I parivèn gossi d’aqua e asè

Da Sicuterat (Così era e sarà)

 

 

I parivèn gossi d’aqua e asê

al paroli chi pasevèn da i òc

a la bocca e is piantevèn a tanàia

in di pinsèr: MOBILITA’: a cà!

 

E l’èra cme avèr ‘na brèsa in dal
man

cla-t bruseva  la vôia di tò an

e d’èser n’òm cun la fèvra in di
dè.

 

La sitê l’èra dvintèda ‘n spèc

e ‘na vedrèina vòda,

mè am sintìva d’èser ‘na vecìa
ròda:

e a gò sòl sinquant’an.

 

 

Sembravano
gocce d’acqua e aceto / le parole che passavano dagli occhi / alla bocca e si
conficcavano a tenaglia / nei pensieri: MOBILITA’: a casa! // Ed era come avere
una brace nelle mani / che ti bruciava la voglia dei tuoi anni / e d’essere
uomo con la febbre dei giorni./ / La città era diventata uno specchio / una
vetrina vuota, / io mi sentivo d’essere una vecchia ruota / e ho solo cinquant’anni.