93 – ROCCA PRIORA

 

Rocca Priora (768 m slm – 10002 ab., detti Roccaprioresi – 28,07 kmq). A29 km da Roma, nell’area Tuscolana dei Colli Albani, alle spalle del Maschio delle Faete, presso la sorgente di Acqua Algidiosa.
 
IL DIALETTO DI ROCCA PRIORA:
Nel suo Proverbi e detti roccaprioresi Mario Vinci ci informa che: le parole che cominciano per vocale e che hanno perduto la consonante iniziale devono essere lette con una leggera aspirazione, più accentuata quando la parola inizia per “J” es. ’jamo, ’juttu). Evaristo Dandini nel capitolo “Dialetto e vocaboli dialettali” di Rocca Priora nella natura e nella sua storia (1973), sottolinea: “la prepotenza dell’ausiliare essere sull’avere: sì dittu per hai detto, sì magnatu per hai mangiato, mentre al plurale interviene l’ausiliare avere: au dittu, au magnatu, au camminatu”. Teobaldo Vinci nel suo Elementi di grammatica del dialetto di Rocca Priora fornisce un’ampia trattazione della materia.
 
  1. I vocabolari e le grammatiche
E. Dandini nel libro Rocca Priora nella natura e nella sua storia riporta un elenco di vocaboli roccaprioresi, raccolti con pazienza da Eugenio Pucci. Tra questi:
arnaru (porcile), biscutu (semina di terreno a grano del 4° anno), cacciunellu (cucciiolo), cannàcciu (esofago), cannavina (canepina), capestile (oggetto di legno per portare il pane), caravota (svolta brusca), cattignusu (puntiglioso), cellette (maccheroni fatti a mano, di sola farina), centurellu (fazzolettone per la testa), ciàccare (grappoli di uva poco matura), cioccaie (orecchini grandi), ciotè (vuoi vedere che), ciurcellu (rametto di un grappolo), coacchiatu (accoccolato), condra (grondaia), corzumellu (stomaco dei polli), crinu (girello per i primi pasti dei bambini), cùcchiulu (gheriglio della noce), cutu (semina del grano al 3° anno consecutivo), falluccu (residui di formaggio nel siero caldo del latte), famacciu (stomaco bovino), fetaluni (polloni degli alberi di castagno), fiùci (felci), fonnà (prendere acqua con la conca alla fontana), frafàlla (farfalla, donna leggera), fraffalà (pieghe grandi nei vestiti femminili), fuatu (velocemente), gnàcculi (pasta fatta in casa, senza uovo), gnàzzule (susine acerbe), gorgia (voce ben intonata), guardamacchi (pantaloni di pelle usati dai pastori), jallu (gallo), jatta (gatta), jetticà’ (sussultare), jipera (vipera), jovita (gomiti), jupezza (nuca), lana (mallo della noce), lestra (giaciglio di paglia a terra), lestrone (giaciglio per più perrsone o animali), limoncella (foglia di acacia), luffi (fianchi), mafù! (altroché), mancùsu (fascio di foglie di canna), mannùtu (mazzo di spighe), matta (mazzo di spini di rovo), mazzàngulu (pezzo di legno nel quale è legato lo spago per lanciare la ruzzola), mburrita (uva eccessivamente matura), miraculeru (lagnoso), morcio (grosso), muccià (azzittire con decisione), ncazatu (scacciato), nédici (ghiaia), ncamusciati (panni distesi poco asciutti), ngaujati (maneggiati con poca igiene), ngenne (duole), occà (rincalzare le piante), pellogne (peonie), pàstinu (vigna giovane), pinciàcculi (sfrangiatura di stoffe), polepetta (polpacci), prenconcini (susine), próllecu (saccente), ramìna (pentola di rame), ranzóli (grandine), rapazzóla (giaciglio), recchiozzellu (oggetto piccolo che si nasconde sotto un altro simile ma più grande), recconcià (rammendare), recóta (uscito una seconda volta), revusca (perquisizione), riazzi (ragazzi), sàleca (camiciotto da lavoro), sandula (madrina), saraminti (tralci residuati dalla potatura), sborduni o mannati (fichi che allo stato di maturazione sono stati toccati o che non maturano più), scacchi (passi allungati), scanfardu (scansafatiche), scaramellà (imbrogliare nella conta delle dita), scassinu (gomma per cancellare), scerpetta (freddo secco di tramontana), sciscià (svuotare), scottone (miscuglio di ricotta e di siero caldi), scraffulotti (scarpe molto vecchie), scroccardalli (fichi non maturi), scucchiulà (togliere il mallo dalle noci), sdozà (traballare), sertina (vigna in abbandono), sobboticà (avvoltolarsi in terra), soccupata (soffocante), sollecche (carrube), soiùzzicu (singhiozzo), stromacchiu (vino di cattiva qualità), stufarólu (pentola di coccio), tamburlanu (bidone fuori uso), tiritivalle (altalena), ùnziu (liquido amniotico), votarellu (gioco fatto con due fili che attraversano una castagna cui si impone un movimento alterno rotativo), vussà (abbaiare), zàrzali (schizzi di fango), zicu (piccolo, mingherlino), zuccà (bastonare).
Il libro di Teobaldo Vinci Elementi di grammatica del dialetto di Rocca Priora e Dizionario è suddiviso in tre parti: la prima dedicata alla Morfologia (il nome, l’articolo, l’aggettivo, il pronome, il verbo, la preposizione, la congiunzione, l’interiezione), la seconda dedicata alla Fraseologia (in cantina, in casa, in malattia, in società, in campagna e la parabula dellu fiu prodigu), la terza al Dizionario. L’autore segnala alcuni aggettivi di uso più frequente; tra questi citiamo: cacalosa (caccolosa), canenicciu (magro), ciciamocca (sdolcinato), ciciu (querulo), follaccianu (ingenuo), muccucottu (finto tonto), ndrondrona (che cammina qua e là), nnecìtu (affamato), palamidona (giunonica), scarchetta (spaccone), sciorna (senza cervello), sturiona (piatta).
Dalla fraseologia da lui riportata preleviamo:
’N ce la caja (non supera la malattia); lo so trovatu remmiatu auzzu e renciucciurullitu (l’ho visto risuscitato, vispo e rinfrancato); che te vulle ’n canna? (che ti brucia in gola?); so’ scifulato e me so’ stuccato lu racciu (sono scivolato e mi sono fratturato il braccio); sta munella fa li revutti (questa bambina fa i rutti); te puzzanu le sorsèleca (ti puzzano le ascelle); sfronca lu nasu (soffiati il naso); zittu e muccia (zitto e mettiti in un cantone); ssa cósa me sona a pilacciu (mi riferisci una cosa stonata); la saleca è zozza e tutta rengruiata (la camicia da lavoro è sporca e sciatta); ’n do’ bìta? (dove abita?); mejo cerva a nui che fatta l’atri (meglio acerba per noi che matura per gli altri); se quillu puzza, quill’atru collèra (se quello è un poco di buono, l’altro è ancora peggiore); strécchiate a pettorìna (adagiati al sole), mittite a spiccàcciu (sistemati in evidenza); ’mposta lù pede se no ciufuli (punta il piede altrimenti scivoli); so libbera e spòtica (sono libera e disponibile); quillu o tegne o coce (quello è negativo per sempre); fa li ’mpignette (fa le smorfie); gnamo pe’ vilocce (ovoli buoni), pe’ jallozzi (galletti), pe’ silichi (porcini), pe’ peperuni (steccherini), pe’ manicciòle (ditole), pe’ lengue de bove (fistuline ematiche), pe’ cucule (mazze di tamburo).
 
Dal dizionario di Teobaldo Vinci estraiamo:
baramocio (orco cattivo), barbazzali (bargigli), bella fé (espressione di complimento: bella donna), ciamea (lamentosa), ciccufemmunéru (donnaiolo), cuccurullitu (accovacciato), felìme (fuliggine), frazzula (favola), fuci’ (rimboccare maniche o calzoni),
gnognera (indovina), inétivi (sbrigatevi), jalline (scintille di fuoco), jévuli (felci bastarde), leccamuffu (schiaffo), llecconi’ (allettare, adescare), lucerdula o ucedola (lucertola), mandra (ovile chiuso), manocchiu (covone), mbónnese (collocarsi pesi in testa), muccucinciu (faccia smunta), mungiu mungiu (lentamente), natìcchia (fermasportelli), nciafra’ (cadere nell’acqua per sbaglio), nzuju (mescolanza infelice di sostanze alimentari con il sugo), papàmmaru (papavero), pàppula (bugia), peschiu (sudiciume estremo), pescuja (bascula), pinciàcculi (sfrangiatura di stoffe), rofula’ (russare), ’rrajati (affamati), rrignatu (assiderato), rua (antro stretto), sbafata (vampata d’aria calda), sbannimintu (vendita all’asta), sbava (appetito), scauzocchiu (senza scarpe), scioscia (svuotare), scopìa (ginestra), tantappejo (tanto peggio), trattaja’ (tartagliare), trucchia’ (cozzare, scontrare), volantinu (mutevole), vunnella (gonna).
Dal vocabolarietto di Proverbi e detti roccaprioresi di Mario Vinci, preleviamo:
alignu (maligno e seccardino), campanacciu (vivere triste, o campana del capobranco di bestiame), ’ccoticchjià (affilare la falce o il coltello), ’ccrapinata (pianta imbastardita dal brucare delle capre), càsula (covone di grano mietuto), cocciòne (pelato, calvo); coliciénza (sospensione momentanea di un gioco da bambini), gnàccare (labbra rosse e sporgenti), jetticuni (con il cuore in sussulto), mammacchiaru (attaccato alla mamma, mammone), mòncia (lenta nei movimenti), motudìne (per modo di dire), ’nnòtula (allodola), ’nzicchjià (fare l’amore fugacemente), ’nzòratu (sposato, accoppiato), piciàcchjiu (bambino piccolo e disordinato), ramicciaru (contadino, lavoratore indefesso), rancichittu (rabbia irrefrenabile, invidia), ranocchiaru (pescatore di rane, miserabile), raschiasassi (campagnolo assiduo più del normale, pignolo), sbètica (bisbetica, confusionaria), scalabrinu (dispettoso, poco obbediente, uomo di male affare), scannagrilli (uomo di scarso affidamento), scalèrgio (animale o uomo messo male, poco commerciale), scelà (abbagliare, confondere, conquistare in amore), scottone (misto di ricotta calda e siero), stróppa o zacàjia (spago acconciato al fazzoletto per tirare la ruzzola), vilòccia (grosso fiore dei boschi, grosso fungo, pene), vócca sciòscia (sdentato e insignificante, fatuo), zarzalusu (ragazzo sporco e disordinato).
 
Da un piccolo dizionario del dialetto di Rocca Priora nel libro Il tempo della memoria nella città presente, estraiamo: rugnu (muso), rappellu (rastrello), resecu (tralcio della vite), ’ntrattaià (balbettare), sustacchina (travicello di legno), da ’na scanajata (dare una contata).
 
  1. I proverbi e i modi di dire
Proverbi dal libro Proverbi e detti roccaprioresi di Mario Vinci:
accia lónga, sartora moncia (l’ago col filo troppo lungo rallenta il lavoro della sarta); li sordi fatti co’ lu ’nfinfirinfì, se ne vau co’ lu’nfifirinfà (i beni ottenuti con l’arricchimento disonesto e rapido vengono presto dissipati); ventu marinu, ’na llargata e ’na scurita; quanno sta la neve a Rocca Massima a Roccapriura è prossima; grossu remòre, piccola tempesta; la neve marzarola dura quantu la socera e la nora; se continua ’ssa scirpetta (tramontana), quist’anno ’nsé ’ffallucca; chi n’accetta no’ merita; ’ndo stau le campane, stau le puttane; lengua lesta, poca testa; panza piena non pensa a quella scjiòscia (vuota); chi tè voce e lengua… va ’Nsardegna; chi pe’ li fji se spotesta pia la mazza e dàccela ’ntesta; alla morte gni fregnò ce ’rriva; chi de jiallina ’nnasce, ’nterra ruspa; latrìzzia e puttanizia, s’apre la terra e parla (la vita disonesta si svela); chi tratta co’ li monelli se smerda; tajia curtu (risparmia) che l’annu è lungu;’na magnata de’ ponente (polenta) e ’na beta d’aqqua… azi la cianca e la ponente scappa; puru d’agustu è bona ’na calla (il fuoco serve sempre); la vielaforma (l’erta di via della Forma), li vecchi li ’mmazza, li giovani li doma; n’è bònu né a pilu né a ’mmastu (una bestiaccia); chi è munciu (lento) a magnà è munciu a lavorà; chi ha magnatu lo doce gnià che caca l’amaru (chi la fa la paga), l’erba che varda ’ncelu è tutta bona (ogni erba è buona); nun ve’ lu sole leò se non sòna lu Campanò (il 29 giugno: San Pietro), la sera ursi… la matina arsi (gli ubriaconi); ’nse pò pià né a cavallo né a péti (soggetto intrattabile); tu te ne stà, io me ne stò, tu non me la jedi, io non te la do (riservatezza); la vacca spònta , la cavalle rade e la pecora porta lu rasore (modi diversi di brucare).
Modi di dire ancora dal libro di Mario Vinci:
addésso madonna mèa! (Madonna mia che guaio!); aqquantu dici tu! (ma tu guarda che roba!), àspra volontà (volontà propria); andè! ’mbé! (che ci possiamo fare), ’n sordo de caciu e fronna (omiciattolo turbolento); tipi di bestia: carcinara (tira calci), fida (ottima), ombrosa (facile allo spavento), ’nformellata (difettosa alle zampe), rovinata a capucerru (difettosa al garrese), che zicchia (tira calci), domata (docile); mulu, spallatu, ’mburzu, pioto (mulo – nell’ordine – rovinato alle spalle, bolso, lento nei movimenti); diversi tipi di pecora: cordesca (che figlia oltre tempo), dannatara (ribelle), doppiara (dal parto doppio), foggiana (da Foggia, ottima per la lana), guidarella (guida del branco), mancarella (di poco conto), marchigiana (di grossa stazza), merino (ottima per la lana), montagnola (di piccola stazza), nera (siciliana), pezzata (bicolore), poccetta (affezionata al padrone), primarola (al primo parto), primaticcia (che partorisce per prima), sarda (ottima per la qualità del latte), vissana (proveniente da Visso), zenga (priva di un caporello lattifero); ha fatta ’na gelata che sciùfalanu puru li jiatti.
 
Alcuni detti popolari raccolti dal Centro Anziani Angelo Grisciotti, pubblicati ne Il tempo della memoria nella città del presente, Comune Rocca Priora, 2004:
Lo callu de lu lettu non fà bullì la pila; chi curre appressu a lu cellittu che vola, nun ce lu porta lu saccu de la farina alla mola; co le bugie se fau camminà li treni, tranvi e ferrovie; che ce vò a fa na chitarra? Pia lo legno e sbiucialo. Metti le corde e sonale. Diceva il marito al suocero: ’nsi datu gnente a fiota (tua figlia), repiatela, repiatela repiatela (riprenditela). Rispondeva il suocero al genero: te la si piata e tettela, mantenettela, mantenettela. (te la sei presa, tienitela, mantienitela).
 
3. I toponimi e i soprannomi
I racconti di Mario Vinci pubblicati nel suo libro Proverbi e detti roccaprioresi e su riviste locali e siti internet (“Controluce”, www.muralesonline.net, ecc.) sono ricchi di nomi, toponimi, soprannomi e di storie di personaggi locali. In Storie di paese. Rocca Priora 1860-1990 di Mario Vinci nella poesia intitolata “Le ’nnòmmari” sono elencati, in ottonari variamente rimati e raccolti in strofe irregolari, tutti o quasi i soprannomi roccaprioresi. Eccone un brano:
Quanta gente aperta e schietta! / “Caitanèlla” co’ “Mulètta” / li “Zazzàja” co’“Barbòne” / “Battichècco” / “Rastrellòne” / “Lu briciàtu” “Cenciarèlla” / quiss’e “Bbùjia” co’ “Camèlla” / co’ “Ciarànfa” “Garbatinu” / “’Ngeluccìttu” “Ttippitìnu” / quiss’e “Jiòjio” co’“Borzètta” / li “Nabùccu” co’“Vendètta” / “Magnasèrpi” co’“Pallàccia” / “Concettèlla” “Coratàccia” / “Conciaròla” “Piattinaru” / “Ritturìttu” lu “Scalaru” / “Li Zzaìrra” quiss’e “Terra” / pe’ le “Cesi” era ’na guerra / “La fraffàlla” “Spini e canto”. / E “Marpela” co’ “Diosànto”.
 
Altri 60 soprannomi (Sarrachella, Pistapippe, Cianfaru, Cinquescudelle, Rusciunponta, ecc.) sono nel libro del Centro Sociale Il tempo della memoria nella città presente.
Dal libro di T. Vinci Elementi…, preleviamo da un elenco di 212 soprannomi: Cacasimmula, Gniffi-Gnaffe, Mezzoculittu, Occhiarreto, Occhiepoce, Rusciumponta, Schifinziu, Zinnapeppe.
Nerina Pericoli nel libro A Colle di Fuori riporta una poesia di M. Vinci intitolata “Le ‘’nnommari a Colle de Fora” da cui citiamo:
…Saccoccio furbu e rittu / iea accoppiatu a Rampittu / e ju Quaqquaru birbono / s’accoppieste a Capoccione / C’è Sgraffigna, razza bella, / che s’accoppia a Raffaella / e Zafì co ju siricchiu / s’anfraschette a chissi Nicchiu / (…) Stea Mantella co Fergione / chissi Pongoli e Forcone / Cicculittu e Tamburinu / co Pizzullo e Piticinu / Cavatera e Catarena / co Pilerchio e Carulina / Cacacenere pu c’era / Pasqualotto co Cacera…
 
Toponimi roccaprioresi: Lu Demogno, Sacramento, Zippittu, Bruttapelle, Rusciuponta, Trappuletta, ‘Ncimpicchetta, Cajianu, Lu Pullaru, Vielaforma, La Crocecupella.
Altri sono negli scritti di M. Vinci e A. Tenerelli, dal quale riprendiamo “P’a via de Rocca Preura” con la leggenda de ’u viecchiariellu (nome d’una località):
P’a via de Rocca Preura / viecchiariéllu che paura / mettéi a tutti quanti / a li diavoli e a li santi! / E scappeanu ’e zitelle / chelle brutte e chelle belle, / da ’lle parti li gendarmi / se ne jéanu co’ l’armi / e derèto a lu somaru / se’nguattéa lu carbonaru / e nisciunu pe ’llu situ / se n’edèra remmamitu / jéa più; ma ’n bellu giornu / nu riazzu pò più sciòrnu / de bbonòra jèste loco / a fà legna pe’ lu fuocu. / Co ’u cappiellu rosciu ’n capu / stéa llu viecchiu come ’n dracu, / dracu dalle sette teste / che te ggiusta pe’ le feste, / c’u cappiellu e c’u pennacchiu / che paréa ’nu spauracchiu! / “Viecchiarié ma ’nde si bruttu! / lucchéa u sciornu dapettuttu / e currènnu dècco e dèllu / i’ robbèste lu cappiéllu: / e vedèste ’n pelata / tutta liscia e pulicata. / P’a vergogna ’u pore viécchiu / se metteste ’n capu ’n sécchiu / lèstu, lèstu, se ’nfraschèste / ’n miezz’u boscu spariscèste. / Mo’ so’ curzi tant’anni / ’gni stàu più chilli malanni / e pe i’ a Rocca Preùra / ’a via mo’ edè secura; / chillu viecchiu più ’gni stà / u brigante se n’è itu / e u descurzu è ormai fenitu.
 
 

4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro

 

4.1 Canti
Mario Vinci riporta un canto della transumanza:
Misero me dove mi so’ ridotto / alle Frattocchie la gregge a pascolare / dove si mangia sol che pane asciutto / perché altra roba non c’è da mangiare. / Vedo Pompeo che mi pare un turco / Orlando che me pare un “Turcocane” / e Paletta che la porta l’insegna / co’ quella vocca pare… un “muccodefregna”!
una stramberia popolare:
Parto da Rocca Priora la matina / vajio a fa colazione a terrapiana / me magno quattro bovi e ’na vaccina / quattro castrati co’ tutta la lana / de vinu me ne bevo ’na cantina / de pane me ne faccio ’na ’nfornata / la panza mea ancora non è piena / sbatacchia comme ’ntocco de’campana…
e “Stornelli a rispetto e dispetto d’altri tempi”:
La saccio ’na canzone a la riversa / alla riversa la vojio mannàne / lo pane me lo metto alla fiaschetta / lo vinu me lo metto allu tascapane. // Li porti li capelli fatti amolla / drento c’è er pitocchietto che ce balla / er cimicetto fa la tarantella. // Fiore de’ ceci / me l’hai promessi cinquecento baci / de’ cinquecento me n’hai dato dieci. // Fiore appassito / la vigna non pò stà senza canneto / la donna non ’mpò stà senza marito.
 
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
Di Mario Vinci, in Poesie e brevi racconti…, questa “Poesia ingenua”, quasi una filastrocca:
Lu jallu, all’arba fa la svejia / perone non fa l’ovu. / La jiallina se ’rrizza più tardi / non canta mmai / mapperò fa l’ovu. / Lu pesce non vò parla’ co gniciunu / perché è mutu, / però fa pure le bolle. / Lu somaru tira zampate / però è troppu stupidu / perché non gioca a pallo’… / Ma zi Giuvanni è troppu somaru, / però gioca a pallo’… / però gioca a pallo’… / La pecora fa la lana / e lu lupu se la magna (la pecora) / Lu rillu canta sempre / però gniciunu li batte le mani / che canta a fa!!! / La ciumaca fa la striscia / e te le corna… / Zi Giuvanni te le corna / però non fa la striscia.
e una “Preghiera quasi bibblica”:
Lu vérgu saccio e lu vérgu vojio di’/ quillu che disse nostru Signore. / ’N cima a la croce ce vozze ì a morì / pe recchiappacce a nui peccaturi. / Varda la croce quantu arda e bella / un racciu rriva ’n celu e n’atru ’nterra, / quanno sarremo alla valle di Giosaffatte / piccoli e granni ce varréa sbatte / e passeremo da un ponticellu / che sarà strittu come un capillu / e de paura nui tremeremo / con na fatta de fojie cerve ’nterra. / Ce ’ncontreremo Gesù Cristu / co’ libberittu scrittu / che venarà dicenno: / “Peccaturi e peccatrici / chi lu vérgu no’ lu sa / se lu tenga da mparà / chi lu dice tre voti la sera / mparadisu ’ppiccia la cannela / chi lu dice tre voti la notte / mparadisu ’rropre le porte / chi lu sa e no’ lu vò dì / all’inferno và a fenì / chi lu dice e chi lu sente / trenta dì dè perdonanza… / Amen
Infine una cantilena: Sedia sediola, / sta munella va alla scola, / se porta la sediola, / se porta lu canestrellu, / pjinu pjinu de pizzutellu, / la maestra li fa festa, e la ietta dalla finestra
 
4.3 I giochi
Ai giochi dell’infanzia Nerina Pericoli dedica un commosso capitolo del suo libro A Colle di Fuori. Citiamo un gioco delle ragazzine:
I “bricci” si giocava seduti a terra, richiedeva occhio, destrezza, elasticità; cinque sassi bitorzoluti si buttavano a terra tutti insieme; se ne raccattava uno lanciandolo in aria e, mentre volteggiava, se ne raccoglieva velocemente un altro riunendoci il primo che cadeva; si posava il primo e si giocavano gli altri uno alla volta; si rilanciavano i cinque sassi e con il primo che serviva di lancio si raccattavano i “bricci” a due a due in qualunque distanza essi si trovassero; terza gettata: ripresa di uno e gli altri tre tutti insieme; quarto movimento: tutti i sassi nel pugno uno tra il pollice e l’indice doppio movimento: uno in alto e gli altri a terra, con il sasso ricaduto nella mano di nuovo il lancio mentre si riaccattavano i quattro a terra riunendoli al quinto che ricadeva.
 
Mario Vinci in Proverbi… riporta un elenco di giochi tra i quali: a recchiozze (con i gusci delle vongole), a tiritivalle (con gli assi di legno), a ruzziche (con le ruote di legno), a caciu (con la forma di cacio), a topotopo (a nascondino).
 
4.4 La gastronomia
In “La voce di mio padre” Mario Vinci in Poesie e brevi racconti nei dialetti di…, propone il povero menu di una “misera vitaccia”:
Anni ruggenti misera vitaccia / scarzi d’ojiu, de sale e de focaccia… / Ma pe’ fortuna dòppu ’stu “sarmone” / ce rescallemmo co’ ’mpiattu de “scottone” / e po’ lu giorno ’mmezzu alle “mezzàgne” / … cantemmo de poeta pe’ no’ piagne. (…) Ecco la sera! / E tutti reddunati / atturnu a ’n tavolinu sganghenatu, / emmo ’llangati e ce’ ’nnescea lu fiatu / ma tutti ritti comme li “sordati”. / Poraccia mamma! / Cò lu sgommarellu facea la pesca / pe la “callarella” / quanno c’era jiempita la “scudella” / ce la gnèmmo a magnà allu cantoncellu! / Era ’na jiozza fatta d’acqua e sale / e drento ’n po’ / de “gnacculi e facioli” / uguali a quella de li “zannarchioli” / …Eppuru ce spaccemmo carnevale!
(’llangati: stanchi e affamati, iozza: misera minestra, sganghenatu: malridotto, sgangherato, scottone: piatto caratteristico di pane, ricotta e siero, zannarchioli: boscaioli marchigiani di Sarnano che nella stagione silvana venivano a tagliare i boschi di castagno)
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
Teobaldo Vinci ci fornisce una versione nel dialetto locale della parabola evangelica del Figliol Prodigo (parabula dellu fiu prodigu):
’N’omo tenea du’ fij. ’N giorno lu piu ciucu fece allu padre: “damme quello che ’mme spetta”. Così lu padre spartì la robba alli fij. Doppu quache giorno lu fiu più ciucu fece fagottu e se ne gnette a ’n paese lontanu. Loco se messe a sciala’ e co’ ’n zuffiu se magna’ tuttu lu morbu che l’era toccatu. Feniti li sòrdi, nellu paese venne la carestia e comenza’ a tene’ fame. Pe’ magna’ se messe allora a serviziu d’en signore, che lu manna’ a pasce li porci. Se sarria volutu ’ttrippa’ co’ le ianne, ma non facea a tempu, perché li porci eranu più ’rrajati de issu. Allora comenza’ a penza’: “li servi de patrimu tengu tuttu quello che voju, mentr’ecco io sto morenno de fame. Mo sa che faccio, revajo e li dico: so peccatu contro Dio e contro de ti: non so più fìutu ma piame comme ’n servu”. Così commenza’ a cammina’ pe’ reissene alla casa. Lu padre, schioppatu pe’ la pena, gnea tutte le matine a occhia’ se lu fiu revenesse. ’Ndremente che occhiéa, lu vedde da lontanu e ’ffuàtu li gnette ’n contro, lu chiappa’ e se lu strenze forte allu core.
Lu fiu sbotta’ a piagne e li disse: “so’ ’n disgrazziatu, so’ sbajatu contro Dio e contro de ti, non so’ più fiutu, ma piame comme ’n servu”.
Ma lu padre non lu fece fenì e disse alli servi: “Poliscételu e remmutetelu tuttu, piéte lu mejo vitellu e ’mmazzetelu perché stu fiu meu era mortu e lu so’ retrovatu: facete festa”. ’Ndremente, lu fiu giù granne revenea da fòre e, sentenno li canti e li soni, chiese a ’n servu che fosse successu. “E’ revenutu fratitu!” li fece lu servu “e paritu, pe’ la contentezze, ha ’mmazzatu lu vitellu più grossu”.
Lu fratellu ’bbonu se ’rrabbia’ e disse allu padre: “li si ’mazzatu lu mejo vitellu: io so’ statu sempre co’ ti, so’ fattu sempre quello che si dittu, e non me si datu nemmeno ’n abbacchiu pe’ magnammelu ’nzeme all’amici. E mo’ ch’è revenutu quill’atru fiu che s’è magnatu tuttu co’ le troje, li si ’mmazzatu lu mejo vitellu!”
E lu padre a issu: “tu si statu sempre co’ meco, e lo méu è puru lo teu: tòcca esse contenti perché fratitu era mortu e s’è remmiàtu, era persu e lu sémo retrovàtu.
 
Su “Controluce” sono apparsi racconti brevi di Nicola Pacini e di Mario Vinci.
Di Pacini proponiamo un breve brano de “La fraschetta de Nazionale” (giugno 2001):
(…) La fraschetta de Nazionale è un retrovu puru pe tanti forestieri, qua capranicotto, e qua ’bruzzese della Molara. Na vota de fraschette a Rocca Piura ce ne steanu tante, po’ pianu pianu tanti au smissu, perché lo vinu se lo bivu pochi, e non conviene più tenè la vigna. Ormai so remasti Nazionale, lu Fante, Stefano de cassarittu, e quilli che apru solu d’istate, Luciani, Fischittu e Lemma. ma te dico che le scene che se vidu alle fraschette so meio delli show de Celentano alla televisiò.
 
Di Mario Vinci, straordinario narratore proponiamo un esilarante brano: “Un giorno in pretura” (“Controluce”, novembre-dicembre 1997):
La corpa fu dellu somaru che cò ’nà zampàta ’ncapu a ’npòrciu lu bellu ’mmazzà. E cosine, ’nnascì ’na lite fra Giuvanni e Caterina che signore scampane, allu puntu che tuttu lu paese nè parlea. ‘Nce fu verzu de metteli d’accordu e così tocca a ji de filu denanti allu Pretore.
Lu giorno che se fece la causa, la Pretura de’ Frascati deventà comme ’nparcoscènico. Lu Pretore jièse a Caterina comme s’eranu svorti li fatti, maperò Caterina che collo parlà ce tenea poca micizzia, cercà de fasse capì co’ quà gestu e quà esempiu. Era successu che lu porciu, che sempre ’ddannàtu pe scavà co’ lu rugnu, era fatta ’na bucia allu steccatu co’ lu fratticciu che separa l’ortu ’ndò stea lu somaru, e era itu a da’ cordoju a quella pora bestia che stea pe’ li fattacci sei. ’Mbellu giorno lu somaru ch’era perza la pacenzia, li refilà na bella zampata allu cerevellu e lu ’mmazzà.
Ma Caterina poraccia, non trovea le parole giuste pe’ spiecasse, e lu Pretore co’ lu Cancelliere se la stenu a pià ’ncojonella e se ficeru puru qua risatella. Allora Caterina, ch’era deventata paonazza dalla ’ngustia, se reffucì le maniche, se ’ccostà vecinu alla balaustra e se messe a recità la “sceneggiata” comme quelle che fau lu teatru. Stamme bene a sentì! Disse a lu Giudice mettennoli lu ditu guasi denanti all’occhi. “Tu si lu porciu e quistu è lu somaru, additando il Cancelliere, quistu è lu fratticciu, insegnando la balustra. Allora tu che si lu porciu, rivolta al pretore, sbuci lu fratticciu, insegnando la balaustra, e va a rompe li cojiuni a lu somaru, additando il cancelliere, lu somaru non ne’ po’ più, e te refila nà bella zampata ’ncapu e te manna a l’atru munnu, che corpa pò tenè quella pòra bestia?
Risate “casareccie”, colpe e discolpe di circostanza, ma Caterina vinse la causa.
 
6. I testi di poesia
Da Il costume popolare di L. Devoti apprendiamo che la poesia a braccio ha avuto molti cultori locali: Stefano Lolli, Saverio Palmieri (morto nel 2004), Mario Vinci, Francesco Libernini, i fratelli Giancarlo e Paolo Felici, quasi tutti di estrazione pastorizia. Tuttora ogni anno a Lariano presso il ristorante Da Dino si svolge un incontro di Poesia a braccio con la partecipazione dei più noti cultori.
Del poeta a braccio Saverio Palmieri ecco la poesia (“Controluce”, luglio/agosto 1998) “San Rocco co’ lu cane” in cui si deplora la paganizzazione della festa:
San Rocco meu comme te vedo bruttu, / si siccu comme ’nossu de preciuttu, / t’au missu zittu, zittu da ’ncantone, / niciunu più te porta devozzione. (…) ’Nvece mo, san Rocco meu, / te fau contentu co lu marameu, / mittu du’ sgallettate a cianche fore / sopre lu parcu a cantà na canzone, / e tu ricchi (ascolti) zìttu allu cantone. / E po’, pe contentatte de stu dannu, / te tirerau fore puru ’natrannu, / te leverau la porvere allu vestitu, / te rechiamerau come fussi Riverìtu.* / Tu te farraì ngìrìttu ’mpredissìone / e sarverai stu popolu fregnone, / lu sarverai dalli danni e pestilenze, / `puru se te considera apparenze.
(* personaggio locale che si autoinvitava alle feste nuziali)
 
Alcuni suggerimenti di Luigi Vinci per rifocillarsi dopo le fatiche nella poesia “Lu brindisi”: Se pe casu te senti fiaccu e mùsciu / bivi lo vinu, ma sia quillu rusciu. / Se ancora te trovissi triste e stancu / bivine puru ’n po’ de quillu biancu. / Ma non ne beve tantu, quant’e ’n puzzu… / pocu ne basta, pe deventà auzzu (allegro). / Tre bicchieri, giù, fin’a lu funnu / te senti lu padre’ de mezzu munnu.
“Misera vita degli anni Trenta: le cose che parlano” è un’ironica poesia in cui gli utensili di cucina rimangono desolatamente attaccati alle pareti di una casa in assenza di alimenti, mentre il fornello rimane tristemente inoperoso:
Dicea lu callarozzu a la ticama: / vorrìa sbajià, ma co’ sti chiareluna / se Mamma quacheccosa no’ redduna, / lu fornellu ce vede e non ce jiama! / Smircia pellaria? / Loco a lu travicellu / solu ferrufilatu cià remastu / co’ quà pommitorellu puru guastu / e gnende che vorria lu cennarellu. / Puru la pila sfergia de’ stu passu! / E la patella tutta ’rruzzunita / quist’anno no’ lau mancu repulita… / Mo la razzela lu jiotu co’ lu sassu / che la sbuciacchjia sotto e pe’ le coste / e co’ la racjia ’gna fa le… “callaroste”!
 
In “Le cose che cambianu” (nella nostra Antologia), è forte la denuncia di Mario Vinci per la scomparsa del paesaggio e delle contrade. In un’altra dipinge con affettuosa partecipazione amabili scene di vita pastorale:
’Na sferzata de vento mulinella / attorno alla capanna del vergaro / er fumo se contorce cor callaro / mentre se sta a posà la caciotella. // La chiesa de li frati scampanella / pe chiude na giornata de febbraro / er vento a valle spettina er pajaro / e sguazza l’acqua della Doganella. // Er cielo nella valle der Vivaro / s’è fatto nero turbinoso e scuro / er pecoraro pe sta più sicuro / radduna er gregge e lo porta a riparo.
La nostalgia pervade “Pozzi e barozze di neve a Rocca Priora” (“Murales”, 2 giugno 2007) in cui M. Vinci rievoca il viaggio di un barozzaro che porta nella capitale la straordinaria neve ghiacciata stipata nei pozzi roccaprioresi nei mesi invernali.
L’amore per il suo paese si esalta nell’“Inno alla Rocca vetta dei Castelli” (in romanesco, “Murales” 17 febbraio 2007):
Come ’na Fata ’mmèzzo a li Castelli / svetta la Rocca sotto er sole d’oro / fra li verdi castagni senti un coro / come de’ mandolini e so’ l’uccelli. / Guizza er verdone tra li ramoscelli / e cerca ner cespuglio er cardellino / la capinera color cenerino / orchestra er coro accorda i ritornelli. / A sera le “Fraschette e li ”Tinelli” / se la danno la voce tra de’ loro… / “scavolate le botti” e ’sto tesoro / bevetelo de’ core amici belli. / Sugo de’ malvasia drento er boccale / e st’ambra dorce corma ’gni bicchiere / co l’occhio che te strizza er cantiniere / assapori la Pace a ’gni locale. / Ginestre d’oro adornano la piana / Quanno e sera la brezza ponentina / culla er narciso co’ ’na soffiatina / mentre rintocca l’urtima campana...
Infine, in Storie di paese, Mario Vinci cita Luigi Felici detto Giggiotto de Celestino, pastore di rango ed eccellente improvvisatore.
 
Antologia
MARIO VINCI
Le cose che cambianu
Tuttu ’llocra lu tempu
e lu progressu
spatèlla tuttu…
e l’Omo li va appressu.
Perdìo mo quante cose s’hau cambiate!
Ma ’ncima a “Lu Pullaru”
meno male,
quacheccòsa a remàsu tale e quale.
Tavule a davanzale
fiori, titti
co’ vecchie rue
e tanti viculitti
cantuni, buce, sergi e portoncini
co’ certe pietre ch’eranu scalini.
Drento a le casi àardu li “tizzuni”
’nferrufilatu… e panni a pennoluni.
Alli portuni ’mpò de’ cose pie,
co’’nquadru de’ Madonna a ’ncantoncéllu
’ndò de maggiu canteanu le “tanie”;
co’ ’ncantu dòce a lu “Mese Marianu”…
Mo bàlle pe’ le Cesi e pe’ “Cajianu”
l’hau ’mpestate de’ carge e de gimento.
’Ndò ’na vota ce steanu “tutti” e granu
te pare de vedè n’accampamintu
de jende de’ ’gni fatta e de’ colore
c’hau levàtu a sta Rocca ’gni sapore.
 
Cenni biobibliografici
Vinci Luciana, giornalista de “Il Messaggero” e animatrice culturale, dirige la rivista “Castelli Romani”, ha scritto numerosi libri sulla storia e sulla letteratura nei Castelli Romani.
Vinci Luigi (1907-1982) giornalista, storico e poeta di Rocca Priora.
Vinci Mario (Rocca Priora 1921-2010). Appassionato sin da piccolo di narrativa e poesia; innamorato di Rocca Priora, il trasferimento da giovanissimo a Roma non ne muta l’indole paesana. Ha pubblicato i volumi di storia locale: Antologia fotografica (1987), 120 anni di sotoria amministrativa (1993), Piccole storie locali (1994), Le istituzioni che hanno fatto un paese (2000), Il Lago Regillo e l’Acquedotto Doganella tra storia e leggenda (2005) Dal 1993 ha collaborato con articoli e racconti a “Controluce”. Ha pubblicato anche il libro Nascita e sviluppo di una frazione: Colle di Fuori. è presente in Poesie e brevi racconti nei dialetti di Colonna, Frascati, Grottaferrata, Monte Compatri, Rocca Priora.
Vinci Teobaldo (Rocca Priora 1926-2012) avvocato e cassazionista, ha pubblicato Foglie al vento; Nullità insanabili; Elementi di grammatica del dialetto di Rocca Priora e Dizionario.
 
Bibliografia
A.A. V.V., Rocca Priora. 6° incontro culturale con gli amici della Rivista "Castelli Romani". Omaggio a Rocca Priora, Marino, Tipografia Palozzi, 1975 (Poesia)
Centro Anziani Angelo Grisciotti, Il tempo della memoria nella città del presente, Comune Rocc Priora, 2004
Dandini, Evaristo, Rocca Priora, 1973
Di Re, Paolo, Rocca Priora, [S.l.], 1994.
Galieti, Luigi, Da Civita Lavinia a Lanuvio. Stampe Cartoline Memorie, Velletri, Edizioni BLITRI s.a.s., 2002
Giuliani, G., Poesie e brevi racconti nei dialetti di Colonna, Frascati, Grottaferrata, Monte Compatri, Rocca Priora, Montecompatri, 1996
Luciani, Vincenzo e Faiella, Riccardo, Castelli Romani e Litorale sud. Dialetto e poesia nella provincia di Roma, Roma, Ed. Cofine, 2010
Minotti Tarquinio, Poesie e brevi racconti nei dialetti di Colonna, Frascati, Grottaferrata, Montecompatri, Rocca Priora. I beni culturali e ambientali censimento e catalogazione, Edizioni Quasar, 1995
Rocca Priora, Monte Compatri, Edizioni Photo Club Controluce, 1996.
s.a., I Beni Culturali e Ambientali: censimento e catalogazione, Roma, Edizioni QUASAR, 1995
Scuola Media Statale M. Dionigi classe 1B a.s. 1992-1993, Lanuvio
Vinci, Mario Rocca Priora 1860-1990
Vinci, Mario, Proverbi e detti roccaprioresi, [S.l.], 1995.
Vinci, Teobaldo, Elementi di grammatica del dialetto di Rocca Priora e dizionario, Montecompatri, Banca di Credito Cooperativo del Tuscolo di Rocca Priora, 1996
 
Webgrafia
www.muralesonline.net