Poeti Del Parco

Poesia dalle Periferie del Mondo

Mal’aria

C’è rummasa ‘a scumma d’ ‘a culata mo’na chiorma ‘e muscille che s’aggarbapezzulle ‘e pane sereticcio quacche«silòca» ‘nfacc’ê pporte arruzzatae ‘o viento nu viento ahi na mal’aria‘a quanno se ne sófujute tutte quante secutanno ‘o ciuccio ‘nnante, ‘e nottec’ ‘a rrobba ‘a robba lloro (‘o ppoco pucurillo ca serve e tène)e ‘a pòvere s’aiza ‘int’a […]

Leggi di più…

‘O vide ‘e venì

‘O vide ‘a venì, ll’oraè sempe a stessa appésaâ primma tatanèlla d’ ‘e pputéche, ê jastemme‘e nu trainante che ‘nzorfa ‘o ciuccio Arriàp’ ‘a marina e struje ll’aria. Venepàtemo a st’ora ‘e luce stracqua ‘e sàglierena faccia ‘ngialluta e ‘a pecundrìad’ ‘e vive sott’a ll’uocchie quanne ‘e vivenun sanno pe’ campà comme se spàrteree Siénteme, oh […]

Leggi di più…

‘A luna

Cu ‘a capa aizatapecché hanno ‘a essere liéggie‘e penziére, aret’ê ccose che na votance secutavano… accussì accummencia ‘a jurnatajanca na petaccèlla ‘e bannèra‘o scennere e ‘o ssaglì n’addore d’acquavenuto ‘a chissaddò. Partèttemo pecchéstoaret’ê ccose cu nu traìno sbalestratocantanno a vocca ‘nchiusa comm’a ddintoê ccanzone ca schiattano ‘ncuorpopàtemo ‘nnante e ll’ate ‘e nuje arretosmiccianno ‘a strata e […]

Leggi di più…

Na jurnata ‘e chelle

Ma qua’ jurnata … è na jurnata chestaca ‘o lummo a vvota spuzzulèa?Anema ‘e sciore addeventaje palommanu ‘ntravenì ‘e vita pe’ sott’a pennatèlla …   e qua suspire ‘e scelleaddò a’ jurnata è na jurnata… Triémmelemo’? Nu piccio ‘ncopp’a murata? Commefa bello, Ddio, stu ‘nzerretà‘e fronne…               e i’ ca ll’anne m’e strascino c’cuollotale e quale ‘a cestunia […]

Leggi di più…

L’albero rosso

Albero spazzanubi raccoglivento le foglie, come dita, sono antenne che sfidano i giorni; forte è il suo grido muto ha sogni senza gambe, come quelli di chi non ha mai conosciuto misericordia; le sue radici abbracciano la terra unica madre, rossa è la corteccia nel tramonto, un mondo, una veste di sacco dove con devozione […]

Leggi di più…

Nel nome del padre

Dico parole che solo l’ora grigia accoglie, è un soffio d’aria il padre  e questa casa temuta ora con l’acqua si dissolve insieme alle sue cose, ai nomi                                    delle cose. Proverò, padre, a chiamarti di nuovo da un coro giallo di ginestre. […]

Leggi di più…

Ulisside

compagni di giuoco all’appressarsi di un tempo di saccheggio di sterpi di case vuote di sassi di valve su spiagge squallide e di te che descritti nei sogni e imparziale il futuro rapporti al re neghittoso e nel volo di 12 destri colombi sul colle dove un carteggio di insorti asfodeli transeunti il luminoso lievitare […]

Leggi di più…

Canzone crescente per la patria

padre di case ancorate a calcare (bamboli nudi ributtano il giuoco che rotola le noci negli angiporti azzurri di cui le ombre so dei fichi ai pozzi e lo specchiarmi nell’acqua del bacile) mai tornerò Già sale con lenti modi la nebbia dalla via come talvolta fa vento libeccio che gonfia polvere avanti la tempesta […]

Leggi di più…

Della parola

ti riconosco appena fra zone di memoria salvate dal diluvio di stagioni più folte scuola di tafferugli umanità opaca ermafrodita e ti preciso parola mille volte segnata nuvola sulla pioggia senza meta e non diversa in analogici maestri benché tre volte ti abbia usata con malizia (sgomento di – disagio di – pudore di) con […]

Leggi di più…

***

sempre caro mi fu quest’ermo colle che s’erge appena fuori del paese ed un querceto copre le sue zolle fra cui si fanno una omissis al mese le ninfe e i satiri di qui nel folle desiderio che prende con pretese legittime di dar duro nel molle (sia chi sia a farne poi le spese) […]

Leggi di più…

***

che pomeriggio e che giardino tetro con musa di maniera avresti detto e quanti rami intricano sul vetro Ma né l’oscura spezzata del tetto sarà per la memoria un giusto metro né il melo sfiorirà nel grigio letto del marciapiede illuminando il retro solitario di questo palazzetto quando mani chirurgiche entreranno con le dita di […]

Leggi di più…

***

acido assurdo ferdinandofalco Stanno per chiudere e non se ne avvede Tolgono sedie e tavoli dal palco- scenico a pois del marciapiede Ripiegano la tenda e non li vede Ammazzano l’insegna tesa ad arco sul nulla e sull’oscuro e non ci crede Si fa l’ultima bionda sotto l’arco di nuvole a festuche che lo ammaliano […]

Leggi di più…

Via Clelia

Schiudesse gelosie e chiamami – inazzurra scarpetta di madonna – asfalto di via Clelia.   Rondini stallano, seguite da garriti, da chiaro interasse fra cimase.   Un volo dirigo (che si sa dell’uccello migrato che non torna?) di te mi calamito in terra piovosa   Ecco la mia fortuna: ancora il marciapiede accolga il ragazzo, […]

Leggi di più…

Paese

  Ti conosco, paese che ricetti grasse volpi. Di sole e di vino t’infebbri al tempo che la canapa è tagliata e amari braccianti rincasano con talpe accappiate a canne dritte nei chiari e scuri della sera. Conosco i tuoi meriggi silenziosi scanditi dai colpi del carraio.   (S’interrano i tratturi fra muri a calce […]

Leggi di più…

Ikira

trees cast heavensfound here on earthif you can seebeyond firmaments birds sing skiesfound here on earthif you can hearthe undergrowth lakes grow flowersfound here on earthif you can drinktributary roots hills love rocks and springsfound here on highwhere there now ripplesforest music […]

Leggi di più…