Poesia di Fabio Franzin per Lorenzo Parelli

Riceviamo e pubblichiamo, con il suo consenso, condividendone in pieno i contenuti questa poesia di Fabio Franzin per Lorenzo Parelli.

Lorenzo Parelli 18 anni, allievo della 4a meccanica industriale all’istituto Bearzi di Udine, è morto alle 14.30 del 21 gennaio 2022, nell’ultimo giorno di stage gratuito, schiacciato da una putrella d’acciaio all’interno della Burimec di Lauzacco di Pavia di Udine

 

 

 

 

Co’a stessa franza scura

 

                                                          Per Lorenzo Parelli

 

Te ‘vea su el casco, ‘ò lèt

tii giornài; istèss no l’é bastà

co’ chea putrèa de fèro

te ‘a ‘rivà tea testa, là

sot el caroponte 12648.

 

Poro Lorenzo, pori nostri

fiòi tornàdhi mandàr

al massacro a gratis

un sècoeo dopo, drento

fabriche, cantieri, oficìne,

fra trincee de scafài,

postazhión de machinari

drio i reparti, ‘e armadhùre.

 

Te ‘à ‘a stessa età de mé fiòl,

‘i stessi òci bisi, tea foto,

‘a stessa franza scura sora

‘a front (quea che tignè

butàdha in vanti, a cop,

come a ‘scónderve da ‘sto

tenpo can. Nianca quea

te ‘a salvà). Anca mé fiòl

l’à fat un de ‘sti stèig

scuòea-lavoro (un mese

intièro te un  magazìn

de logistica, in istà,

fra bancài e mùeti,

caldo, camii e osàdhe.

Nianca un cafè i ghe ‘à

pagà, nianca ‘na cocacòea).

 

E mì ‘dèss lo urle, te ‘ste

paròe che scrive prima

del mé turno te un de ‘sti

posti senza pì ànema,

miràndo te un de ‘sti

posti de sfrutamento

 

‘i schèi che no’ ghe dé

a ‘sti fiòi, chea mancia

che saràe giusto darghe,

che sparagné pai vostri

suv, pae vostre pissine,

i sia màedeti, màedeto

el vostro èsser despiasudhi,

‘dèss – pì pae rogne

che ve speta, che pa’a

tó vita zovane, Lorenzo -,

i ‘é maciàdhi de sangue,

i spuzha de carogna.

 

‘Dèss resta ‘e tó ròbe

sequestràdhe pa’ l’inchiesta:

‘a tuta blè da operaio

(dea tó scuòea, nianca

del parón – sparagnà

anca quea), guanti,

scarpe, ociài. Resta

i tó sogni strazhàdhi,

drento chel capanón,

e un doeór duro, par tuti.

 

 

 

Con la stessa frangia scura – Indossavi il caschetto, ho letto / nei giornali, però non ti ha protetto / quando quella putrella di ferro / ti ha colpito nella testa, là, / sotto il carroponte 12648. //  Povero Lorenzo, poveri nostri / figli mandati di nuovo / al massacro gratis / un secolo dopo, dentro / fabbriche, cantieri,officine, / fra trincee di scaffali, / postazioni di macchinari / lungo i reparti, i ponteggi. // Hai la stessa età di mio figlio, / gli stessi occhi bigi, nella foto, / la stessa frangia scura sopra / la fronte (quella che portate / pettinata in avanti, a tegola, / come per celarvi a questo tempo / cane. Neanche quella / ti ha salvato. Anche mio figlio / ha fatto uno di questi stage / scuola-lavoro (un mese / intero in un magazzino / di logistica, in estate, / fra bancali e muletti, / caldo, camion e grida. Neanche un caffè gli hanno / offerto, neanche una coca-cola). // E io ora lo urlo, con queste / parole che scrivo prima / del mio turno in uno di questi / luoghi privati dell’anima, / mirando verso uno di questi / posti di sfruttamento // i soldi che non date / a questi ragazzi, quella mancia / che sarebbe giusto riconoscergli, / che risparmiate per i vostri suv, / le vostre piscine / siano maledetti, maledetto / il vostro dispiacere, adesso – più per le rogne / che vi aspettano che per la / tua giovane vita, Lorenzo -, / sono macchiati di sangue, / puzzano di carogna. // Ora restano le tue cose / sequestrate per l’inchiesta: / la tuta blu da operaio / (della tua scuola, neanche / del padrone – risparmiata / anche quella), guanti, / scarpe, occhiali. Restano / i tuoi sogni infranti, / dentro quel capannone, / e un dolore duro, per tutti.

 

 

 

Fabio Franzin (Milano, 25 marzo 1963) è apprezzato principalmente per la sua produzione nel dialetto trevigiano parlato nell’area compresa tra Oderzo e Motta di Livenza, località nella quale Franzin vive. Questo dialetto è da lui definito «pastoso e terragno, dalle ampie legature vocali». E’ redattore della rivista di civiltà poetiche «Smerilliana». Ha pubblicato le seguenti opere di poesia: Il groviglio delle virgole, 2005; Pare (padre), 2006; Mus.cio e roe (Muschio e spine)Le voci della luna, 2007; Fabrica, 2009; Rosario de siénzhi (Rosario di silenzi – Rožni venec iz tišine), 2010, edizione trilingue con traduzione in sloveno di Marko Kravos; Siénzhio e orazhión (Silenzio e preghiera), 2010; Co’e man monche (Con le mani mozzate), 2011; Canti dell’offesa, 2011; Margini e rive, 2012; Bestie e stranbi, (I poeti di Smerilliana), 2013; Fabrica e altre poesie, 2013; Sesti/Gesti, 2015; Erba e aria, 2017; Corpo dea realtà/Corpo della realtà, 2019;  ’A fabrica ribandonàdha (La fabbrica abbandonata). È stato premiato per numerose sue raccolte.