Èrme

Umbri èrme

umbri e contadini
nascémme da le pietre
l dónca e la toletta
e l tempo era l cimento
e l pane la fatiga.
Raiche d’ulivo
de sta terra sciutta.
E case costruimme
n cima ai toppi
acòsto al cèlo
ch’era l nostro mare
coi strilli di rondoni
a navigallo.
Te lascio na torraccia
te lascio na torraccia e n campanile.
Te lascio na bastigna
e n’orazzióne
ti lascio tutt’i dó
per divozzióne.
 
ERAVAMO – Umbri eravamo/ umbri e contadini/ nascevamo dalle pietre/ con il dónca e la toletta/
e il tempo era il cemento/ e il pane la fatica./ Radici d’ulivo/ di
questa terra avara./ E case costruivamo/ in cima ai colli/ vicino al
cielo/ che era il nostro mare/ con le strida dei rondoni/ a navigarlo./
Ti lascio una torraccia/ ti lascio una torraccia e un campanile./ Ti
lascio una bestemmia/ e una preghiera/ te le lascio tutte e due/ per
devozione.