‘Antichi giochi e giocattoli, conti e cante’ di Castel Madama

Il 6 gennaio 2010, alle ore 16,30, presso il salone baronale del castello Orsini a Castel Madama è stato presentato  il libro Antichi giochi e giocattoli, conti e cante di Castel Madama di Alessandro Moreschini, Ed. de Il Centauro, 2009. Poeta in lingua e nel dialetto di castellano, Alessandro Moreschini è nato a Castel Madama nel 1938 […]

Leggi di più…

Le annotazioni critiche sulla poesia dialettale di Pietro Civitareale

"Gli scritti raccolti in questo volume sono stati redatti dal 1978 al 2008". Esordisce con queste parole Pietro Civitareale nella breve premessa a questo prezioso volume di 128 pagine, edito da Cofine, 2009, il cui esplicativo sottotitolo è: Annotazioni critiche sulla poesia dialettale contemporanea. E prosegue: "Le motivazioni di queste pagine vanno ricercate in un sentimento elettivo […]

Leggi di più…

Franco Pinto: il personaggio e il poeta

Ho ascoltato per la prima volta Franco Pinto a Ischitella, mentre leggeva le sue poesie, nell’estate del 2009, ospite della rassegna “Garganoletteratura”, la settimana di manifestazioni gravitanti intorno ai premi nazionali di poesia dialettale “Ischitella-Pietro Giannone” e di narrativa “Città di Vico del Gargano-Sezione romanzi brevi”. Appariva quasi timido fra colleghi più noti e divulgati, […]

Leggi di più…

Lilia Slomp Ferrari: una poesia

Lilia Slomp Ferrari vive a Ravina di Trento. È vicepresidente del gruppo "Il cenacolo trentino di cultura dialettale" diretto da Elio Fox, e segretaria della "Pro Cultura" di Trento. Ha collaborato a trasmissioni radiotelevisive di emittenti regionali. Scrive sia in dialetto che in lingua italiana, e in entrambe le modalità ha conseguito riconoscimenti in più […]

Leggi di più…

Tretìppe e Martìdde di Vincenzo Mastropirro

E’ stato recentemente pubblicato la nuova opera poetica di Vincenzo Mastropirro, Tretìppe e Martìdde. Questo e quell’altro,  Roma, Giulio Perrone Editore – Divisione LAB, collana “Uranò”, 2009. Pubblichiamo qui di seguito una nota critica di Francesco Marotta e la prefazione di Luigi Metropoli   Nota critica Capita sempre più raramente di leggere testi di questo […]

Leggi di più…

Arivojo tutto

E’ inevitabile il confronto tra la poesia in lingua e quella in dialetto quando un poeta decide, ad un certo punto del suo lavoro, di dedicarsi alla seconda. Questo passaggio è il comune denominatore che ha segnato, alle volte con risultati straordinari, il farsi della poesia contemporanea in Italia. E in Maddalena Capalbi tutto questo […]

Leggi di più…

Passéte, di Francesco Granatiero: la maturità di un dialettale di grande valore

Il nuovo libro di Francesco Granatiero («La maturità di un dialettale di grande valore», recita la nota editoriale dell’ultima di copertina) è intitolato “Passéte”, parola dal duplice significato di “passata”, cioè traccia, orma, usta, e di “passato”, ossia memoria.  La intensa, penetrante e bellissima postfazione al libro porta la firma di Giovanni Tesio. Tesio con […]

Leggi di più…

Tunnicchje, un pastiche di farfalle

Pubblichiamo l’introduzione di Pier Mattia Tommasino a Tunnicchje. A poddele d’a Malonghe. Interpretazione lucana di Le avventure di Pinocchio, di Assunta Finiguerra, con illustrazioni di Francesco Mario Tumbiolo, LietoColle (Como, 2007), pag. 170, euro 23.00. Con Tunnicchje di Assunta Finiguerra, il “genere” della traduzione dialettale di Pinocchio assurge a dignità letteraria. Fin dagli anni Cinquanta, […]

Leggi di più…

Luminose macchie d’inchiostro

Riccardo Sgaramella, Macchje de gnostr, Poesie in vernacolo cerignolano, L’EDITRICE SRL, Cerignola, 2007  Macchje de gnostr è la seconda raccolta di poesia in dialetto di Riccardo Sgaramella, poeta dialettale di Cerignola in provincia di Foggia. Prima d’ora aveva a suo attivo un’altra raccolta uscita nel 1997 e ristampata nel 2006 dal titolo Tra Folk e […]

Leggi di più…

Le Disperse di Achille Serrao

Achille Serrao, Disperse, Albenga, I libri del Quartino, 2008. Immagini di Lia Zucconi. In trenta esemplari. Mi chiedo spesso – lo penso dentro di me – quanto enorme sia il lavoro attorno e dentro piccole, rare, pubblicazioni di poesia, come questa, curate in ogni dettaglio: la scelta attenta della carta, quella del carattere tipografico, il […]

Leggi di più…

Sanmartin di Giacomo Vit

In questa raccolta di poesie in friulano, un comune avvenimento (quel trasloco che capita a tutti di affrontare almeno una volta nella vita)  diventa una complessa esperienza su cui si innestano elementi personali, sociali e storici: lo stesso titolo si riferisce alla data dell’11 novembre quando nelle campagne, non solo friulane, scadevano i contratti di […]

Leggi di più…

I poetici crinali di Bianca Dorato

Dalla prima raccolta di poesie in dialetto piemontese, Tzantelèina (1984), a questa Signaj, che è la sesta, Bianca Dorato ha saputo mantenere una fedeltà tematica e stilistica inusuale che le ha consentito ogni volta di approfondire e precisare le impercettibili intersezioni tra il proprio mondo interiore e il paesaggio: quelle sue amate montagne, ripercorse infinite […]

Leggi di più…

Le traduzioni di un poeta

Maggiore applicazione e ricorso ad espedienti di varia natura devono aver richiesto le altre traduzioni, per la “resistenza” opposta dall’apparato lessicografico e di struttura poetica; le traduzioni da lingue straniere, in specie, ai cui originali il traduttore perviene attraverso una versione intermedia in italiano. Il lavoro sembra realizzare l’obiettivo: contribuire, con la riappropriazione di frammenti […]

Leggi di più…

Il neoromanesco di Tommasino

20 novembre 2006 – Si è parlato a ragione di neoromanesco a proposito della poesia di Pier Mattia Tommasino, il quale, in effetti, si allontana notevolmente dalla parlata del centro per creare una sua lingua periferica, originale nella sapiente utilizzazione del gergo giovanile e nel frequente apporto di conii personali (… na cornacchia / coll’occhi […]

Leggi di più…

Recensione di Fulvio Senardi a “Un altro Veneto”

UN ALTRO VENETO di Fulvio Senardi   Tra le rotte più suggestive della poesia novecentesca e contemporanea, quella che ha maggiormente portato a dilatare in Italia i confini del fare e i parametri di giudizio in tema di scrittura poetica, è stata l’esperienza dei “dialettali”. Compiutamente sdoganati a metà secolo, grazie soprattutto alla riflessione di […]

Leggi di più…