Ce fu nu monne di Mario D’Arcangelo

Recensione e scelta di poesie di Maurizio Rossi

 

“Ce fu nu monne, sacce mode i’, /che la parole ere na scretture, /lu tempe ere sote e no suttile.” (Ci fu un mondo, e io conosco il modo, / in cui la parola era un testamento. / Il tempo era sodo e non sottile.) Parole ore fatiche, nette e distinte, verità -non assolute, certo- sebbene punti di riferimento, quasi un programma politico, agognato in questo tempo di tanti colori e poca chiarezza.  “Ci fu un mondo” questa silloge sfida nel titolo e nei contenuti  chi arriccia il naso, attendendosi un’altra malinconica poesia del bel tempo andato; è una sorpresa per chi si aspetta vuote carezze e ammiccamenti dialettali.

“Voce arrachite pe malencunìje /che sbotte a la mpruvvise: /“Levètece stu pesore da ngolle /sta pecundríje de cose scuntate /aredètece cile spase… e sunne” (Voce arrochita per malinconia / che sbotta all’improvviso: / “Toglieteci di dosso questo peso / questa ipocondria di cose scontate / ridateci cieli aperti…e sogni”. ) La voce sbotta, anche se arrochita dalla malinconia, pretende libertà, desideri, ampi spazi di cielo…altro che nostalgie! Chiede aria nuova per i bardasciune prigionieri di un vivere stranito, dove stranito riecheggia estraniato, straniero, altro da questa gioventù. Racconta di un corri corri per strade e autostrade- simbolo di progresso –  dove non siamo altro che“…cani rabbiosi che si lagnano, / corriamo come pazzi sopra e sotto, / serpenti che hanno perduto il veleno.” persone in perenne contraddizione, con una rabbia finta e inutile; al Poeta, così, viene il dubbio di essere nato in un tempo sbagliato e non  “Al respiro più caldo / delle stoppie d’agosto dovevo nascere, / quando l’anima robusta / di questa terra si apre e si disvela / quieta e si distende pensosa / e si espande, sospiro di mondo, / per colli e per valli.”

Eppure D’Arcangelo ha l’arma bianca della Poesia, la lingua d’Abruzzo che maneggia come un fioretto “Te pozza coje l’albe de na luce /che nen te lasse ma’, che stà ’repuste /a lèmbete de tutte le paure, /p’assucà lu sudore /nghe nu refiate nove, nu culore /tente de rose, /lu sole ’ncumbine all’aurore” (Ti possa cogliere l’alba di una luce / che non ti lascia mai, che sta riposta / al limite di tutte le paure, / per asciugarti il sudore / con un respiro nuovo, un colore / tinto di rosa, / il sole al confine dell’aurora);  che pungola, senza ferire, toglie la fatica e dà nuova energia.   

E’ ancora la voce roca che senza gridare, senza violenza, parla e ripropone – quasi una via d’uscita – la semplicità e la limpidezza dell’animo vestito di tempo che scandisce i mutamenti della terra e della natura adagiata in un sempiterno ritorno ad un nuovo inizio. C’è un tempo persino per gioire e per soffrire, non più confusi in un presente magmatico e anonimo d’illusione, ma netto e sotto gli occhi di chi vede ridere i girasoli al sole del giorno e angustiarsi la sera, “s’angustiene la sere, arefiatenènne /lu scure e l’ànzeme de lu campà” “respirando il buio e l’ansia di vivere” di chi ha il nido a terra, indifeso dalla volpe.

D’Arcangelo assiste a un rapido cambiamento epocale e questo addita con il dialetto “forte e gentile” “Se cagne timpe e custumanze, none da secule a secule ma da jorne a jorne. E certe vote se scatene attorne nu dellirje…E ’n ce stà chiù giahante né chelonne /a trattenè. Pur’ìsse se n’ome jìte aunite…” e non vede né uomini né ideali forti come colonne che possano evitare la rovina del tempo e lo scomporsi del mondo e se ne dole e se struje  e se fa raje; ma si persuade della speranza che sia questo il kairòs, il tempo della nuova semina, del rischiare e affrontare il destino, accogliendo la varietà e la ricchezza dei colori del mondo e “restando/resistendo” (come colonne o giganti di coraggio) per godere la rosa schiusa all’alba, il sogno  che si apre nel futuro mentre – come bimbo –  riposa.

 

Sciolì – Scioquà

 

Fire lu vente e strille come quande

fusse n’àlma dannate, chesciaccìse…

e sùbbete tra licce e ndricce cagne lu tempe.

/Ma… quanda fu?… nen ére l’atru jìre

che s’auséve tante rise e cante

e sunne e puhesìe e… scia laudate Ddì?

e cagne timpe e custumanze, none

da sècule a sècule ma da jorne a jorne:

nu fà e nu sfascià, nu refà, nu curra curre,

nu scorre. E arrìvene a morre falecune

nche lu becche aretorte, abbramate

de sangue e huèrre sotte a nu ciele scure

 e de nenguente chiuse… Se ne va

sderrupate a lu sprufonne tutte na storie

de lumme e de penzìre e vate e prate

d’ogne cunzole e d’ogne patrenostre

e gloriapatre e… durme sciacuntente nennì.

 

VIA DI LÌ – VIA DI QUA – Arriva il vento e urla come se / fosse un’anima dannata, maledetto. / All’improvviso tra intrecci e intrighi cambia il tempo. / Ma… quando fu?… non era ieri l’altro / che si usavano tanto sorrisi e canti / e sogni e poesia… sia lodato Iddio? / Cambiano tempi e costumi non / di secolo in secolo ma di giorno in giorno: / un fare e uno sfasciare, un rifare, un corri-corri, / uno scorrere. E arrivano a schiera falconi / dal becco adunco, famelici / di sangue e guerre sotto un cielo grigio / e di nevicate chiuse… Se ne va / rovinando nel profondo tutta una storia / di lumi e di pensieri e guadi e prati / d’ogni conforto e d’ogni padrenostro / e gloria padre e… dormi che tu sia contento piccino

 

 

 

 

La destanze

 

Uardejàne de la notte le stelle,

sentenelle de spazie e de destanze

ucchie e recchie funnute a dduselà

secrite de mistire e luntananze.

Sapisse, fije, dentre a le nuttate

nghe nu chiare de lune certe vote, …

nu sfraggelle de timpe

ma la cuscinze, quelle scì, stampate

nfronte e a lu pette come nu seggille.

 

S’accorce cile e timpe mo e d’àvetre

munne feninte a jire scunusciute

s’avverte la presenze.

 

Ma chela vocia sorde l’atra notte

abballe pe la ngotte, chelu strille

de làcreme che t’arecasche ngolle

e t’abbrusce le vene… Coma fusse

de lu Criste nnucente appese ncroce

 p’areparà le uaje de stu monne…

o de la Mamme addulurate a piagne

tutte quelle che piagne ogne madonne.

 

 LA DISTANZA – Guardiani della notte le stelle, / sentinelle di spazi e di distanze / occhi e orecchi profondi ad ascoltare / segreti di misteri e lontananze. // Sapessi figlio dentro le nottate / con un chiaro di luna certe volte / un flagello di tempi / ma la coscienza, quella sì, stampata / sulla fronte e nel petto come un sigillo. // Si accorciano cieli e tempi ora e di altri / mondi fino a ieri sconosciuti / si avverte la presenza. // Ma quella voce sorda l’altra notte / giù per i campi incolti e quel grido / di lacrime che ti ricade addosso / e ti brucia le vene… Come fosse / del Cristo innocente appeso in croce / per riparare i guai di questo mondo… / o della Mamma addolorata che piange / tutto quello che piange ogni madonna.

 

 

 

Me dole

 

Me dole ste culline senza rane,

chest’are senza tresche mbacce a sole,

lu fiume d’acqua tròvele a le piane.

 

Me struje lu selenzie de lu cchiole,

lu qua-qua-qua perdute de la quaje

lu cante mute de lu riscegnole.

 

Ma quelle che m’accide e me fà raje,

me préme entre a lu pette e me mpaùre

è stu monne ch’arevonde de uaje.

 

E addummane a lu Ddì de le Scretture

e a tutte l’alme sante a lu radune

quand’ô fernì stu tempe de lu scure.

 

E le scungiure ciucche e ’ngenucchiune,

come facé l’antiche pe dulore,

a faccia ’nterre, a sùppleche e dijune.

 

Ccuscì dicéve pure nonne e sciore

nche nu parlà sencére sane e sciotte

che j’alluméve ùcchie facce e core.

 

Pare d’arevederle a tarda notte

quand’arevènne a retruvà le case,

mbacce a lu fuculare, pe fà motte

 

MI DUOLE – Mi dolgono colline senza grano / e l’aia senza trebbia in faccia al sole, / il fiume d’acqua torbida alle piane. // Mi strugge il silenzio dell’assiolo, / il qua-qua-qua perduto della quaglia, / il canto ammutolito dell’usignolo // Ma quello che mi uccide e mi fa rabbia, / mi preme dentro al petto e m’impaura / è questo mondo strapieno di guai. // E chiedo al Dio delle Scritture / e a tutte le anime sante al raduno / quando finirà questo secolo buio. // E li scongiuro chino e in ginocchio, / come facevano gli antichi nel dolore, / a faccia a terra, a suppliche e digiuni. // Così dicevano pure la nonna e il nonno / con quel parlare schietto sano e chiaro / che gli infuocava occhi viso e cuore. // Sembra di rivederli a tarda notte / quando tornano a ritrovar le case, / presso il focolare, salutando. 

 

 

 

Lu vate

 

All’arche de lu pette stà ’repuste

nu vate e nu repare addò s’addòleche

la sere a la calata

e la voce de mamme

a recetà na crone de rusarie.

 

M’arecorde nu scure,

de nu busce cumplecate

tra nu sfullà de gente

(tappezzate de schegge ogne sentire)

e ’ntruje e raje a la colme dell’àneme,

lu fredde de lu verne e lu spettà

arie de luntananze.

 

Ma a lu ’mbruvvise nu prufile forte

carnale a lu ’nfenite

ce vidde arsuscetate

giahante de curagge pe la vite.

 

IL GUADO – Nell’arco del petto sta riposto / un guado e un riparo dove si alloga / la sera al suo calare / e la voce di mamma / che recita una corona di rosario. // Mi ricordo un buio, / un tunnel complesso / tra uno sfollare di gente (tappezzato / di schegge ogni sentiero) / e veleni e rabbia al colmo dell’anima, / il freddo dell’inverno e l’attesa / rinchiuse e lontananze. // Ma all’improvviso un profilo forte / carnale all’infinito / ci vide resuscitati / giganti di coraggio per la vita.

 

 

 

Mo scì

 

Mo scì ca se putesse

resumentà pe l’are de lu monne

sunne, rechiame e lucinacappelle.

La mente ’ncastellate

da mille e chiù penzire

se putesse arrischià

appresse a lu destine

de na sere de magge.

Arempiéteme l’ucchie de culure

da la ’mmurlite fine a notta fonne

quande le fiure s’areapre e l’albe

se spanne e s’avvecine.

Facete che la rose

nne la truvete all’albe già finite.

Facèteme armanè fine a la schiuse.

 

 

ADESSO SÌ – Adesso sì che si potrebbe / riseminare l’aia del mondo / sogni e richiami e lucciole. / La mente incastellata / da mille e più pensieri / si potrebbe arrischiare / appresso al destino / di una sera di maggio. / Riempitemi gli occhi di colori / dall’imbrunire fino a notte fonda, / quando i fiori si riaprono e l’alba / si espande e si avvicina. / Fate che la rosa / non la troviate all’alba già finita. / Fatemi rimanere fino alla dischiusa.

 

  

MARIO D’ARCANGELO, nato a Chieti nel 1944, vive a Casalincontrada. Ha pubblicato Senza tempe, 2004; Albe ne albe, 2011, e Pese me, suspire e cante, 2018.  Ha tradotto in lingua le due opere agiografiche di Alfredo Luciani e un manoscritto in latino arcaico sulla vita di S. Amico. È stato finalista al Premio nazionale Città di Ischitella-Pietro Giannone nel 2010 e nel 2019 con la raccolta di poesie inedite “Puterce aretruvā”, la maggior parte delle quali è ora confluita – con modifiche – in questo libro. Tra i premi regionali e nazionali ricevuti, ricordiamo: primo premio al Concorso nazionale “Vie della Memoria” del 2009, Premio Tagliacozzo, sezione poeti abruzzesi nel 2010, vincitore del Concorso “Salva la tua lingua locale” 2014 per poesia inedita (premiato in Campidoglio nel 2015). Paroliere di musica sacra come la messa natalizia “Rorate cœli”, ha scritto testi per canzoni e favole musicali per l’infanzia, per numerose composizioni in campo polifonico e folk e per canti del mare (1° premio San Vito Chietino 2008) e della montagna, per i quali gli sono state assegnate due medaglie d’argento del Presidente della Repubblica.