Poeti Del Parco

Poesia dalle Periferie del Mondo

A un passo dall’antro monno

‘No sbarbajo improviso… poi un chiarore se spanne tutt’introno e a mano a mano er sottofonno d’un parlà lontano scanza er silenzio senza fà rumore.   Se ferma er tempo che nun vo’ più córe ortre quer muro, fora da l’umano, do’ c’è la strada pe scoprì l’arcano che all’omo je scancella ogni dolore…   […]

Leggi di più…

Preghiera d’un marinaro

  O notte carma sopra de sto mare mare de pece inzino a lo sprofonno, dije a la luna de mannà giù a fonno fiotti d’argento quanno che t’appare.   Lì ce so’ quelli che nun cianno artare calati a picco immezzo ar finimonno, falli sortì!… perché loro nun ponno restà più senza le perzone […]

Leggi di più…

Chi vóle l’óve

U panaríedde a u vrazze e ll’óve nde la pagghie, Ndòneje Cheruzze a stagghie vórle nd’a vicche e cchiazze:   «L’óve, chi vóle l’òve!» Paròule chièine, tónne, che l’ajénghiene, o pònne, l’àreje fine a llu sòule.   CHI VUOLE UOVA – Il paniere al braccio / e le uova nella paglia, / Antonio Cheruzze senza […]

Leggi di più…

AIDS, la peste der dumila

Dice che le “cocotte” co li “ghei” spanneno un morbo… un fregno de “diesse” de Sodoma e Gomora, ma po’ esse? Che n’averà infettati?… cinque… sei!   Qua s’annisconne un antro “superesse” co li fantasmi de li “Mardocchèi” ma tutto fenirà ner “Panta rei” quanno ‘sto Papa smonta dar calesse.   Pò stà che serve […]

Leggi di più…

Cristo e Marxe

N’immagine de Cristo e dirimpetto quella de Marxe, come du’ fratelli, ognuno a modo suo, so’ du’ modelli de regola de vita e de concetto.   Li guardo mentre attaccheno er duetto su le croci, le farci e li martelli, la proprietà, le lotte e li sfracelli fra l’omo ricco e l’omo poveretto.   Sur […]

Leggi di più…

Funére

E ttíene la mastrije lu stafelére, ndréte ndréte véje, a llu ngènete lu munne, a lla mascíje   d’u uagnòune ch’aggire la róte, de le curle che spacche la paròule – lu vurle – quanne tire   cuddu spéje o cummitte legnòule trúene tràndele o cróne lambe e ttrúene de fúeche  abbúene abbúene o stracque […]

Leggi di più…

Vricce

Préte de mére, vriccia lònghe e ttónne, l’allisce aggiòcca ce allustrisce, c’all’úecchie mije ce appicce e nzacce s’è cchiú ttónne o jèje cchiú a ppónda lisce ma cèrte – assènza jónne – cchiú pprónde ce vé fficce    pe ll’úrte de nu càlece nd’u quagghie de la mòreje nd’u mmedudde la càlece che ngènne nd’la […]

Leggi di più…

Italian fast food

mezanöt e trì Da Salvatore S.r.l. di guzlon i sfa e’ bulôr d’asfelt la margherita d’plastica ins e’ piat di jeans stret e dal minigon cun j urcì int e’ bigul al s’ataca a la curdëla Vape dla barachina d’legn ch’la sfâma al vói un merci d’e’ pas strach a sghêr i pinsir dentar a […]

Leggi di più…

ROM (Read Only Memory)

…mo ind’a’andràla mai a finì la memoria di desch sbrislé ch’starloca e di dischet spaché o di su parent ch’i avnirà… a s’pirdaràla nenca lì coma cvéla di s-cen ch’i j à druvé drì de’ ziment giazé e’ bur insclì di tumben o a ngn’avanzaràl di pez (dal brisul di strez) par tânt che dura […]

Leggi di più…

Ansia

Quest’ansia di madre nella sua casa – a Fontanelle magra più della metà. Com’era bella col viso tondo di cipria profumata la scia.      Mangia una fetta biscottata      qualcosa – tirati su. Il ventre è gonfio di trafitture – non assorbe più. Le frecce di San Sebastiano com’è vero il mito cristiano. Ogni poro […]

Leggi di più…

Atropos

  Inutile mi provo. Quel filino di voce mi raggiunge annienta la mia voce.    Il tuo silenzio è la mia voce. Le gambe stente spezzano le mie. Affossano con te le mie forze                  nel fosso nel fosso    La sonda vaga impazzita cerca la stasi in te.    Ma Atropos stringe e costringe.    […]

Leggi di più…