POETI PER ISCHITELLA – 39 – Franco Trequadrini

 

FRANCO TREQUADRINI

(Dialetto abruzzese)

 

 

LA PAPOSCIA

 

Vulesse risentì massera j’addore de la paposcia

che è come j’addore de lo pa’ dell’Aquila mè.

L’Aquila bbella mè se n’è jita, ’nci sta cchiune,

se n’è calata come ju presepe

se ci jetti nu macignu: ji muri fatti a pezzi,

le renghière de ji balcù ’mmezz’a lla straji,

la torre da San Birnardinu sbreccata e tajiata,

e Ssanta Maria Paganica puro, qua e là

qualche pezzu d’affrescu e di crucefissu,

come ji brelocchi de la morte.

’Nge vojio penzà, sole me facesse ’bbene

magnamme na paposcia co’ voi,

su chela bbella piazza ’ddo cala ju sòle,

de notte, dopo la premiaziò.

Me ricordo na ote che a mmezzanotte

S’è levò n’acqua a vendu, ’nu scrosciò

E nu friddu che mme parea de sta all’Aquila

E dicette “ma po’ esse che nun me pozzo parà pe ju friddu?”.

Se tenesse voce vulesse candà na canzone pe la paposcia

e pe chi l’ha ’nventata, e pe’ Ischitella

che te ’lla offre co’ tuttu ju core.

Vulesse sta su ’cche la piazza massera

co’ ji’amici me’ che sète vu,

a parlè de puisìa e magnà paposcia,

picchè la puisìa e spiranza, e l’amicizia pure.

Ma pinzète nu mumentu pure all’Aquila bbella mè,

ddo mo’ se cammina pe ju curzu e ji Quattro Cantò

zitti zitti, come se stesse a campesantu,

l’unica cosa che strilla e spacca ju core

è ju dolore, pe’ ji quatrani nostri che ’nce

[stanno cchiù,

pe’ jii vicoli e ji chiassetti arricoperti de macerie,

e candatela vù, che tenete la vocia bbona

na canzone pe’ l’Aquila bbella mè.

 

LA PAPOSCIA – Vorrei risentire stasera il profumo della paposcia. / che è come l’odore del pane dell’Aquila bella mia. / L’Aquila bella mia se n’è andata, non c’è più, / è crollata come il presepe / se ci getti un macigno: i muri fatti a pezzi, / le ringhiere dei balconi in mezzo alla strada, / la torre di San

Bernardino sbreccata e tagliata, / e Santa Maria Paganica pure, qua e là / qualche pezzo di affresco e di crocefisso, / come i pendantif della morte. / Non ci voglio pensare, solo mi farebbe bene / mangiarmi una paposcia insieme a voi, / su quella bella piazza dove tramonta il sole, / di notte, dopo

la premiazione. / Mi ricordo che una volta a mezzanotte / Un’acqua a vento, uno scroscione / e un freddo che mi sembrava di stare all’Aquila / E dissi “ma può essere che non mi posso parare dal freddo?” / Se avessi voce mi piacerebbe cantare una canzone per la paposcia, / e per chi l’ha inventata, e per Ischitella / che te la offre con tutto il cuore. / Vorrei stare su quella piazza, stasera, / con i miei amici che siete voi, / a parlare di poesia e mangiare paposcia, / perché la poesia è speranza, e l’amicizia pure. / Ma pensate un momento pure all’Aquila bella mia, / dove adesso si cammina per il Corso

e per i Quattro Cantoni / zitti zitti, come se si stesse a Camposanto, / l’unica cosa che strilla e spacca il cuore / è il dolore, per i ragazzi nostri che non ci sono più, / per i vicoli e i chiassetti ricoperti di macerie, / e cantatela voi, che avete voce buona, / una canzone

 

 

FRANCO TREQUADRINI. Nato a Città Sant’Angelo (PE) è stato professore ordinario di Letteratura per l’Infanzia e Preside del Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria nell’Università dell’Aquila. Ha scritto poesie in dialetto di Francavilla di Pescara e in italiano. Il 27 novembre 2013, stroncato da una fulminea crisi cardiaca, è morto a sessantotto anni nella sua casa a Castel Gandolfo (RM), dove si era stabilito dopo il terremoto del 6 aprile 2009. Nel 1985 diede vita alla cattedra di Storia della letteratura per l’infanzia, che ben presto divenne un punto di riferimento in Italia. Nel 2005 divenne preside della facoltà di Scienze della formazione. Era riconosciuto come uno dei più autorevoli esperti in materia di fiaba, poesia e teatro per ragazzi. Impegnato anche nella critica letteraria, alla quale diede numerosi contributi. Pubblicò saggi come Letteratura come rimpianto e come nostalgia, Il libro e il bambino ribelle, Invito alla fantasia.

In sua memoria è stato istituito un Premio  a lui intitolato che consiste nella Pubblicazione di una tesi sulla Letteratura per l’infanzia, riservato ai laureati che abbiano presentato una tesi sul tema. La tesi vincitrice viene pubblicata dalla casa editrice Secop di Corato (BA). Il Premio “Franco Trequadrini” è organizzato d’intesa con l’Università dell’Aquila e con il Comune di Villalago (L’Aquila). Hanno aderito dal 2016, in qualità di enti organizzatori, L’Ufficio Scolastico Regionale per l’Abruzzo e l’Associazione Italiana Maestri Cattolici

 

 

 

da 43 Poeti per ischitella, a cura di Vincenzo Luciani, Introduzione  di Rino Caputo, pp. 72, illustrazioni, euro 15,00

 

Info sul libro:

https://poetidelparco.it/43-poeti-per-ischitella/?fbclid=IwAR3vPdx1DEscy7pGwKURPmOtxFUm4LtoHWeZUOT2tiYmM0eX5T0JqTDbi8M