POETI PER ISCHITELLA – 38 – Giuseppe Tirotto

 

GIUSEPPE TIROTTO

(Dialetto sardo)

 

UN SONNIU CANDIDU

 

A Ischitella

Da luntanu pari una ghjunta

di nevi ismintigadda

i l’argentu di l’alivi, basgiaddu

e invicchjaddu dall’alenu azzurru

chi s’allonga da mari.

M’appena drentu, t’imbaglia

la candida geometria di li carreri

la nudidai di li scalini orfani di rasgionu,

la rugghjna di li puggioli

araddaddi da lu tempu, lu silenziu

appiciggaddu cumente fummagaddu

i li muri, ed è subiddu maìa.

Si scioglini pa’ l’anima prufummi

imprisgiunaddi,

l’affanni di piccinni curriddi

ad un alenu, li rurrù d’umanidai,

lu zucchittà di l’aini i l’impiddraddu,

la nostalgia di un cori innammuraddu.

Matessi rumori, matessi

prufummi, matessi sinsazioni

di lu me’ antiggu paesi abbandunaddu

chi all’incuntrariu allenani

la miridiana di lu tempu, e ca’ sa

cos’altru ancora, intantu chi una culora

di foggu carigna lu mari e mori

in trinigori d’isuli luntani.

(Castelsardo, SS, 2006)

 

UN MIRAGGIO CANDIDO – Di lontano pare una manciata / di neve scordata / nell’argento degli ulivi, baciato / ed invecchiato dall’alito azzurro / che s’allunga da mare. // Ma appena dentro, t’abbaglia / la candida geometria delle viuzze, / la nudità dei gradini orfani di chiacchiere, / la ruggine dei poggioli / incrostati dal tempo, il silenzio / rappreso come fuliggine / sui muri, ed è subito magia. / Si sciolgono per l’anima profumi / imprigionati, / affanni di fanciulle corse / a perdifiato, tramestii d’umanità, / ticchettii di asini sull’acciottolato, / la nostalgia di un cuore innamorato. // Stessi rumori, stessi / odori, stesse sensazioni / del materno borgo abbandonato / che all’incontrario smuovono / la meridiana del tempo, e chissà / cos’altro ancora, intanto che una serpe / di fuoco accarezza il mare e

muore / in tremiti d’isole lontane.

 

 

GIUSEPPE TIROTTO. Nato a Castelsardo nel 1954 è uno scrittore e poeta che utilizza spesso il sassarese nella sua variante castellanese. Pur avendo cominciato a pubblicare quasi esclusivamente romanzi, anche in italiano, nasce artisticamente come poeta dialettale. Ha pubblicato: Lu bastimentu di li sogni di sciumma, 1997, L’umbra di lu soli, 2001, Cumenti òru di nèuli, 2002, La rena dopo la risacca, 2004, La forma di l’anima, 2004, Agra terra (traduzione di “L’umbra di lu soli”), 2005, Lu basgiu di la luna matrona, 2007, Lu casa e la chisura, 2008, E semmu andaddi cantendi…, 2012, Cumentisisia t’avaràgghju amà, 2013.

 

 

Scheda con poesie e video di Ischitella 2006

https://poetidelparco.it/giuseppe-tirotto/

 

 

da 43 Poeti per Ischitella, a cura di Vincenzo Luciani, Introduzione  di Rino Caputo, pp. 72, illustrazioni, euro 15,00

 

Info sul libro:

https://poetidelparco.it/43-poeti-per-ischitella/?fbclid=IwAR3vPdx1DEscy7pGwKURPmOtxFUm4LtoHWeZUOT2tiYmM0eX5T0JqTDbi8M