Angoli interni di Roberto Maggiani

La raccolta più recente di Roberto Maggiani, Angoli interni, parte dalla constatazione, sedimentata nel tempo e gravida di conseguenze, che a essere messa nell’angolo è la diceria circa il mandato del poeta a farsi guida. Messa nell’angolo, la poesia non rinuncia cionondimeno a ricercare, a esplorare campi di forze e luoghi di congiungimento e intersezione di […]

Leggi di più…

Crisi e Parola. Composizioni metroritmiche di Raffaello Utzeri

«Trasportare senso, liberarlo da una cattività babilonese che appare permanente, trasbordarlo oltre le cortine del fumo soporifero e mendace, spacciato, quest’ultimo, per “sentimento popolare”, è attività che pone chi la esercita in una condizione di passeur,  di chi organizza trasporti di clandestini oltre confine.»: ciò che ho affermato in riferimento al mio intendere l’esercizio della scrittura può, anzi […]

Leggi di più…

Tutti i suoni del mondo ne L’ora mora del giorno di Giuseppe Samperi

Se tutti i suoni del mondo entrano, si accalcano (talora brusìo, talaltra voci distinte e diverse) il poeta sa come disciplinarli, indirizzarli, dirigerli come un direttore d’orchestra gli strumenti. La parola è appiglio strenuo – utile/inutile fune di salvataggio da afferrare in punta, con saldezza, e allo stremo delle forze. In L’ora mora del giorno […]

Leggi di più…

Guglielmo Aprile “Il talento dell’equilibrista”

Guglielmo Aprile è nato a Napoli nel 1978. Attualmente vive e lavora a Verona. È autore di alcune raccolte di poesia, tra le quali “Il dio che vaga col vento” (Puntoacapo Editrice), “Nessun mattino sarà mai l’ultimo” (Zone), “L’assedio di Famagosta” (Lietocolle), “Calypso” (Oedipus); per la saggistica, ha collaborato con alcune riviste con studi su […]

Leggi di più…

La saggezza degli ubriachi di Stefano Vitali

La saggezza degli ubriachi di Stefano Vitali è libro scritto avendo ben presente un crescendo di innegabile effetto, sia dal punto di vista della resa poetica, sia dal punto di vista del legame con l’arte spirituale per eccellenza, la musica. Se, infatti, nelle prime sezioni, l’assunto – limpidamente dichiarato nei versi finali della seconda poesia della […]

Leggi di più…

Dalla parte del tempo di Sonia Giovannetti

Dalla parte del tempo di Sonia Giovannetti è un libro animato da “poesia e verità” nel senso goethiano dell’abbinamento, ché stare dalla parte del tempo è innanzitutto riconoscersi umani, precari e limitati per definizione. I perennemente assetati di bello e vero, tuttavia, sono i poeti – e il riferimento al celebre passaggio da L’idiota di Dostoevskij è armoniosamente […]

Leggi di più…

Il talento dell’equilibrista di Guglielmo Aprile

Il poeta equilibrista, funambolo sulla corda del disincanto, corda tesa consapevolmente oltre ogni immaginabile delimitazione, è sospeso, solo e a ‘ciglio asciutto’. Senza rete sulla pista del circo, sotto il tendone che chiamiamo mondo, rischia di schiantarsi nel vuoto delle etichette. Guglielmo Aprile corre questo rischio, rasenta la posa del nichilista, e – in questo […]

Leggi di più…

Evandro Marcolongo ed Antonio Di Jorio, due padri della canzone abruzzese

Evandro Marcolongo era il poeta, il musicista Antonio Di Jorio, entrambi atessani, amicissimi per la pelle, nonostante che il primo, essendo nato nel 1874, fosse più anziano del secondo, classe 1890. Il loro era un rapporto improntato ad una schiettezza senza riserve, talora piuttosto rude da parte di Antonio, spesso bonariamente canzonatoria da parte di […]

Leggi di più…

Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti

Con un dettato che ha nella chiarezza, nella capacità di raggiungere e colpire chi legge senza perdersi in giri tortuosi, i testi di Breve inventario di un’assenza si muovono tra i poli dell’evocazione del passato, espressa al tempo imperfetto, e della prefigurazione dell’avvenire, che appare, come è naturale aspettarsi, al tempo futuro. Il convitato di pietra dei […]

Leggi di più…

A capo scoperto di Maria Lanciotti

Maria Lanciotti, nata a Roma, vive a Velletri, ma la sua terra d’origine è Subiaco: per questo ha recuperato con passione quel dialetto, conseguendo notevoli risultati: Premio “Vincenzo Scarpellino” 2016 per inediti, vincitrice; Premio “Ischitella” 2017, finalista. Alterna la poesia alla sua professione di giornalista-pubblicista, per varie testate. Ha pubblicato: E dirti ancora, 2012; Giraceo, […]

Leggi di più…

Il lato basso del quadrato di Giuseppe Vetromile

Il lato basso del quadrato colpisce per la coerenza del dettato poetico con l’introduzione programmatica che l’autore, Giuseppe Vetromile, ha scritto come prefazione alla raccolta. Da tale continuità di intenti tra premesse teoriche e creazione poetica deriva una evidente organicità dell’insieme. Sia nello snodarsi dei testi, infatti, sia nella composizione di ogni singola poesia vengono […]

Leggi di più…

Seràie

[LUGLIO 2018] Seràie di Ivan Crico, opera vincitrice del Premio Città di Ischitella – Pietro Giannone 2018, poesie in arcaico-veneto "bisiàc", pp. 48, euro 12,00. ————————————– IL LIBRO                               Le motivazioni della Giuria: “I sorprendenti, convincenti ed esatti testi di Ivan Crico […]

Leggi di più…

Lo sguardo inverso di Maria Benedetta Cerro

Nell’omonima raccolta di Maria Benedetta Cerro, lo sguardo inverso è allo stesso tempo modalità di accesso alla materia poetica e capovolgimento intenzionale della visione. Lo sguardo inverso è lo sguardo dei ciechi e dei folli, come spiega l’autrice nella sua nota conclusiva, ed è lo sguardo, ancora, di coloro che rovesciano il modo usuale di vedere le cose e […]

Leggi di più…