DUELLU SINCERU

Nnô lettu ranni c’eri tu:
muntagna di bbrèccia
ppê mo’ manuzzi ’mmidiusi.

Poi, dda picciuttanza murrutusa*
ppi ’na vintata di fumu
cchê to’ paroli si sciarriava.

Ora ca mi luvasti ’u disturbu
mi turnasti ’na matri
e mi rrialasti u cumannu …

dimmi, pa’,
senza ’i nostri custioni
a cu’ ci aju comu sinceru sfidanti?

Senza i nostri armistizi
cchi sapuri avi
’sta fimminina vita?

DUELLO SINCERO – Nel letto grande c’eri tu:/ montagna di breccia/ per le mie manine invidiose.// Poi, quella giovinezza irrequieta/ per una ventata di fumo/ con le tue parole si bisticciava.// Ora che mi hai tolto il disturbo/ e mi hai regalato il comando …// dimmi, pa’,/ senza le nostre liti/ chi ho come sincero sfidante?// Senza i nostri armistizi/ che sapore ha/ questa femminea vita?

da Sarmenti Scattiati