7 – ANZIO

 

Anzio (3 m slm – 36952 ab., detti Anziati – sup. 43,43 kmq). A 57 km da Roma, sul litorale pontino, alla destra dell’Astura.

 

Il dialetto di Anzio:
 
Anzio e Nettuno: città vicine, idiomi diversi. Anzio non possiede un vero e proprio dialetto. La parlata locale, un romanesco infarcito di contaminazioni campane e del basso Lazio, si sta praticamente estinguendo insieme alla generazione più anziana, costituita da pescatori. Il dialetto – osserva il poeta Luigi Salustri – “non può essere autentico romanesco ma si accosta ad esso pur mantenendo i toni e gli accenti della lingua parlata dalle nostre parti.” E subisce, in aggiunta, l’invasione di termini stranieri. Il dialetto di Nettuno differisce molto da quello che rimane del dialetto anziate. Pur con inflessioni e vocaboli tipici del romanesco, essendo gli abitanti di origine autoctona, ha più assonanze con i dialetti dei Castelli o del basso Lazio (ad es.: alcuni casi di inversione dell’ausiliare: jo so’ detto invece dell’italiano gliel’ho detto o dell’anziate jo o’ detto). Tre soli chilometri di distanza e due idiomi quasi completamente diversi. Termini tipici del nettunese sono: jo,’ chisso, chìo.
 
1. I vocabolari e le grammatiche
Non è stato reperito materiale
 
2. I proverbi e i modi di dire
Non è stato reperito materiale
 
3. I toponimi e i soprannomi
Nel sonetto “Cognomi, nomi e soprannomi” Valerio Tulli avverte che:quanno che cerchi un tizzio… nun so come, / si nu’ je dichi prima er soprannome / è come cercà ’n ago drent’ ar mare e poi ne cita alcuni: Baffo de cane, er Turco, Sgaramazza, / Rancio peloso, er Cifero, er Beone… Altri soprannomi di Anzio: Mezzochilo, Cianghitto, Trecolpi, Spaccavento, Svociato. In una poesia a lui dedicata dall’amico poeta Paolo Pesci, in apertura del libro prima citato, viene rivelato il soprannome: Eppuro quanno parla pare strano, / se sente proprio che nun è romano (…) E’qui er mistero, / ma v’assicuro ch’è portodanzese / e ciancica er dialetto der Paese / e lì nun è Valerio, ma “Bolero”.
In “Da la punta der molo” tratta da Poeti di Anzio, Arturo Sabatini ci conduce, in punta di pennello, in visita ad Anzio: Comincierebbe da Santa Teresa / scegnenno lemme lemme verso er mare / pitturerebbe er faro, la discesa, / le ville belle e le perzone care. // Me fermerebbe pe’ dipigne er Porto: / le barche a vela, i vuzzi, l’aliscafo (…) // Er Paradiso che troneggia ar sole, giocanno a briscoletta cor Tirena / guardo co l’occhio e cerco le parole, / pe’ riccontà a li posteri sta scena. // (…) Arfine, fra le grotte de Nerone, / co’ l’Arco Muto e l’antre spiagge care / fenisco co’ sta spece de sermone, / e finarmente, Porto d’Anzio appare.
 
4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi- gastronomia- feste&sagre-altro
 
4.1 Canti
Non è stato reperito materiale
 
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
Non è stato reperito materiale
 
4.3 I giochi
Nella poesia “L’innocenza der core” rinasce prepotente in Luigi Salustri la voglia dei giochi di un tempo: Vojo tornà com’ero regazzino, / pe’ riggiocà a campana su la piazza, / a picca ner cortile e su’n terazza / rifà a nisconnarella…
 
4.4 La gastronomia
In “La cassetta der pesce”, Arturo Sabatini ci introduce al mercato serale dei pescatori: Ce trovi a poco prezzo le cecale, / li sugheri, li porpi e l’alicette, / puro s’er pesce, vale quer che vale, / si ce sai fa, ce fai tante ricette. // Chi compra, fa li conti co la mente, / penzanno de magnasse er pesce fritto, / ma poi si c’è la zuppa solamente, / va bè lo stesso e nun ce resta affritto. Poi i compratori: portanno a casa ’sta bontà de Dio, / felici d’avé fatto “er bon’acquisto” / chiameno tutti, madre, moje e fio, / pe’ faje vedé tutto er pesce misto. // Leccannose la bocca e, come matti, / immaginàtive da soli la scenetta / se magneno ’sti pesci come i gatti….
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
Non è stato reperito materiale
 
6. I testi di poesia
Amalia Ghidetti nell’introduzione alla raccolta poetica di Valerio Tulli, A du passi da Roma, afferma che egli “può vantarsi di lasciare con i suoi sonetti un monumento alla gente di Anzio, un’opera custode dei ricordi delle generazioni passate e della tradizione popolare. I suoi versi esprimono con orgoglio l’appartenenza ad una collettività e ad un’identità culturale che va scomparendo.” So nato a Portodanzio, ar funtanone / e della povesia so’ ’n istintivo, / nun so’ ’na granne cima e quanno scrivo / ce metto tutta quanta la passione.
Così si definisce nel sonetto “Er caratteraccio mio” V. Tulli, per anni tassinaro, osservatore di uomini e cose del suo amato luogo, di cui rimemora le bellezze e le virtù antiche e deplora il decadimento dell’ambiente e dei costumi: Puro si è sempre piena la credenza, / qua sta cambiando tutto de sapore, / è tramontato er senso dell’amore, / perché nisuno più cià la coscenza. // Drento le case nun c’è più calore, / ce trovi solamente strafottenza, / nun ce commove più la sofferenza / ce s’è indurito veramente er còre (“La divozzione”).
Per Aldo Tomei, portodanzese di adozione, così è l’amato “Borgo Vecchio: E’ ’mpanorama fatto de casette / dipinte ar guato de li poverelli / le finestrelle adorne de cassette / ’ndo sbocceno li fiori li più belli.
Luigi Salustri, in Voce der core, la sua migliore raccolta, precisa che i suoi temi sono molteplici e investono la vita quotidiana con le sue ansie, le sue gioie, i suoi tormenti, le illusioni, le amare realtà, le sue filosofie e le care nostalgie… Qualche esempio: la dolcezza di una “Ninna nanna”: Pupa che dormi bona ne la culla, / co’ mamma che te fa la ninna nanna, / insogna un cielo bello che ce manna / raggi d’amore in de sta tera brulla. // E quanno c’è papà che te trastulla, / faje un soriso dorce come manna…; il rilucente paesaggio marino in “Tavolozza sur mare”: So’ tanti li colori che cià er mare: / de madreperla ride d’allegria, / luccica ar sole e danno pe’ maggia / ’na spuma bianca azzurra l’onne chiare…; infine l’epilogo di “Serenata marinara”: la luna già svanisce appena appena, / s’accenne l’arba candida e serena / se smove la persiana / coll’aria de bonora / e guardo se lontana / intravedessi te, / ma forse dormi ancora / senza sognà de me! In Antologia proponiamo per la sua grazia e levità “Beata adolescenza” in cui invita una “ciumachella” a fermare il tempo. Non manca in Salustri l’esaltazione dell’amata Anzio, come nei 10 sonetti romaneschi di Li Romani de Portodanzio, dedicato alla città e ai suoi personaggi.
Di Arturo Sabatini proponiamo nella sezione Gastronomia “La cassetta der pesce”.
Di Paolo Pesci, poeta romano e romanesco, che ha scelto Anzio come sua seconda città, da Poeti di Anzio citiamo “Abbronzature”: Invidio er sole quanno che d’estate / fa er Casanova a picco su la spiaggia. / Bionne co’ l’occhi azzuri e guasi gnude / te pareno de ’n’isola servaggia. / Se so’ solo abbronzate, nun t’illude, / ché quele nostre so’ de razza bianca / e quanno avranno perzo er colorito / e speso più de mezzo capitale, / dar mare torneranno dar marito / per rigalaje un mare de cambiale! Nella stessa antologia anche poesie di Ennio Persichini e Lucio Isabella.
 
Antologia
LUIGI SALUSTRI
 
Beata adolescenza
 
Cor vorto risarello,
felice, sbarazzina,
nun cresce regazzina,
fallo pe carità.
Sapessi quant’è bello,
vedette su quer viso,
l’accenti der soriso,
rimani de ’st’età!
Se smove appena er vento
ch’è diventato brezza,
te sfiora e te carezza
pe’ fatte divertì!
Er core tuo contento,
s’accenne de malia,
se ’ncontri pe’ ’n via
chi te pò fa arrossì!
Nun cresce troppo ’n fretta,
nun damme ’sto dolore,
perché si cresci, more
la tua semplicità!
Allegra regazzetta
nun famme ’sto dispetto,
rimani de ’st’aspetto
co la tua ingenuità!
E quanno all’improvviso
la vita affronterai,
nun perde ’sto soriso
nun te lo perde mai!
È l’unica maniera
pe rimmedià ar destino
dei sogni de la sera
svaniti già ar matino.
E pe’ n’avè terore
de ’sta vitaccia immonna
ner mentre sarai donna
rispolvera er candore
che te faceva bella
quann’eri ciumachella!
 
 
Cenni biobibliografici
 
Bibliografia
Giannino Salvini, Rosalba – Foto di famiglia: Anzio nel tempo, [S.l.], 1997.
V. Luciani e R. Faiella, Castelli Romani e Litorale sud. Dialetto e poesia nella provincia di Roma, Roma, Ed. Cofine, 2010