Tra i ricordi del borgo antico

Fare un ritratto in color seppia dopo anni di esperienze colorate e sempre più adulte, scostare la cenere fredda degli anni dall’antico focolare e vedervi ancora una brace ardente di ricordi, riconoscervi un bambino che scorrazza felice e curioso negli spazi ancora sopravviventi di una civiltà in declino. Sarà capitato a molti, scartabellando fotografie e […]

Leggi di più…

I ‘canti per il tragitto’ di Stefania Crozzoletti

I  “canti per il tragitto” – così leggo la poesia di Stefania Crozzoletti nella quale i termini “viaggio”, “cammino”, “passeggiata” ricorrono con limpida frequenza – hanno il sapore sicuro del cibo austero custodito nel tascapane e consumato durante le sosta. Sapore austero,  non bacchettone: al gusto piccante della boutade, alla sferzata aspra del monito, allo […]

Leggi di più…

Yzu – Francesco Albano

L’ho conosciuto appena nato, Yzu. Era l’estate del 1971 e la sua mamma, figlioccia della mia, aveva appena dato alla luce Francesco, che poi avrebbe scelto Yzu come nome d’arte. Noi bambini di città, in vacanza nel paese materno, lo guardavamo incantati. Quaranta anni dopo, sempre d’estate, ci ha raggiunto un’altra notizia, quella della sua […]

Leggi di più…

Cristina Bove, ‘Mi hanno detto di Ofelia ‘

Divagazioni, divertissement, diletto? Le definizioni colgono solo una parte dell’essenza, restringono il campo e, delimitandolo, lo tradiscono, restituendone, appunto, una versione tranquillizzante perché divulgabile. È bene, allora, diffidare di etichette sbrigative, sottrarsi alla tentazione di catalogare. Consiglio, questo, particolarmente calzante per Mi hanno detto di Ofelia di Cristina Bove. Silloge proteiforme, nel senso più ampio e nobile […]

Leggi di più…

Cenni dal caos, di Vincenzo Anania

Linearità testuale e vitalismo intellettuale, moduli poetici in costante equilibrio tra commossa partecipazione e pudore, conoscenza intuitiva e conoscenza razionale: dalle precedenti, sino a questa raccolta, Cenni dal caos (Passigli, 2011), Vincenzo Ananìa dispone su pagine intense versi dal timbro asciutto capaci di affabulare, avvincere e suscitare riflessioni sul tempo, la natura, l’amore, la transitorietà […]

Leggi di più…

Case di poeti di Anna De Simone

Mauro Pagliai editore ha da poco pubblicato il libro di Anna De Simone Case di poeti (euro 23,00, pp. 352, con numerose illustrazioni ed un vasto repertorio di poeti e di versi in connessione con le loro dimore). La Prefazione è di Eraldo Affinati e da essa estrapoliamo citiamo il brano che segue. La pacifica […]

Leggi di più…

Roberto Rossi Testa, Poesie 1984 – 2010

 Un itinerario di lettura della poesia di Roberto Rossi Testa nell’arco di oltre venticinque anni, dal 1984 al 2010, è l’occasione, per chi, con moto ‘soavemente caparbio’ e inattuale – segno distintivo di chi sceglie la complessità – ama il ricercare, di addentrarsi in un viaggio proficuo, il cui approdo non può essere né scevro […]

Leggi di più…

La mappa del Mistral

Il senso di questo volume, Poeti del Friuli, (edizione Cofine, 2012) saggio di critica e di storia oltre che antologia della poesia friulana contemporanea, lo troviamo nel sottotitolo, tra Casarsa e Chiusaforte, e nella scelta dei due autori dei versi messi in esergo al libro, che proprio da questi due luoghi sono partiti per la loro […]

Leggi di più…

Punto, parola, ‘inventio’

[la statica meraviglia di un punto che aspira alla perfezione è i’infinita aporia tra percezione e reale da sussurrare piano prima che ci si accorga che l’imitazione è un altro storia da inventare]   Natàlia Castaldi, Dialoghi con nessuno, p. 19   La  «ricerca di un nesso» al tempo della sottrazione infinita  si fa a […]

Leggi di più…

La bellezza effimera di Roberto Pagan

Ogni volta che la bellezza si propone alla nostra porta non è facile accoglierla tutta e subito perché la bellezza è bruciante e non conosce discrezione. E noi rischiamo di restarne folgorati. Questo è quanto avrà pensato anche Roberto Pagan, che, dopo aver ricevuto in dono un libriccino di miniature medioevali (quelle memorabili de Les […]

Leggi di più…

Anna De Simone, ‘sapere le case dei poeti’

Quest’anno non avremo dubbi su che cosa regalare agli amici per l’ennesimo Natale di crisi: lontani da ogni spreco, regaleremo tutti felicemente un libro a tutti. Possibilmente un libro che parli di poesia, necessaria in tempi tristi. E, a questo proposito, da poco è uscito un volume, nella elegante veste tipica delle edizioni Pagliai, che […]

Leggi di più…

Laura Rainieri e il ragazzo dalle mani grandi

La Bassa piana e le Fontanelle. Racconto in versi (Tielleci, 2012, pp. 164, euro 13,00) di Laura Rainieri si apre con questo exergo: “È una terra tutta speciale: piatta, uguale, e, in quel suo cielo che non finisce più, c’è spazio finché si vuole per i morti, mentre i vivi sono schiacciati da quel cielo […]

Leggi di più…

‘Poemi muti’ di Roberto Raieli

Il pregio che subito si avverte, nelle poesie di Roberto Raieli (e che era ben presente, del resto, anche nel suo precedente Fuoricampo), è la dolcezza morbida e avvolgente della sua pronuncia. Una dolcezza che rivela, da un lato, una sicurezza espressiva matura e, dall’altro, una autenticità aperta, a volte gioiosa a volte malinconica, del […]

Leggi di più…

I giorni cantati di Pompilio Tagliani

 Ci è stato inviato copia del libro I giorni cantati di Pompilio Tagliani da Tolfa, a cura di Eugenio Bottacci, Circolo culturale “Giacomo Belloni, 1991. Pompilio Tagliani (Tolfa 1923- 2005) nato da una famiglia di contadini, fin da bambino è stato impegnato nel lavoro dei campi. Ha iniziato a cantare in pubblico nel 1951. Oltre […]

Leggi di più…

Le rasoiate nel tempo del poeti

di Simone Gambacorta* Per Paolo Testone, «la lettura della poesia di Marcello Marciani suggerisce una complessità magmatica, un intreccio di sensi che si dipanano a partire da una matrice formale apparentemente ordinata secondo schemi rigorosi». Secondo Giovanni D’Alessandro, la sua produzone poetica è segnata «da un’attenzione allo sfrondamento della parola da ogni sovrastruttura e da […]

Leggi di più…