Sante Pedrelli

[EMILIA ROMAGNA] Sante Pedrelli è nato nel 1924 a Longiano (Forlì), di cui è stato sindaco dal 1951 al 1958. Ha compiuto, senza laurearsi, gli studi di Lettere moderne nelle università di Bologna e Roma, dove ha anche seguito i corsi per assistente sociale. È stato dirigente sindacale a Forlì, Cesena e Roma, dove risiedette dal 1969 fino alla morte avvenuta l’11 dicembre 2017. Suoi versi sono apparsi in numerose riviste ed antologie.

 

OPERE DI POESIA: L’udòur de vent, Roma 1993 (Prefazione di C. Vivaldi); E’ ghéfal, Faenza 1997 (Prefazione di R. Turci); E’ nòud me fazulètt, Rimini 2003 (Prefazione di P. Civitareale), A gli’ ombri, Pazzini Editore, Verucchio, 2009, Extra time, Centro culturale l’ortica, Forlì, 2017


Le poesie di Sante Pedrelli

L’artòuran

U m’ven da
piénz s’a pens ch’l’è i utum dè

tla mi chèsa
si clómb, la bèla strèda.

Carghèm int
una machina, Lunzèin,

una matòina
prèst u s’dvénta pòrbia.

Marì la sta
poch ben e la n’pò vnéi,

a m’ sò zughé
la véita int al paróli.

 

(da E’ nòud
me fazulètt
)

 

IL RITORNO – Piango se penso che son gli ultimi giorni
nella mia casa coi colombi, la strada bella. Mettimi in una macchina, Longiano,
una mattina presto si diventa polvere. Maria sta poco bene e non può venire, mi
son giocato la vita dentro le parole.

 

Cuntantezza

La tòrra de Castèl

la lòzza
venezièna,

e st’aria che
la frézz

da tott i
cantoun.

Incù da quasò,

a bótt un òc a
e’ mòunt

a bótt un òc a
e’ mèr,

pu a stréll
cmè i rundóun.

 

(da E’ nòud
me fazulètt
)

 

CONTENTEZZA – La torre del Castello la loggia veneziana,
e quest’aria che frizza da tutte le parti. Oggi da quassù, lancio un’occhiata
al monte un’occhiata al mare, poi strillo come i rondoni.

La surpròisa

La matòina a
stagh sò

e a tróv e’
mònd in pì,

e’ mònd che pò
s-ciupè

cmè una bòlla
ad savòun.

 

(da E’ nòud
me fazulètt
)

 

LA SORPRESA – La mattina mi alzo e trovo il mondo in
piedi, il mondo che può scoppiare come una bolla di sapone.