OSTIA (Municipio Roma 13)

 

OSTIA, sul litorale romano, presso la foce del Tevere, in corrispondenza di un’ansa del fiume, fa parte del Municipio Roma 13 e comprende Ostia Antica ed il Lido di Ostia. Il suo toponimo deriva dal latino ostium, foce. La tradizione la vorrebbe fondata da Anco Marzio, quarto Re di Roma. Fu invece un’antica colonia romana sorta come accampamento militare nella seconda metà del IV sec. a. C., probabilmente dopo la conquista e la colonizzazione di Anzio (338 a. C.).
 
IL DIALETTO DI OSTIA:
 
  1. I vocabolari e le grammatiche
 
2. I proverbi e i modi di dire
 
3. I toponimi e i soprannomi
  
4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
Feste e sagre. Nella prima domenica di giugnio, nel borgo di Ostia Antica, si festeggia Santa Aurea, con solenne processione, mercatini, spettacoli e giochi pirotecnici.
Il lungomare di Ostia, soprattutto durante la stagione estiva, ospita manifestazioni sportive, spettacoli, teatro, fiera del libro e mostre d’arte.
 
4.1 Canti
 
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
4.3 I giochi
4.4 La gastronomia
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
 
6. I testi di poesia
Nato a Pontedera ma ostiense di adozione, l’ottantennepoeta Mauro Milesi (vincitore nel 1992 del Premio Critica Svizzera con
il libro di poesia in lingua: In attesa di…), dopo aver scritto Er Novecento (729sonetti) ha pubblicato Ostia ne li Millenni (297 sonetti), Storia de’ Papi (1.370 sonetti) e Storia di Roma da Romolo a Romolo Augustolo (748 sonetti). Ha commentatoM. Verdone “Così Milesi entra di prepotenza nella tradizione del poemaromanesco che appartiene a Berneri, a Rossetti, a Pascarella e, facendo doppia riverenza, a G. G. Belli e Trilussa.” Secondo Mario Luzi “…quella del sonetto romanesco è un’arte particolare e il Milesi la pratica con bella sicurezza, rendendo libero e armonioso lo spirito tradizionale del verso vernacolo…”. Dice di lui G. Carpaneto:
Milesi ha dato prova di dominare nozioni storiche e figure di protagonisti dimostrando severità di studi e dominio nel rendere gli argomenti in versi romaneschi. In questo lungo poema stilato in centinaia di sonetti emergono le caratteristiche peculiari dei singolipapi, visti talvolta con malinconia, talora con celata acredine o con ironia che scaturisce dal suo modo di sentire e vivere e dalla sua umanità più propensa a compatire che a condannare. (…) Nel suo linguaggio dialettale dalle forti tinte arcaicizzanti e con qualche concessione lessicale, Mauro Milesi si esprime da buon popolano, pur se la semplicità del dettato è sottesa da notevoli ricerche storiche.
Ed ecco, nell’ordine, il sonetto conclusivo di Ostia ne li millenni, “La fine de l’Istoria” ed alcuni versi dedicati a Papa Giovanni XXIII (da Storia de’ Papi):

Sto secolo me pare sii volato, / e ’n sò si ciò antre cose da parlà / su sto sito che mo’ è ’na gran città, / che puro si è pe intero straformato // ’gnidove vardi stanno a frabbicà,/ pe fallo infinarmente da primato; / e ’n c’è ’n quartière a n’esse raggirato / o ’n architetto ’n voji proggettà. // Incominciorno ch’era ’na schifenza, / e in fra li tibbi dedu’ granni guère / er Lido, lisciesbricio, annò in crescenza // cor curre come fusse un bersajère; / mo’ se pò dì ch’è ’na magnificenza / e chi lo vorze cebbe un ber penzière…. co ’n zoriso alegro e bonaccione / sto papa rigalò l’arcobbalèno / (…) ar Zojo co, la su’ rivoluzzione; / ch’er Vangelo ce parze più sereno / co Giovanni assettato sur Zedione.

Di Luciano Sindici, abbiamo potuto leggere alcuni componimenti inediti che denotano un assiduo esercizio poetico ed una vena ironica ed autoironica. In “L’amico dell’omo” un cane ha molto da recriminare sui comportamenti umani: A manco quattro mesi, me mannavi… / nell’acqua fonda a ripià n’paletto, / appena preso ce lo ritiravi… / n’ho mai capito sto cazzo de giochetto! (…) Quanno me tiri er collo cor collare / e mentre che stò a fà me metti fretta, / è che te vergogni, a me me pare… / de fatte vede che addopri la paletta. // Ma si nun c’è nessuno che ce vede… / er collare me lo lasci lento, / e te ne freghi, si sur marciapiede, / io de cacate… posso fanne cento!

 
Anna Ubaldi, romana, vive tra Casal Palocco e il Litorale, ha varie passioni ed interessi. Ha cantato tra l’altro nella Corale Polifonica di Ostia, suona il pianoforte, è traduttrice in inglese e in francese, compone sonetti in dialetto romanesco, ha pubblicato due raccolte Magna bello de nonna, te fa bene (1992) e Me corcava de botte (2001). È una poetessa capace di rappresentare la vita di tutti i giorni e lo fa nel modo ribaldo dei romani de Roma. Nel romanesco, considerato rude, esplicito, non
alieno da espressioni crude (e quindi maschile), stupisce che una donna possa dilettarsi a scrivere versi spesso anticonvenzionali ed inusitati:
Ma quanti cazzi cerca, beh sor Checco, / la fija de Fernando er mutilato, / si continua così, lei resta a secco / e doppo, ha voja a piagne sur passato… in “E questo nun me piace”: Prima me piaceva tanto recrimina: Ma com’ho fatto a core appresso a quello, / io me dimanno beh, matina e sera. / Che me piaceva? Boh… forze l’ucello; in “Com’è nun s’è sposata vostra fija”: – La corpa è solo mia, sora Costà, / ripetevo da ch’era regazzina: / “Le coscie nun le deve d’allargà”. // E mo’ ’sta scema, ch’è proprio ’na gallina, / mo’ che davero lo dovrebbe fa, / nun se decide a dà n’allargatina –; infine: Si nun ciavevo ’sto timor de Dio, / troppi me n’ero fatti sor’Agnè, / nun fo pe’ di’ ma ’n corpo com’er mio / se trova solo a le Folì Bergè. // ’Ste zinne buro e miele che ciò io / so’ propio tali e quali a du’ bignè, / pe’ nun parla’ der deretano mio / ch’è tosto com’er marmo der buffè.
Di lei, dotata di “sensibilità espressiva e amore per l’incisività popolaresca romana” dice Tullio De Mauro nella prefazione a Magna bello de nonna, te fa bene: Emiliana, sospinta dalla Regione Lazio, ha ascoltato là il chiacchiericcio della gente del ceto impiegatizio, della bassa forza, dei più o meno speranzosi postulanti, ma anche – par chiaro – parole catturate a volo nella vita più ampia della città, e incuriosita, affezionatavisi, ne ha fatto materia della sua espressività. Ciò l’ha aiutata a guardare il mondo cui ella stessa appartiene, il mondo dell’establishment politico e funzionariale regionale, con occhio esterno, e come dal basso, e certo con una lente acuta e spesso impietosa. In tal modo testi e battute hanno frequenti notevoli pregi di satira e sempre un sapore di autenticità.
Anna Ubaldi ha svolto un’intensa attività a favore dell’emancipazione femminile e ha contribuito a far correggere quei comportamenti, abitudini e norme che nei fatti producono discriminazioni indirette nei confronti delle donne. Il suo impegno su questi temi è fortemente presente e con efficacia nei suoi versi.
Lo sfruttamento della donna non finisce mai (in “Nun se finisce mai”: Quante tribbolazioni tra pipì, / ruttini, cacche e strilli a tutte l’ore. / Pe falli cresce e daje un pedigrì. / C’è da schiattà pe quanto ciài da core). Come è permanente il suo sfacchinare
prima appresso a un marito, poi appresso ad un figlio “bamboccione” che non riesce a far andar via da casa (“Er fijo barzotto”: Sai quante vorte je l’ho detto a quello / che se ne deve annà, che ormai è barzotto / ma lui gnente, se crede ch’è un pischello, / trentaquattranni fatti er giorno otto. (…) Nun posso seguità co’ li bucati, /camicie da stirà, pile sur foco, / vojo er riposo de li pensionati. / S’ha da decide presto, fa er trasloco, / ch’io so stufa d’annà in albergo a Prati / quanno m’ho da incontrà co’ Lino, er coco!), poi appresso ad un nipote. In “Magna bello de nonna, te fà bene”, sonetto che da nome alla sua prima raccolta, dopo aver descritto la sua condizione di donna sfruttata dai figli e dai nipoti, costretta a “spenne tutte le penzioni / pe’ contentà li generi e le nore… tranne avere il posto a cena in un cantone… conclude: … è n’ingiustizzia che fa strigne er core / n’avecce requie manco a settant’anni.
Anche se in “De strada, sì, n’avemo fatta assai” da li tempi che s’addoprava erfuso. / Li panni ar fiume chi li lava ormai? / Er pozzo ner cortile l’hanno chiuso… ed i progressi delle donne sono stati tanti: Solo ’na cosa a noi ce viè interdetta: /
d’usà er cervello e poi de falla franca.
L’orgoglio della conquistata indipendenza si esprime in “La casa, quella ce l’ho” (inedita, è nella nostra Antologia). Non mancano poesie d’amore, belle, come “Novembre”:
A quanno a quanno piove de stravento. / A quanno er sole mostra ’na sperella. / A quanno d’improviso soffia er vento. / L’autunno ariva co la burianella. // Semo a novembre, ma ce sta un frammento / d’estate. Solamente ’na presella, / ’no sbuffo de calore. E io me sento / come ’ntrisa de zucchero e cannella. // Mo so’ “li Santi” e doppo è San Martino. / E io più passa er tempo e più m’addanno / ar pensiero che nun me stai vicino. // Nun fuss’artro pe ditte: “Sei un tiranno: / nun se lassa accosì manco un gattino”. / Ma te ’indo’ stai a novembre de quest’anno?
A volte sono pene d’amore come nella poesia “L’abbandono”:
Però lo sguardo no: nun l’ho scordato. / Era mansueto, limpido, sereno. / E propio come er latte inzuccherato, / io l’ho bevuto… e invece era veleno. // Er “sempre” che diceva era un momento. / L’amore smisurato ’na mollica. / “Senza de te me moro” un comprimento. // Un giorno me buttò dritta a l’ortica: / s’era stufato, er foco s’era spento. / Pe scordallo… Dio santo, che fatica.
Oppure slanci per superare ansie e depressioni in “La Luna storta”: Allora ho detto: “Cazzo falla corta! / Mèttete er vestituccio a scollo tonno, / un par de tacchi a spillo, pìja la sporta / e và a trovà ar mercato sor Raimonno”.
 
Antologia
ANNA UBALDI
Me corcava de botte
“Ma quanto che ce sformo nun se sa.
Abbasta che rivedo quer portone,
le mano me cominceno a sudà
e er petto me se sgara de passione.
            Nunziata mia, ma come posso fa
            pe scordamme quell’omo menaccione?
                        Morammazzato a lui e indove sta:
                        lo mozzichi de brutto ’no scorpione!
Me corcava de botte a tutte l’ore.
Pe sarvamme corevo sotto ar letto:
’na vorta ce so’ stata pe un par d’ore!
            E mo che so’ scappata da quer ghetto
                        nun riesco a levammelo dar core
                        quell’infame bojaccia maledetto!”
 
La casa, quella ce l’ho
La casa, grazie a Dio, quella ce l’ho,
un raschio de salute nun me manca,
ciò la pensione, poi che antro ciò?
Ah, sì, quattro bajocchi messi in banca.
            Bisogno d’un marito nun ce l’ho.
            Avecce ’n omo fisso ’n po me sfianca
            e a fa’ la serva proprio nun ce stò,
            è che ho già dato, so sincera e franca.
Dovesse capità qua e là, pe sbajo,
’no scampoletto bono, me lo pijo
e qualche oretta gaia ce la scajo
            ma er giorno appresso, doppo ’no sbadijo
                        lo avverto ch’è assai mejo dacce ’n tajo
                        e lo fo sorte fora der giacijo!
 
Cenni biobibliografici
Milesi Mauro, nato nel 1928 a Pontedera e residente a Ostia ha pubblicato quattro opere in sonetti romaneschi: Er Novecento, 2000; Ostia ne li millenni, 2001; Storia de’ Papi, 2003; Storia di Roma da Romolo a Romolo Augustolo, 2006.
Sindici Luciano, nato a Roma nel 1930, ha lavorato all’Alitalia come tecnico, ora pensionato, vive ad Ostia. Scrive poesie in lingua italiana e in dialetto romanesco, ancora inedite.
Ubaldi Anna, nata a Roma nel quartiere Trieste, ha lavorato per molti anni alla Regione Lazio per la quale ha curato nel 1978 la pubblicazione Per motivi di miseria, nel quale sono raccolte le lettere più bizzarre scritte alla Regione dai cittadini bisognosi, ha composto (e compone) sonetti pubblicati in due raccolte: Magna bello de nonna, te fa bene (1992) e Me corcava de botte (2001).
 
Bibliografia
Luciani, Vincenzo e Faiella, Riccardo, Le parole salvate: Dialetto e poesia nella provincia di Roma; Litorale Nord, Tuscia romana, Valle del Tevere, Roma, Ed. Cofine, 2009
Milesi, Mauro, Er Novecento, Roma, Giuseppe Pizzuti Editore, 2000.
Milesi, Mauro, Ostia ne li millenni, Roma, Giuseppe Pizzuti Editore, 2001.
Milesi, Mauro, Storia de’ Papi, 2 vol., Roma, Giuseppe Pizzuti Editore, 2003.
Milesi, Mauro, Storia di Roma da Romolo a Romolo Augustolo, Roma, Edizioni Lepisma, 2006.
Ubaldi, Anna, Per motivi di miseria, Roma, Regione Lazio, 1978.
Ubaldi, Anna, Magna bello de nonna, te fa bene… (sonetti romaneschi), Roma, Pieraldo Editore, 1992.
Ubaldi, Anna, Me corcava de botte (sonetti romaneschi al femminile), Roma, Accad. G. G. Belli, 2001.
 
Webgrafia