26 – CASTELNUOVO DI PORTO

CASTELNUOVO DI PORTO (250 m slm – 7181 ab., detti castelnuovesi). A 30 km da Roma, lungo la via Flaminia, su una collina di tufo posta tra la Valle del fosso Chiarano e quella della Mola.

IL DIALETTO DI CASTEL NUOVO DI PORTO:
  1. I vocabolari e le grammatiche
Da una raccolta di vocaboli (che ci auguriamo possa essere edita dal Comune) curata dal poeta Romualdo Gloria abbiamo estrapolato:
a le tacche (vicino), àpile (uovo dal guscio molle), aricerne (sopportare; nun te pozzo aricerne), baggiarola (quarto di vino), balucanu (uno che guarda in modo strano; sornione), basìrgu (basilico), cacazibettu (ragazzo arrogante), camarrottu (mucchio di
paglia e di residui di paglia: cama), ciamprunu (vino aspro), grischianu (cristiano, persona), june (laggiù), mufrone (persona molto brutta), oncichi (unghie lunghe, artigli), pandorfa (donna grassa, goffa e trasandata), papagna (pugno violento), pappula (menzogna),
parlà turchinu (parlare in termini incomprensibili), piattabbanna (architrave), pipìtula (parlantina senza fine), quaraccione, quaracciaru (lavello da cucina), rufa (forfora), santu e arma (testa o croce, gioco; te fo fà santu e arma: ti giro e ti rivolto), scargatrappule (formaggio scadente), scortichinu (avvocato che si fa pagare profumatamente), scozzonatu (chi sta avanti nell’apprendistato), scialì (perdere il sapore), scurea (buio fitto), sgallozzà (gioire di bambini), sgattone (ragazzo), sgargamellà (bere con avidità), sgargarizzio (gargarismo), sgargarozzà (mangiare velocemente senza prendere fiato), sgrinfià (amoreggiare), smerdacamice (bambinesco), storiaru (cantastorie), tamburlanu (sederone), ticchetta (rivalità), tutulu (torso di pannocchia), vagujà (raccogliere le olive ad una ad una), vettulu (filo di ginestra), zella (sudiciume).
 
  1. I proverbi e i modi di dire
I modi di dire, edito dal Comune di CASTELNUOVO DI PORTOnel 2001, è un libro realizzato con amore dal poeta R. Gloria che accompagna i proverbi e i detti con commenti originali ed appropriati. Dal libro abbiamo spiluccato queste espressioni:
A chiesa edè come u sciacquatore, più robba ce butti e più ce ne và (i preti non si stancano mai di prendere); acqua ferma vermi rimena; ’A femmina quanno è arta come ’n barile je poi mette ’a cavula (la ragazza cresciutella può fare sesso); ’A gallina feta da
’u pizzo no da ’u coderizzu (se non mangia non può fare uova); Ai tempi de Checco e Nina (quando si facevano le cose alla buona); A lavoru fattu nun se mette peccu (il lavoro ultimato non va criticato); Amore miu, spicchiu d’aiu, quanno te vedo a ti tuttu me squaio (dichiarazione d’amore ironica); Annà a trovà Ofresio o su da Ofresio (Era il camposantaro, il custode del cimitero); A Rianu fanno da lòro (per sfottere i rianesi); Ariecco l’acqua (quando arriva una persona scocciante); Barbieri, servi e cammeriere so’ ruffiani e puttane de mischiere; Becchini e fiorari si ’nso parenti so’compari; Bona notte Gesù che l’oiu è caro (si diceva prima di spegnere il lumino ad olio); C’è a fratta o Fa rumore u fossu (per avvertire che sono presenti bambini e che ascoltano); Ch’i da ’nnà a pia’ Roma? (perché vai così di fretta?); Chi dorme bbè nun sente manco i pidocchi; Chi pia moje è birbo ’na vorta, chi ’n’a pia due; Culu arzatu postu piatu (quando ci si siede nel posto che era prima occupato); Dormì a culu sturatu (profondamente); È itu a batizzà e s’è scordatu u puccettu (bambino); Fai come i sant’orestesi (facevano due raccolti, però l’anno era di 24 mesi); Fai come Roccantica (un rianese che comprava i fichi dalle massaie e interrompeva il conteggio dicendo “A regà tirate là che te mozzica”, mettendole in guardia dal suo asinello per poi continuare a contare dai numeri più bassi); Fa’ i fienguli (dondolarsi); I fiori de campusantu (macchie sul viso degli anziani); L’oju nun basta mancu pe’ guastà l’occhiaticciu! (quando si produce poco olio); Me pari ’a buggera de Formellu (persona malandata, spettinata); Miri a Rocca ’zecchi au Campanile (non sai mirare); Ner nome der patre der figliu e dello
spiritu santu, me so fattu u somaro fino a che campo (lo dicevano le donne appena sposate); Ppiccà u cappellu (sposare una donna benestante); Piove a crocchia rote (cioè tanto); Rianu è tonnu tre case e ’n fornu, sopre a ’n pajaru va ’ffocu Rianu (così i castelnuovesi sfottono i rianesi); Sì sciapu quante ’n capenese (fanatico quanto un capenate); Si come u strolicu de Ponte Mmollu! (vedeva passare l’acqua torbida sotto il ponte e diceva ch’era piovuto a monte); S’i preti i grastavano ’e chiese se svotavano; Te portemo a pijà moje a Majanu (per chi non trovava niente); Te puzza ’n pezzo d’Africa? (si diceva a Morlupo durante la guerra pensando che ne avrebbero avuta una parte).
 
  1. I toponimi e i soprannomi
Toponimi di CASTELNUOVO DI PORTO tra gli 80 raccolti da R. Gloria: Aribbalina, u Cavone de bacia donne, a Funtanella de ciuccetta, e Marugule, a ’Ncrociatura d’i fossi, a Ripa maraula, Funtanile der Boia. Dai 200 soprannomi raccolti dallo stesso: Girardengu, Lagrimensaccoccia, Licacuzze, Malantacca, Mozzicafreddu, Papa de Gessu, Pisciangrilli, Rovinapaesi, Rubbalavori, Strozzagalline, Zzampacurta.
 
  1. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
Feste e sagre. Festa di Sant’Antonio Abate (domenica successiva al 17 gennaio): sfilata di cavalieri e giostra rinascimentale della Stella, disputata in groppa a cavalli maremmani. Festa di San Sebastiano (seconda domenica successiva al 17 gennaio): processione di figuranti in costume da antichi Romani e lancio di mongolfiere. Sagra della Polenta (ottobre).
 
4.1 Canti
Uno stornello scherzoso di CASTELNUOVO DI PORTO, da I modi di dire di R.: Pazzienza vita mia si pati pena, / sconta pe quann’ì fattu vita bbona, / si vita bbona nun l’ì fatta mmai / pazienza vita mia si patirai. Ed un brano di una Serenata a dispetto: Bella nun ti tené pe tant’altezza / e nun ce fa nemmeno la bravaccia / ho visto l’oro diventà munnezza / un bel palazzaccio diventà casaccia. / Così varrà a finì la tua bellezza / come un foglio di carta immezzo all’acqua / bella si lo comprendi sto latino / poco fume farrìa nel tuo cammino.
 
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
Da I modi di dire di Romualdo Gloria due filastrocche di CASTELNUOVO DI PORTO: Zzucca pelata co’ sette capelli, / tutta la notte ce cantano i grilli, / po’ ce fanno la serenata, / zzucca pelata. Checchinettu de Morlupu fa’ ’e scarpe co’ lu sputu, si lu sputu nun ce l’ha Checchinettu come fa? (lo cantavano i ragazzini ad un calzolaio morlupese). E gli indovinelli: Io ci ho un porchettu legatu a passonettu, ’a merda che caca s’a magna er papa (l’ape e il miele); che te piace de più a pizza cotta a’ sole o u mortu drento casa? (il primo è l’escremento sulla strada, il secondo il maiale).
Superstizioni
Lì ce batte… Si diceva di certi luoghi in cui si credeva si manifestasse un evento paranormale. Un elenco stilato dal poeta Romualdo Gloria: A Femminella, L’orsu mannaru (de Funtanistaziu), E streghe (de Valle Lemutu), U Filannaru (de Grotticelle), U cavallucciu (Grotticelle), Er Diavulu (lì a u Ponte), U serpente (lì a Macchietta Funtanistaziu), U canone (lì a Porta de S. Bastianu).
 
4.3 I giochi
Alcuni giochi: a cacarufina, a papettu, a pizzilumentu, a scatulette, a trucchiettu, a fienguli.
 
4.4 La gastronomia
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
Nei Modi di dire di Romualdo Gloria (anche lui attore amatoriale) si parla dell’indimenticabile Manfredo Bianciardi, il primo grande animatore della compagnia teatrale La Castelluzza e di Albina Gloria intelligente, tenace operosa castelnovese che ha spontaneamente interpretato e continuato la grande antica tradizione delle rappresentazioni in dialetto locale.
 
6. I testi di poesia
Da Romualdo Gloria apprendiamo dell’esistenza di poeti estemporanei castelnuovesi.4
Oltre che appassionato studioso amatoriale del dialetto locale Romualdo Gloria è un poeta autodidatta che ha appreso l’arte poetica dall’ascolto di quelli a braccio e grazie a scelte letture dei maggiori poeti dialettali soprattutto i romaneschi. Ha una buona padronanza di verso e rime. Una tra le sue poesie, ancora inedite, è intitolata “Esame e verifica pe’ diventà casternovese… e parlà, ma come Dio commanna, come noi”. Contiene, in un esercizio di abilità, a mo’ di quiz da superare da parte dei nuovi arrivati, sei quartine con termini castelnuovesi:
Frociara, concia, chiavellu e perticara, / concone, corvellu, gnagnarella, ciampicone / schiaffone, zinzu, aricerne e pianara, / cordellu, caliscegnu, ciuvera e bottavone // ciancarotti, ciafregnu, cucuruzzu, bescinu, / omminu, sgargamella, marugula e grischiere, / culupuzzò, ’nsujà, brusculitu, strozzinu, / carga, birracchiu, arimmoccà e mischiere. (…)
In “Doppo diecianni” Gloria ricorda l’esperienza di attore amatoriale: Diecianni fa’me sentivo ’n vecchiettu / ma quanno ho cominciatu a recità / ho rimessu le penne, e so’ ’n gallettu…La convivenza tra nuora e suoceri, non sempre idilliaca, si trasforma talvolta in uno scontro tra “Jene e deficenti” (è il titolo della poesia):
Ciò quasi sessant’anni e nun è poco, / e ciò vissuto sempre a sto paese, / pe me er lavoro è stato come un gioco; / e adesso sto paganno un po’ le spese. // Si fossi stato furbo come tanti / o che avessi fregato un po’de gente / sarei trattato adesso co li guanti / e non trattato come un deficente. // A casa mia che in tutto semo quattro, / è come si ce fussimo uno solo. / Però ’gni tanto c’entra quarche matto… / Allora dici: – Sì questo è de rolo! // Ho sempre, sempre amato la natura… / l’arberi, er verde… e anche l’animali / e adesso sembra fatto pe’ jattura / ciò ’na bestiaccia che manco la pari!… // È ’na jena che è entrata a casa mia! / Pareva bona… invece co quei denti / mozzica e sbrana tutti… Mamma mia! / E poi ce dice puro deficenti!
Infine “La madonna”, cioè la moglie del poeta, affettuosamente ritratta:
Si volete sapè chi è sta donna / dovreste restà sempre a casa mia. / V’accorgereste che c’è ’na madonna / che dà pace, la gioia e l’armonia. // Semo tre maschi e solo na madonna / po soddisfà li vizi d’ogniduno, / te fa da madre, da moje e da nonna, / sinnò noi tre staressimo a digiuno. / Ciavemo sta fortuna dentro casa / che certe vorte manco lo capimo. / Solo er soriso a bocca de cerasa / te viè spontaneo fasselo ’n’inchino. // La sera è stanca – povero angioletto – / perché è la prima a arzasse la mattina. / Te fa ’na tenerezza su quel letto / co quer visetto dorce, da bambina. // A sta madonna chiedemo perdono, / se quarcuno de noi je da dolore / pe l’anno novo, je faremo un dono, / dono de pace, de gioia e d’amore.
 
 Romualdo (detto Aldo) Gloria riferisce di un poeta di nome Cacciafesta attivo negli anni Trenta del Novecento. In ambito locale hanno avuto rinomanza Satiro Polinari, detto Satiretto, mastro muratore ed un certo Sorchetta cui è attribuita quest’ottava: Chi te dice de no, che nun sei bella / però sei troppo finta e traditora / se tu seguitarai quella stradella / pure pe te carina viene l’ora; / fai certe azione e ancora sei munella / l’hanno saputo qui e pure da fori / tu t’approfitti dei capelli ricci / che ’nvece da spicciatte tu te ’mpicci. Queste poesie sono state raccolte da Gloria insieme ad altre composizioni di anonimi
improvvisatori.
 
Antologia
 
Cenni biobibliografici
Gloria Romualdo, nato a Castelnuovo di Porto nel 1934, dopo aver conseguito il terzo Avviamento professionale, ha lavorato come muratore. È autore di una raccolta, edita nel 2001, di modi di dire di Castelnuovo, di poesie, di un vocabolario con note di grammatica, di appunti su vecchi mestieri, giochi di un tempo, toponomastica, usanze, ancora inediti.
 
Bibliografia
Gloria, Romualdo, “I modi di dire”, Comune di Castelnuovo di Porto, 2001.
Gloria, Romualdo, Poesie inedite, manoscritto.
Gloria, Romualdo, Vocabolario e note di grammatica, inediti, manoscritto.
Gloria, Romualdo, Appunti su vecchi mestieri, giochi di un tempo, Toponomastica, Usanze, Detti e varie, inediti, manoscritto.
Luciani, Vincenzo e Faiella, Riccardo, Le parole salvate. Dialetto e poesia nella provincia di Roma: Litorale sud, Tuscia Romana, Valle del Tevere, Roma, Ed. Cofine, 2009
 
Webgrafia