Poeti Del Parco

Poesia dalle Periferie del Mondo

Largo dei librai

Per quali palazzi, per quali stanze ci siamo mossi a largo, vedendo muovere il mare?                  Sotto quali lumi ci siamo fermati scoprendo che eravamo all’inizio, all’inizio, all’inizio…                                      di tanta sera noi stessi già eco?   Roma, che distruggi, Roma che comandi, senza soste coperta di nuvole, solo rami della rosa fiorimmo.   […]

Leggi di più… from Largo dei librai

Via Ozanam

Signore, Tu conosci di me ogni cosa, ogni inferno, ogni parola che mi distanzia da Te nella forma della paura- e della ritrosia.   Io ti vedo nei crocevia dove ci scambi, ci poni l’uno di fronte all’altro, in quel dominio dove il male ci tenta, ci devia nell’ascolto di una libertà senza pena, senza […]

Leggi di più… from Via Ozanam

Ponte Milvio

su “Sentirsi male sembra voler dire” di Valerio Magrelli     Non è mai troppo lontano il corpo da non poter essere udito ed è in quel sembra la differenza.   Ciò che non torna è una parte che muta e che nel suo mutare ti dice: accompagnami.   Solo può rimanere quel buio che […]

Leggi di più… from Ponte Milvio

Monte Verde

Ed arrivi e resti con noi tra le piante e il caffé del primo pomeriggio, quartiere di poeti e di ragazzi svelando alle madri i cuori  maturi dell’inverno mentre un altro giorno accade. […]

Leggi di più… from Monte Verde

Via Ozanam (addormentandomi)

Dissigillale da ciò che pensi, rendile vere, 365 volte umane le tue preghiere  dall’agenda lasciandole uscire.   Dalla notte riportale al giorno, cammina con loro, presentati agli altri; come confetti di una festa perenne senza sacchetto offrine ancora.    VIA OZANAM (aprendo le imposte)   Sono come te, merlo che non vuoi o non riesci […]

Leggi di più… from Via Ozanam (addormentandomi)

Via Pietro Campora

Ora ogni età è nel suo cielo le ombre disperdendo le voci richiamate come mare al suo cerchio.   Ancora chiamano, ancora si disperdono gli uccelli, acclamandosi per nome.   Stasera non ha termine il volo, è ancora bianca la notte, un cane solo tentando di romperla. […]

Leggi di più… from Via Pietro Campora

Villa Pamphili

angelo del pianto   Io non so perché ci cerchi angelo del pianto, in braccio alzata a guardar scorrere fiumi.   Ma sei il nostro fiore azzurro sempre acceso, che grida nell’esplosione oscura dei suoi occhi la pallida infinità delle sue attese. […]

Leggi di più… from Villa Pamphili

La mi poetica

Ntra le rogaie de stó scatrafosso a pel del macco de na tròscia sporca, dorme l cignale da matina a sera, sopra n cuvil de scopi e lalleroni. Pu a notte sorte for de l’infrauschio e mmezz’ a n macchitello de cerquatti nfròcia l grugno a asaggià la terra molla che j à da fa […]

Leggi di più… from La mi poetica

Orgójo

N fosso cinino ncó vol èsse fiume. E gni tantin ce prova ma gnarièsce anche si fa spaurà quan che s’atizza. Ta gnènte servirà ma ntanto spurga e pò fa l fanfarone pé n momento che l miron con temènza i contadine.   ORGOGLIO – Anche un ruscelletto/ vuole essere fiume./ E ogni tanto ci […]

Leggi di più… from Orgójo

E’ malàn dla nòta

E’ malàn dla nòta e’sta te fònd d’una cunchéa svóita là do ch’u s racói e’ mèr che ta ne vòid mo ta l sé ch’u i è e ta l sint quant e’ cambia e’ vént.   (da La chèrta da zugh)   IL RUMORE DELLA NOTTE – Il rumore della notte sta nel […]

Leggi di più… from E’ malàn dla nòta

Lèngua

Cun al raîši e tòtt   da la mèint a t’hò strapiantèe,   e cun al stàsi raîši   in dla lòma dal savér   a’t turnarò a piantêr   fiór ed paróla,   chersùda dèinter a la cûna dl’âlma.   Lè mè a’t farò gnîr sò…   fîn a fêret fiurîr,   fîn a […]

Leggi di più… from Lèngua

In dl’ora buinta

In dl’óra buînta al sé scunsùma al fièe di vêc… šgumbèi ed parôli dólsi, scudrègni, che i rùmen in dû al tèimp al s’è fermèe. In dl’óra buînta al sé scunsùma l’udór dal bašalìcch e i vân deschêlsa el ciâcri dla basóra, i vân a drée a n’ôra ch’l’arsôra… e in s’nadân brîša i vêc […]

Leggi di più… from In dl’ora buinta

La dota

I noster vêc… la sò vèta i l’han pasêda a raspêr in mêš a dî sâs, per rubêr apêina ûn pùgn ed têra, da destènder come ûn linsól insèma a la schîna dal mònd… e psér dîr: – L’è per quèi ch’à gnirà!       LA DOTE – I nostri vecchi… la loro vita […]

Leggi di più… from La dota

Al testimoni

U’éter a’n n’ìi mai cgnusùu al savór dal pân, a’n n’ìi mai sintùu la s-ciùma dal lambròsch šmaniêr, respirêr, dèinter al bicér… mèinter la mnêstra vèdva l’alvêva al bùj d’sóvra al fughlêr. Mè a gh’éra ad ascultêr, cal ciâcri spartîdi cume ciôpa ed pân girêr d’ìn bòca ìn bòca, fîn a šmursêr la fâm… la […]

Leggi di più… from Al testimoni