Ribbelle di Maddalena Capalbi

Recensione e scelta di poesie di Maurizio Rossi

Maddalena Capalbi nata a Roma, vive a Milano dal 1973. La sua opera prima è stata Fluttuazioni (2005) e alcuni testi sono stati tradotti in lingua slovena da Jolka Milic. È seguita Olio (2007), nel 2008 Sapevo, con pastello di Nevia Gregorovich, e Il giardino di carta, stampato dal laboratorio grafico ‘Fil de Fer’ Freedom Coop. Nel 2009 ha pubblicato Arivojo tutto, poesie in dialetto romanesco e alcuni testi sono stati inseriti nell’antologia Prova d’orchestra, curata da Guido Oldani. Nel 2011 ha pubblicato Nessuno sa quando il lupo sbrana, raccolta che si è classificata al terzo posto nel concorso Guido Gozzano 2013. Nel 2015 la pubblicazione di Testa rasata. segnalata nel premio Ponte di Legno 2015 e premio Montano 2015. Il testo ‘Imploratio‘ è stato musicato dal Maestro Luigi Donorà. Ha collaborato con Giuliano Turone, responsabile del sito Dante Poliglotta, traducendo in dialetto romanesco alcune terzine tratte dal I e V canto dell’Inferno. È redattrice della rivista culturale “Qui libri” (La Vita Felice). Dal 2005 coordina il laboratorio di scrittura creativa presso la II Casa di Reclusione di Bollate curandone ogni anno le antologie poetiche.

“Il romanesco lo ha scelto come lingua della poesia e non come da sempre viene considerato, lin- gua della realtà perché parlato dalla gente. Non si è rifugiata nel ‘classico’ … Capalbi è riuscita nell’impresa di unire il ‘classico’ a un dialetto più ‘moderno’ salvando però in molte poesie il gusto per l’invettiva e la battuta sagace e popolaresca.” Così Paolo Barbieri nella prefazione alla raccolta. E la Capalbi“…hai capito male/ bello mio,/ stavòrta senza pavura/ m’aribbello/ e te sottero io.” Potrebbe essere una risposta “ribbelle”, a sottolineare l’essere contro persino schemi e definizioni; in questi versi ci sta tutta la ribellione dell’Autrice , il suo spirito e il suo linguaggio poetico, che del romanesco conserva la “farfanteria” e il suono, pur senza ricorrere alla forma classica del sonetto o dello stornello.

Limitandoci all’ambiente romano e romanesco, il Belli ci ha consegnato un’immagine non certo positiva della donna, che Trilussa cerca di ingentilire, pur lasciandola di fatto nella stessa condizione sociale; dobbiamo ascoltare donne come la Magnani, per trovare quella “ribbellione” che cozza contro il maschilismo e il perbenismo e, pur sconfitta, conserva la sua coscienza e il suo spirito, che si libereranno nel movimento femminista.

E in questa direzione mi sembra si collochi la Capalbi, senza volerla etichettare; sembra evidente che abbia scelto la Poesia e quella dialettale per esprimere il suo dissenso “…Aripijate ’n tempo bello mio,/ nun fà er somaro/ che a forza de cascà te fai mette er laccio ar collo/ e beve de niscosto latte amaro.” Guai a non ribellarsi! Si finisce per nascondersi per sopravvivere. E ancora “Er monno!/ Er monno st’annà a rotoli e semo tutti monnezza/ manco l’ombre de li morti/ abbastano pe coprì la fanga andove/ sverti sverti avemo sotterato/ l’arme luccichente de la secca.”Anche i tanti morti sono inutili, quando si nasconde nel fango, nella corruzione, il dramma e il potere della morte stessa; allora occorre liberare la voce e essere sempre affamati di giustizia e di libertà “Dovete da esse linguesciòrte e avecce er male de la lupa/ pe fà l’inferno.” E basta a volte che una lama di luce apra il cuore, per far uscire insieme al grido le intenzioni: il rivelarsi è spesso doloroso, è una ferita, non sempre si è capiti e molto raramente accettati. “Ma sta guera è solo mia e…/ nun se frega er santaro.” anzi quasi sempre si è lasciati soli.

La Capalbi sceglie di vivere da “ribbelle” anche nell’amore, dove si è più fragili e per questo si rischia di essere abbandonata, “abbraccicata/ a sta malinconia”… “e cor dolore de vedè/ l’amore spampanasse.”;  ma questa ribbellione, più che atteggiamento, è modo d’essere e di pensare; più che rifiuto – e questo chiariscono le poesie d’amore – è avvicinarsi guardingo, lasciarsi andare con la consapevolezza del rischio, “peccato che quanno me sò aripresa/ da l’abbiocco, te n’eri annato/ lassannome da sola come ’n fagotto.”

Il Romanesco dell’Autrice, che si conferma testimone dei dialetti d’Italia e del Romanesco in particolare – indipendentemente  dal luogo in cui attualmente vive – è moderno anche nella scelta di vocaboli nuovi o inconsueti, come benvorzuto: benvoluto; pappolari: persone che raccontano fandonie; ciaricorderorno: ci ricorderanno… Ma ancor di più è la costruzione del verso e l’architettura della poesia che rende attuale e “integrato” il dialetto, senza cedere a evidenti contaminazioni di altri luoghi o lingue, in un dialogo fluido e confidenziale con sé e con il lettore. Gli argomenti non sono nuovi – e di che dovremmo discutere, se non di noi e del mondo che va a rotoli? – ma è nuovo lo stile e personalissima la voce. E quel che più conta, nella ribellione e nella lotta, resta viva la speranza.

 

Maddalena Capalbi, Ribbelle, Edizioni del Verri, Milano, 2018

 

 

 

Er fiato profumato

 

Nun fai che masticà la secca

li barberi sò arivati

e t’hanno sfranto er grugno

nun abbasta sborgnàsse

p’ arimedià un cinico de onore,

fiònnate

sàrvate e ariccoj

sti zìngheri anniscòsti,

accusì potrai riavè er còre

de profumatte er fiato.

 

 

L’amore mio te ama

 

Te piasse ’n bene

che devo da fà pe’ nun patì

ste pene

ce lo sò è ’na follia

vorrebbe girà li tacchi e scappà via

perdona st’amore appena nato

nu’ cià raggione

né sarvezza e je manca

puro la riservatezza.

Me dicheno che so’ fregnona?

E’ tutta invidia de chi nu’ ama mai

e stanno a giudicà quello che fai,

però te voijo dì ’na cosa:

l’amore mio te ama e ce lo sai

nu’ canzonà sto core

fà capoccèlla

abbasta na’ carezza pe’ sarvà l’onore

e famme sentì, pari a ’na stella.

 

 

Libbera

 

L’inzogno de stanotte

è stato n’incubo:

cassatine siciliane ner gabbarè

montagne

er prato pareva sputà verde

perché sempre fracico,

drento ar sacchetto de prastica

c’ereno scarpe allustrate

er velo de la sóra sposa

e la vesta luccichente,

piagnevo eccome piagnevo,

allora debbotto

me sò aritrovata co l’occhi operti

e cor dolore de vedè

l’amore spampanasse.

Ma sta guera è solo mia e…

nun se frega er santaro.

 

 

La stilettata

 

Da li vetri de la cammera

’na luce

come ’na stillettata

svìcola

e ariva drento ar petto,

dar bucio s’ariccoje

quelo che nun hai

ariccontato mai.

 

 

C’era ’na vorta

 

’Gni sera a na cert’ora

su pe “Vicolo delle Palle”

stracicannose le cianche

n’ometto comincia

a baccajà co la luna:

“Ma che voi da me perché

m’arincori sempre?

Nun l’hai capito che nun te vojo vede

e che nun me importa gnente?

Nannarè sorti fora, nun dimme capoccione,

nun vedi ‘cosa’ quanto ròppe er chiccherone?”

“A Cencetto viè su casa,

ma siconno te pò sloggià la luna

co la maggia de ’na fata?

Puro stasera ’na lallera te sei abbottato,

nun baccajà, er vino te fà stà così accorato!

La luna è ’na ciovetta ce prova, fa capoccella…

dai venghi a dormì – sbrighete –

sinnò te sfregno co ’na ciafrella!”

 

 

 

Maurizio Rossi

 

 

Pubblicato il 25 gennaio 2019