Cantunera sciroccu di Salvatore Bommarito

Recensione e scelta di poesie di Maurizio Rossi

Lo scirocco (dall’arabo shurhùq, vento di mezzogiorno) è un vento caldo proveniente da sud-est e prende il nome dalla Siria. Secca l’aria ed alza la polvere sulle coste del Nordafrica, provoca tempeste sul Mediterraneo e tempo caldo ed umido sull’Europa. Il vento soffia per un tempo variabile da mezza giornata a molti giorni. Numerose persone attribuiscono a questo vento effetti negativi sulla salute e sull’umore per via del caldo umido e della polvere.  Lo scirocco è diventato, inoltre, uno dei simboli climatici della Sicilia; lo stesso capoluogo, Palermo, spesso si trova a riparare danni provocati dalle fortissime raffiche di vento caldo, talvolta anche in pieno inverno.

Questa introduzione alla silloge mi sembra utile per comprenderla ancor meglio, poiché è scritta in siciliano, da un autore nato nel territorio di Palermo, pervasa dallo scirocco che dal titolo si insinua nei versi e tutto avvolge: case, pane, fuoco, persone “Lu sciroccu n-capu sentu/ sutta u focu arriminari” (Lo scirocco sul capo sento/ sotto il fuoco crepitare).  Avvolge persino le parole che “’un mi lassari chiù/ e p’un perdirli l’avìa a cunurtari/…jirici appressu ntu focu d’u sciroccu” (non mi lasciarono più/ e per non perderle dovevo confortarle/…andarci dietro nel fuoco dello scirocco).

L’autore è un medico, e questa sua condizione e professione traspare dal travaso della materia nell’immateriale e viceversa- in medicina dall’interagire delle molecole tra loro, con l’energia che viene assorbita o prodotta- come quando, parlando della ricotta, conduce il ricordo dal latte alla Poesia: “L’aju vistu fari a ricotta…/ quannu l’arrimìnanu e pari ca ‘un acchiana,/ …Accussì a puisìa,/ a coci ma a criatura ‘un senti ammuttuna…/” (L’ho vista fare la ricotta…/ quando la mestano e sembra che non sale/… Così la poesia,/ la cuoci ma la creatura non sente solleciti…) e se per quella “nemmeno il fuoco ha potuto”, per questa “certe volte nemmeno l’anima le basta”; fuoco e anima, spesso assimilati- e non a caso le anime “fredde” di amore, bruciano eternamente nel fuoco infernale- non bastano, se non è pronto “il siero” del latte, come la “sostanza” della Poesia.

Per chi è nato nel “cantone dello scirocco” le memorie dell’infanzia e delle proprie radici risentono del soffio polveroso e riarso del vento e sono aspri, dolenti e rassegnati, come il gabbiano “Ca finìu di jùnciri/ u cielo c’u mari/ a vitti piscari nna munnizza/ e mmitata…/ puru dintra vi trasi/…” (che ha finito di unire/ il cielo col mare/ l’ho visto pescare nell’immondizia/ e se invitato…/ pure dentro vi entra/…); i ricordi stanno dentro una càmmara sempri chiusa/ pirchì ci mettimu i negghi”(in una stanza sempre chiusa/ perché ci mettiamo le cose inutili) ed entrandoci, si ritrovano gli oggetti, si risvegliano i morti, ma “s’arrisbiggia a frevi…”che si scaccia via “cu ddu feddi i’ patati nta frunti/ e na sacchittata i’ scorci”: si risveglia una febbre, che si cura con due fette di patate sulla fronte e con una tasca piena di bucce, semplici rimedi popolari ed anche metafora di ciò che, pur poco, resta e riempie. La febbre, in medicina sintomo di mali, qui è segno di tempeste interiori e nodi forse non completamente sciolti.

Radici, fiori secchi, gramiglia, spicchio d’aglio e preghiere “scacciaguai” convivono con l’ingessatura, medicina “evoluta” e con  ricette sperimentali, quasi a voler interrompere il filo della tradizione: “Ma ju vosi spirimintari e canciài stata/ e stinnicchiai a sardac’u scurmu/…ma sti pisci nsèmmula ‘un si vòsiru allitticari” (Ma io volli sperimentare e cambiai strada/ e stesi la sarda con lo sgombro…ma questi pesci insieme non si vollero coricare…). Non si possono stravolgere le tradizioni quando esse traducono equilibri naturali, così come non ci si può sottrarre al proprio destino, perché “quannu (a malasorti) chiama e nsisti,/ ‘un ci potemu diri ‘un ti vògghiu//”(quando...la malasorte… chiama e insiste,/ non possiamo dirgli non ti voglio); piuttosto si può renderlo accettabile, in una specie di contrappunto,  e allora la morte è “na picciuttedda sfurtunata/ ca ‘un si maritàu e va a tutti i prucessioni/…pi fàviri chiòviri a furtuna”( è una ragazza sfortunata/ che non si è sposata e va a tutte le processioni/…per farvi piovere la fortuna).

Storie e racconti di dolore, di fatica, di lavoro in mare e a terra, di madri che sfamano con poco i tanti figli, si susseguono in poesie brevi o più lunghe, componendo con sudata naturalezza pensieri, immagini liriche e vivide; i puntini di sospensione, non infrequenti, dicono pause nel ricordo o nel rimettere assieme il vissuto che si affolla nella mente del poeta, mentre trattengono nel pathos il lettore.

 

 

A tantuni strincemu

 

A tuntuni strincemu u munnu

comu n-attareddu

ch’arricioppa i reschi

ntu saccuni d’a munnizza

nca l’arrimina e ‘un a duna

a l’autri jatti…gilusu

finu a spirtusàrisi a panza.

 

A tentoni stringiamo. A tentoni stringiamo il mondo/ come un gattino/ che racimola le lische/ nel sacco dell’immondizia/ poiché la rimescola e non la da/ agli altri gatti…geloso/ fino a bucarsi la pancia.

 

 

 

‘Un perdiri tempu

 

U sapemu ca va a finiri a sciroccu,

nca prima u focu ti strinci l’occhi…

poi veni u re e ciùscia,

arrizza u mari

e scrivi littri a tutti

e ‘un c’è versu ‘i fàrici calari a frevi.

 

‘Un pèrdiri tempu nca a lampara trasìu

cu spaselli assicutati

e nta nacalora to figghia strinci a corda

p’un càdiri.

 

Ti spercia?

So matri a vulissi arrisittari.

 

Si trasi u cori ti veni

e ti cuntu n-cuntu.

 

 

Non perdere tempo.  Lo sappiamo che va a finire a scirocco/ dato che prima il fuoco ti stringe gli occhi…/ poi viene il re e soffia,/ solleva il mare/ e scrive lettere a tutti/ e non c’è verso di diminuirgli la febbre.// Non perdere tempo,/ poiché la lampara è entrata/ con un pescato difficoltoso/ e sull’altalena tua figlia stringe la corda/ per non cadere// Ti va di continuare così?/ Sua madre la vorrebbe rasserenare.// Se entri starai meglio/ e ti racconterò una storia.

 

Cantunera sciroccu

 

All’accurzu ci poi jiri,

tagghiannu u tempu ca ti cadìu ‘i mmanu

o strincènnulu cu palori assintumati

ntu ficatu…

c’arrimìnanu i vuredda e annèggianu ajurnata,

ma ‘un nèscinu

pirchì nuddu l’arricogghi.

 

Nca jucannu, a chiù tinta cantunera n’attuccàu

o a megghiu…

c’a vulirla scannaliari p’i quartari ciaccati,

all’acqua d’u puzzu ‘un cià mannassi…

mancu sula a putissimu lassari/

pirchì ‘i notti na fudda ‘i spinzirati

a cunorta e scaccanìa.

 

Ma ci leva u pani ‘i mmanu

e u nutricu chianci.

 

 

Cantone scirocco. Per la via più breve ci puoi andare,/ tagliando il tempo che ti è caduto dalle mani/ o stringendolo con parole imbalsamate/ nel fegato…/ che fanno muovere gli intestini e annebbiano il giorno,/ ma non escono/ perché nessuno le raccoglie.// E giocando, il più brutto cantone ci è toccato/ o il migliore…/ che a volerlo punire per le brocche incrinate/ all’acqua del pozzo non  lo manderei…/ nemmeno solo lo potremmo lasciare/ perché di notte una folla di spensierati/ lo conforta e ride.// Ma toglie dalle sue mani il pane/ e il neonato piange.

 

 

 

 

Sti dulura m’arricogghiu

 

Nti manu strincennu u ciatu d’a jurnata

a me terra Madonni nichiati cunsulava,

c’arrisatàvanu darreri a rara

o tirrimotu d’i carretti…

 

Comu cuticchiuna allura sti dulura

arricogghiu cch’i cuntintizzi

d’u furmantu, c’appinnicàu a testa

sutta u suli…

e munciunniannu ciuri di carta,

l’acqua d’u cielu comu na minna aspettu

p’u me jardinu siccu,

u cuntu cunurtannu d’a friscanzanata.

 

 

Questi dolori mi raccolgo.  Nelle mani stringendo il fiato del giorno/ la mia terra Madonne imbronciate consolava,/ che sussultavano da dietro la grata/ al terremoto dei carretti…// Come coti allora questi dolori/ raccolgo con le allegrie/ del frumento, che ha appisolato la testa/ sotto il sole…/ e spiegazzando fiori di carta,/ l’acqua del cielo come una mammella aspetto/ per il mio giardino secco,/ il racconto confortando dell’infreddatura.

 

 

Salvatore Bommarito, Cantunera sciroccu, Ed. Pungitopo, 2016

 

 

Salvatore Bommarito (Balestrate, Palermo, 1952), medico reumatologo, ha coltivato da sempre interessi letterari e sue poesie sono apparse su antologie e riviste di settore.

Nel 2012 ha pubblicato “Vinnigna d’ùmmiri” (premio Ischitella, premio Arenella e Marineo) Nel 2015 è stato inserito nell’Antologia “Dialetto lingua della poesia” delle Edizioni Cofine (Roma)

 

 

 

 

Maurizio Rossi

 

 

 

Pubblicato 5/10/2019