Saragei Antonini. Genealogia femminile in a virina

Nota di Maria Gabriella Canfarelli

 

In una situazione stanziale, un interno domestico che si chiama casa, si chiama corpo, Saragei Antonini incontra sogni, visioni e realtà e ne assorbe forme e colori malgrado I vitra lòddi (i vetri sporchi) e l’acqua sicca/ ca vèni ri fòra e arresta intra – ’na passata ri mànu – ’na carìzza – chista è a me goccia/ ca s’affaccia/s’abbia (l’acqua secca/ che viene da fuori / e rimane dentro – / una passata di mano / una carezza – / questa è la mia goccia/ che s’affaccia/ si lancia). Vivace e volitiva azione tra altre azioni, gesti d’una domesticità vissuta tra interno/esterno, via vai continuo d’una mobilissima scrittura inquieta e visionaria, concreta, anche, confluita ne a virìna (Salarchi Immagini, 2019), termine con il quale si designa la parte interna della mammella.

Dunque di interni la poetessa scrive, di interiorità eviscerata nel nome e per conto di una genealogia femminile plurale che si dà anche per simboli: le uova, la luna a fessura, l’acqua a goccia (na lacrima /stu tannìcchia ri lustru/ri luna/ca tràsi ‘nta stanza/chidda unni pari ca ròmmu/ e ’nveci arriminu – una lacrima/questo poco di luce/di luna/che entra nella stanza/quella dove sembra che dormo/e invece rimesto); rimestare ciò che sta dentro, toccare con mano; introdurla in una sporta piena, come un tempo la nonna materna (punto di sintesi e snodo di singole biologie, portatrice di concretezza e sapienza): idda nisceva cànni /sanceli/ricèva accattai a virìna /u figatu/a iaddìna / mi riceva veni ccà / veni e mi rapeva a iaddina/ ppi farimi avviriri/ l’ova motti c’avèva intra (lei usciva carne/ sanguinaccio/diceva ho comprato la mammella/il fegato e la gallina/ mi diceva vieni qua / vieni/ e mi apriva la gallina/ per farmi vedere/ le uova morte che aveva dentro).

E intanto scrivere di lei, recuperarne il ricordo: ci assumigghiu/ e ci pensu/ ci parru/fazzu tràsiri tuttu (le somiglio/ e la penso/ le parlo/ faccio entrare tutto), farla rivivere ancora e fossi ura mèntri scrivu (e forse ora mentre scrivo), nonostante la morte, chiovu, chiodo n’menzu a vita che nel suo procedere trasforma i volti canciati/scantati (cambiati/spaventati), visti così da vicino da sbatterci contro: e ’ntappu ni chiddi ca s’inni/iènu / ’ntappu ni me fìgghia/’nte ionna (e sbatto in quelli che se ne sono andati/ sbatto in mia figlia/nei giorni). Come in una matrioska, quattro generazioni l’una dentro/dietro l’altra: biologie collegate (seppure distinte tra loro) da una continuità emozionale/affettiva che sul piano espressivo è data in versi rapidi e struggenti, discorso che mette insieme un prima, un frattanto, e il domani intravisto in una giovane identità femminile: Mi passi ravanti/còmu ’na nùvula  – / u suli si fa scùru/e u cèlu troppu rànni/(…)/(…)/comu a vita/ /nun mi scàntu/ti resi l’umbrèlla/ a casa rapila e chiurila quannu voi tu ( Mi passi davanti/come una nuvola- / il sole si fa scuro/e il cielo troppo grande/(…)/(…)/come la vita/ non mi spavento/ti ho dato l’ombrello/la casa aprila e chiudila quando vuoi tu). E ancora, il tenerissimo atto filiale di cura e accudimento del corpo materno, il rovesciarsi improvviso dei ruoli: Ura ca lavu me màtri/ tremu còmu a idda/àiu a testa chìna ri sapùni – /tu mi sciddicàsti còmu tutti i cosi/cchiù lèggia mi sentu/appa scuppiàri – /cchiù lèggia sì (ora che lavo mia madre /tremo come lei / ho la testa piena di sapone – / tu mi sei scivolata come tutte le cose / più vuota mi sento/ devo essere scoppiata -/ più vuota sì).

In questa prima raccolta scritta nella lingua delle madri visione e realtà si fondono; spesso si sostituiscono l’un l’altra, e in certi casi è la visione a condurci a una realtà diversamente concepita. Nel mondo poetico di Saragei Antonini, la casa e i suoi complementi (arredi, oggetti, suppellettili, muri, finestre come occhi o come braccia aperte o chiuse) partecipano alla vita senziente dell’autrice, i pavimenti parrunu/i mòbbili s’arrusicanu r’intra /i lampadari ascutunu e nun scinnunu/ cu sapi chi virunu – i pavimenti parlano/ i mobili si rosicchiano da dentro/ i lampadari ascoltano e non scendono/ chi sa cosa vedono). Pluralità di voci, pluralità visive dai toni cangianti, sfumature del giorno e della “notte che crea la particolarissima luce, (…) silente musica, (…) chiodo battuto e parlato, marea che mischia colori, lingua che (…) conserva, risuona, trema, e tenta inventando suoi verbi intonatissimi per un canto simbiotico con il continuo, la resilienza e ancora rincorsa, resistenza”(Giampaolo De Pietro, dalla prefazione).

Biobibliografia

Nata a Catania nel 1973, Saragei Antonini ha pubblicato nel 2000 la raccolta di poesie Il cerino soggetto (La vita Felice, 1° premio Edda Squassabia); nel 2004 L’inverno apre un ombrello in casa (Prova d’Autore) nel 2010 Sotto i capelli una nave (Forme Libere) e nel 2013 Egregio signor Tanto (Edizioni CFR). Con la silloge in dialetto Ddabbànna, ottiene il 2° premio al Concorso “Poesia Onesta” e la segnalazione al premio Guido Gozzano 2016. Nel 2017 pubblica con Forme Libere La passione secondo. Ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui la menzione di merito all’ottava edizione del Premio Internazionale di poesia Don Luigi Di Liegro. Suoi testi sono presenti in alcune antologie e riviste in Italia e all’estero.