Pezzecatìdde. Le “briciole” di Vincenzo Mastropirro

Recensione di Maria Gabriella Canfarelli

 

Da uno guardo empatico puntato sulla storia di un microcosmo prossimo, circoscritto a un luogo intimo nasce e si leva la voce di Vincenzo Mastropirro, poeta riconosciuto tra i più originali della poesia dialettale contemporanea, che con la silloge Pezzecatìdde (Briciole, Cofine 2019) in dialetto di Ruvo di Puglia, ha vinto la XVI edizione del Premio nazionale di poesia in dialetto “Città di Ischitella-Pietro Giannone” 2019.

Da una testualità asciutta e meditata, per scorci o particelle di una realtà che è di tutti noi che siamo niue e avaste/niue e u timbe de nu muzzeche (noi e basta / noi e il tempo di un morso), nasce l’intreccio di temi antichi e contemporanei, intreccio di cui fanno parte la Natura e l’umanità (la vita in accezione di armonia, equilibrio, stupore, rispetto), e gli elementi e le piccole inanimate cose, gli oggetti minimi d’uso quotidiano (il macinino da caffè, trita ossa di uomini, il barattolo dei pomodori) assurti a emblema della condizione umana: ’Nzime au buatte /de pemedore sott-ugghje/stè u guste du fridde./ Le pemedore seccote au saule d’aguste/’nzaperìéscene u muzzeche de pone/e aggiuòvene quanne vène la naive.//(…)/(…)// Duoppe t’avaste assaliute nu vose/ nu abbrazze de ce te vole ’bbène/e u core s’arrecriáisce pe’ la vèite/…po’ me so descetòte e nan so acchjòte/né pemedore seccote, né naive, (…)/né vose, né abbrazze e manghe a taiche (Insieme al barattolo / dei pomodori sott’olio / sta il gusto del freddo. // I pomodori secchi al sole d’agosto / insaporiscono il pezzo di pane / e giovano quando viene la neve. //(…)/(…)// Dopo ti basta solo un bacio / un abbraccio di chi ti vuol bene / e il cuore si rigenera per la vita. // …poi mi sono svegliato e non ho trovato / né pomodori secchi, né neve, (…)// né baci, né abbracci e neanche te).

Il tempo appare sospeso tra il ‘qui e ora’ e il ricordo del ruolo educativo-affettivo della cerchia familiare, della felicità infantile di fronte al mare calmo, dell’amorosa  gratitudine nei confronti di un padre: e la meravigghje s’apràje’mbacce/u prisce nuste ère tutte u nuste/ed èje le velaje ’bbène pe’ chìésse (e lo stupore si apriva nei volti / la nostra felicità era tutta nostra / e io lo amavo per questo). Il rapporto con il mare-padre è di tipo emozionale, di rispetto e timore tanto più quando esso è agitato e nan sope manghe idde peccè/vè ’nanze e rète cume nu lèone/sestiuse cume so’ èje da-mooo/e nan sacce cchjue cu ci parlò/ nan sacce cchjue cu ci arragiunò. (non sa neanche lui perché / va avanti e indietro come un leone / nervoso come sono io da un pezzo / e non so più con chi parlare / non so più con chi ragionare); o quando, arrabbiato e schiumante, il mare te maine appìrsse astaime (ti getta appresso bestemmie). La ruvida sacralità della natura in tutte le sue manifestazioni è qui celebrata da una scrittura che scorre sul binario del respiro, del battito vitale: con misurata lentezza, con un ritmo che contempla e registra il mutamento ciclico di nuove e vecchie apparizioni, con un codice espressivo vigoroso e sdegnato laddove la noncuranza umana è tale da offendere o violare la bellezza ricevuta, Mastropirro ribadisce nei suoi versi il dovere di rispettare la naturale armonia, la lentezza necessaria per meglio assaporare stupori nuovi o antichi seguendo il passo naturale del timbe ca ’nge vole/pe’ vedaje crìésce na gammìétte/nu timbe lunghe cchjù de na vita/(…) ca fosce crìésce paravèise/ timbe de saule, (…)//’nge vole nu fugghje de carte bullote/scritte saupe a re nudde da umene de nudde/pe’ fo nasce ’mbirne inde u paravèise/(…)/umene ca sapene assalìute u guste de la muorte (il tempo che ci vuole / per vedere crescere un albero d’ulivo / un tempo lungo più di una vita / (…) che fa crescere paradisi / tempo di sole, (…)// ci vuole un foglio di carta bollata / scritta sul niente da uomini di niente /per fare nascere inferni nel paradiso / (…)/ uomini che conoscono solo il gusto della morte).

Lo sa bene anche la luna che guarda dall’alto, a distanza s’affacce e vaite cause mè viste/storce u nose (s’affaccia e vede cose mai viste/storce il naso) e da lassù, come talvolta il mare, s’agita, si indigna, manda bestemmie all’indirizzo dei ladri di bellezza.

 

Maria Gabriella Canfarelli

 

Vincenzo Mastropirro (1960), flautista, compositore, poeta, insegnante, ha pubblicato in poesia Nudosceno (LietoColle, 2007); Tretippe e Martidde / Questo e Quest’altro (G. PerroneLab, Roma 2009, ampliata e ripubblicata presso SECOP, 2015); Poésìa sparse e sparpagghiote/ Poesia sparsa e sparpagliata (CFR, 2013); Timbe-condra-timbe / tempo-contro-tempo (puntoacapo, 2016); Notturni (Terre Sommerse,2017); Sud…ario (SECOP, Corato 2019). . Ha collaborato con Alda Merini, Vittorino Curci e Anna Maria Farabbi musicando i loro versi. Ha vinto e ricevuto molti riconoscimenti, tra cui il Premio Lerici Pea 2015, Sez. poesia in dialetto “Paolo Bertolani”; 1° premio Poesia Mezzago Arte, Milano 2007, sez. dialetto; 1° Premio Massa Città Fiabesca VI edizione, sez. dialetto 2012; 1° Premio Poesia Onesta, silloge in dialetto Notturni masticati, Falconara Marittima, 2016; 1° Premio Profumi di Poesia di Sant’Elena Sannita, 2018; 1° Premio Sez. Videopoesia, col video Niño – i bambini sono Premio Don Luigi Di Liegro, Roma 2016; finalista/vincitore Premio Letterario Città di Galbiate, 2018. Ha inciso oltre venti CD musicali col Trio Giuliani e col Mastropirro Ermitage Ensemble e ha suonato per importanti teatri e sale concertistiche in Italia e all’estero. Compare in numerose antologie e blog letterari.

 

 

13 novembre 2019