“Provi di lingua matri” di Maria Gabriella Canfarelli 

Recensione e scelta di poesie di Maurizio Rossi

 

La silloge della Canfarelli, invero non è una prova di sapere ancora usare il dialetto; mi ricorda chi riprende ad andare in bicicletta dopo tanto tempo: ha bisogno di sentirsi in equilibrio, lo sguardo sincrono al manubrio, i pedali spinti con delicatezza, per riacquistare il senso della direzione e della velocità. Finché si riscopre padrone, ma con rispetto, di un mezzo che è anche condizione di vita e visione delle cose. Come il dialetto.

“E mentri parru/ mi nescinu da ucca i palori, i primi canusciuti, palora-matri ca m’inzignasti/ quann’eru nica.” ( e mentre parlo/ escono dalla bocca le parole, le prime/ conosciute, parola madre che mi insegnasti/ quand’ero piccina). Ecco “una di quelle sintonie gratuite che generano inauditi cortocircuiti tra le cose, le memorie e le visioni” dice Paolo Rumiz ne “Il filo infinito”; che è anche ottima metafora della Poesia.

La parola-madre è molto di più che un dialetto: è sostanza trasmessa con il latte materno, calore di guancia contro guancia, vita assimilata con gli occhi e con le orecchie “Hanu passatu l’anni/ di na cammara a l’autra, puttanno palori/ ca nun t’arruoddi. Ma stamu ‘nzemi…” (Sono passati gli anni/ da una camera all’altra, portando parole/ che non ricordi. Ma stiamo insieme…).

Visioni, che alla Poeta suscitano stupore, mentre si “perdono dalla tasca spiccioli di respiro” e si può camminare sopra il cielo sognato/ che ancora dorme negli occhi” mutato nel foglio su cui scrivere la fantasia: realtà e sogno, sonno e veglia, portati dal dialetto che evoca luoghi e volti della Sicilia “celu n’zunnatu/ ca ancora rommi ‘nta l’occhi aperti”; lingua trattenuta dalle u, residuo di desinenza latina, danzante tra arieiri, volteggi e passi di lato, con il ritmo del sole che batte e batte sulla terra.

Ma come accade tutto questo? Quasi autonomamente, come una sorpresa: l’Autrice sente se stessa pronunciare una parola “ca rìcinu/ i me’ frati/…scògnita e inveci è a me’ (che dicono i miei fratelli…incognita e invece è mia) poiché la parola data con il latte, il pane, il companatico, si è sedimentata in lei, è stata ricoperta in lei dalla lingua “seconda” ed è come se lei dovesse nuovamente imparare a parlare “Provu, nun pozzu fari autru/ ca pruvari a pigghiarili/ che manu ‘nto funnu,/ …appoi taliari.” ( Provo, altro non posso fare/ che provare a prenderle/ con le mani sul fondo…poi guardare).

Non solo recupera e ritrova le parole “annegate nel buio”, ma le guarda, per riconoscerle nel loro senso e forma, perché sono loro stesse che ci fanno “viviri e tuccari/ cu sugnu, cu semu”(vedere e toccare/ chi sono, chi siamo). Ecco il dialetto che torna, quando la voce è vuota di senso e non vuole più altri giorni appesi a di un filo –  “filo avvolto intorno alla trottola”- ma cerca la pianta dalla radice profonda, che è posta al centro della fronte, proprio nel “terzo occhio”, coscienza e  sogno che avvolge e accarezza come una madre, nel sé dell’esistenza.

Memoria per la Canfarelli è tornare alla parola-madre, che è anche madre-parola, contenente e contenuto; in un continuum di donna, da figlia a madre, mentre “U tempu sciddica/ svacantacasciola, cantaranu,/ ammuari ‘cuddati di santa pacienza” (Il tempo scivola/ svuota cassetti, comò,/ armadi incollati di santa pazienza). “Provi”  è sentirsi vivi anche con la lingua che inciampa e la gola a cui manca l’aria; vivere senza costruire o imporre a sé  e agli altri una filosofia, una ricetta per tutte le stagioni. Essere vivi dentro stanze vuote, senza accumulare cose che non servono: dentro il “tempu di passari/ scausu e nuru/ comu ti visti a prima vota u munnu”(tempo di passare/ scalzo e nudo/ come ti vide la prima volta il mondo).

Provi di lingua matri è Poesia immaginifica, ma non immaginaria; pensata, ma non di pensiero; non passeggera del tempo, ma radicata nel passato per crescere nell’oggi; attenta a dove mette i piedi, e pronta a farsi di lato, per non farsi mangiare gli occhi dalle nuvole: “teni accura/ unnu metti i peri, arrassiti, su/ i nuvuli ti mangiunu l’occhi/ e nun ci viri bonu.” “Spòstati”… anche questa è una prova, prova di percorso: nei versi non ci sono mappe né tom tom, che spesso, anche nel quotidiano, sono imprecisi o difficili da seguire.

Tenaccura

 

Tenaccura. Prurenzia

ci voli ppi strati ca ti pottunu

luntanu da to ucca, do cori, tipari

tuttu ‘nte to’ manu, u munnu,

ma viri, u cielu scattìa,

strazza fogghi e fogghi u calannariu

unu sopra l’autru e teni accura

unni metti i peri, arrassiti, su

i nuvuli ti mangiunu l’occhi

e nun ci viri bonu.

 

Stai Attento. Stai attento. Prudenza/ ci vuole per strade che ti portano/ lontano dalla tua bocca, dal cuore e ti sembra/ tutto nelle tue mani, il mondo, / ma vedi, il cielo scoppia,/ strappa foglie e fogli al calendario/ uno sull’altro e stai attento/ dove metti i piedi, spostati, se/ le nuvole ti mangiano gli occhi/ e non ci vedi bene.

 

 

 

 

Dumanna

 

Unni curri stu tempu

ca nun si po’ mancu smicciari

arretu i lenti novi

accattati tri jorna arreri

-vitri ciatati ca nun fanu

vìriri, u freddu trasi

‘nta l’occhi, è velu

di janca nuttata:

mi stancu prestu

a lèggiri

u disegnu di Ddiu.

 

 

Domanda. Dove corre questo tempo/ che non si può neppure sbirciare/ dietro le lenti nuove/ comprate tre giorni fa/- vetri fiatati che non fanno /vedere,/il freddo entra/ negli occhi. È velo/ di bianca nottata:/ mi stanco presto/ a leggere/ il disegno di Dio.

 

 

 

 

 

Palora matri

 

Quann’eru nica,

sicca ‘nte robbi, ca ci puteva

natari comu ‘n pisci,

m’abbuffuniavi arrirennu

picchi parravu taliànu. Fossi

ppi chistu nun nni capeumu,

fossi t’addumannavi cu era

dda figghia ca jeva a scola

e s’inzignava a lèggiri e scriviri

e nenti sapeva da vita.

U tempu s’ammugghiau

comu na corda ‘ntornu ‘n tuppetturu

e appoi finìu u jocu, ora

nun ci a fazzu a cuntari

capiddi janchi, rururi c’acchianunu

‘nte rinocchia

e mentri parru

mi nesciunu da ucca i palori, i primi

canusciuti, palora-matri ca m’inzignasti

quann’eru nica.

 

 

Parola- madre. Quand’ero piccina/ secca nei vestiti, che ci potevo/ nuotare come un pesce,/ mi schernivi ridendo/ perché parlavo italiano. Forse/ per questo non ci capivamo/ forse ti chiedevi chi era/ quella figlia che andava a scuola/ e imparava a leggere e a scrivere/ e niente sapeva della vita./ Il tempo si è avvolto/ come una corda attorno a una trottola/ e poi è finito il gioco, ora/ non ho la forza di contare/ i capelli bianchi, dolori che salgono/ sulle ginocchia/ e mentre parlo/ escono dalla bocca le parole, le prime/ conosciute, parola madre che mi hai insegnato/ quand’ero piccina.

 

 

 

Jocu

 

A petra abbijata ‘nta l’aria

tunnau arreri. Vulevi spunnare

u cielu fermu ca ti taliava

jucari, e ‘nveci ti cascau

dincoddu

ti pigghiau, nun avisti spittizza

e nun avisti tempu ppi scanzàriti.

Chiangi, jetti ruluri e schiggiunu

i to’ anni picciriddi

tuppuliunu

co sangu ‘nte manu, fogghia

ca trema e voli l’abburu.

 

 

Gioco. La pietra buttata in aria/ è tornata indietro. Volevi sfondare/ il cielo fermo che ti guardava/ giocare, e invece ti è caduta/ addosso/ ti ha preso, non hai avuto furbizia/ e non hai avuto tempo per scansarti./ Piangi, butti dolore e gridano/ i tuoi anni bambini/ bussano/ col sangue sulle mani, foglia/ che trema e vuole l’albero.

 

 

 

A sula virità

 

U sai o no

ca macari i jorna tingiuti a festa

si rumpunu e nudda manu i cogghi?

Tu penzi e penzi, scrivi

‘nto foggiu ca s’impagghiazza

sutta manu ca pisa palori,

ti cunotti tanticchia cu chidda biniritta

di ruminica

e l’autri jorna t’aritiri ca sacchetta china

di varagghi a casa,

pigghi sonnu scuntentu

(‘nto sonnu assuma u tempu,

a sula virità ca ni scancella).

 

 

La sola verità. Sai o no/ che pure i giorni dipinti a festa/ si rompono/ e non una mano li coglie?/ Tu pensi e pensi, scrivi/ sul foglio che si stropiccia/ sotto la mano che pesa parole/ i consoli appena con quella benedetta/ di domenica/ e gli altri giorni torni con la tasca piena/ di sbadigli a casa,/ prendi sonno scontento/ (nel sonno cresce il tempo,/ la sola verità che ci cancella).

 

Maria Gabriella Canfarelli è nata Catania nel 1954. Ha pubblicato i libri di poesia: Domicilio, 1999 ; Cattiva educazione, 2002; Zona di ascolto, 2005; L’erborista, 2010; Dichiarazione giurata dell’attrice, 2015. Sue poesie sono apparse sulle riviste Pagine, Le voci della luna, Atelier, Quaderni di Arenaria e in numerosi volumi antologici. Ha curato, dal 2006 al 2009 la rassegna Poesia siciliana contemporanea per la rivista Pagine.

 

Maria Gabriella Canfarelli, Provi di lingua matri,  Ed. Novecento, Mascalucia (CT) 2019

 

 

Maurizio Rossi                                                       

 

Pubblicato 22/8/2019