Lo spazio del cuore di Giovanni Pacella

Recensione e scelta di poesie di Maurizio Rossi

Fecondo autore in lingua e in dialetto partenopeo, dove forse offre il meglio di sé, Giovanni Pacella raccoglie in questo libro  sue prospettive e visioni, grazie al cuore dilatato da ampi orizzonti marini -per la sua professione – e “insaporito” dall’aria salmastra.

In sonetti classici e variati, declina sentimenti, persone, malesseri, panorami, in un linguaggio non banale – nonostante il laccio della rima – e a tratti ricercato; non disdegna, senza indugiarvi troppo, la poesia filosofica, nella quale esprime contenuti originali: “sul dorso di lancette d’orologio…si libra nel suo kronos di scintille/ nell’attimo dell’attimo infinito”neanche, con sguardo intimo, anche “poesia sociale” “E te ne stai co’ tuoi pensieri chiusi…e poi nella penombra a lavorare…svolgendo con solerzia il tuo dovere” ma senza rabbia, né grida, con la sola forza della normalità…quasi anormale per i giorni nostri! E ancora “All’imbrunire s’affacciano luci/ dalle cellette di grigi alveari./ Pedine stanche col credo: Produci!”

Nella prima sezione, quella in lingua, le poesie si lasciano leggere con interesse e sono godibili; nella sezione “poesie napoletane” il dialetto aggiunge sfumature cromatiche e sonore alla narrazione  di per sé pittoresca. Del resto Napoli è città fondata da una sirena, Partenope, e la voce ed il canto ne rappresentano il  fascino e il rapimento!  “Dicenno buonanotte ê pummarole/ chiure balcone, porte e fenestrelle/ e acala ‘a cresta gialla ‘o girasole”…”Che pace, che nuttata, mamma mia,/ sti stelle argiente songhe l’uocchie ‘e Dio/ ca spiano ind’a st’anema malata/ tutt’ e paure, ‘e gioie suffunnate”.

Proprio perché Autore “a tutto tondo”, Pacella non disdegna l’autocritica e  l’ironia, ovviamente bonaria, sulle espressioni dialettali, come fa nella “’A grammateca” poesia che potrebbe adattarsi a tanti “neologismi” grammaticali e sintattici, diffusi ultimamente anche nella nostra lingua.

Piacevole sorpresa, a chiusura della raccolta, “Zi mierulo” delicata composizione, che fa pensare per un attimo a “Il merlo” di Umberto Saba.

 

 

 

Emicrania

 

Tormenta vita nel pigro dolore

con la frequente, intensa cefalea,

nella cervice, centro del motore,

inganni l’organismo a panacea:

 

per il benessere c’è la salvezza

d’un analgesico fasco assistente,

che ti riduce fegato in mondezza

per alleviar tallone tuo dolente.

 

Di questa malattia fanne una croce

da sopportare con rassegnazione,

per l’emicrania odiosa, lieve, atroce,

 

l’umore ammacca e la lucidità.

Pe’ i figli, cara tua generazione,

speri non sia gravosa eredità.

 

 

Nell’illusione

 

Trist’è ritornar a le aduse cose

che pur fan da contorno a’ giorni nostri,

è l’esistenza, fatta d’ alti e bassi

come la pioggia e il sol fan l’altalena.

 

Fragile, sola, in mezzo ad altre storie

sprezzante, caduca, senza coscienza,

sul dorso di lancette d’orologio

nel lento inarrestato ticchettìo.

 

Mai stanca, ineluttabile, infedele

si libra nel suo Kronos di scintille

nell’attimo dell’attimo infinito

 

e vita e morte intrecciano i destini

e gioia e dolore son compagne eterne

nell’illusione vana d’un respiro.

 

 

 

‘E rradice

 

Nturcigliate, nurecose e chien”e vita

sti rradicee songhe vraccia ‘nfunne â terra,

chiste aulivo pare quase ca se avvita

spertusanne, affunnanne percia e afferra.

 

Pure l’ommo, comme’ ‘a pianta, nun se stacca

dë ricorde d”a natale terra soja,

si durmeva inte’ a na villa o inte â barracca,

‘o pensierod”o paese ‘o regne ‘e gioia.

 

Quanta gente pe ‘a fatica adda partì,

lassa ‘e ccase cu ‘na ponta ‘e pucundria

cu ‘nu core friddo e futo vö murì

 

e pure io cu ‘o chianto e cu ‘nu sguardo futo

pe nu suonne e ‘na divisa d’ ‘a Marina

so’ partuto…ma nun me ne so’ maie juto.

 

 

 

‘A grammateca

 

Pe raffurzà ricimme “trase rinto!”

ma nun bastasse a di’ sulo ‘e trasì?

E stu linguaggio nun se da pe vinto,

l’idioma roseca p’  ‘o fa murì.

 

A votepo’ sbuttammo “jesce fore!”

e certo si s’iesce addò se va?

“caro, in realtà, sei il mio vero amore”

e, quanne suonne, me vuò scurnacchià?

 

“Mio figlio non mi mangia, che aggia fa?”

ringrazia Dio ca nunn’è cannibale,

ma che maniere songo ‘e che spiegà!

 

Ce piace da struppià chesta grammateca,

nisciuno parla, nun ce stanno scannele.

Mocca a sta gente ce vuless’  ‘a papreca!

 

 

 

Zi’ mierulo

 

Ogni matina vene nu zi’ mierulo

dint’ ô ciardino, annante â casa mia,

se mette arrete ê pummarole ‘e piennulo

e ‘ntona, siche siche, n’armunia.

 

Spuzzulea ‘a terra, ‘o verme ‘e mullechelle

e, ncoppo ê piante, zumpettea cantanno

miezo ê ggeranei, rose e campanelle,

cu ‘o sole che a jurnata va schiaranno,

 

nsieme a na gazza fa na chiacchiarata,

va trova mo qua’ nciuce vanno a fa

e p’ ‘a nfrascata beccano ‘a nsalata,

 

me guarda, scapuzzea, me da ‘o buongiorno,

o buon’ aürio me viene a purtà

dicenno “ne guaglio’ dimane torno!”

 

 

 

 

Giovanni Pacella, Lo spazio del cuore, Il Levante Ed. (LT) 2019

 

 

 

Giovanni Pacella, in arte Spaghettazzo, è nato a Napoli nel 1965 ed è arruolato Marina, come primo luogotenente. E’ autore di raccolte poetiche, sia in dialetto che in lingua, per alcune delle quali ha ricevuto premi e riconoscimenti, come il premio 1991 dell’Accademia Universale Neapolis, e il premio “Raffaele Viviani”.

Tra le opere: “Sentimenti napulitani”; “Frutta ‘e stagione”; “Sunette sapurite”; “Sfumature dell’essere” e “Eraclito di Efeso figlio di Blosone”. E’ presente in antologie e riviste poetiche.