Poeti Del Parco

Poesia dalle Periferie del Mondo

Respingimenti

 Però il mare è sempre bello, oh, sì e l’occhio può vagare e il ricordo tornare le mani afferrare il luccichio prendere a manciate le olive e lo sguardo precede il riandare dove le acque si chiudono […]

Leggi di più…

Barconi

Rivedo il barcone spiaggiato scendevano ad uno ad uno la bottiglietta dell’acqua in mano scendeva il bambino l’accompagnava una mano guantata e una divisa, uno sguardo una piccola spinta leggera quasi una breve carezza lì c’era il mare c’era la luce c’era il buon Dio anche se Dio non c’è   […]

Leggi di più…

Impronte

Prenderanno le impronte digitali anche ai bambini ma come ̶ tecnicamente ̶ si fa con quelle manine, con quei ditini poi magari li mettono in bocca così piccini dovranno assaggiare che sapore cattivo ha il male   […]

Leggi di più…

Documenti

 Ma come fanno tutto il tempo sbattuti dalle onde aggrappati l’uno all’altro a ondeggiare come fanno le ragazze a lavarsi del loro sangue e non vergognarsi (sono senza documenti non sono niente) […]

Leggi di più…

Rovina

Di qua di là di su di giù li batte il mare e non c’è pace mai se il mare tace e un po’ meno di male li assale si apprestano alla prossima rovina   […]

Leggi di più…

Naufragio

Cosa possiamo dire di un naufragio più della stessa parola: naufragio. Forse aggiungere: lasciare le piane dorate le vie del cielo e le care stelle l’olivo, il fico, il mandorlo, il limone tutto confuso e perduto in un vortice d’acqua e di terra. Moltiplica questo per duecentottantatré vite umane e poi per uno, uno per […]

Leggi di più…

ESSARE NO’ SE POL?

Par cue’o che vorìa essare e no’ so’, par cue’o che so’ e no’ vorìa essare, sranìo me sento – sóto ‘na luse ciara – come de star cuà ma no’ fin in fondo. No’ xe da poco, se sa, darse senpre on viso pa’ sentir el peso de ‘na roba voda, ma cue’o che […]

Leggi di più…

DRIO A ON MURO (VOSE DE ME PARE)

…se fa sempre manco ciaro se te resti cussì sensa capir in-te ‘na sera ‘ndove no’ ghe xe gnessun che te cognosse, né belessa, né ‘na caressa, ma solo l’ignoranza davanti ai tó oci cofà el pensiero scuro tra robe lasiere… Cara la me stela… a cuancue preghiera se risponda, ‘na traversa de saco in-te […]

Leggi di più…

TESTAMENTO

Anca mi ‘no so meio de ti. Ormai no’ parlo pì gnente, no’ digo pì gnente, manco me cognosso pì. E no’ solo mi. Xe come se me ghesse magnà tuto, parché sensa ‘na lengua se more solo, no’ se vive on minuto. E anca cuesta che ‘doparo ‘desso la bochezza cofà on pesse in-te […]

Leggi di più…

XV

Cô se perde ogni speransa xe squasi solo pa sé stissi che se stropa el passaio. ‘Na òlta par tute, la sfida xe butare on ponte e tegnere unia la caena. Anca co’ poco. Par poco. Magari solo co’ lo sguardo. XV – Quando si perde ogni speranza / è quasi solo per se stessi […]

Leggi di più…

ECETERA ECETERA

Parché no’ te-ssì, chi xe che sa de ti? ‘Na neoda lontana, la brosema o la pónta dea matita che intardiga. Parché te-ssì sta anca se l’ora no’ dura o no’ xe scominsià. Chie xe che sa? Posti -ma distanti cofà i Poli. Giorni -ma tuti no’ pì andà che restà. Siensio, caro ae paroe. […]

Leggi di più…

Ecetera ecetera

Parché no’ te-ssì, chi xe che sa de ti? ‘Na neoda lontana, la brosema o la pónta dea matita che intardiga. Parché te-ssì sta anca se l’ora no’ dura o no’ xe scominsià.   Chie xe che sa? Posti -ma distanti cofà i Poli. Giorni -ma tuti no’ pì andà che restà. Siensio, caro ae […]

Leggi di più…

Fa che la vita (vose de pare)

Fa che la vita (vose de pare) No’ digo poco, ma fa che la vita no’ se fassa mai lisiera… Cuesto inpara: tiente da conto e insisti, ora co’ zogia e ora sensa vela de fortuna, no’ secar el tó cuor a cue’o che no’ te gh’è el coragio de ciamar… Fa che la vita […]

Leggi di più…

A SIRITINA

Nni ’stu rimazzarisi di luci a siritina – janca cannila sfumazziata *– non sentu vuci di carusiddi ca jocunu ccassutta non sentu avimaria … ma sarmenti scattiati tra forbici: è ’u mo’ cori vigna di sittembri a siritina. A SERA – In questo diruparsi di luce/ a sera/ – bianca candela sfumata – non sento […]

Leggi di più…

DUELLU SINCERU

Nnô lettu ranni c’eri tu: muntagna di bbrèccia ppê mo’ manuzzi ’mmidiusi. Poi, dda picciuttanza murrutusa* ppi ’na vintata di fumu cchê to’ paroli si sciarriava. Ora ca mi luvasti ’u disturbu mi turnasti ’na matri e mi rrialasti u cumannu … dimmi, pa’, senza ’i nostri custioni a cu’ ci aju comu sinceru sfidanti? […]

Leggi di più…