35 – CIVITELLA SAN PAOLO

 CIVITELLA SAN PAOLO (195 m slm – 1547 ab., detti civitellesi). Borgo Medievale nella valle del Tevere, ai piedi del Monte Soratte, a 46 km da Roma sulla via Tiberina, il suo territorio nel Medioevo si chiamava “Collinense”.

IL DIALETTO DI CIVITELLA SAN PAOLO:
 
  1. I vocabolari e le grammatiche
 
2. I proverbi e i modi di dire
3. I toponimi e i soprannomi
 
4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
Feste e sagre. Processione dei Canestri e del pane benedetto (1 maggio): una trentina di ragazze in abiti laziali antichi portano sulla testa canestri di fiori e nastri. Tesori & Sapori (nel mese di giugno). Festa di San Giacomo (a luglio). Festa della Natività di Maria Santissima (ad agosto).
 
4.1 Canti
Alcuni stornelli di Civitella San Paolo tratti da Canti popolari Romani di Giggi Zanazzo, Torino, Società Tipografico-Editrice Nazionale, 1910.
Zanazzo in nota precisa che gli stornelli che seguono “si cantano per la così detta mondarella (scelta del grano) e per la battitura dello stesso. La mondarella si fa nella piena vegetazione della sementa e consiste nel mondare dalle erbaccie e dai rovi”.
 1147 – Vorria sapé co’ chi la pretennete, / che a tutti bona cera li mostrate, / solu che a mene quanno mé vedete / l’occhi in quell’atra parte mé votate. / Diteme, amore mio, perché lo fate, / forse nun sono io quella che amate?! / Vi compatiscio che regazzo sete / si non sapete amà’, bbello, imparate. / L’amore non si fa con le parole, / lu ventu non si pija co’ la rete, / l’amore non si compra a lu mercatu: / bello, bisogna amà’ per èsse amatu! // 1148 – Palazzettu de le bianche mura, / fattu de marmu finu lavoratu, / drento ce fusse ’u sole co’ la luna / con quattro bbelle stelle accompagnatu; / dé queste quattro ne vorrebbe una: / quella che pporta ’u pettu angelicatu; / ’u pettu angelicatu, ’u visu bellu, / vali più tu che una città, un castellu, / ’u pettu angelicatu, ’u viso tonno, / vali più tu che tutto l’oro der monno. // 1149 – Parti fogliu gentil prestu e cammina, / vanne dirittu in quella strada piana; / quannu la mia mente té destina / presentate davanti a quella dama / che sé chiama dé nome Margherita. / Ch’io nu’ riposu ’na giornata sana, / ch’io nu’ riposu né giorno né notte / sto lontano dé te e pprovo la morte; / ch’io nu’ riposo né giorno né notte / e llontanu da te, provo la morte. // 1150 – E vogliu pijà moglie su la Rocca, / per dote me la danno la paletta / pe’ ridduce la neve quannu fiocca. // 1159 – Alzandu l’occhi al cèlo viddi una tazza, / e drentu c’era l’indorata treccia / era la treccia de la mi’ recazza! // 1161 – Ama lu bi forchetto, fija bbella, / si tu lu vôi magnà’ lu pa’ dé granu / sì nnò lu magnerai de vecce e terra: / ama lu bi forchetto, fija bbella. // 1169 – Quannu passi dé qui scrocchi la frusta; / con l’occhi me la locri la finestra / già ssete vetturino e tantu basta. // 1177 – E lo mio amore tocca l’aratello* / co’ la cerrata** sé va pontellanno / tocca li bovi col puncicarello. // 1178 – E lo mio amore tocca l’aratino*** / e d’oro li diventeno le mano / e nel cappello un bel fiore turchino. (* bastone di crognale per pungere i bovi attaccati all’aratro e pulire la cuméra, cioè la punta di ferro dell’aratro, dopo fatto il solco. ** Aratello, aratino: aratro o “perticara” che è un piccolo aratro montanaro, il quale solleva la terra da una sola parte).

4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
Giggi Zanazzo, introducendo il documento che segue, annota: “In occasione della Pasqua e dell’anno nuovo presso i contadini è ancor vivo l’uso di recarsi in casa dei loro padroni a cantar simili filastrocche, per ottenere in cambio olio, cacio, vino ed altro”.
1180 – Pasqua Befanìa
Ben tornati a voi, signori – Senza sôni li cantori
A portarvi una novella – D’una madre verginella,
di Gesù Mmadre, Maria – Viva Pasqua Befanìa!
Quando nacque Gesucristo – Fu dell’angelo ben visto,
E per mezzo di una stella – Luminosa chiara e bella,
Tutti l’angeli a cantare – E la gente a risvegliare.
Oh, cche notte di allegrezza! – Da per tutto è contentezza,
Perché nacque il Nazzareno – Giù a la grotta in Bettelemme,
Tra il bove e l’asinello – E tra il fieno, il bambinello,
San Giuseppe lo guardava – E Maria lo rinfasciava.
E diceva il vecchierello: – Quant’è caro, quant’è bello!
 
Con Giuseppe e con Maria – Viva Pasqua Befanìa!
Morti inganni al re Divino – Tramava Erode furbo e fino;
E pensava nella mente – Dagli morte, propiamente.
Disse Erode ai suoi soldati – Il bambino aritrovate;
Ritrovato che l’avete – Qui da me lo conducete…
A seguì la capannella – Viva viva la pasquarella!
Però prima di partire – Vuole Iddio questo avvertire
e diceva al re ribbello – Ch’era nato il bambinello.
Li tre maggi dall’Oriente -Si partirno allegramente,
pe’ la strada pgun marciava – E una stella li guidava.
Arivati li tre re – S’inginòcchieno tutt’e tre.
A adorare il Nazzareno – Re del mondo e re del celo.
Dico a voi, gente gradita – La storiella qui è finita,
Tocca a voi farvi onore – Perché è nato il Redentore.
Gira, gira padroncina – Gira pur per la cucina
Dacci a noi qualche cosetta – Per l’onor della Pasquetta.
E cantamo in allegria: – Viva Pasqua Befanìa!
 
1181 – L’anno nôvo.
– Stasera è l’anno nôvo – Dio te lo mandi bôno.
Bôno e divino – Lo cacio pecorino.
Avete fatto il porco – E datece la parte;
Sopra la parte – La rina (?) ben ci nasce.
Sopra la rina(?) – La rosa costantina;
Sopra la rosa – Lu picculu ci giôca.
Giôca giocanno – L’ucelli che vanno volanno,
L’ucelli e le galline – Le tortore marine,
Questa casa è nôva – E l’angeli ci trova.
De fori è scritta – E dentro è addormentata
Zitella che vi sia – Cent’anni si marita.
De chi so quele calze che pendono? – Sono di N. N. (il nome è a piacere).
Che cià la bella moglie – È bella moglie ,
È bello lo marito – Bianco rosso e colorito.
Com’un persico fiorito – Un altro anno ci tornamo
Moglie e marito – Cé ritrovamo.
Sopra quela tavola – Ci pende lo bocale*
E lo padrone nostro – Diventa cardinale;
Sopra quella tavola – Ci pende lo bicchiere
E lo padrone nostro – Diventa cavaliere.
Sopra quela tavola – Ci pende la brocchetta,
La padroncina nostra – Diventa principessa;
Sopra quela tavola – Ci pende la pernice
E la padrona nostra – Diventa imperatrice.
Tòcca lu catenaccio – E dacce lu pollastro
E tòcca tocca – La femminella**
Dacce, dacce – La pollastrella
La più bella che ci sia:
Buon capo d’anno a vostra signoria!
* Bocale: misura contenente due litri e più. ** Femminella: specie di serratura a catenaccio
 
4.3 I giochi
 
4.4 La gastronomia
Tre specialità. Il Cacione (dolce natalizio): panzerotto (a forma di raviolo) ripieno di polpa di zucca, mandorle e nocciole macinate, cacao amaro in polvere, cannella, vanillina, liquori ed aromi naturali.
La Treccia all’anice (Pane salato a base di anice dalla caratteristica forma a treccia.
I Maritozzi al mosto (del maritozzo hanno solo la forma, perché gli ingredienti utilizzati non sono gli stessi. Il mosto del vino è l’ingrediente più importante. Gli altri sono: il lievito, lo zucchero, le uova, vaniglia, cannella, noce moscata, farina, un misto di liquori da pasticceria, il limone ed in fine l’ arancio.
Confortini (Dolce, i suoi ingredienti sono: mistrà, olio, farina, zucchero, anice, vino, mandorle e nocciole).
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
 
6. I testi di poesia
 
Antologia
 
Cenni biobibliografici
 
Bibliografia

Canti popolari Romani di Giggi Zanazzo, Torino, Società Tipografico-Editrice Nazionale, 1910

 

Webgrafia