Senza Ulisse, poesia di Fabio Franzin

Con la consueta discrezione (“sperando di non disturbare”), il poeta Fabio Franzin ci invia e ci consente di pubblicare questo suo testo con cui ci invita a riflettere, esortandoci “a tenerci stretti, almeno virtualmente”

 

Senza Ulisse

 

Vento, fòra, che fa sbàter i balconi.

L’urlo longo de ‘na ‘nbueànzha

che passa, col só cargo de doeór

– fàea ‘rivàr in tenpo, fa che ‘l se

salve – e mì che lèdhe Walcott

intant che el mondo intièro

l’é isoeà, serà in quarantena.

 

something still fastens un forever to the poor

(calcòssa ne liga ‘ncora e par senpre ai poréti)

 

intant che ‘a desperazhión la ‘é colma,

e scumìnzhia ‘i assalti ai supermercati.

 

Quant lo ‘véneo dita, come Cassandre

ciapàdhe par seme, che cussì, cussì

sgaìva no’a podhéa pì continuàr?

 

El vent de stamatina el ne ‘o ricorda.

Basta dise i balconi che sbate, basta

a quei che sbàtoea de un profito che

no’ tièn de conto l’òn, che no’iuta

tuti quei che resta indrìo, che sofre.

 

Oh Walcott, nostro Omero de isoe,

de pòpoi servi e coeònie sfrutàdhe,

che te ‘à cantà el sudór dei s.ciavi,

‘a miseria de quei desmentegàdhi,

‘e tó paròe bate, toc toc, insieme

a ‘sti balconi che bussa tel fondo

dee nostre àneme straviàdhe,

‘e zhiga insieme ae sirene che canta

l’apocaìsse che ne fa tuti conpagni,

naufraghi persi in mèdho aa borasca

senza nissùn Ulisse a bordo, senza

nissùn scudo ‘ndo ‘scónderse drio,

senza pì nissùn dio che ne ‘scolte.

 

 

 

Senza Ulisse – Vento, fuori, che fa sbattere i balconi. / L’urlo lungo di un’ambulanza / che passa, col suo carico di dolore / – falla arrivare in tempo, fa che si / salvi – e io che leggo Walcott / mentre tutto il mondo / è isolato, chiuso in quarantena. // “something still fastens un forever to the poor” / (qualcosa ci lega ancora e per sempre ai poveri) // mentre la disperazione è colma, / e hanno inizio gli assalti ai supermercati. // Quanto lo abbiamo ribadito, come Cassandre / prese per sceme, che così, così / dispari non poteva continuare? // il vento di stamani ce lo rammenta. / Basta dicono le imposte che sbattono, basta / a quelli che cianciano di un profitto che / non tiene conto dell’uomo, che non aiuta / coloro che rimangono indietro, che soffrono. // Oh Walcott, Omero del nostro tempo, di isole, / popoli servi e colonie sfruttate, / che hai cantato il sudore degli schiavi, / la miseria di quelli dimenticati, / le tue parole battono, toc toc, insieme / a queste imposte che bussano nel fondo / delle nostre anime distratte, / urlano assieme alle sirene che cantano / l’apocalisse che ci rende tutti uguali, / naufraghi persi in mezzo alla burrasca, / senza nessun Ulisse a bordo, senza / alcuno scudo cui ripararsi, / senza più nessun dio che ci ascolti.

 

 

FABIO FRANZIN è nato nel 1963 a Milano. Vive a Motta di Livenza (TV). È redattore della rivista “Smerilliana”. Ha pubblicato le opere di poesia: Il groviglio delle virgole, 2005; Pare (padre), 2006; Mus.cio e roe (Muschio e spine), 2007; Fabrica, 2009; Rosario de siénzhi (Rosario di silenzi – Rožni venec iz tišine), 2010, edizione trilingue con traduzione in sloveno di Marko Kravos; Siénzhio e orazhión (Silenzio e preghiera), 2010; Co’e man monche (Con le mani mozzate), 2011; Canti dell’offesa, 2011; Margini e rive, 2012; Bestie e stranbi, 2013; Fabrica e altre poesie, 2013; Sesti/Gesti, 2015; Erba e aria, 2017; Corpo dea realtà/Corpo della realtà, 2019.

 

Pubblicato il 30 marzo 2020