Saldigna-Paraguay

da Passoni e cosi


Paraguay, tarra undi lu ‘àrru

è caldu e lu statiali

è fòcu d’aria e d’ea.

Tarra undi pa vinti guaranì ti pòltan’ a vidé’

l’antichi abitadori di la silva,

come besti’illu pàttiu

scuntenti d’apparì.

Tarra undi in Chaco Mannu

si sùlpani salpenti ‘acchi intréi.

Chici, è la mancanza di la minima sumiddha

chì te mi fac’ammintà, isula méa

di ‘entu e pétra. Ma candu

mi lacarài paltì libaru, fendi

finta d’abbandunatti, ulmi lachendi

ill’ea pa no sighimmi? O fossi

è tuttu a lu riessu e socu éu

fattu di te di sali ea e fòcu

a no lacatti mai o pultammìtti in dugna lòcu?

SARDEGNA-PARAGUAY – Paraguay, terra dove l’inverno è caldo e l’estate / è fuoco d’aria e di acque. / Terra dove per venti / guaranì ti portano a vedere / gli antichi abitatori della selva, come bestie nel chiuso, / restii ad apparire: / Terra dove nel gran Chaco / inghiottono i serpenti vacche intere. / Qui è l’assenza / di affinità / a farmi ricordare di te, isola mia / di vento e pietra. / Ma quando / mi lascerai partire, libero, fingendo / di abbandonarti, orma lasciando / nell’acqua per non seguirmi? O forse / è tutto nelrovescio e sono io, fatto di te, di sale acqua e fuoco / a non lasciarti / o portarti con me ovunque vada.