Poesie romane di Paolo Emilio Urbanetti

Recensione e scelta di poesie di Maurizio Rossi

 

“…io scrivo pe’ restacce meno male/ o forze pe’ cercà ‘n antro finale/ de quello che ciò scritto ner destino. “è un po’ l’intento di tutti, o quasi, gli scrittori, in versi o in prosa; l’Autore aggiunge però una nota originale: cercare almeno un finale diverso da quello stabilito. Per il poeta omerico, ispirato e “dettato” dalle Muse che tutto sanno, sarebbe stata un’affermazione inconcepibile; ma altri tempi sono questi e altra è la poesia di Urbanetti, che, pur  ispirata “…la musa è capricciosa/ a vorte bussa, tante vorte tace.” scherza sulla stessa Musa “La mia nun è fedele e labboriosa/ nun ama tribbolà de cucio e tajo…” .

Ma niente affatto “leggera” e piaciona è questa raccolta, semmai lieve e ironica, pur nell’abbondanza delle composizioni, grazie all’uso del dialetto romanesco – “acchittato” dalle rime e dalla forma sonetto – che si apprezza per la motivazione “Sò maschere, che metto e me straporto// là ‘ndo s’ammischia tutto, farzo e vero,/ e ne l’architettura der zonetto/ me ciannisconno bene. E sò sincero.” Facile andare col pensiero alla “persona” la maschera dell’attore nell’antica Roma, anche per quel mischiarsi di falso e vero, tipico dell’azione teatrale; e la dichiarazione di sincerità, pur nel nascondimento dell’artificio formale, riecheggia Palazzeschi “Io metto una lente/ davanti al mio cuore/ per farlo vedere alla gente. / Chi sono?/ Il saltimbanco dell’anima mia.”  dove la sincerità è la lente davanti al cuore, pur con le piroette e i salti, ora realizzati in versi e rime.

Ciò che sfugge al versus è il tempo “che macina chi azzécca e chi se sbaja/ che prima ce cojona e poi ce sega.” nonostante il Poeta cerchi di blandirlo con le rime, reiterando il canto «Sonala ancora Sam, sonala ancora», rivivendo le tradizioni “Li nostri sò natali sempre quelli,/ er gusto mio sta tutto ne sta scena:/ noàntri, sti sorisi, st’occhi belli”: ancora una volta credendo al tempo circolare, piuttosto che a quello lineare, persino nei compleanni “Annàmo sor Tristano e che te dole?/ Ched’è sto sturbamento che te coje?/ Sessantacinque embè? Fòri c’è ‘r zole//” Ecco la via d’uscita, guardarsi intorno, in alto, riscoprendo persone, mestieri, maschere, monumenti di Roma, e raccontarli. Ecco, er centurione, er cicerone, le Sette chiese, le frattaje de Roma – cimeli, frammenti, reliquie, sparse ovunque – attori e cantanti e poeti della romanità; ma anche attori di vita vera e misera “che guasi sarìa mejo annà ‘n galera/ che armeno lì se magna e sta vitaccia/ pe’ un po’ me parerebbe più leggera.”

E via via, fasti e nefasti di Roma, Papa e cristiani, La monnezza e la Grande Bellezza, in un’abbondanza di sonetti e rime, che forse, come confessa l’Autore, non sciolgono il mistero di chi siamo.  “QVI GIACE ER PECCATORE IMPENITENTE/ FILOSOFO POVETA E CICERONE/ CHE MAI CAPÌ CHI FVSSE VERAMENTE”

 

 

ER BER PAESE

 

Ritonna, capannone, artra ritonna,

poi capannone, centro commerciale,

così, sempre l’istesso tale e quale

da la matina presto a notte fonna.

 

Traverzo cor mi’ camion lo stivale,

pe’ tutto ‘na campagna che sprofonna

pe’ tutto è come un mare, come un’onna:

asfarto, case, asfarto, sempre uguale.

 

Potrebbe esse Milano o Benevento,

Torino, Bari, Lodi o Cefalù,

vedemo solo machine e cemento.

 

Sta merda qua la chiameno progresso,

la famo tutti quanti, pure tu:

‘na rota pe’ criceti drent’ar cesso.

 

 

 

LA VENA SECCA

 

Quell’anzia che ce mette er fojo bianco

quarcuno l’ha chiamata vena secca,

sta cosa ‘gni poveta se la becca,

è vita, sò penzieri, è ‘n omo stanco.

 

Dartronne pure Pavarotti stecca

e capita a sto monno sartimbanco

d’avecce la giornata che tu manco ‘

na rima riesci a ffà… e fai cilecca.

 

Rilassate fratè, nun fanne ‘n dramma

respira, ‘n ce penzà, dormi la notte

po esse che aritorna quela fiamma

 

ma pure si nun torna, che vòi fà?

Er monno de ’n poveta se ne fotte

la gente ride, scopa e vo magnà.

 

 

ER CELO DE ROMA

 

Puliscilo sto celo tramontana

e facce respirà sopra sta tera,

regalace du’ schizzi d’aria vera,

ajutace a sarvà sta vita cana.

 

O forze saria mejo ‘na buriana

che ce spazzasse via, razzaccia nera

capace solo a fà quatrini e guera,

genìa fottuta, chiavica e puttana.

 

Eppure a Roma er celo è sempre bello

e ancora l’accarezza er ponentino

quer ruderaccio sfranto che a vedello

 

me fa penzà a sto monno e ar su’ futuro.

Lo smiccio da lontano, sotto a ‘n pino,

respiro… e aspetto che se facci scuro.

 

 

 

ER VECCHIO PAPA

 

Ierzera ho visto er papa a San Marcello

davanti a quel’artare, in ginocchione,

pregà co’ la su’ santa devozzione

un crocifisso antico de massello.

 

Ve giuro sò rimasto ner vedello

annà pe’ via der corzo in pricissione

da solo, a zoppicà, co’ tre perzone…

m’ha fatta tenerezza, poverello.

 

Nun ciò gran confidenza co’ la fede

e a dilla tutta quanta, onestamente,

io credo solo a quello che se vede

 

però quer vecchio papa inginocchiato

pregà pure pe’ ‘n poro miscredente…

io, che ve devo dì, l’avrei baciato.

 

 

Paolo Emilio Urbanetti, Poesie romane, Press Up Formello (RM) 2020

 

Paolo Emilio Urbanetti è nato a Rieti il 17 aprile 1955. Laureato in Filosofia, dopo gli studi è stato tecnico del suono, correttore di bozze, consulente, ideatore, curatore e organizzatore di mostre ed eventi culturali, ricercatore d’archivio e guida turistica. È autore di saggi e studi sulla Tuscia viterbese. La sua produzione poetica in dialetto romanesco inizia nel 2015. Nel 2020 ha vinto il Premio Peppe Renzi (Er mortorio mio), il Premio Scarpellino nella sezione stornelli (Anacreonte), il Premio Mario dell’Arco (Sonala ancora Sam) e il concorso di ammissione all’Accademia Romanesca (Er vecchio papa). Prima del presente volume aveva già pubblicato, sempre in proprio, Venti Sonetti Romaneschi (2017).