Poeti Del Parco

Poesia dalle Periferie del Mondo

(E’ la seconda tempesta)

Da La scala di Beaufort  (autoed. 1998)   È la seconda tempesta da quando sono tornato da Middlemark. Ho sentito che l’Atlantico è in rivolta proprio alle nostre latitudini ed Anthony non si dà pace per le sue mancate uscite al largo. In queste spume, tra le nuvole di spruzzi vado invano cercando qualche mare […]

Leggi di più… from (E’ la seconda tempesta)

I. Ingrandimenti [2001]

Da Fotografie e altre istantanee (Foggia, Sentieri Meridiani, 2008) 1. Luce entro cui si raccolgono le abbaglianti linee del paese la cupola celeste del mattino la striscia salata del molo. Il cuore dell’infanzia batte nel grembo di questo scenario si radica molle un senso di passate brezze di aromi resinosi di pinete di magiche caldarroste […]

Leggi di più… from I. Ingrandimenti [2001]

Un viaggio del 1957

Da 20th Century Vox (inedito) Quell’anno aveva l’ala degli dei. Partivi, bambino, sull’onda della radio coi suoni immersi in fondo all’anima salvo dai primi incontri col mondo. Beato te, Cupido tra i desideri puri dell’età solare! Felice, tu che appena sapevi l’abc e cantavi come allegra cincia sull’albero più alto del tuo cielo. Solo la […]

Leggi di più… from Un viaggio del 1957

La Guerra

Da 20th Century Vox (inedito) La Magnani mitragliata mentre corre ci mise nel cuore una ferita. Quanti camion partivano pieni di speranza, quanta gente sulle strade polverose della guerra! Tutti a casa! Ma dov’era la casa, se tutto era caduto e il cielo era ancora acre di spari? Capitano, ci porti in salvo, verso il […]

Leggi di più… from La Guerra

Succo d’arancia

Da Succo d’arancia (inedito) Bella giovinezza confusa con l’infanzia pestata con l’uva dei primi sentimenti ecco l’età avanza e la memoria corteggia. Ho bevuto fino in fondo la bottiglia spumante di illusioni, ma la gola è secca. E te rivedo dolce riva d’acqua e ciottoli bianchi e profumate serre a te m’affido, mano materna d’aranci, […]

Leggi di più… from Succo d’arancia

(da) Pensierosi pensieri

da) Aguardo la clessidra la réna s’è amucchiata l temp è più poco. (2007)   Guardo la clessidra / la sabbia s’è ammucchiata / il tempo è più poco.   *** Te fugge l tempo tón du balletti e via pu l capolinia. (2005)   Ti fugge il tempo / in due balletti e via […]

Leggi di più… from (da) Pensierosi pensieri

L dialetto

Na lingua ch’è viva che parlo, che scrivo che batte, che vibra, che grido e sussurro la cerco, la piego l’addatto, la limo la mpasto e rimpasto e pu je do forma la lingua, la mia che metto m poesia ch’osservo e che studio ch’adòpro nchi mia e pu n companìa nchi amichi de sempre… […]

Leggi di più… from L dialetto

Flusamìa

    Fatigo qualca volta ntl’arcordammla, L vapor l’arcupre mpò, ma doppo lia Uma liggèra come n riganello. S’arvedno j’occhie e ’l su carnèto ligio Upre pianin pianino ’l su surriso M’aguarda pu come quann’éva mula. I liniamenti èn quije de na volta Adè vojo arcordammela cussì. Immagine (letteralmente Fisionomia) – Talvolta ho difficoltà nel […]

Leggi di più… from Flusamìa

L’Arcaponèta

M’arcòrdo che quann’évo muja nti giórne de gran calaverna ansiéme vecìn ta ’l camino   passèmme la sera a discurre, parlàn de le cose de chèsa opure de tisto o de quillo.                                 5   Ma c’évon dlé volte che i vecchie dal fón de la mente arcavèvno i fatte socèsse dentórno   e pu tutt’ansiéme […]

Leggi di più… from L’Arcaponèta

[‘A vos del mondo]

‘A vose del mondo  … e ‘riva ‘a luna che sbianchesa i muri e scrive sol scuro paroe sconte.  No’ ga voja ‘e seje de vardare lontan, fora dal vero ghe ze massa bordeo.  ‘E fisime strache se descatija pa’ cunarse, basta che ‘a vose del mondo no’ passe pa’ ‘e sfese.  Man, massa man […]

Leggi di più… from [‘A vos del mondo]

‘Na paveja

So’ ‘na paveja co’ ‘e ae brusae se ‘l magon me sofega ‘a vita e i sogni se rapossa strachi so zughi despetenai.  ‘E paroe fa giri sensa senso parché ‘e ga perso ‘a voja e i sorisi ze scunti so i casseti de l’armaron dei dì passai.  Sgrìsoi so ‘e onge del vento sgrafa […]

Leggi di più… from ‘Na paveja

Stajon finìa

Là, so i buschi alti de autunno i laresi destira i so pensieri so i trodi del mus-cio;  nel siensio pì fondo ‘e speranse se pica so ‘e ponte dei pini, le caressa el vento.  On tabàro de neve querce tuti i ricordi e ‘e malghe vode pianse i dì d’istà.  Qua in paese i […]

Leggi di più… from Stajon finìa