Vie scusàgne

Da Cacagliùsi, Edizioni Lepisma, Roma, 2006

 

M’hannu ’mparàtu
u lupu

‘ntra na ruga

m’hannu ’mparàtu u ventu

’ntra nu purtùne

àju pruvatu u sangue duce

da  ucèrtua

’a uitanìa da pìuia

l’addùru du
cursùne.

Aju vidùtu u mare e la turrètta

aju sentùtu fis’ chi e cannunàte

briganti jìre e vecchie sfatte

fimmine bbèlle e ’nnammuràte.

Signu fujùtu
arrèt’ a nu murèttu:

Acqua alla cànna

Fitt’allu pettu

Signu cadutu ‘nterra trivellàtu

M’hannu mparàt’ a vìta

E llu peccatu.

 

SCORCIATOIE
– M’hanno insegnato il lupo / in uno spiazzo / mi hanno insegnato il vento / in
un portone / ho provato il sangue dolce della lucertola / la nenia della pica /
l’odore del serpente. / Ho visto il mare e la torretta / ho sentito fischi e
cannonate / briganti andare e vecchie consumate / donne stupende e innamorate.
/ Sono scappato dietro a un muricciolo: / acqua alla gola / fitte nel petto /
sono caduto a terra rovinato / m’hanno insegnato il vivere / e il peccato.