“Una voce” di Pietro Stragapede

In questo tempo di coronavirus una poesia e un video del poeta di Ruvo di Puglia

 

Qui di seguito proponiamo la poesia in dialetto di Ruvo di Puglia “Na vausce” di Pietro Stragapede, recitata dallo stesso poeta.

 

NA VÀUSCE

 

Nun sacce cum-è stote

na vàusce a la contraure m-è chiamote.

“Firmete, te vuogghie parlò,

a taiche, sé, ca tine sièmbre a ccè fò”.

Nan so capèite da ddò venaie chèra vàuce,

me so gerote: da Criste ’ngrausce!

Nèh so ditte: “Mò me n-ova cantò quatte,

viste ca de maiche Idde sope tutte le fatte”

e alzanne re d-uocchiere chione-chione

penzaie: “Spèriome ca nan ’ngose la mone!”

Do schiuse tanne-tanne me so ’mbendote

pe cercò d-apparò re pedote,

ma po’ so ditte: a u Signore chiacchiere na ne pute viènne

e me so preparote ad avaie nu rembrove soliènne.

Invece Cure da la crausce s-è staccote

ed è veniute vèrse maiche trote-trote

e quanne m-ove arrevote vecèine

so attandote re ferèite de le chiuve e de re spèine.

M-uonne arrezzote re carne e nan so aviute cchiù posce

quanne so viste ca re ferèite caccene sanghe angore osce.

Russe pe la verguagne. so tremendiute da n-alta vanne

penzanne ca pur-èie so puste la parte a cusse danne.

Subbete Idde m-ove abbrazzote cu tanda delecatièzze:

èie ca so nudde, de fruonde a tanda grandièzze!

So sendiute venimme ad avetò ’ngurpe na liusce

ca t-allumaisce tutte e mè striusce.

L-aie ditte: “Signore, si sbagliote crestione,

sapisse quante volte da Taiche m-allundone.

Ma Cure m-è fatte na carièzze acchessì tiènere

ca èie me so sendiute quante nu pizzeche de ciènere.

“Èie so na pèquera zuoppe, tiue re sé,

nan so de tutte chère ca me fè.

Pigghie spisse ciambecote,

te re dèiche arrète: t’èda ièsse sbagliote”.

Allore Idde m-è pigghiote la mone

cume cu nu figgie fosce u attone.

Me so abbandenote squetote e sechiure

e inde me so sendiute pulèite cume nu criature.

L-aie ditte allore: “Signore, cum-agghia fò,

ceaccumiènze arrète a ciambecò?

“Chiameme, te viènghe a do na mone,

te so attone, nan t-abbandone.”

Da tanne ognè vuolte ca nan ’nge la fazze

Idde me vène ad acchiò e me pigghie ’mbrazze.

 

UNA VOCE

 

Non so come è successo

una voce nella controra mi ha chiamato.

“Fermati, ti voglio parlare,

sì, proprio a te che hai sempre da fare.”

Non ho capito da dove provenisse quella voce,

mi sono girato: da Cristo in croce!

Neh, mi sono detto: “Ora me ne canta quattro,

visto che Lui di me conosce ogni fatto”

e alzando gli occhi piano piano

pensavo: “Speriamo che non calchi la mano”!

Due scuse lì per lì mi sono inventato

per cercare di cancellare le impronte

ma poi mi sono detto: al Signore chiacchiere non ne puoi venderne

e mi sono preparato ad avere un rimprovero solenne.

Invece quello dalla croce si è staccato

ed è venuto verso di me senza tentennamenti

e quando mi è giunto vicino

ho tastato le ferite dei chiodi e delle spine.

M’è venuta la pelle d’oca e non ho avuto più pace

quando ho visto che le ferite sanguinano ancora oggi.

Rosso per la vergogna, ho girato lo sguardo altrove

pensando che pure io ho contribuito a questo scempio.

Subito Lui mi ha abbracciato con tanta delicatezza:

io che sono niente, di fronte a tanta grandezza!

Ho sentito venire ad abitare nel mio corpo una luce

che t’illumina tutto e mai si spegne.

Gli ho detto: “Signore, hai sbagliato persona

sapessi quante volte da Te mi allontano”.

Ma Quello mi ha fatto una carezza così tenera

che io mi sono sentito quanto un pizzico di cenere.

“Io sono una pecora zoppa, Tu lo sai

non sono degno di tutto quello che mi fai.

Inciampo spesso e cado

torno a dirtelo: ti sarai sbagliato”.

Allora Lui mi ha preso la mano

come un figlio fa con il padre.

Mi sono abbandonato sereno e sicuro

e dentro mi sono sentito pulito come un bambino.

Gli ho detto allora: “Signore come devo fare

se ricomincio ad inciampare”?

“Chiamami, non mi stanco di darti una mano

sono tuo padre, non ti abbandono”.

Da quel dì, ogni volta che non ce la faccio

Lui mi viene a cercare e mi stringe tra le sue braccia.

 

PIETRO STRAGAPEDE, è stato per 40 anni insegnante presso la scuola primaria “G. Bovio” di Ruvo di Puglia, ora in pensione è referente presso la stessa scuola per il dialetto. Ha composto numerose drammatizzazioni in vernacolo per bambini e il libro di filastrocche Felastruocche tra vinde e saule. Ha scritto le raccolte di poesie in ruvese: Ponee alèive (Pane e olive) 2009, Pone e pemedore (Pane e pomodoro) 2009, Pone e cepuodde (Pane e cipolle) 2010, Pone assutte (Pane senza companatico) 2011, La collane de fofe de cuzzue (La collana di fave fresche) 2012, Tène u rizze la lìune (Ha un alone bianco la luna) 2016, La semmona sande a Rìuve (La settimana santa a Ruvo) 2017. Edizioni Cofine nel 2019 ha pubblicato la sua ultima raccolta di poesie in dialetto dal titolo Nzia-mé (Non sia mai).

È autore di diverse poesie di impegno sociale e civile riportate su pubblicazioni varie.