33 – CINETO ROMANO

 

CINETO ROMANO (699 abitanti, detti cinetesi. A 519 m slm). Nella media Valle dell’Aniene, sulla riva destra del fiume, Cineto Romano sorge in posizione dominante sul Colle Peschiero, sovrastato dalla storica e turrita rocca baronale, a poca distanza dal bivio tra la via Tiburtina Valeria e la via Sublacense. È attorniato da una catena di monti detta delle Serre tra i quali domina il Monte Aguzzo con i suoi 1067 m.
 
IL DIALETTO DI CINETO ROMANO:
 
  1. I vocabolari e le grammatiche
 
2. I proverbi e i modi di dire
 
3. I toponimi e i soprannomi
 
 
4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
Feste e sagre. Festa Patronale di S. Giovanni Battista e della ciammella (29-30 agosto; è abbinata alla degustazione della tipica ciambella); Festa della Compatrona Sant’Agata (5-6 febbraio con solenne processione); Infiorata del Corpus Domini (con tappeti floreali la popolazione disegna scene di argomento prevalentemente religioso).
 
4.1 Canti
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
4.3 I giochi
4.4 La gastronomia
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
 
6. I testi di poesia
Domenico Cianti (di cui non possediamo altridati biobibliografici) è autore di Poesie in dialetto cinetese che traggono spunti dalle vicende quotidiane del paese. Pregevole la sua “La ballata dei malinomi” (soprannomi) che allinea oltre un centinaio di nomignoli cinetesi. Le altre poesie sono caratterizzate da una vena ironica, quasi sempre garbata, talvolta greve.
 
La ballata dei malinomi (tratta dagli atti del Convegno del 21-22 febbraio 2010 ad Anticoli Corrado)
Piruzzu ve riconta la historia
ambientata appena fori agliu paese
della magnata che finì in bardoria
co ogni (?) nalinome cinetese
– Pe prima cosa è meglio fa u foco –
– Senn’enteressa Prospero – fà Zoco.
Zìnale, u Porcobiancu, co Buscittu,
Cirini, u Patanaru, Pirulinu
e Zappa-Zappa gliru agliu stallitu
alla catasta e lena e Catastinu.
– Quanno fa u foco, attenti a vell’erbacce –
– Ce stemo attenti, sci-fa le Cartacce.
– ’Ntantu se vejea u Ciociaru
che aiutatu da Pizzicu e da Caperchio
sistema la callara e Callararu
mentre Moneta regge u coperchio.
– Pe fa surà u fòco, ce vò un ciocco –
–- Gliu sta a portà Ceppone – fa Bacocco.
portaru i salumi i Muletta
i polli e gli pollastri i Pucinella,
carne de bove e pecora i Spalletta
la frutta e la verdura i Raparella.
– Me pare che ce manca l’anzalata –
– La remeddio io – fa la Patata.
La caccia la portaru i Quaglietta,
quaglie, pirnici e starne in quantità,
aiutati dagliu Lepere e Pichetta,
da Pum, da Nicodemo e da Valà.
– Ammazzala, però, quanta la caccia –
– C’emo da satollà – fa la Brancaccia
E ecco che arrivanu i Taccone
co gli tacchini, e arreto Strippallà
che spegne un carrittinu co Bardone
piinu e sarache, arenghe e baccalà
– Pe mo v tuttu bè, però lo vinu… –
– Non te preoccupà – fa Zichitinu.
 
Se fa ’nnanti ’ntantu Crastafavi,
aiutatu da Beleffe e da Camorra,
co le saccocce e urtica piene e favi
più cecere e cicerchie de Ciciorra.
– Retorno a divve che ce vo lo vinu –
– Ce vo un po e pacenzia – fa Bianchinu.
Ce mettemmo ’na scuvella e Pastacicci
(doppo gi antipasti) assai gustosa
“Signore Benedetto, benedici”…
comincia la preghiera la Pelosa.
– Lo vinu manca ancora e io mo penzo… –
– Arriva, arriva – disse allora Cerzo.
Defatti arriva lentu un carrittu
co Chiodi, co Bifaniu e Bruschinu
agli lati Barattieri co Piscittu
co quinici barili piini e vinu.
– Mo’nte po lamentà – fa Spadulinu
– Mo’ se raggiona, scì, pe gliu bambinu
però pe travasà ce vo un budeglio –
– Gliu vajo a piglià io – fa Pirincheglio.
Co la Canassa piena ’lla magnata
finisce co lo Zuccaru e lo mèle
che missiru Cacao e la Caurata,
la Verrecchiana e Pirzicumele.
– Però non ’nnè cattivu stu vinucciu –
– E’ degliu Pianu Verme – fa Aligrucciu.
lontanu se sentea sope all’ara
un cantu miludiusu de Cillittu,
un raucu frignà de ’na Cecara
e ugnunu pe un pò se stette zittu.
– E se tutti mo facemo un beglio coro? –
– Orchestra u Moro – disse Pummidoro.
U primu a ’ntanane fu Cantore,
rispusinu appoiati a ’ntoccio e muru
Lavinia, Mazza e gli – Appardatore,
Bronzanu, Puntuale e Capuncuru.
 
– Pe accompagnà ce vone un organetto –
– E io che ci sto a fa? – fa Cancanetto.
Si missiru a cantà pure Lisone,
Libbeca, l’Antibacco e Ciccheteglio,
Furcina, Bivilacqua co Occhione,
gli-Ancinu, Purgatorio e Ferrareglio.
– Me pare che più d’unu esso tartaglia –
– Che ce potemo fà – disse Zagaglia.
Fau parte degliu coro Ventarella,
Teretenchete, Riccetto, Paurone,
Pissacchia, Pirilluzza, Vedovella,
Piriscianculu, Negusse e Piccone.
– Più d’una voce a me, pare stonata –
– Che te la pigli a fa! – Disse Brinata
Cantenau ispirati u Bracciolo,
Zannobbia, Arzapiedi co Cacone,
Castervecchio, Capoccetti co Ranzolo,
Longa, ’Ncincia, Lascia co Chiavone.
– Chi è che tè la voce tantu bella?
– Ugnunu e nui – respose Frattarella.
’Ntantu se cantea a ’n’atru cantone
co Barraccula, Campotto, Chiapparinu,
Ciciruacchiu, gli-Omo co Rapone,
Ciccupirigliu, Prucci co Rutinu.
– Da vesta parte cantanu de finu –
– Tutti tinuri – disse Mirampinu.
Canteanu a lu latu verzo u fosso
 
’Nciapalaciocia, Fucchete e Pilato,
Beroli, Silenzio, gli-Omorosso
e gli-Assecoppe, co tuttu gliu fiatu.
– Speriamo che a chielle manca niente –
– E’ tuttu a posto – disse u Parente.
Se fau ’nnanti atri malinomi,
Spigni-Spigni, Lungu-Lungu, Miccu-Miccu,
Pizzutegliu, la Gazzosa, Toseroni
co bibbite, gelati e gliu rinfriscu.
– Semo trattati meglio che a ’na reggia –
– Perché semo’mportanti – fa Coreggia.
I liquuri pe sgrassacce le budella
so offerti, trasportati da Screpante,
dagliu Tabbaccaru e Tittarella
co l’”imprimatur” de Superante.
– Certo che gli liquuri sullu vinu… –
– Quanno ce vò, ce vò – fa Ciavattinu.
Lenta se spegnea la calecara
quanno Scarafanfaru e Fiorone,
Patacca, Recchieritte e Molenara,
si missiru a soffià sope a un Tizzone.
– E’ remasta solo carbonella –
– Tira a campà – fa la Ciritanella.
La sera se ballò la tarantella,
’n’armonica sonea “Muccu’zuzzu”,
’na luce d’oro de ’na cacinella…
Firmatu: Memmo Cianti, ossia Piruzzu.
 
Antologia
 
Cenni biobibliografici
 
Bibliografia
Dialetti a confronto nei paesi del Medaniene (Atti del Convegno, Anticoli 20, 21 febbraio 2010), Anticoli, Ass.ne Santa Vittoria, 2010
Luciani Vincenzo, Dialetto e poesia nella Valle dell’Aniene, Roma, Ed. Cofine, 2008
Webgrafia