Giancarlo Consonni. Poesie scelte

In italiano e in dialetto. E note biobibliografiche dell’Autore

 

Giancarlo Consonni è nato a Merate, in Brianza, nel 1943. È professore emerito di Urbanistica al Politecnico di Milano. Ha pubblicato raccolte di poesie sia nel dialetto di Verderio (Lc) – Lumbardia (i Dispari 1983), Viridarium (Scheiwiller 1987) e Vûs (Einaudi 1997) – sia in italiano: In breve volo (Scheiwiller 1994), Luì (Einaudi 2003), Filovia (Einaudi 2016) e, con lo pseudonimo di Jean-Charles d’Avec Sommeil, Oblò (LietoColle 2009). In uscita la raccolta Pinoli (Einaudi 2021). Sulle origini della sua poesia ha scritto Da grande voglio fare il poeta (La Vita Felice 2013).

 

 

Ed ecco una scelta di sue poesie in italiano e in dialetto

 

 

 

Spassigiàt tra dó guèrr

 

M’òn purtâ

al Sancarlón d’Aruna

pièn de scalètt

per fòmm vedè

che ‘ndel có d’un sònt

se pœ giügà a trissèt.

 

M’òn purtâ

al Cotolengo

per ringrassià ‘l Signûr

de vèmm fa sènsa difètt

e de pudè

töcc i dì che diu cumònda

laurà tra cà e filònda

sédes ûr e ancà dersètt.

 

M’òn purtâ

a Redipuglia in cumpagnìa

perché éren gnamò dervî

ul spassi vital

d’Africa e d’Albania.

 

Tött quél ch’èm imparâ

l’è perché èmm viagiâ.

 

 

Gite tra due guerre

 

Ci hanno portato

al San Carlone di Arona

pieno di scalette

per farci vedere

che nella testa di un santo

si può giocare a tressette.

 

Ci hanno portato

al Cottolengo

per ringraziare il Signore

di averci fatto senza difetti

e di potere

tutti i giorni che dio comanda

lavorare tra casa e filanda

sedici ore e anche diciassette.

 

Ci hanno portato

a Redipuglia in compagnia

perché non avevano ancora aperto

lo spazio vitale

d’Africa e d’Albania.

 

Tutto quello che abbiamo imparato

È perché abbiamo viaggiato.

 

 

(Lumbardia, 1983)

 

 

 

Muchacho

 

V’ó gemò dî che ai baracón

cun viólter se pœ minga andà

fümî ustî cichî e i tusònn

i a vardî ’mè tònti buscinàtt.

 

Vèl farìa védt mị cumè se fa

sèl föss minga che só stâ striâ

e vó al tirasègn a imbesuìmm

per sentìm dị: muchacho.

 

 

Muchacho

 

Vi ho già detto che ai baracconi

con voi non si può andare

fumate bestemmiate sputate e le ragazze

le guardate come tanti mercanti di vitelli.

 

Ve lo farei vedere io come si fa

se non fosse che mi hanno stregato

e vado al tiro a segno a istupidirmi

per sentirmi dire: muchacho.

 

(Viridarium, 1987)

 

 

 

I segni del sangue

 

I sègn del sòng

gh’în pö sö la risciada

e perdüda a la fịn l’è ancà la vûs.

Del purscèll ghè résta gnà ’n’òss.

Suta i ültem fiû

se gunfien i sgalfión e prèst

in di camîs s’ciuparòn i amarèn

e i bagàj se vantaròn de vèss ferî.

 

 

I segni del sangue

 

I segni del sangue

non ci sono più sul selciato

e persa alla fine è anche la voce.

Del maiale non resta nemmeno un osso.

Sotto gli ultimi fiori

si gonfiano i duroni e presto

nelle camicie scoppieranno le amarene

e i ragazzi si vanteranno di essere feriti.

 

(Viridarium, 1987)

 

 

 

Stipel

 

Al telefun

parlen de tött.

 

‘Me ‘l va fâ se te vöret sés gemèj

se l’è pœ véra che la dóna

la gœdt nöf völt pussé de l’òm

del marì che ‘l se indurmènta sübet dopu

se l’è pecâ fall inscì sensa ‘l sò scopu

‘mè ‘l farà ‘l Signûr

a rigurdàss de tött

e la Madóna de dicch la parulina

‘mè la metaròn in paradîs punèm

se te venìss vöja de amarèn

se l’óca la sarà mai andada in óca

‘mè duarîen vèss i barbisìtt di dònn

e la piega de la buca

e duèndu catà fö

se l’è mèj vardà sensa tucà

o tucà sensa vedè

se la barba la spûncc o fa galissi

se nass a l’è ‘n stremissi

di sgrîgur in di dîncc

del frècc gió per la s’cèna

in duè spiurisna pussé ul spiurisnà.

 

Na sèm de ròpb

nögn de la Stipel.

 

 

Stipel

 

Al telefono

parlano di tutto.

 

Come va fatto se vuoi sei gemelli

se è poi vero che la donna

gode nove volte più dell’uomo

del marito che si addormenta appena dopo

se è peccato farlo così senza il suo scopo

come farà il Signore

a ricordarsi tutto

e la Madonna di dirgli la parolina

come la metteranno in paradiso poniamo

se ti venisse voglia di amarene

se l’oca sarà mai andata in oca

come dovrebbe essere la pelurietta delle donne

e la piega della bocca

e dovendo scegliere

se è meglio guardare senza toccare

o toccare senza vedere

se la barba punge o fa il solletico

se nascere è uno spavento

dei brividi nei denti

del freddo giù per la schiena

dove prude di più il prurito.

 

Ne sappiamo di cose

noi della Stipel.

 

(s, 1997)

 

 

 

[Bócia], da Rösa de fiöm/ VIII

 

Di sfrisàt e di cròst

del grugnì del maìster

di quadrèj mal dâ e mal bagnâ

rassa de mèna-usèll, de scoldabìgul,

e dai cun stu sidèll

màiala ti sta mólta smulassènta,

o minga dî la pûlt, o sgalabròcch!

Lazzaro Spallanzani fâ e finî,

di sfrisàt e di cróst

di œcc róss de culcìna

di sgrügnón e i rüsât

del grügnì del maìster

ul bócia al tègn in la mènt apèna

la müsica larga del rebucà.

 

 

[Il garzone muratore] da Rosa di fiume/ VIII

 

Dei graffi e delle croste

del grugnire del maestro muratore

dei mattoni mal dati e mal bagnati

razza di menauccello, di scaldacazzo,

e dai con questo secchio

mangiala tu questa malta sbrodolosa,

non ho detto la polta, o scassarami!

Lazzaro Spallanzani fatto e finito,

dei graffi e delle croste

degli occhi rossi di calce

dei pugni e spintoni

del grugnire del maestro muratore

il garzone tiene a mente soltanto

la musica larga del rinzaffare.

 

(Viridarium, 1987)

 

 

 

Colonia

 

In fila

al treno per la colonia

sono già lo zimbello di tutti.

La valigia,

quel che rimaneva

dell’Abissinia di mio padre,

è quattro volte quella degli altri.

 

Perdonali, Signore:

loro non sanno

come i pitoni

abbracciano i camion.

 

(Luí, 2003)

 

 

 

Graffiti

 

Il diluvio lascia segni.

A Milano

li chiamano graffiti.

 

(Luí, 2003)

 

 

 

La 92

 

È una fortuna

la 92 sotto casa.

 

E se mi va

prendo il giorno di spalle

sul sedile girato all’indietro.

 

(Luí, 2003)

 

 

 

Filovia

 

La 90 abbraccia la città,

leggo in pace.

 

Non c’è il mare?

Ci sono tutte le lingue del mondo.

 

(Filovia, 2016)

 

 

 

Casa

 

Quando vorresti che la fermata

non arrivasse mai

stai leggendo sul tram

e quella è la tua casa.

 

(Filovia, 2016)

 

 

 

Sms

 

La mattina accalcati

è tutto un becchettare

sulla tastiera.

Pollici come colombi affamati.

 

(Filovia, 2016)

 

 

 

Rosa

 

Come sospesa

nel rondò dei giorni

è la pienezza della rosa.

 

Ciò che manca

– un mondo, un sogno –

si palesa.

 

(Luí, 2003)

 

 

 

Caco

 

Tra quello che l’estate

non ha dato

e quello che l’inverno

forse non darà

sta la pacata

lussuria del caco.

 

(Luí, 2003)

 

 

 

Elogio del piede

 

È sulla mano la fede

è del palmo la carezza

ma chi spezza i primi freddi,

chi nel buio del letto

si avventura a fare la pace?

 

(Luí, 2003)

 

 

 

Come

 

Stare leggeri.

 

Come quando

la vita ti bastona

e uno respira piano

per non fare male all’aria.

 

(Luí, 2003)

 

 

 

E se fosse

 

E se fosse quello svagare

in altra stanza

vicinanza di aria e pietra

di dalie e orti

se fosse prossimità

l’altrove dei morti?

 

(Luí, 2003)

 

 

 

Morire

 

 

Morire si muore

ma ci saremo sempre

all’arrivo delle rondini.

 

(Filovia, 2016)

 

 

 

Se mi fermo

 

Se mi fermo da uno

mi sembra

di fare torto agli altri.

 

Per questo

non vado al cimitero.

 

(Filovia, 2016)

 

 

 

Bacche

 

Piracanta aspargina

pungitopo rosa canina

screzi di scricci scatti di svoli.

 

Si dà tocchi di rossetto

furtivi furori

il pallido inverno.

 

(Luí, 2003)

 

 

 

Certame

 

Peri peschi susini

ciliegi

lame di giaggioli

a cascata i biancospini.

 

Ma è del mandorlo

il miglior inizio

suo il certame di primavera.

 

(Filovia, 2016)

 

 

 

Il vento scalpella

l’acqua di luce.

Sonnecchia Capo Mele

appena arruffato.

 

(In breve volo, 1994)

 

 

 

Sui sentieri arsi

i saltamartini in amore

mostrano il colore

avuto in dono.

 

Turchese, carminio, ocra, marrone

in breve volo.

 

(In breve volo, 1994)

 

 

 

Il respiro giusto

nel tempo assegnato.

Altro non è dato sapere

di chi ha costruito i sentieri.

 

(In breve volo, 1994)

 

 

 

Lucertola

 

Dalle ombre profonde

dell’intonaco cotto

la lucertola

prova e riprova

il gioco

di venire al mondo.

 

(Luí, 2003)

 

 

 

Biancori

 

Sulla spiaggia riservata

le suorine

mostrano biancori

stupefatti.

 

Tocca al maestrale

togliere d’imbarazzo

il mare.

 

(Filovia, 2016)