A SIRITINA

Nni ’stu rimazzarisi di luci
a siritina
– janca cannila sfumazziata *–
non sentu vuci
di carusiddi ca jocunu ccassutta
non sentu avimaria …

ma sarmenti scattiati
tra forbici:
è ’u mo’ cori
vigna di sittembri
a siritina.

A SERA – In questo diruparsi di luce/ a sera/ – bianca candela sfumata – non sento voci/ di ragazzini che giocano qui sotto/ non sento avemaria …// ma sarmenti scoppiettanti/ tra forbici:/ è il mio cuore/ vigna di settembre/ a sera.

* sfumazziata: tradotto con “sfumata” ma vuole rendere ancche l’annerirsi, l’affumicarsi della candela, man mano che si consuma. “Sfumata”, d’altra parte, ben rende, a mio parere, la gradualità di toni indistinti, colori indefiniti, tipici dell’imbrunire delle sere, che poi è il senso metaforico.

da Sarmenti Scattiati