax ‘ns lou catram ‘d lli marchiapé. PIUMINI DI PIOPPO – Sono pensieri / di malinconia / […]

Leggi di più…

(Onhi alvà ‘d ‘ou dé…)

Onhi alvà ‘d ‘ou dé lou mérlou ou-chiàmat lou soulëlli da la crouz ‘d ‘ou chi.ouqué. Magara ou-srå-sta qiœl a xirala ëd roulli.œnt. F. A. G., luglio 1990 (AL PRIMO BRUZZOLO… ) – Al primo brùzzolo d’alba / il merlo invoca il sole / dalla croce (posta) sulla cuspide del campanile. // Potrebbe essere stato […]

Leggi di più…

Seréna

Ju viende straccia l’aria e a cchiane a cchiane la neve ci allustrisce e ce fa jéle. Nu cane corre sfrustune rende a nu candone e ‘n giéle tutte le stelle viéne ‘m brecessone. Fa fridde. Ce jèlane ji penziére e le parole, ma addumane, addumane, quande sole. Notte d’inverno – Il vento straccia l’aria […]

Leggi di più…

La luna

La luna che cresce a memoria e canda la gloria de tutte le stelle, jennotte è zumbata a ccavalle pe farce na corza d’argiende. Ma doppe nu puoche ce pende: la frusta e la nùvela lassa, desopra alla terra ci abbassa e, zitta, ce mette a arrecchià i chène che stiene a abbajjà. La luna […]

Leggi di più…

Amore pe rejale

Amore amore e parleme d’amore e parleme de suonne e tenerezze damme la pacia tu che le carezze, damme de ss’uocchie tia ru splendore…   Amore amore e parleme zettenne amore amore quande vè le stelle famme purtà pe’ le lucecappelle tanta parole che n’ ce puone ‘ntenne…   Tanta parole nate da ssu core […]

Leggi di più…