Tiene u rizze la lìune di Pietro Stragapede

Recensione e scelta di poesie di Maurizio Rossi

 

Ci sono pittori che rapiscono con la sapienza del colore e la semplice precisione del tratto e ci conducono dentro la scena, come parte del dipinto, sicché il messaggio è intuito, quasi “in estasi”; ci sono poeti che fanno altrettanto, con una semplicità disarmante, vestita di colore e di ritmo: come Stragapede.

“Le pozzanghere/ sono specchi/ mandati/ da Cristo/ per farci vedere/ il cielo/pure quando/ guardiamo/ a terra” la pioggia smette di essere un fastidio e diviene dono sovrumano per elevare l’uomo da terra: in pochissimi versi sciolti un messaggio di speranza, che racchiude secoli di filosofia. Ma, si sa, il filosofo tende alla comprensione del Tutto, in una sintesi almeno teorica e storica; il Poeta tende alla Verità delle singole cose, di ogni cosa, delle parole- significante e significato: ogni cosa è il “tutto”. “Dove vuoi arrivare?/ Voglio penetrare/ nel cielo/ per saziarmi/ di luce/ e di infinito./…Non serve la scala/ penetra nell’uomo/ e troverai un cielo/ più chiaro/ e più grande/…” Il cielo che sta in alto e quello dentro l’uomo, non sono due verità in contraddizione tra loro, come potrebbe obiettare il filosofo, e paradossalmente non sono neanche in relazione, ma semplicemente esistono come totalità che il Poeta coglie e definisce in  momenti esistenziali distinti.

E ancora, c’è il cielo che si siede sulle terrazze delle case per riposarsi “vicino alle persone/ a contagiarle/ di azzurro/ e a parlare d’infinito//” il cielo “persona” che nello spazio limitato e pure straordinario della terrazza, discorre di ciò che non ha limite.

La luna che dà titolo alla raccolta, dove “Ha un alone bianco” è ora triste, perché annuncia brutto tempo, ora “pesante”…” come se/ abbia caricato su di sé/ tutto il nero/ della sera./”; ciononostante ha voglia di giocare a nascondino per regalare “l’argento/ un pezzo alla volta//” ; se si eclissa del tutto, poi, è per far risaltare ancor di più gli occhi gialli della civetta. Qui il “tutto” poetico è la luce della luna che si spegne, insieme alla luce degli occhi dell’animale. Ecco l’istante del Poeta, denso di significato e del presente che coglie, sia delle cose, sia della vita “So già/ che il cerchio/per me/ si chiuderà così” : il gioco-  simbolo dell’infanzia e dell’inizio – riunirà il vecchio – simbolo di esperienza e di affetti, radici e cammino – con la terra e con la natura. Nel frattempo, l’Autore ci dice che resta in viaggio, rallentando il passo, concedendosi “un tempo lungo /per non arrivare alla punta/” la meta, vedendola nella mente, prima di arrivarci, pregustandola grazie alla consuetudine; rivestendosi con la luce, i colori, il linguaggio della sua terra, come di un vestito che non si può né si vuole togliere facilmente. Ogni tanto, si concede di mettersi a cavallo della fantasia per essere un’altra persona; a lui basta poco per sentirsi diverso, senza negare di essere sé stesso: e questo straniamento è di una bellezza semplice e luminosa! Poi torna quello che è, il poeta-uomo che mette segnali- persone o Natura – per non perdere le varie strade dell’umanità; e poi confessa, anzitutto a sé, “L’unica strada/ dove non ho messo segnali/ è quella che porta al silenzio:/ la tengo dentro di me/ e la percorro a memoria/ tutte le volte che voglio ascoltare/ la voce dell’anima.//”

Al lettore certo non dispiace la musica rapsodica tra le u chiuse e le e aperte; e la difficoltà nella comprensione delle parole in stretto ruvese viene attenuata dalla  lettura resa più lenta dal verso breve  delle poesie.

 

Pietro Stragapede, Tiene u rizze la lìune, Pegasus Ed., Terlizzi (BA), 2016

 

 

 

Duorme picche

 

Duorme picche

la nuotte

a le cinghe

me maine ‘ndièrre.

Guadagne

la prima liusce

ma pièrde

le sunne matenìre.

Guadagne chère ca so

ma pièrde

chère ca volèsse i/èsse.

 

 

Dormo poco

Dormo poco/ la notte/ alle cinque/ sto già in piedi./ Guadagno/ la prima luce/ ma perdo/ i sogni dell’alba./ Guadagno quello che sono/ ma perdo/ quello che vorrei essere.

 

 

 

U recome

 

E’ tutte nu recome

chèssa tèrre nuoste:

Ce la vèite

da u cile

parèite e tramizze

desègnene

sciuche e feghiure

scritte da u vinde.

Fi/ure de pète

s-alluonghene

e se ‘ ndrièccene

da la Murge a u more

a criò nu buché

bianghe de lìune.

L-onne recamote

gènèrazione de paretore

saupe a na taile

a ddò u oche

nan trose

quesiute

cu u cottone

de chiangaridde vèite

quengertote

da stizze de sedaure

caresciote

da u panaridde

de le uagniune.

E’ nu recome

chèssa tièrre

e niue ca l-avetome

nu pertome inde

sènza sapièrre.

 

 

Il ricamo

E’ un grande ricamo/ questa nostra terra./ se la osservi/ dal cielo/ muri a secco/ disegnano/ giochi e  figure/ scritti dal vento./ Fiori di pietre/ si allungano/ e si intrecciano/ dalla Murgia al mare/ a creare un buquet/ bianco di luna./ L’anno ricamato/ generazioni di “paretari”/ su una tela/ dove l’ago/ non penetra/ cucita/ col cotone/ delle chiancarelle vive/ assemblate/ da mani di carparo/ bagnato/da gocce di sudore/ trasportate/ dal corbellino/ dei bambini./ E’ un ricamo/ questa terra/ e noi che la abitiamo/ la portiamo dentro/ senza saperlo.

 

 

Cume re frunze de laure

 

Stè na cuorse

a la dì d-osce

a ci se miètte

cchiù ‘nnanze

a u saule

pe d-angaltièscese

e po’ fò feghiure.

Vogghie i/ èsse

cume re frunze de laure

ca pe d-allendò

cchiù addaure

e pe regalò

u siuche de la tièrre

vonne acchianne l-uombre.

 

Come le foglie d’alloro

E’ in atto una corsa/ oggigiorno/ per posizionarsi/ più vicino/ al sole/ per riscaldarsi/ e per mettersi in mostra./ Voglio essere/ come le foglie d’alloro/ che per diffondere/ più odore/ e per regalare/ il succo della terra/ vanno in cerca dell’ombra.

 

 

 

Stonne cèrte dèie

 

Stonne cèrte dèie

ca nan vogghie i/èsse

chère ca so.

Me miètte a cavadde

de la fantasèie

e trose

ind-u munne

de chère ca na ‘nzò.

Nan addemeraisce

a lunghe

pure nu picche

m-avaste

a famme squerdò

cure ca ère.

Pigghie u viagge

de returne

e trose arrète

ind-a maiche.

E già

me siènde devièrse

pure ce so uguole

a cure de prèime.

 

Ci sono certi giorni

Ci sono certi giorni/ che non voglio essere/ quello che sono./ Mi metto a cavallo/ della fantasia/ ed entro/ nel mondo/ di ciò che non sono./ Non mi fermo/ a lungo/ anche un po’ di tempo/ mi basta/ a farmi scordare/quello che ero./Riprendo il viaggio/ ed entro di nuovo/in me stesso./ E già/ mi sento diverso/ anche se sono uguale/ a quello di prima.

 

 

 

PIETRO STRAGAPEDE, nato a Ruvo di Puglia è stato maestro per 40 anni presso la scuola primaria “G. Bovio” di Ruvo. Attualmente, in pensione, è referente presso la stessa scuola per il dialetto. Ha composto numerose drammatizzazioni in vernacolo per bambini e un libro di filastrocche: “Felastruocche tra vinde e saule“. Ha scritto le raccolte di poesie in dialetto: Pone e alèivePone e pemedorePone e cepuoddePone assutteLa collane de fofe de cuzzue (indica il gioco fatto da bambini e dall’autore stesso, di infilare ad uno spago colorato delle fave fresche, appena sgusciate per creare una collana, al quale erano raggruppati in cerchio i sogni, le fughe e i progetti dei bambini). Finalista nel 2018 al Premio Ischitella per la poesia dialettale e terzo classificato nel “Salva la tua lingua”. Nel 2019 ha pubblicato per Edizioni Cofine la raccolta Nzia-mè (Non sia mai)  con prefazione di Anna Maria Curci e postfazione di Vincenzo Luciani.

 

 

 

 

Maurizio Rossi

 

 

 

 

Pubblicato il 22 marzo 2020