Poeti Del Parco

Poesia dalle Periferie del Mondo

L’angelo

Tra tutte la più gradita è l’Angelo che sei il mio custode quattro versi concisi, in amicizia ma il custode e il custodito illumina custodisci reggi governa. Nessuna eco di morte – di raro capita in preghiera – nessun sobbalzo. Tutto corre al cielo su cuscini di piuma.    E forse ti beavi d’una pioggia […]

Leggi di più…

Brutto male

             Un brutto male Ti venga un canchero ci potrebbero ripensare. All’apparenza il corpo è uguale nei visceri la bestia conduce la battaglia. Con zampe pelose striscia risale gli organi si annida come aquila reale sulla cima. Azzanna con ventose e becco arcigno il pasto mai non basta sé rimpingua e il corpo si […]

Leggi di più…

Trebbiatura

 Se avessi potuto fuor di bara contemplare il tuo funerale con gli occhi smarriti di coniglia    – proprio a mezzogiorno      quand’è l’ora che le donne il pranzo – attonita, come di fronte a incomprensibile cosa, li avresti mandati tutti a casa   con quel gesto ampio e l’aria ne tremava con cui sciò […]

Leggi di più…

La folaga

La folaga dall’occhio cristallino accoccolata sul nido ormai vuoto specchiava montagne pastello e placide spiagge di rena.    Filtrava distratta controluce una rossa canoa che scivolava sull’acqua seminando pagaiate. Balzò sul guizzo del pesce    improvviso fuor d’acqua col becco appuntito e tagliente la folaga dall’occhio cristallino che specchiava montagne pastello    e placide spiagge […]

Leggi di più…

Marea

La donna criniera di malva e occhi di bestia appassita scavò sulla sabbia una buca e attese l’aurora   L’aurora si spalma nel cielo e appena il tepore si stende ragazzo con occhi invasivi affondò nella buca   La donna col corpo appassito e occhi colore di malva saltò nella buca di sabbia felino agitato […]

Leggi di più…

Li tedesche. L’otte settembre

Mo che succede?… Suone de campane, la gente che s’abbracce a ogni puntone, nse cunosce e se basce. L’armistizie! E’ finite la guerre. Revé fijjeme alla case. Addavere? Chi l’ha ditte? E mo che s’ha da fa? Nghi li Tedesche o nghe li Merecane?… La matine appresse, va pe l’arie na squadrijje de bumbardiere. Embé, […]

Leggi di più…

da Arie de la vecchiaie

 «A ti che vu sapèje cheste frasette fine…» (Nonne sta ascise allóche accante allu camine.) «… p’ammentà le canzune pe’ fà sentì alla gente…» (Se sente pe la cappe n’azzunejà de viente.) «… ecche na bella cose che m’haje recurdate…» (La cose tra la vampe s’è belle che scriate.) «A te che vuoi sapere / […]

Leggi di più…

(E camine camine)

E camine camine ‘mmezz’a chesta restóppela puntute, e chiù nen te recuorde (tiempe luntane, dope nu mese appene), tra lu grane, sott’a chel’ora calle, i fiuritte turchine, tutte na seta gialle, lu papambre che adoppie piane piane. E cammini cammini / in mezzo a questa stoppia che ti graffia, / e più non ti ricordi […]

Leggi di più…

da La scàzzeca

La terra de lu grane fatte aspetta, schiarita da jurnata appena nata: ure de grane i rose de ju sole se mmìschiane a ji lèmpe de sarrècchie, a l’aria ancora fresca de mmatina che se strascina l’alma de la notte nzieme a na trina tìnnera de sunne, a la voce de cìtele affamate. Crìcchiane le […]

Leggi di più…

Ma quande jesce la lìune

 La notte è nu mìure arrete a èutre mìure. Chiù nen vanne a rabbéure i cavejje alle funtane i manche na véuce se sente sperze pe’ la campagne.   Ma quande jesce la lìune se scataste ju préime mìure i n’àutre i n’àutr’anchéure.   Alléure ju lebbre cale a pasce pe’ le pràtere i ogni […]

Leggi di più…

Sprefunnà tra le piume

Sopr’a i vetre la lìune ha stéise na stréisce de lìuce, ha recamate i mìure de suttéile féile d’argiente.   Sprefunnà tra le piume nàire de ju suonne, nn’avé paìure de l’ombre, de i jéile lunghe de ju mmierne. Sprofondare tra le piume – Sui vetri la luna / ha steso una striscia / di […]

Leggi di più…

Ju giardéine

Chenosce nu giardéine luntane da ogne remméure.   Du’ féile de piante, nu ragge ncantate de sole nu cierchie d’ore, tre farfalle che vòlene.   Come nu ciejje annascuoste dentr’all’ombra maje, uarde ju munne de fore, come dentr’a na vetréine.   Il giardino – Conosco un giardino / lontano da ogni rumore. // Due filari […]

Leggi di più…

Sógne trùvele d’amore

Sógne. Limòsene de sógne a notte colma. Sule, sénza cchiù la porta ’lle vulìje; ddó m’aspettive tu, lampe de ggioia, de fantascìje carnale; chempagna de piacére i sfoghe de passione; ventre de respire i spàsime d’amore. Sénza ti, sò pòlline sperdute, addó va i vénte… a i prate nnaridite, a lle maggese secche, a i […]

Leggi di più…

La vije pi’ ll’eterne

Surriente bbianche latte entr’a la notte, cristalle chiare chi la mente spanne pi’ luntananze duce e ‘mmaculate, cristalle come n’acque senza fonne.   È pròvile di stelle ‘m prucissione o alme scite da lu prihadòrie ch’arranghe ‘n ginucchiune ‘m paradise? È luce che ci-avvise e chi ci-ambare la vija ggiuste pi’ la vite eterne? Zi […]

Leggi di più…