62. Marcellina

MARCELLINA (282m slm – 5464 – 7.023 ab. detti marcellinesi – 15,27 kmq), sorge sui declivi dei monti Lucretili, alla base di una bastionata calcarea tra il Monte Gennaro e il monte Morra che sono i massicci montuosi più alti dei Monti Lucretili. Fa parte della Comunità Montana Zona IX Monti Sabini-Tiburtini e del Parco Naturale dei Monti Lucretili. Fu soltanto nel 1909, sotto il regno d’Italia, che divenne comune autonomo. Prima era considerata frazione di San Polo dei Cavalieri.

Dialetto marcellinese
(dall’introd. di Gubinelli) fonte primaria: il latino, tracce di scambi ed immigrazioni si ritrovano nelle influenze dialettali abruzzesi, umbre, marchigiane, e naturalmente nella componente laziale.
1. I vocabolari e le grammatiche
Alcune annotazioni fonetiche e grammaticali di Gubinelli
Le parole che finiscono con la vocale o come nel latino sono state sostituite dalla u es. lupo, lupu.
I verbi all’infinito (are ere ire) hanno avuto un cambiamento in (ane ene ine) es. fare : fane, l’infinito ere è diventato é-éne ed é stato aggiunto aparole come tréne, tre, caffène, caffè, la ire è diventata ine dire, dìne; Ilverbo riflessivo arsi é diventato asse aggrapparsi aggrappasse. Alcune lettere dell’alfabeto hanno preso il posto di altre la d al posto della t Antonio Ndonio e la t al posto della d, patrimu, padre mio, matrema, madre mia , la i al posto della e Gisù, Gesù.
Gli articoli indeterminativi al singolare (il, lo) sono diventati lu, il cane lu cane, lo scoiattolo lu scogghjattulu, al plurale (i, gli) sono diventati li, i cani li cani, gli scoiattoli, li scogghjattuli.
La preposizione semplice in seguita dalla consonante p, è diventata ’m, in petto, ’mpéttu; in punta ’mbónta.
In altri verbi invece la a posta prima del verbo all’infinito indica il dover ripetere la stessa azione es. vinì, revinì, arevinì. I diminutivi nel dialetto marcellinense sono: mìccu, michittu, micchittillù, vattu, vattùcciu, ticàma, ticamèlla, ticamellùccia.

La fonetica di alcune parole come la gghj e la cchj può confondere il lettore in quanto le consonanti, sono di origine velare gutturale, mentre nel dialetto Marcellinense l’aggiunta della j fa si che diventino apparentemente palatali.

Vocabolario
Dall’Utile Vocabolario Marcellinese di Luciano Gubinelli, (presente sul sito lnx.marcellinaonline.com/index.php) abbiamo selezionato i seguenti vocaboli:
abbigghjulìtu (malaticcio; rincitrullito), abburzòcco (abruzzese), accapammónte (su; in alto), accapannànzi (davanti ad una certa distanza), accaparrétu (dietro front), accapubbàlle (in fondo; giù), accapuquà (da questa parte), accapusù (su in alto), agghjarà (schiarire, agghjara lo vìnu), àgghjo (io ho; v. ), ainàsse (sbrigarsi), alleperàsse (sdraiarsi in terra), amànti (pastori che vivono sempre in montagna), appettatóra (salita ripida), arebbistigghjà (allacciare; arebbistìgghjame st’ùstu; allacciami il busto), arecéna (scotta; brucia), arìngulu funàru (fantasma magro e alto), arrecchjà (origliare stando nascosti; prendere gli animali per le orecchie), arruggicàsse (cadere giù in un luogo scosceso), azzicculàtu (vestito elegantemente; in maniera decente), ballatùru (pianerottolo), barìcule (occhiali), borràgghjana (borragine), cànganu (cerniera della porta; guarda quillu che canganu; guarda che dritto), capicciòle (lacci per legare i mutandoni), casariènno (girare di casa in casa per passare il tempo. Anche caseggià), céusi (gelso), chiélli (nessuno), cianfarùghe (stupidate, favole), cingiacòtte (frutta seccate al sole), ciùfulu a pelle (pene), coà (covare; la gghjòcca cóa; la chioccia cova), coéllu (anello dell’aratro che regge la caìcchja la ura e la cóngia), coó (covone), còppa (misura agraria uguale a quattro quartucci (mq 1.000): na coppa de terra; misura a forma di tino per cereali, ecc.; quantità sufficiente a seminare mq 1.000), cristagghjéra (cristalliera; mobile a vetri con diversi ripiani, usato in cucina per riporvi stoviglie e cibo), cùzzica (strato indurito che si forma sulle ferite per essiccamento di sangue), fìcora mònica (ficodindia), frelléngua (da per tutto; in ogni luogo), fulìgna (fuliggine), fùrculu (unità di misura di 10 cm circa pollice e indice allungati), génzule (giuggiolo), gghjà (gli; gghja da dà: gli deve dare), gghjéci, gghjeciannòe, gghjeciassètte, gghjeciòtto (dieci. cfr. dèci, diciannove. cfr. dicinnòe, diciassette, diciotto), gghjéri (ieri; l’atru gghjéri: l’altro ieri; gghjeri addemà: dopodomani), gghjommèlla (una manciata a due mani), gghjóppe (giù; in fondo; gghjoppellòco, laggiù in quel posto; gghjopperèsso, laggiù), lée! (ordine impartito all’asino per farlo fermare), lémede (confine a terrazzamento), luccicapénna (lucciola), luccicarèlle (annebbiamento della vista; vedo tutte luccicarelle), malè mazzarèlla (mal di pancia), manfrudìtu (poco cotto), mangimàtu (animale allevato con il mangime),  marvogghjènza (stregoneria), marzòcca (grappolo di ciliegie),  mastrózzu (un qualcosa che ostruisce la gola, tengo un mastrozzu ’n gànna), medecàsse (cadere e farsi molto male), melàngulu (arancio), mmèlla bianca (storace, styrax officinalis), mmèlla néra (albero di giuda, cercis siliquastrum), momindìllu (istante, aspetta un momindìllu), Montefràgghju (Monteflavio), mòrgio (sasso), mòrra (grosso sasso di montagna), mòrro (grosso sasso, dim morrétta), mùnnulu (foglie verdi di sambuco legate all’estremità di un bastone, che, bagnato in un apposito secchio pieno d’acqua, serve per spazzare dal forno la cenere ed i carboni), munticiàna, Munticìlli, munticillìsi (rispettivamente: donna di Monte Celio, Montecelio, abitanti di Montecelio), ncucugghjàsse, accovacciarsi; flettere sulle gambe e rimanere in tale posizione .p.p. ncucugghjàtu), ngacchjatùra (intersezione di rami o di ossa), ngallocàtru (in un altro posto), ngamà (scoprire una truffa; àgghjo ngamàtu), nganà (erezione),ngarrà (inciampare; p.p. ngarràtu),ngarràsse (mettere sotto; travolgere; me ss’ hau ngarràtu), ngènne (impers. dolere; mé ngenne la nguenàgghja: mi duole l’inguine), nìna (richiamo per i cavalli), ovànno (quest’anno), Palommàra (Palombara), pandàsima (donna inespressiva; immobile), pannaróli (ragnatele), prisdimà (giorno successivo a dopodomani), pummìssu (posto riparato dal vento), ràfiche (radici), recelà (verso delle galline quando fanno l’uovo), recòce (dar fuoco al terreno dopo la mietitura), remmonnà (sbucciare), resconzabbilità (responsabilità), rettragghjà (riprendere caratterialmente; ha rettragghjàtu dellu padre), revaculià (raccogliere le olive rimaste in terra e sulle piante dopo la raccolta), rezzelà (racimolare, rezzela dó nùci), roffolà (russare), ròsa cacarciàra (papavero), salincróccu (insieme di cose malamente messe; uomo che non sta dritto in piedi), santa nèga (reticenza; la gghjettàta ‘n santa nèga: chi non desiste dal negare con intenzione), Sàntu Pólu, santupulìci, S. Polo dei Cavalieri, sanpolesi), sbrinnònno (bisnonno), scagghjó (scheggia di pietra, dente del giudizio), scasàsse (togliersi le scarpe), sciufulà (scivolare; se sciùfuli te remmùnni le vinòcchja; se cadi ti sbucci le ginocchia), scozzonàsse (lavarsi, pulirsi dopo molto tempo), scrìma (cima di un colle), scrimonà (togliere le pietre da un mucchio), sfrìe (friggere), sillùsu (sporco di sella, sporcizia), sollamà (riempito; ma sollamatu de biastimi: mi ha riempito dibestemmie), songàsse (soffiarsi; sóngate lu nasu), sóreca cièca (talpa), spastorà (ritornare a posto; me ssè svingatu lu racciu non lo pòzzo, spastorà), speàtu (animale che non ce la fa a camminare), stingà (tagliare di netto una pianta), stinniricàta (lunga stecchita), succàrdu (pugno; schicchera data con il medio e pollice; te dò un succardu ngapu te soccóo),suéllu (mestolo della conca per prelevare l’acqua), suppellòco (li su in quel posto), supperèsso (li su), svogghjatùra (desiderio di un cibo particolare, che si manifesta soprattutto in gravidanza), tàfana (puzza), taràntula ricèttula (salamandra), tarramùtu (terremoto), tàrulu (tarlo), tàsca(zaino rudimentale dei pastori fatto di pelle ovina), tascapà (zaino dei pastori fatto di pelle ovina o di stoffa),tàsciu (tasso);técchja (fioritura dell’ulivo), temènde (guardare; timìndi pó; guarda un pò),tenganéra (donna bruttissima), tittìllu (richiamo generico per cani),Tìuli (Tivoli), tòngo tòngo (lèmme lèmme),tòpa (rospo comune; scient. Bufo bufo), trabbùccu (buca; voragine), tracènna (fossa per la raccolta e lo smaltimento delle acque intorno ad una casa),trìta (operazione del tritare; il grano mediante il pestaggio di cavalli o mazzafrùstu),tróccu (recipiente di legno dove mangiano i porci, truogolo), tropèa (puzza; sbornia, che tropea che porti),tròscia (pozzanghera),tuàgghja (tovaglia),tutu (pannocchia), tutumàgghju (pannocchia vuota),ursumannàru, ursupanaru, lupumannaru, lupupanaru (licantropo), usulà (sentire);vallepastóre (gallo cedrone),vecchjàgghja (vecchiaia), vernarésca (alla maniera invernale),viàgghju (viaggio), vìgghjula (specie di scopa fatta di ginestra per pulire il grano; è come na vigghjula; è veloce), vordarécchje (aratro a doppio vomero), votacélu (capogiro), votatùrnu (vento a mulinello),vucculàru (collo della bottiglia),zàmpi pell’aria (fallito; rovinato; sò gghjtu a zampi pell’aria), zaravagghj (scarabocchi), zighilìna (vento freddo).

Interessanti anche le schede di anatomia, inserite nell’opera di Gubinelli e di cui è autrice dott. sa Maria Lorenzi:
Corpo umano: 1) Bucchìnu: tibia perone. 2) Calecàgnu: calcagno. 3) Càpu, capòccia, capocciétta, cocózza: testa. 4) Ciànga, samba, pl. cianghettélle: gamba. 5) Còssa: coscia. 6) Costàta: costole. 7) Ràmba: mano. 8) Fétta, pèe: piede. 9) Gannarózzu: trachea. 10) Gròppa: spalle. 12) Ossu mazzillu: malleolo. 13) Polemengió: polpaccio. 14) Pósula, rummella: polso. 15) Racciu, raccittu: avambraccio. 16) Scélle, sottotillu: ascelle. 17) Tillu: spalla. 18) Uffi: fianchi. 19) Utu: gomito. 20) Vinócchju: ginocchio. 21) Ritta: dritta, mano dx. Testa: 1) Cucca: nuca. 2) Noce: fossa cranica posteriore. 3) Gghjéndi, sanni: denti. 4) Scucchja: mento. 5) Crascèlle: mandibole. 6) Muccu, ngrumatura: viso. 7) Occa: bocca. 8) Samafari: occhi. 9) Témpere: tempie. 10) Chirica: chierica. Mano: 1) Pónda delle deta: dita. 2) Parmu: palmo. 3) Cicinéllu: mignolo. 4) Nnòcche: nocche. 5) Déta: dita. 6) Ogna: unghie. Sul sito della Pro Loco di Marcellina www.marcellina.org c’è un vocabolario marcellinese interattivo.

2. I proverbi e i modi di dire
Modi di dire dall’Utile Vocabolario Marcellinese: a cìccia de pórcu (sulle spalle; portare qualcuno sulle spalle a testa in giù), allìmbi e Santi pàdri (risposta di chi rimane senza alcun avere), ha fattu tuttu arriccuadò (ha fatto man bassa), che nnè (come stai?), vé cammìnènno cianga cianga (incamminati lentamente), ciavàrra (agnellone), ciavarrétta (agnello di un anno), te dò na tortorata alle corde dellu collu (tido una bastonata sulle nervature del collo), cottunfrónte (marchiato sulla fronte. Epiteto dispregiativo dato dai romani ai tiburtini, durante gli scontri nella metà del 1350 circa. Tiburtini cótti ’n fronte, romani caca all’acqua), lìmbo làmbo e la tentasió(tizio caio e sempronio), na sbracciàta un racciu mpàrmu e quattro déta (unità di misura per fare i buchi allu nériu, per inserire la caìcchja; e ogni quattro deta i buchi successivi), va all’urtichèlla, alli sette sprifunni sotto allu nférnu (espressione idiomatica per indicare che dopo l’inferno c’è un altro inferno più brutto).

Proverbi
Le mondagne non se móvu li cristiani scì. Chi àra co le vacchi e zappa co le femmone non tè mai rànu da vénne. Chi s’addòrme co li vatti s’arrìzza co le puci. È megghjo che se mòre la mogghje, che lu somaru a cà poracciu. Madonna méa dell’ùsula fa piòe nnànzi càsema, famme murì mógghjema ma famme campà l’asina. La casa abbósca (nasconde) ma non arróbba. Gnènte te pòzzo fa, ’nnanzi a caseta te vengo a cacà.Magna quanno ha fame biastima quanno ha ragió. Donne e fócu hau da èsse suzzulate gni pócu. Fidate de ‘n cane non te fidà de na femmona. Lo fume va alle belle e le brutte le cèca. Quànno la fémmona móve l’ànga sé non è puttàna pócu cé mànca. Ginnàru co la ócca còtta, denànzi me còcio darétu me fiòcca. Piòe e tira véntu arróbba valline statte drénto. Chi della róbba sea se spodèsta pìgghja un màgghju e dàgghjlu ‘n testa. La róbba dice non me gghjettà che non te gghjètto. Si remàsu come cuccuéllu scàsu nuàcchju e senza cappéllu. È come lu surdu de Santu Pólu ce sente quanno gghjé pare. Munticilli anticu anticu che sta ngìma a un ripu le femmone che non sau refilà un àgu vau urlènno maritu maritu. È megghjo faccia róscia che panza moscia. È megghjo na fetta de pà co l’ógghju che na sambata alle palli. È megghjo na scurréa de corpu che na réquie eterna de mórtu. È megghjo puzzà de vinu che de ógghju santu. Va a gghjède la salute allu spitàle. Lu léttu è cataléttu più dórmi e più te dà da durmì.
Infine una definizione dei mesi: Ginnàru dell’anno è la porta / Febbràru tè la vita più corta Marzu le ràdiche sprigiona / Abbrìle de fiori se ngoróna / Maggiu agliéta de canti / Giùgnu de mesi festanti / Lùgghju sa il grano ammassare / Austu fa le ombre più care / Settembre bélli rappàgghj a rubìno / Ottóbbre ne gghjmpi lu piùnzu / Novèmbre spògghja la terra / Dicembre nel gèl ce sottèrra. E detti di Marcellina su Montecelio: Monticellu anticu anticu / che sta ngìma a un ripu, / le fémmone che non sau refilà un agu / vau urlénno maritu maritu e sui giovanotti di Montecelio: tutti li giovenotti cianno la rabbia / che cianno l’uscello e non cianno la gabbia.
Proverbi, cantilene modi di dire sono presenti (con traduzione in italiano e persino in inglese) sul sito della Pro Loco di Marcellina (www.marcellina.org) tra questi: Dagghi e dagghi le cipolle deventanu agghi; Mittipecca stà alla porta più nne mette e più nne porta; ce té la vigna e non ce té capanna… quanno che piove te remitti ’n fregna.

3. I toponimi e i soprannomi
Da Gubinelli: Fosso della Scarpellata, Pratone di Monte Gennaro (alt. 1024 mt., dove è sito l’Anfiteatro Linceo), Valle Cavallera, raggiungibile dal Pratone di Monte Gennaro (un suggestivo percorso tra fitti faggi e aceri).
Dal sito della Pro Loco di Marcellina altri toponimi:Caolini , Catabbio, Carrae, Cesespacca, Fonte crapara, Fonte dell’impiccati, Pezzu ranne, Macchiamiccia, Mitrianu, Muracce, Punticilli, Retorta, Rutti e lli Vici, Rutti de Scasacani, Sasicchiari, Scarapellata, Vallaficu, Vidirusci, Vallepantana.
Dall’Utile Vocabolario Marcellinese traiamo dalla sezione Le razze de quissi de…curata daPaolo Briciòtta Lattanzi e contenente circa 300 nomignoli  questi soprannomi: Bimbolopò, Cacarìcci, Filippubù, Lu Cchjòcchjo, Ntintirintellu, Pacchjanèlla, Pingalónga, Pìngiu de fòre, Pirusìccu, Stracciavarnélli.
Numerosi soprannomi marcellinari sono presentisul sito della Pro Loco di Marcellina (www.marcellina.org). Sono suddivisi tematicamente e ove possibile viene chiarito anche l’origine dei soprannomi e comunque c’è l’invito per i visitatori a suggerire, soprannomi nuovi o a completare il significato di quelli presenti. Ne scegliamo qualcuno: Succhittu, Sciufuleccasca, Pisciambritura, Munzignurittu, Bbepete Bbepete, Pippammocca, Settecapocce, Vecchiuellanotte.

4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi- gastronomia- feste&sagre-altro
Filastrocche
Càla se ha da calà, se ha da calà càla, se non àda calà non calà.
E mbó e mbó e mbó l’alimalìttu de rapeló e pe na cósa reparata l’alimalìttu della scarapellata.
Gghjóppe sùppe làppe llòco.
Me fa male lu gghjènde, me ssè nfiammàta l’ógnarìa e me ssè gonfiàtu lu mùccu.
Ndindirindèlla tenea na mula tutti li giorni la dea a vittura mó co lu mmàstu mó con la sella questa è la mula de Ndindirindèlla.
Ne vèngo da Rotavéllu caricu de fiénu de frónna e de frasca, ngiambo alla fratta e gghjètto fiénu frónna e frasca.
Santu Pólu miccu miccu foderatu de funìcchju, Marcillìnu rànne rànne foderatu de capanne e lu più rànne capannó era quillu de pisció.
Marcillìnu che è un capannó pure se vede qua lampió, Santu Pólu che è rinomatu allo scuru l’hau lassàtu.
Stea la sóreca gghjóppe alla valle, mangu le palli la póttiru arrià, mannaggio la sóreca de tutte le qualità.

4.1 Canti
Dal sito www.marcellina.org che contiene proverbi, favole, poesie dialettali, giochi vocabolario completo ed anche canzoni (sia musica che testi) preleviamo questi stornelli: Recalanu l’amanti da montagna … l’arbori secchi se remittu ’n fronna (riscendono gli amanti da montagna … gli alberi secchi tornano a rinverdire).
Canta la merla nera sopr’alla cerqua, se resvegghja lu pratu a primavera (Canta la merla nera sulla quercia, si risveglia il prato a primavera).
Revattenne de maggiu car’amore, che alla montagna c(i)’ha fattu la nee (Aspetta maggio per partire caro amore, che in montagna ha fatto la neve)
Lu carzolaru meu, bruttu ciocione, mancu le scarpi se sa resolane (Il calzolaio mio brutto e trasandato, non sa risuolarsi neppure le scarpe).
Lu pecoraru meu bruttu ciocione mancu allu lettu se sa colecane (Il pecoraro ….  non sa coricarsi neppure a letto).

4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
Dall’Utile Vocabolario Marcellinese, nella profusione di imprecazioni abbiamo scelto:

Che pózzi fa na boccata de sangue ’nnanzi notte. Che te pòzza pià ’n garbùgnu ’n frónte. Che te pòzzanu abbrucià a te e a issu. Che te pózzi abbrucià rìttu. Gghjé pòzza da na gghjoàta ’n gànna. Gghjé pòzza pià na paràdisse a campà e no a murì cuscì se la gode. Gghjé pòzza scrocchjà ’n fùrminu. Me te magno e me te recàco. Pòzza fa un bóttu cóme na cannonàta. Te mócceco ’n ganna e me tte béo lo sangue. Te pòzzanu accorà co ’n zìppu de mmèlla. Te pòzzanu caccià la pagghjàta. Te pòzzanu caccià le mazza. Te pòzzanu reportà drento un fazzulìttu della spesa. Te pòzzanu retrovà regghjómmerata. Te pòzzanu sonà le campàne a mórtu. Te pòzzanu tagghjà le récchje. Vammurisparàtu.
4.3 I giochi
Segnaliamo dal Vocabolario di Gubinelli solo: mèzza bbòccia (passatèlla; gioco d’osteria, nei quali i partecipanti si spartiscono vino o birra comprato collettivamente tramite il gioco delle carte); sbattimùru, gioco che consiste nel lanciare le monete contro un muro); tirulunzàccu (gioco che consiste nel cercare di fare entrare una persona in un sacco).
Sul sito della Pro Loco di Marcellina (www.marcellina.org) nella sezione “giochi di una volta” vengono ripresi da Marcellina … ricordi, sensazioni, tradizioni di Anonimo Burino Giocare a Libbera e Guerra francese. Ecco la descrizione del primo: “Come non c’erano soldi per andare a cinema non ce n’erano neppure per altri giochi, ma non credo che mi siano mancati tanto, anche perché non avevo occasione di incontrare ed invidiare gente che poteva permetterseli. Il ricordo di Pitrucciu porta al ricordo della piazza (diversa nell’aspetto da quella odierna poiché non aveva ancora il rivestimento di asfalto ed era assente il monumento ai caduti della II guerra) e di quella campanella che lui ostinatamente suonava per invitarci ad entrare in prigione… finché spazientito prendeva una frasca e ci inseguiva fingendo di frustarci o frustando i più restii . Non ricordo bene se effettivamente lo facesse con qualcuno. Ma non ricordo nemmeno che qualcuno si sia mai lamentato per questo. Noi stavamo giocando partite accanite a Libbera, la mia preferita, a Guerra francese o a Ecchimeeee!!
Io preferivo giocare a Libbera perché non richiedeva forza ma agilità e velocità (per chi non l’avesse capito ero Franchittu, un peso leggero). Il gioco si svolgeva fra due squadre di numero imprecisato purché uguale di componenti (Segue uno schema del gioco stesso).
Segnaliamo anche un gioco molto divertente dei giorni nostri, una sorta di patente per verificare il nostro grado di “Marcellinesità” è su: https:////www.teverino.it/giochi/chi-vuol-essere-marcellinese/index.php

4.4 la gastronomia

cillìtti, strozzapreti; tipo di pasta affusolata lunga, fatta in casa con acqua e farina; pizzafrìtte, specie di pizze fritte in padella. specialità marcellinense.
Sul sito della Pro Loco di Marcellina (www.marcellina.org) molto ricca e completa la sezione cucina: Nella parte dedicata ai primi piatti Crimintina R. (classe 1914 ) così si esprime: “…prima i d’ammassà lo pà, pò i da fà da magnà… colla massa se faceanu o li cillitti o li stracciavarnelli… po’ i da gghi a ccoce lo pà… (Prima dovevi ammassare il pane, dopo dovevi preparare il pasto… con la massa del pane si preparavano cillitti o stracciavarnelli… dopo si andava a cuocere il pane che intanto era lievitato).
Li cillitti: pasta lievitata; dalla massa del pane che si faceva avanzare o si metteva… da parte per questo scopo (la mattina per la sera). Nonn’ hau da esse summi. (Non debbono essere duri. Summu = Non lievitato; si dice del pane)
PREPARAZIONE: Tirare la pasta in brevi tondini. Gettarli nell’acqua bollente. Lasciar cuocere qualche minuto. Preparare il sugo: guanciale, aglio, prezzemolo, pomodoro, peperoncino…  olio d’oliva di Marcellina (indispensabile per la riuscita del piatto). Scolare li cillitti, condire e cospargere di pecorino.
Li stracciavarnelli (altri dicono stracciafregnacce): sempre dalla pasta del pane. Pezzetti di massa del pane stracciati e schiacciati irregolarmente e gettati nell’acqua bollente dentro lu cutturu. Con fagioli o a minestroni.
la ventula: pasta del pane schiacciata in modo irregolare a coprire il fondo della teglia a formare una pizza. Si cuoce nel forno con il pane.
Lo pane cottu: pane duro che veniva variamente riutilizzato in minestre… sempre con dell’ottimo olio di Marcellina.
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
Dal sito del comune https:////www.comune.marcellina.rm.it, apprendiamo dell’esistenza dell’associazione culturale di un Piccolo Laboratorio Teatrale Sperimentale, nato nel settembre del 2005 e rivolto a tutti i bambini, ha come obiettivo principale il loro avvicinamento al mondo del teatro. Il Piccolo Laboratorio ha esordito nel giugno del 2006 con l’Associazione Culturale Giovanile “L’Alternativa”. Vi hanno partecipato 20 bambini che hanno portato in scena la rappresentazione teatrale de “Il Piccolo Principe”, di Antoine De Saint Exupery. Nel gennaio del 2007 è partita la seconda edizione del Piccolo Laboratorio Teatrale con “Cafecito. La canzone del caffè”, tratto dall’omonimo romanzo di Julia Alvarez, scrittrice dominicana. Per la terza edizione, nel giugno del 2008 i bambini iscritti al laboratorio hanno portato in scena le avventure di Pinocchio. Lo spettacolo “Occhio di Pino, tornare indietro per andare sempre più avanti”, ha preso spunto dalle riflessioni tratte dal libro omonimo di Stefania Guerra Lisi, una rivisitazione della storia di Pinocchio. Per la quarta edizione, in occasione del centenario della costituzione del Comune di Marcellina (1909-2009), i bambini iscritti al laboratorio hanno portato in scena la rappresentazione teatrale “TRANSUMANZA, pensieri lungo il viaggio”, uno spettacolo interamente scritto dai bambini stessi, che ispirato alle storie raccontate dai loro nonni.
Il 24 settembre 2008, il Piccolo Laboratorio Teatrale Sperimentale, appoggiatosi negli anni precedenti ad altre associazioni presenti sul territorio, si è costituito come Associazione Culturale “Opera Buffa Teatro”. L’associazione considera il teatro come un bene culturale e riconosce a questa attività un valore anche di servizio sociale; pertanto pone come scopo statutario la pratica, la diffusione e la promozione della cultura e dell’arte teatrale.
 
Favole: sono presenti (con traduzione in italiano) sul sito della Pro Loco di Marcellina (www.marcellina.org). Eccone una che rimane in sospeso e invita i visitatori del sito a completarla:
Lu tamburraru…
Ci stea ’na vota un tamburraru che era propu bravu a sonà. Ma era cucì bravu… cucì bravu … che tutti lu ghjameanu alle festi delli paisi.
’Na vota era gghjtu a sonà a Vicuvaru . Li Vicuvarisi , a vedé come sonea be’, a ogni casa che se fermea ghj deanu lu picchirinu e li ciammillitti.
Issu se beea lu picchirinu e li ciammillitti li mettea drento alla verta (che li volea reportà alla casa pe li figghjtti).
Sona… che te sona… A un trattu s’accorse che la verta s’era ghjmpita ma s’era pure fattu notte! Pé regghi alla casa ea da camminà paricchiu. E po’ ea da passà pé montagna…
Abbasta! Se bbé l’utimu picchirinu, agguanta la verta e via!
Cammina… Cammina… s’era fatta quasi mezzanotte quanno se ggira e vede che tenea appressu un lupu….
6. I testi di poesia
Sul sito https:////www.marcellina.org/ della Pro Loco Marcellina sono presenti numerosi componimenti poetici tra i quali riportiamo:
 
All’Appennese
 
You understand? oppure Bitte…! Danke…!
ci stau specchi lampadari e ggente.
Ma che ce faccio a mmezzu a ’sti cristiani!
Sò foresteru ecco come tanti…
Stò a recordamme quelle quattro case
che appiccianu lo scuru a monte Morra,
quella terra che a maggio se retrucca,
se ’mprofuma de mmella e de viole.
Ma perché sto a sinti’ questa caciara?
A Marcillinu mo’ senti le vuci
che, doce, vau correnno colle… colle…
lu scoppu, macchiamiccia, monteverde…
Che vogghia d’abbracciavve tutti quanti…!
de revedelle quelle quattro case,
de resintì cantà all’Appennese!!
presentata al convegno sull’Appennese organizzato nel maggio 2002 alle Scuole medie.
Santa Maria
Atri tengu castelli rencriccati,
rocche, fortezze, turri merulate,
le casi attorno quasi a appecorate,
storie de prepotenze e servitù.
Marcillinu tè solu ’na chiesetta,
la té abbuscata quasi come ’mpettu
e sopre ’n campanile ci sta rittu
appontellatu…, che ’n cinicu svetta.
Pé nnui stu’ campanile è ’na bandiera…
e le campane… lo batte dellu core.
Sona pè chi ce nasce e chi ce more
pè l’ora triste come pe la festa;
a sera ce lla dà la bbona notte e
la mmatina… lu sole c’appresta.
Anonimo Burino 2002
Le donne di paese e di città
Le donne di Susa sono susine
quelle di becco so tutte beccate
quelle di lecco so tutte leccate
quelle di trapani son trapanate
quelle di chiavari so tutte chiavate
quelle di piombo so tutte pompose
quelle di avezzano so viziose
quelle di marcellina sotto l’omo ce fanno gallina e cianno una grande stima
quelle di san polo so tutte beccamorte camminanu mèzze storte li
mariti pe di spettu l’hau cacciate dallu lettu
quelle di vicuvaru ciannu un musu come un somaru so tutte stregòne pe l’ommini
so pócu bone
quelle de licenza non cè omo che ce pensa se vedete quandu so brutte pa ru tutte
vecchje cucche
quelle della rocca qualunque donna e tutta sporca sarà mancanza d’acqua non se
possu lava mancu mezza gghjàppa
quelle de civitélla ce ne una sola che è come una stella tutti li giovenotti vannu a
presso a quella mamma mia come devo da fa non li pòzzo tutti accontentà quantu
me sento stracca manno rotto la patacca
quelle de percile so recoperte tutte de pili so tutte crapone pe l’ommini non so bone
quelle de roma non se trova omo che le dóma
quelle de rocca cannuccia l’omo gghj s’arrìzza e la donna s’accúccia
quelle de velletri cianno nascosti tutti li sui segreti
quelle de palommara cianno na faccia come na pala
quelle de monte libretti ce patisciu tutti i defétti
quelle de mentana non ne trovi una sana
quelle de monticèlli cianna la gabbia e non cianno l’uscielli tutti li giovenotti cianno la rabbia che cianno l’uscello e non cianno la gabbia
quelle de rocca gancassa l’omo s’addrizza la donna s’abbassa.
oli oli olà questa e la rima delle donne de città
he entro l’Italia solu Loreto Giosi la sa.
Un bel fiasco de vino de frascati lo preferisco a le migliori cose
davanti a un bel piatto de spaghetti non ce rimango certo a denti stretti
amo il mio profilo eccomi pronto a soddisfare il vostro desiderio
ho moglie e figli e già sono al tramonto della nostra gioventù
so triste e serio il naso ce l’ho come un manico d’ombrello
la panza gonfia come un carratèllo
mentre penso alle mie rime latte, voi donne, co le giglia aggrottate eccolo qui ve lo sto
cantando in poesia e voi cantate n’accidénti che ve pia.
Di nome so gghjamata terresina ho ventuno anni e son molto carina
a l’omo che mi sposa se ha core
gghje darò tutti i miei baci del mio ardore
e tengo na dote da fattoressa
tengo la casa la stalla e remessa
tengo un cavallu e un asinello e de na vacca co il suo vitello
trenta galline col suo bel gallo cento piccioni ed un pappagallo
o che tacchini otto bei porci e quattro gatti che magnanu surgi
cio n’artra cosa a dirvi il ver soltanto a chi mi sposa glie la farò veder
adesso tengo na vigna co un ber prato e un orto ben coltivato
raccolgo li ceci, fagioli, zucche, patate e cetrioli verzi broccoli e
cavolfiori
ciò tutto il mio corredo mi manca solo il bello sposo che sia bono gentile e di amoroso
cabbia il core dolce e non di sasso perché se no me va bè lo mando a spasso
ciò trenta lenzòla venti sottane credenza e armadio per fare il pane
ciò due cummudini e un cantarale un bel letto matrimoniale
co materassi guanciali belli co tre coperte fatte a fiorelli
e poi a riguardo di quella cosa ve no parlato già
soltanto a chi mi sposa glie la faro assaggià.
Na parola appréssu a ’n’àtra la rima è preparata
bene o male io de rime co ‘n ora ne faccio un giornale.
Loreto Aquilino e Fernando Padre Figghjolo e Spiritu Santu
LORETO GIOSI Loreto menestrello Giosi per le rime baciate
Pierino Sartana Alessandrini per la poeta
Lu capuccìttu de li belardinélli sèra missu ’n gapu de mbresàllu male, s’arevòta arretu
e vedde na sturtura ce maledisse l’aratru co l’agricortura, svegghjate padró che io
te lasso, so sette li biforchi che me porto appressu e te remanu otto aratri a spassu.
Mèro riservutu de pigghjà mogghje già che tengo la casa preparata drento ce sta na
fietta d’agghj e de cipolle, ci sta na pila ar foco e sempre bolle, drento ci stau le scorse
delle rapi, ci sta na vallina che me féda l’óvu, vagghjo in cerca de mogghje e no la
trovo.
Sò statu a lavorà co la fortuna andó se lamènta gni persona, na libbra ce pesa na pagnotta
sana, lo companagghju pare che lo dona, ce puzza quantu un culu de puttana,
Dio ne faccia sarvi da lampi toneti e fullitti non gghj a lavorà co li singarìtti.
Allòggia allòggia la vallina, quanno lu valle canta tu cammina.
Te lo vògghjo da un salutu a te crapara quanno ce va allu formaggiu sola.
Me cce tòcca a gghj pe pà a Roma, a Santu Pólu ammassanu la rena.
A Monte Gennaro ce sta na guerra, va bella méa e retórna vincitòra te do lu cavallu
méu e la bandièra.
Ci stau cingue o séi fontane se non fosse capudacqua non se beve.
Cavalla storna de Monte Gennaro ta fattu cavarcane a tuttu Santu Pólu, pure alla
guardianella de Vicuvaru.
Era de maggiu rondinella mea mentre la vigna tea io la passeggiai, l’assai na pampanella
e agghjo vista l’uva, giovane che ero io non la toccai.
153
Mèro riservutu de partì co na barchetta lu mare repassane, appena che furì mezzu
allu mare me pintii, lo disse allu marinaru vòrda la nave che agghjo lassatu na rosa
a fiurine sto ndubbio che se vè a maritane, se sse marita e non se pigghja a mene,
mezzu allu mare me vagghjo a gghjettane, lu mare che sarà lu giardinu meu li pesci
me venerràu a visitane, me lo dicerràu poveru meschinu sa vita amara chi te la fa
fane, me la fa fane na donna crudele che ma lassatu a mene pe ’n àtru bène, me la
fa fane na donna pomposa che ma lassatu a mene pe fasse spusa, me la fa fane na
donna galante che ma lassatu a mene pe ’n àtru amante.
Sò statu alla montagna de maghèlla ndó la nèe non se strugghje mai, l’agghjo trovata
na staccamorèlla a te bella non te pòzzo domane, a l’atri te fa mette brigghje e sella
e a mene fa finta de cargitirane, ma se t’arrivo a mette brigghje e sella senza speruni
te faccio camminane.
Bella se vó vinì co mene alla spiga lappe a na vallocchjetta desolata lòco la reccogghjemo
la morosa spiga.
Sa da pìscià pìscia allu rinàle te lo conoscio io se va ’n amore.
Drento all’órtu téu ci stau li garofulitti ce passanu carretteri e barrozzari, ma che te
pozzanu ammazzane prima de notte, e quistu è un salutu che te manno a parte.
Quelle che porti mpéttu non sò mela so le mammelle tei e lo latte cala.
Rosa Rosetta chi ta fattu nasce tu si la morte mea cuscì non fosse bone vacchi che tengo
a montagna tutti li giorni li maccarù.
Femmona che te lu malestier denanzi, che te la barba de un frate cercante, te un
pennellu che lu fa lu pittore attura li buci e non è muratore, se lu vidi quanno va in
sollazzu pare un cavallu mezzu alla pianura, ma se arrivi a entrà drentu a un palazzu
che drentu e fori le sbiancà le mura ce lassa quattro deta de mustacciu co
mpàrmu de muscugnatura.
Omo non pigghjà mogghje che sò guai appréssu vengu li malanni téi, la donna te pète
questo e quello e tu non pòi, te fa portà l’arma delli bbói, tu gghje lo prumitti e
non gghje lo farai, l’arma delli bbói porterai.
PIERINO ALESSANDRINI (detto Sartana)
Riportiamo infine poesie tratte da un lavoro sviluppato dalla classe II A (sc. medie; insegnante A. Luntini) dell’istituto comprensivo di Marcellina nell’ambito della manifestazione della proloco: Per l’antico borgo, volta a rivalutare dialetto e tradizioni di Marcellina dal sito https:////www.marcellina.org/poesia_dialetto.htm
 
L’amicizia (Ivansky Roman)
 
L’amicizia è ’nu regalu grossu
Che te porta a sugnà e amà
’n amicu e ’n tesoru
che vale più dell’oru
 
Se ’n amicu te tradisce
l’amicizia non finisce,
atri amici po’ trovà
e nellu core teu se affiaterà
 
Filastrocca dei mesi (Giuseppe Bassani)
 
Gennaru dell’anno alla porta
Febbraru tè la vita più corta
Marzu le radiche sprigiona
Aprile de fiori se ’ncorona
Maggio aglieta de canti
Giugnu de mesi festanti
Lugghjiu sa lu granu ammassare
Agustu fa l’ombre più care
Settembre delli rappagghj a rubinu
Ottobre ne ghimpi lu piunzu
Novembre spogghja la terra
Dicembre de gelu ce sotterra
 
Ghiemo a cogghje la lia (Daniele Ferrari)
 
So le otto svegghjate Maria
Zompa dallu lettu e gjiemo a cogghje la lia
Guarda de fore quanta ce ne stà,
tutta quella te sta a spettà.
 
Se non te svigghj sa che te dico?
Mo’ vagghjo ghjoppelloco e me l’arrobbo
 
 
È amore quanno… (Alessia Salvatori)
 
È amore quanno
Te senti più leggeru
È amore quanno
Senti li cillitti a cantà
È amore quanno
Canto pé la reazza mea
È amore quanno
L’aspettà non te fa ’ncagnà
È amore quanno
Vorrai abbraccià tutti
 
Marcillinu quant’è bellu (G. Di Lorenzo)
 
Marcillinu ’n paese miccu
Doce doce e billittu
’mmezzu allo verde se ne stà
e loco nisciunu la po’ disturbà
 
L’amore è… (Chiara Mura)
N’emoziò virgugnusa
S’affaccia ’nprincipiu
Ghjara doppu
Allu nasce della certezza
Senzaziù che spignu le parole
E squaggjianu lu cantu
Dell’abbandono.
 
L’amicizia (Pierpaolo Ciucci)
L’amicizia è un bellu sentimentu
C’agghjuta nellu momentu dellu sgomentu,
l’amicizia è ’na forza ’nfinita
che t’agghiuta pé tutta la vita
 
Lu pittirusciu (Gianclaudio Giunta)
 
’Na matina che piovea,
affacciatu alla finestra de casa mea,
agghjo vistu ’n pitturusciu
che zompea da ’nramu a ’natru
L’amicizia (Antonio Campanale)
 
L’amicizia è ’na bella cosa
Unisce lu fratellu e la sorella…
Non se sente solu chi tè tanti amici,
più semo tanti e più semo contenti…
più semo tanti e più semo felici…
Nemminu lu cane litiga co’ lu vattu
E chi cerca de falli litigà è propriu mattu.
 
Poesia (Immacolata Romano)
 
De nome so ghjamata Terresina
Tengo vent’anni e so tanto carina
Tengo ’na dote da fattoressa,
tengo ’na casa , stalla e remessa.
Tengo ’n cavallu e ’n somarellu
e della vacca pure ’n vetellu.
Trenta valline e ’n bellu valle
Cento picciù e ’n pappagalle.
 
Poesia (Silvia Ampola)
 
Marcillinu dura dura…
Aria fresca e aria pura
Li cillitti cinguettanti,
vatti niri e vatti bianchi.
 
Pé magnà sanu e ’n pace,
stò campa’ a nui ce piace
 
Cenni biobibliografici
 
Bibliografia
Gubinelli, Luciano, Utile Vocabolario Marcellinese, Marcellina, Tipolitografia Veligraf Montecelio, 1994
Marcellina … ricordi, sensazioni, tradizioni di Anonimo Burino (notizia sul sito della Pro Loco di Marcellina)
 
webgrafia
https:////lnx.marcellinaonline.com/index.php
https:////www.teverino.it
https:////www.comune.marcellina.rm.it
https:////www.marcellina.org
https:////www.cpdanza.it             Centro promozione danza : tutto sul modo di cantare e far musica a Marcellina (Appennese, cantu a lungu… ed altro)
www.acg-alternativa.org   Associazione socioculturale giovanile
https:////www.montilucreti…    Parco monti Lucretili

ultimo aggiornamento 19-11-2011