118 – VICOVARO

Vicovaro (300 m s.l.m., 4.123 ab., detti vicovaresi), sorge nella valle Ustica, nella valle dell’Aniene, fra i monti Lucretili e Tiburtini. Il nome è un composto di vico e vario. Deriva da vicus variae che proviene da Varia, nome di un’antica città.
 
IL DIALETTO DI VICOVARO:
 
1. I vocabolari e le grammatiche
2. I proverbi e i modi di dire
3. I toponimi e i soprannomi
 
4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi- gastronomia- feste&sagre-altro
4.1 Canti
In Mezzaluna della poesia e della canzone Sabina, Mentana, Centro sportivo Mezzaluna, 1989, figura il testo e la partitura musicale della canzone “La pulenta che facea mamma” di Agenore Ferrari, premiata dalla giuria del Premio. Ecco il testo.
La pulenta che facea mamma – Quanno mamma se mettea / cantu a quijju callarozzo / dentro casa se spannea / finu pé ju cannarozzo /un addore de pulenta / ch’era tosta oppure lenta /mentre ardea ju focarello / mucinea ju squajjarello. // Tosta oppure lenta / minu male la pulenta. // Poco prima ch’era cotta / adoprea la cucchiara / e ji dea n’ara botta / mezzo a quella gran cagnara / la caciara la facea / la famija che aspettea / emo tutti riazzitti / non ce stemo mica zitti. // Tosta oppure lenta / minu male la pulenta. // Un po’ prima de caccialla / quella massa tantu bella / de pulenta tutta gialla / una secca saraghella / alla racia s’appoggea / mentre quella lacremea / ch’era proprio tanto secca / che parea na battecca. // Tosta oppure lenta / minu male la pulenta. // Se facea a pizzittilli / rossi comme ’na furmica / co’ quell’ojo quattro stilli / fruttu de ’na gran fatica / s’ammollea alla saraga / pe’ magnacce trenta fette / de pulenta che non paga / la fatica che ce stette. // Tosta oppure lentaq / mimu male la pulenta.
 
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
4.3 I giochi
4.4 la gastronomia
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
 
6. I testi di poesia
Vicovaro ha una buona tradizione di poesia dialettale. Tra i poeti di Vicovaro si segnalano Angelo De Simone, autore del libro in dialetto vicovarese Racconti e poesie (1988?). Di lui si pubblicano due poesie “’Nguerno” e “Ju vicinatu, tratte da Mezzaluna di poesia dialettale. Premio di poesia dialettale Sabina, a.c.d. Osvaldo Scarletti, Mentana, Centro sportivo Mezzaluna, 1988 e da Mezzaluna della poesia e della canzone Sabina, Mentana, Centro sportivo Mezzaluna, 1989.
 
’Nguerno
 
La vecchiarella ’nnanna la pupetta
ji canta pianu pianu ’na strofetta.
Ju témpo passa lento a ju camminu,
’n faccia a ju ciocchetello cantarinu.
 
Ju vento fischia e mette un po’ timore,
te vé ’na tremarella trento i core.
Troniti, lambi, furnini e saette!
segnanu i celo, i prati e le foreste.
 
Le vie so’ deserte e tutte scure,
témpo de lupi e piagnu le creature.
Ju vento te sse ’ngolla pe’ la via,
rezzela picchiritti e mercanzia.
 
Repennu daji titti i cannelotti,
paru ’na filattera e giovenotti;
tengu un vistitu biancu e trasparente
d’argento ricamatu luccichente.
 
A la sperella mezzo scapijatu,
fuma la pippa un omo un po’ attempatu;
se fuma lo tabaccu casaricciu,
fattu de foje strane e de ca’ ricciu.
 
Cutinti e un po’ stracciati i reazzitti,
’mpocciati aj’angulitti, zitti zitti:
a rosecà castagne e mela secche,
co’ le cianghi ’ncrociate comme stecche.
 
Ca’ femmona abbotata co’ la scialla,
riscita dalla casa, clla, calla,
va tutta presciolosa a fa la spesa,
co’ quattro sòrdi e robba che non pesa.
 
Se sentu de tirà i cratasciuni,
e gente camminà co’ ji scarpuni;
vau a caccià lo vinu a la cantina,
e le castagne secche a la mutina.
 
Pe’ llena a la Furcella e ji Collacchi,
corda e runcittu, scauzi e nuacchi;
partèmo a squatre comme ji sordati,
ce tajèmo i frattuni più assolati.
 
Lo fume a ji camminu lentamente,
se move verso i celo dorgemente,
sembranu le preghiere della gente,
che silenziose vau aj’ Onnipotente.
 
Inverno – La vecchiarella dondola la pupetta, / le canta piano piano una strofette. / Il tempo passa lento al camino, / in faccia al ciocchettino canterino. // Il vento fischia e mette un po’ timore / ti viene una tremarella dentro il cuore. / Tuoni, lampi, fulmini e saette1 / segnano il cielo, i prati e le foreste. // Le vie sono deserte e tutte scure, / tempo di lupi e piangono le creature. / il vento ti spazza per la via, /rastrella barattoli e mercanzia. / Pendono dai tetti i ghiaccioli, / sembrano una fila di giovanotti; / hanno un vestito bianco e trasparente, / d’argento ricamato luminescente. // A lo spiraglio mezzo scapigliato, / fuma la pipa un uomo un po’ attempato; / si fuma il tabacco casareccio, fatto di foglie strane e di qualche riccio. // Sudici e un po’ stracciati i ragazzini, / raccolti agli angoletti, zitti, zitti; / a rosicchiare castagne e mele secche, / con le gambe incrociate come stecche. // Qualche femmina avvolta con lo scialle, / uscita dalla casa, calda, calda, / va tutta frettolosa a far la spesa, con quattro soldi di roba che non pesa. // Si sentono tirare i catenacci, / e gente camminare con gli scarponi; / va a cacciare il vino alla cantina, / e le castagne secche al fagottino. // Per legna alla Forcella e ai Collacchi, / corda e ronchetto, scalzi e nudi; / partivamo a squadre come soldati, / ci tagliavamo i cespugli più assolati. // il fumo ai camini lentamente, / si muove verso il cielo dolcemente, / sembrano le preghiere della gente, / che silenziose vanno all’Onnipotente.
 
Ju vicinatu
Tutti assettati a friscu a reccontane,
le fanfaluche belle da ’ncantane;
ce l’eanu ditte ji antenati nostri,
eranu filattère e parennostri.
 
Porte raperte e gente a la finestra,
ce spartèmo pure i piatti e la minestra.
Parea veramente una famija,
pure se succedea ca’ parapija.
 
Ji puzzi che faceanu le calline,
ce serveanu pe’ giocà a palline;
ruspeanu beate a ji puzzilli,
a reparu deji cani pazzilli.
 
A ’na cert’ora tutti a j’ardalinu,
co’ quattro mucculotti a ju scalinu;
fattu de sparacane ’nturtijate,
accummiatu co’ le rose scacarciate.
 
A un angulu assettata ’na vecchietta,
che ’mpiccia i feri pe’ fa la cazzetta;
vede, osserva e òsera ’gni cosa,
de scuprì i fatti e j’ari è curiosa.
 
Rentocca la campana è l’ora e notte,
se sente gente de ’nzerà le porte;
tuttu s’ammmutulisce, tuttu tace,
ce n’èmo tutti a letto ’n santa pace.
 
Il vicinato – Tutti seduti al fresco a raccontare / le favole belle da incantare; /ce le avevano raccontate gli antenati nostri / erano filatère di pater noster. // Porte aperte e gente alla finestra / ci dividevamo anche i piatti della minestra. / Pareva veramente una famiglia / anche se succedeva qualche parapiglia. // I puzzi che facevano le galline, / ci servivano per giovare a palline, / razzolavano beate nei pozzetti / a riparo dalle faine. // A una cert’ora tutti gli altarini, / con quattro moccolotti allo scalino; / fatto di asparagina attorcigliata, / aggiustato con le rose spampanate. // A un angolo seduta una vecchietta, / che pasticcia i ferri per fare la calzetta; / vede, osserva e ascolta ogni cosa, / di scoprire i fatti degli altri è curiosa. // Rintocca la campana è l’ora di notte, / si sente gente serrare le porte / tutto si ammutolisce, tutto tace / ce ne andavamo tutti a letto in santa pace.
 
In Mezzaluna della poesia e della canzone Sabina, Mentana, Centro sportivo Mezzaluna, 1989, è presente la poesia “Solitudine” del poeta Biagio Loreti. Ecco il testo.
 
Solitudine
 
Solo me sento pe’ sta casa vota
mo’ che mammoma sta agghjaru munnu…
Dio degghju celo, che brutta rota…
gira, gira, ce porta sempre n’tunnu!
 
Non ce spostemo dalla sofferenza
da che nascemo finche’ semo morti…
ce sta a da una bella penitenza…
va be’ che ji tenemo tutti i torti,
 
ma Tu me pari pure troppo crudu.
Jo pe’ chi soffre, sempre me commovo
e se cadunu vedo tuttu nudu
se pozzo, na magghjetta ci ni trovo…
 
Ma Tu a me non m’ha trovatu gnente…
m’ha promissu solamente l’aldila’…
ma Signor Dio Onnipotente,
a quistu munno, allora che sto a fa?
 
Solitudine – Mi sento solo in questa casa vuota / ora che mamma è andata all’altro mondo… / Dio del cielo, che brutta ruota / gira, gira, ci porta sempre in tondo! // Non ci spostiamo dalla sofferenza da che nasciamo fin quando siamo morti… / ci stai dando una brutta penitenza… / va bene che avremo tutti i torti. // Ma Tu mi sembri pure troppo crudo. / Io per chi soffre, sempre mi commuovo / e se qualcuno vedo tutto nudo / se posso una maglia gliela trovo… // Ma Tu per me, non hai trovato niente… / m’hai promesso soltanto l’aldilà… / ma Signore Iddio Onnipotente, / in questo mondo, allora che sto a fare?
 
Una poesia di Domenico Maugliani “J’infinitu” appare tra le premiate del Premio di poesia Mezzaluna ed è stata pubblicata nel libro Mezzaluna della poesia e della canzone Sabina, Mentana, Centro sportivo Mezzaluna, 1989.
 
J’infinitu
 
Sto ’n cima a quistu sassu arocenàtu,
che gira comme un pìcculo pe’ll’aria,
e ’gni tanto se smove e sputa foco,
e rebbéla le casi e le perzone,
le lacreme de quij che remanu,
ca’ tuccittu de ggiorno ’n po più bbono,
tenutu per’ ricordo alle pareti.
E rencriccatu sopre all’ara parte
de quistu sassu che non sta più a ssòle,
m’affaccio a ju sprufunnu de ’sti munni,
appiccati allo scuru della notte
comme rappài de luci de Natale.
E più me sròrgio e più me gira célo.
Me pare da cascà comme un muschinu
drent’a ’na ’ôtte ’e vinu senza funnu,
’nbriacu de ’st ’addore d’infinutu;
de ’st’infinitu che de quiju è un mùccicu
che deréto a ’stu sassu non se vede.
Intantu che losangue me sse gghièla,
me ’mmaggino ’stu sassu trasparente,
e me retrovo drent’a quistu ventre
enorme de calassie, che m’affoco.
Oddiomamma!, refiata ’st’univérzo.
comme ’na bolla enorme de sapone,
questa divinità che non se vede,
e quanno vo’ co’un suffiu la dissòrve,
co’ ’sta pajùca che ce vola drénto.
 
L’infinito – Sto in cima a questo sacco arroventato / che gira come una trottola per l’aria. / e ogni tanto si scuote e sputa fuoco, / e ricopre le case e le persone, / le lacrime di quelli che rimangono; / qualche pezzo di giorno un po’ più buono, / tenuto per ricordo alle pareti. / E arrampicato sopra all’altra parte / di questo sasso che non sta più al sole, / all’abisso mi affaccio di questi mondi, / appiccicati allo scuro della notte / come a Natale grappoli di luci. / E più mi sporgo e più mi gira il cielo. / Mi par di cader come un moschino / di vino in una botte senza fondo, / ebbro di quest’odore d’infinito; / di quest’infinito che di quello è un morso / che dietro a questo sasso non si vede. / Nel momento che il sangue mi si gela, mi fingo questo sasso trasparente, / e mi ritrovo dentro a questo ventre / enorme di galassie, che m’affogo. / Oddiomamma!, rifiata l’universo, / come una bolla enorme di sapone, / e quando vuol, d’un soffio la dissolve / con questa pagliuzza che ci vola dentro.
 
Antologia
 
Cenni biobibliografici
 
Angelo De Simone (Vicovaro, Roma, 1931), diplomato in clarinetto al Conservatorio S. Cecilia in Roma, ha svolto per più di trent’anni l’attività di maestro-direttore di bande musicali nel Lazio e in Abruzzo. È autore del libro in dialetto vicovarese Racconti e poesie (1988?).Sue poesie sono in Mezzaluna di poesia dialettale. Premio di poesia dialettale Sabina, a.c.d. Osvaldo Scarletti, Mentana, Centro sportivo Mezzaluna, 1988 e da Mezzaluna della poesia e della canzone Sabina, Mentana, Centro sportivo Mezzaluna, 1989.
Agenore Ferrari, nato a Vicovaro e cofondatore nel 1984 della locale Corale Sancta Caecilia è stato premiato al Premio Mezzaluna della poesia e della canzone Sabina del1989 con la canzone “La pulenta che facea mamma”.
Biagio Loreti, poeta vicovarese, è stato premiato a Mentana nel 1989 nel Premio Mezzaluna della poesia e della canzone Sabina.
Domenico Maugliani, dipendente comunale e poeta vicovarese, morto nel 2004, il suo libro Sussurri di vento su foglie, è stato presentato presso la biblioteca comunale nel 2005
 
Bibliografia
Mezzaluna di poesia dialettale. Premiodi poesia dialettale Sabina, a.c. Osvaldo Scardelletti, Mentana, Centro sportivo Mezzaluna, 1988.
Mezzaluna della poesia e della canzone Sabina, Mentana, Centro sportivo Mezzaluna, 1989.
Pomponi, G., Vicovaro, i monumenti, la storia, le tradizioni, il folclore, Associazione Pro Loco di Vicovaro, 1997.
Siani, Cosma, Poesia dialettale nella provincia di Roma. Civitavecchia – Periferia urbana – Monti Lucretili, Ed. Cofine, 2005.
Vicovaro, la Storia, i Personaggi, i Luogh, a. c. Assessorato alla Cultura del Comune di Vicovaro