106 – SANT’ORESTE

SANT’ORESTE (420 m slm – 3536 ab., detti santorestesi). È alle falde del Monte Soratte, a 47 km da Roma.

 
IL DIALETTO DI SANT’ORESTE:
Dalla “Grammatica della parlata santorestese” nel volume di Giovanni Lazzari Ghjarì, bbutta gghjó ’a gghjave riprendiamo alcune particolarità del dialetto santorestese, il cui elemento fonetico più caratteristico, che lo accomuna ai dialetti meridionali, è il suono fortemente affricato della mediopalatale sonora intervocalica rappresentata in (g)ghj come nello scioglilingua ripreso nel titolo del volume del Lazzari: Ghjarì, bbutta gghjó a gghjave, ché agghjo da gghj gghjó da gghjòcca a ppigghjà ll’òva cugghje (Chiarina, butta giù la chiave, che ho da andare giù dalla chioccia a prendere le uova guaste). Nel santorestese si afferma nel libro citato: l’articolo determinativo singolare maschile non distingue tra le forme il e lo e usa l’unica forma ridotta u (u càcju, u marraccju); in quello femminile usa ’a davanti ai nomi inizianti per consonante (’a bbardèlla, ’a mìccja); gli articoli determinativi plurali maschili (i, gli) sono unificati in i (i pàmpini, i stucci, i zzòcchili), mentre la forma l’ è usata davanti a nomi che iniziano per vocale (l’ànime, l’arzèlle); l’indeterminativo singolare maschile è unificato in un (un erméttu, un zarrécchju, ma anche un sbadìgghju, un sgommarèllu). La caratteristica più importante del nome è la prevalenza della desinenza –u nel maschile singolare, al poto dell’italiano –o: u trònu, u lampu, u campu. Non si verifica la distinzione di desinenza tra il nome astratto e quello concreto, diversamente da quanto avviene nei dialetti della Sabina e della vicino Fiano (lo sórdo ‘la sordità’, vs lu sórdu ‘la persona sorda’; lo fèrro ‘il ferro come metallo’, vs lu fèrru ‘arnese di ferro’. Contrariamente all’italiano, i nomi di frutto possono essere anche di genere maschile: u méllu, u péru, u portugallu). Come nelle parlate della vicina Sabina e del Lazio meridionale (es. Ferentino) è possibile trovare il plurale –i come variante del plurale in –e: una vòta, do’ vòti. Non sono infrequenti i metaplasmi (passaggi da una declinazione all’altra): –e –a (bura ‘bure’, cóta ‘cote’, fulina ‘fuliggine’, pèlla ‘pelle’); –e –u (ascjamu ‘sciame’, énicju ‘endice’, fìviciu ‘felce’), –o –e (càvice ‘calcio’, lópe ‘lupo’, tòre ‘toro’).
 
  1. I vocabolari e le grammatiche
Dal Glossario dialettale a c. di L. Cimarra in Ghjarì, bbutta gghjó ’a gghjave. Grammatica della parlata santorestese di G. Lazzari, riportiamo i vocaboli:
abbatuózzu (folletto di carattere bizzarro e dispettoso, con abito di colore rosso), acchjèsa (chiesa), arrebelà, arribelà (ricoprire; sotterrare; arrebelasse: trovare riparo), arencjommatu (ricucito malamente in groppo), arpétta (primo albore), ausinne (proprio così), a-vògghja (certo, senza dubbio), bàlju (banditore), bbeppimòrti (questua che si effettua nella vigilia del primo novembre), ’bbià, ’bbiu (avviare, avvio), ’bbozzà (sopportare), bbruscu a llume (sul far della sera), bìfala (tromba, strumento musicale; grosso naso), biffa (segnale di canne incrociate per individuare punti di allineamento), biscjocala (lucertola), bóbbu (orco, mostro immaginario che si nomina per spaventare i bambini e tenerli buoni), bòe (bue), cacchjatella (panino di forma rettangolare con anice che si confezionava per Pasqua), caétta (squadra di mietitori o di operai addetti alla trebbiatrice, composta da: capufàrcja, staccóne, legarinu, cregnaròlu, acquaròlu), callafrédda (ribollimento del terreno causato da piogge scarse e fredde estivo-autunnali), cannjéllu, cannèllu (ditale di canna per proteggere le dita nella mietitura), cargatuccja (cartuccia), carosjéllu (carosello, giostra), caruózzu, caròzzu (fico secco), cattolicà (andare mendicando), caùlla (caviglia), càvice (calcio, pedata), cazzu (pene, sin.: piru, pistòlu, ghjavellinu, manganjéllu, pistasale, svjénzulu, mazzaròcca, mazza, ràtica, trivèllu, sbuciafratte, pisellu, cazzàgnulu, campanàccju; infant. U peppe, u pipu), cazzàgnulu (bastone per polenta), cellùcala (larva del tonchio che rode i semi dei legumi e dei cereali), chécca (cornacchia), cjaccamintuccja (dileggiativo per designare i cacciatori), cjanquórnu, cjancuórnu (parte del ceppo dell’albero tagliato a circa mezzo metro da terra), cjódulu, ciótulu (barattolo), cipézza (nuca, testa), concjaréllu (crivello), cresimarinu (rosmarino), cucca (nocciola; vagina, sin.: pira, gàggjala, frégna, sórga, fica, patacca; inf.: pirétta), cugghju (avariato, guasto), cuóppulu (buccia dell’acino d’uva), eccumo (eccome), faìlla (favilla, scintilla), ficara (fichi; alcune varietà: sampjétru, rigata, cjuchélla, bbicjòtta, ’ngrenata, pizzuallu, ggentile, maggjolina, verdóne), (in campagna), fótu (folto, fitto), frusta-via (vai via, detto al gatto), fulina (fuliggine), gaccjaluócchj (libellula), gghjamà (chiamare), ghjéspulu, ghjéspiri (nespolo, nespole), guardjanèlla (donna o bambina a guardia delle olive mature quando sono ancora sulla pianta), lancanitu, langanitu, lanchinitu (voglioso, bramoso), landra (falciata, fila di fieno tagliato), linne (lì), liótre (laggiù, lassù), locara (roveto), lope penaru (lupo mannaro), marcadutu (epilessia), mattra (madia), mazzòcchju (grappolo di olive, melette, nocciole), mècja (merda), mementònja (memoria), mìccja (asina), ’mpizzata (imbeccata per uccelli), mùcju (viso), ’ntortà (immergere in una vasca o riempire d’acqua i recipienti di legno rinsecchiti in modo che le doghe, assorbendo acqua si dilatino fino a combaciare perfettamente), pappa (patata), parabbisu (sembra che, ti pare che), recanòzzu, reganòzzu (battola, crepitacolo), regnìculu (macilento), sbuóttu (botto; caduta rovinosa), scarpinèlla (stradella), sépuru (dispari), sfarratu (conciatura di grano), sfulinà (effettuare le pulizie pasquali), sfuógghjulu (foglia di granturco), solarìcchju (terrazzino), spannulessà (sbadigliare), tammulóne (tamburo), tarèffe (brutto), tarmu (strato leggero di ghiaccio), tenitìccja (acqua stagna maleodorante), tofarinu (terreno tufaceo), tranca-tranca (piano-piano), tresimarinu (rosmarino), triccananna (esitazione), trufa (bassa cortina di nuvole, ciglione di nubi all’orizzonte), usulà (origliare), ussa (rumore sordo), vali vali (una qua e una là), vèrta (bisaccia), vimpa (ragnatela), zellósu (fastidioso, attaccabrighe), zinzu (pezzo di vetro), zocculitu: pane duro raffermo.
 
2. I proverbi e i modi di dire
Lina De Vincenzi ha raccolto nel 2006 tra gli anziani del paese 159 proverbi (inediti). William Sersanti è in possesso di oltre 2.000 proverbi (per ora inediti) raccolti direttamente sul campo.
 
Da Ghjarì, bbutta gghjó ’a gghjave, proverbi e modi di dire di SANT’ORESTE:
U pòrcu male ’bbezzatu (abituato) / quellu che ffa li vè ppenzatu; Pasqua Bbefania / tutte ’e fèste si porta via; / arevè Sant’Antonjellu / n’areporta un saccoccéllu; È mmègghjo un canestrinu i mélla che u maritu a Ccivitélla; L’asinu pòrta ’a pagghja, l’asino se l’aremagna; Chi fa a ccórza co’ u lèpre ’riva secundu; I porchétti allègri stanno, ma càmpano sólu un anno; Dòppu tre nnèbbje vè ll’acqua, dòppu tre scorrégge vè la cacca; Se llampa alla Stréga, l’acqua ci fréga; Dio ce ne guardi dalla mala scjagura: sciròcco ghjaru e ttramontana scura; Stai a ccallarina (a solatìo) cumo i cirjóni (serpi); Chi ffa u lèttu ce si corga.
 
3. I toponimi e i soprannomi
Nel sito www.centrostudisoratte.com figurano numerosi soprannomi di SANT’ORESTE (Becculonne, Barnicchia, Bruttoforte…).
Lina De Vincenzi è anche autrice di una raccolta inedita di 778 soprannomi.
Il nome delle vie. Stradario del comune di Sant’Oreste, con appendici di odonomastica e toponomastica storica di Francesco Zozi, è una guida alla conoscenza del paese attraverso il nome delle sue strade. Citiamo:
U cacatóre de mòniche, L’òrtu i Sardèlla, ’E rotte i cavardèllo, ’E trombétte, U scicurarèllu i sant’Anna, ’A quadrara dell’àquila, ’A morretta i gghjàcchiara, ’A patacca da mula. ’A casa i Porcomondo, Mórra del pretéto.
L. Cimarra ricorda che, prima di Zozi, “i linguisti hanno focalizzato i loro sforzi interpretativi solo sul poleonimo Sant’Oreste e sull’oronimo Monte Soratte”. Nella pubblicazione della Pro loco Il giro delle fonti (AA.VV.) del 1975 vi sono l’elenco e la descrizione delle fonti locali.
 
4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
Feste e sagre. Festa della Madonna di maggio (ultima domenica di maggio). Festa di San Nonnoso (1-3 settembre). Festa di Sant’Edisto (12 ottobre).
 
4.1 Canti
 
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
Da Ghjarì, bbutta gghjó… di G. Lazzari, due tiritere: sulle dita:
pimpirinéllu (mignolo), sottanèllu (anulare), maggiore di tutti (medio), leccapiatti (indice), ammazzapidòcchi (pollice) e Romanése / co’’e cjanghe tése, / bbùttiti gghjó cco’ ’na maése; / se tti pizzica l’ortica, / romanese, falla fenita.
E la filastrocca: Cellu cellorum / s’è maritatu u moru / un moro e una vacca / è nata na cornacchia, / è natu un cuccurucù, figghja bella vattene tu.
Di William Sersanti ecco una poesia “A paštòcchja i nònna Melinda” con una favola della nonna sfortunatamente interrotta: M’arecòrdo ancora mone che quann’èro ciuchellettu, / tutt’e sere, ’nnanzi u fòcu, prima da ghĵ drent’u liéttu / a sbinnònna mea, Melinda, sèmpre ’bbezza lì a conòcchja, / si magnava um mellu còttu, po’ diceva ‘na paštòcchja. // «C’era un tèmpu, caru Ovìlio, che a Muntagna ’n esišteva / e nemmancu u paesèllu: solu l’àcqua, chì, ci števa; / quešt’ocèanu atèra pienu i tantìssimi pescetti / e per ària, ’nzèm’ai lapi, svolazzàvono i ’celletti. // Una vòta, da lì u mare, šcappò fòra un gran cirïone: / lòngu, gnertu, velenosu, co’ tre òcchj e cu lenguone; / co’ ’lli pòri animaletti fece un rànciu bèllu grassu, / si sarvò solu ’n tascettu, ’ccovacchjatu sott’un sassu…». // Ma nonnetta, all’improvisu, ’bbassò u capu su a conòcchja: / èra špìccia a štoppa e disse: «Funiragghjo ’šta paštòcchja / ’n’atra vòta, caru Ovìlio, e a sorpresa sarrà gròssa, / però mo, mi sa migghj’anni che špatrìo ’šte quattro òssa». // Fu cusintu che ’lla nòtte šmorzò a làmpada a petrògghju / e io ògghje, che ’n c’è piune, m’aretròvo co’ ’štu fògghju / a buttà ghjó cache vèrzu, a ghĵ arrèto ca memòria, / ma atè inùtile: ’n sapràgghjo mai a fine i quella štòria.
 
4.3 I giochi
Sardamontóni: gioco simile a saltalamula o saltalaquaglia. Consiste nello scavalcare a gambe larghe via via una fila di ragazzi ricurvi ad una certa distanza l’uno dall’altro.
 

Ecco un gioco moderno, un cruciverba di William Sersanti “A senzu unicu”, di cui riportiamo le regole e le definizioni, ma non lo schema. Le soluzioni possono essere comunque inviate all’autore: williamsersanti@virglio.it
Reghele: Averissiate da responne ae definizzzioni sapenno che esse vanno sistemate a senzu unicu cioè solu “da ghji su a ghji ghjiò”. A giocu spicciu, se u facete bbè, lippe righe colorate scapperà fora un proverbiettu santorestese che si addice a questu periudu dell’anno: tuttu gghjaru? Pe sapè e risposte o atre curiosità mannete cume ar solitu un mellu a:
1. Porchettu maschjiu. 2. Stanno foti mmezzu a macchjia. 3. Pe sonalla t’hai da sfiatà. 4. Quellu du pane po’ esse da un chilu o da mezzu chilu. 5. Ce n’è una sola…. 6. Pe girà quellu da machina mea ci vonno e raccia i Tyson! 7. Un giocu dò tutti si nguattono. 8. U patisci se c’è a bafagna. 9. Na vota si diceva: “Chi fà la … nun è figghjiu di Maria!”. 10. Tuttatru che muortu. 11. Ti nvelisce d’istate. 12. Pasciono nzeme ai montoni. 13.Sa surchjiono de core i munelli appena nati. 14. Così atè un munellu che và male a scola. 15.Né tu né essu. 16.Tristu rrabbiatu. 17. Micciu. 18. Atè più sfravulone che u marmu. 19. Un bozzettu lippe a strada. 20. Maru… … .all’ariverza. 21. Vigna.

 

4.4 La gastronomia
Panemmòlle è una vivanda povera a base di pane raffermo su cui si versa una brodaglia con zucchine, patate ed altri ortaggi lessati insieme e con l’aggiunta talvolta di un pezzo di baccalà.
Altri piatti e prodotti tipici sono: maccaroni a iffa, tozzetti, conferzini, pizza scacciata, castagnole, cecoria arepassata, padellaccia (con tutti i pezzetti del maiale), quagghjatu (cagliato), ciammelle e tisichelle, u ciammellone, frappe, cacchiatelle, u miggjacciu, u cazzuimperiu.
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
Il Teatro Stabile la Compagnia dialettale “Atèra propiu cusì” ha rappresentato C’era ’na vota ’a trebbia commedia musicale di Alberto e Alvisio Menichelli e, con grande successo nei giorni 30-31 agosto e 4-5 settembre 2008, Erono e nozze i ficara, musica, concertazione e direzione di Alberto Menichelli, testi di Alvisio Menichelli, che nel 2000 aveva già dato alle stampe ’E nozze i ficara che è alla base della commedia rappresentata con repliche nel 2008.
 
Dalla commedia ’E nozze i ficara riportiamo qui la parte finale in cui le tre sorelle Maria, Bennarda e Mariana fanno una strana proposta ai loro sposi:
Le sorelle: Vorrissimo provà a cambià sposu,
misà che doppu tuttu po’ gghj megghjo;
se quach’ordegnu, ’n fonnu, è difettosu,
pegghjo i cusintu, gnente po’ gghj pegghjo!
Narratore: Pasquale pensierosu e ’mpo’ scoratu,
si pogghjò li a spranga du lettinu.
Le sorelle: Noi, sor mae’, averissimo pensatu
da refà e coppie, tiranno a bullettinu.
Pasquale: Ma che scherzemo? Miseriaccia latra!
Mica adè cumo che si fa co’ e tazze:
che se ne roppi una, n’arecompri n’atra:
cchì ve cci vorria u lettu a sei piazze.
Narratore: Cusì fecioro e ddorminno tutti ’nseme,
provanno questa e quella soluzione:
mò so’ contenti e gnunu a sera freme,
quanno si scambia u postu e a posizione.
Marianna, doppu ’mpò, perse ’mpì ontu;
Bennarda, quache chilu de zampogne,
Maria, p’u lavoru, s’è fatt’u scontu,
ma tutte e tre si so’ mparate a mogne. (…)
 
Augusto Placidi, detto “Mazzone”, nato da una famiglia di contadini e attento alla salvaguardia delle tradizioni locali, si è impegnato nella riscoperta del dialetto con la pubblicazione di brevi racconti apparsi sulla rivista “Soratte Nostro” raccolti poi nel libro ’A miccia ’i Creùsa, a cura di Luigi Cimarra. Il curatore dà atto a Placidi di aver saputo intuire “che la parlata santorestese rappresentava una testimonianza preziosa, caratterizzante la comunità locale, da trasmettere alle generazioni future”. L’intuizione si è tradotta nella cura di un fascicoletto ciclostilato sui giochi infantili, curato insieme a Francesco Zozi e dalla realizzazione dei racconti brevi la cui nota predominante non è tanto il divertissement né l’abbozzo di quadretti paesani, icastici e vivaci, ma “una riflessione, una moralità, un suggerimento etico”, insomma il classico castigat ridendo mores. Ed ecco perché ogni sua storia si conclude con una sentenza o con un proverbio popolare: ’a matina quanno ce rizzemo, simo sèmpre in doi: unu pe’ fregà e un atru pe’ aremané fregatu (“I saputoni”); atè pròpiu veru che munèlli ci si divènta tre vòti prima da morì: quanno nasci, quanno vai a fà u sordatu e quanno divènti vècchju (“Trita, trita e porta a casa”); nun ci sta più sordu ’i quellu che nun ci vò sentì (“Capòcce ’nfocate ’du sole’”); pìrele ’i callina, sciròppu da cantina (“’A supposta”).
 
6. I testi di poesia
In Il mio Soratte – Le storie e la storia di Oreste Malatesta nel capitolo III “La creatività” c’è un piccolo saggio su Luigi Usai, autore di molti sonetti. Un altro capitolo è dedicato ad un poeta in lingua e in dialetto Primo Acqua, detto Primetto. A lui il Comune di Sant’Oreste (di cui è stato amministratore) dedica l’antologia di poesie O maggio che fra tante primavere, a proposito delle quali il curatore G. Lazzari sostiene: “quello che conta è cosa, non come, egli racconta, è quello che egli ci mostra del suo tesoro interiore”. Giustamente rileva il sindaco di Sant’Oreste nella prefazione che le sue poesie “colpiscono per la semplicità e l’entusiasmo che vi si legge per i fatti narrati. Passione politica, impegno civile, amore per il nostro Monte e per Sant’Oreste, ma anche sentimenti più intimi, più privati trovano spazio nei suoi racconti poetici.” Le poesie raccolte, di cui più di una dedicata al paese ed ai suoi personaggi, sono in italiano. Una sola, la più riuscita è in dialetto: “Il matrimonio”, un contrasto marito-moglie, in 25 quartine, ben condotto.
Un altro poeta in dialetto segnalato e del quale sono riportati alcuni versi nel libro già citato di Malatesta è Vando Fidanza autore del libro Ve lo dico in versi pubblicato a cura della Pro Loco. Concludiamo con alcune sue quartine, rispettivamente dedicate all’Estate e all’Autunno:
Ho seminato er grano in autunno / quando abbondano le piogge co le nebbie / poi ariva er forte cardo dell’estate / che fa cantà cicale e metitrebbie // vedi l’agricortore è soddisfatto / l’annata è bona niente è annato storto / dentro da sé ringrazierà er Signore / perché è stato abbondante er suo raccorto // a l’ortolano che ha piantato tanto / l’estate ie darà soddisfazione / c’avrà tante verdure da riccone / insieme ar pomodoro e ar peperone È ritornata l’erba su li prati / se va a castagne e in cerca de porcini / er vignaiolo ha corto la sua uva / er mosto sta a bollì dentro li tini / bello dorce maturo è er melograno / profuma l’aria de mintuccia in fiore / e l’ape ha riempito er suo alveare / cor nettare che succhia a questo fiore.
 
 Tra le nuove leve si segnala William Sersanti, nato a Roma il 12-02-1982 e residente a Sant’Oreste, scrittore e poeta-cantastorie in lingua e in dialetto santorestese; è attualmente presidente dell’Associazione Culturale “Avventura Soratte”. Il giovane autore, che cura da oltre dieci anni una rubrica dialettale su “Soratte Nostro Nuovo”, mensile di Sant’Oreste, ha già pubblicato Filastrocche per SantOreste, un libro di filastrocche in vernacolo che ripercorrono la storia del paese, e Lì u šcalinu i Piazza, poesie dialettali che sono il frutto di un’indagine di carattere etno-antropologico, linguistico, paremiologico, e di un lavoro di recupero di memoria orale. Entrambi i volumi sono stati presentati dal professor Luigi Cimarra, esperto dialettologo-folklorista del gruppo interdisciplinare per lo studio della cultura subalterna dell’Alto Lazio, il quale ha curato il saggio introduttivo e il glossario dialettale di entrambe le opere. Nel 2011 ha dato alle stampe “Piòve, guèrnu latru!”, una nuova raccolta di sonetti satirici in dialetto santorestese (www.poetidelparco.it/index.php) e “Emo vištu labbatuózzu!”, il primo cd autoprodotto con canzoni in vernacolo, composto insieme all’amico Paolo Diamanti. In antologia pubblichiamo A vecchjara dell’òmminu e E fémmine
 
Antologia
 
A vecchjara dell’òmminu

«A malatìa più brutta atè a vecchjara:
a grànnine vè vèrzu a sessantina,
ti rizzi e c’hai um malannu pe’ matina,
nun t’areccògghj ’mmancu ca cucchjara!

U tiémpu ’ffetta cumo ’na mannara:
se ’llònghi e ’rrivi finu a settantina,
metti da parte a mógghje pa cantina
e ’ngricchi sol’u vinu: a vita è ’mara!

Da beve’ e bašta, ’nfatti, t’è aremasu:
se ’m mocca porti un diénte ’m menu a nòtte,
u pane co’ ch’u ciàncichi, cu nasu?

E pe’ funì, c’è u fattu menu bèllu:
benanche campi a bròdu e mella còtte,
a trippa cresce, ma ti cala u ’cèllu!».

E fémmine

U munnu a vòti gira all’arivèrza
e quanno e còse vanno lisce lisce,
a guèrra šta’ sicuru che l’hai pèrza!
E fémmine? Beatu chi e capisce!

Se pe’ regalu tu li crompi un fiore,
’na ròsa róscia, frešca e profumata,
invece d’um bacettu pienu i amore,
ci pigghjerai là ’n culu ’che zampata;

ma se però li butti do’ biaštime,
che fanno dòle’, solu pe’ dišpèttu,
e l’arešponni sèmpre pe’ le rime,
u giornu appèt’e tròvi drent’u lèttu!
 

Cenni biobibliografici
 
Acqua Primo, detto Primetto, è poeta in lingua e in dialetto santorestese. Nel 2008 il Comune di Sant’Oreste ha pubblicato le sue poesie in O Maggio che fra tante primavere (poesie per Sant’Oreste) a. c. di Giovanni Lazzari.
Fidanza Vando poeta dialettale santorestese. Le sue poesie sono nel libro Ve lo dico in versi.
Lazzari Giovanni è autore di Ghjarì, bbutta gghjó ’a gghjave, una grammatica, pubblicata nel 2005, contenente anche proverbi, modi di dire e filastrocche di Sant’Oreste.
William Sersanti, nato a Roma il 12-02-1982 e residente a Sant’Oreste, è scrittore e poeta-cantastorie in lingua e in dialetto santorestese; è attualmente presidente dell’Associazione Culturale “Avventura Soratte”
Luigi Usai (Paliano 1889 – Sant’Oreste 1982) è autore di Il Soratte e la sua gente (1981), una raccolta di poesie, prevalentemente sonetti, tranne “Er Soratte”, a p. 26, in dialetto romanesco e in versi liberi. Ha scritto moltissime poesie in romanesco e in italiano. La sua produzione è rimasta inedita (tranne due volumetti) per suo stesso desiderio.
 
Bibliografia
Acqua, Primo, O maggio che fra tante primavere. Poesie per Sant’Oreste (a c. di Giovanni Lazzari), Civita Castellana (VT), s .e., [Tip. Punto Stampa], 2008.
Luciani, Vincenzo e Faiella, Riccardo, Le parole salvate: Dialetto e poesia nella provincia di Roma; Litorale Nord, Tuscia romana, Valle del Tevere, Roma, Ed. Cofine, 2009
 

Webgrafia